Se Pac-Man si nutre di spazzatura

E riduce lo spazio occupato da bottiglie di plastica e lattine

La raccolta differenziata è un gesto di assoluta civiltà e rispetto nei propri confronti, nei confronti delle generazioni future e nei confronti dell’ambiente.
Un problema che si riscontra durante la corretta applicazione dei principi del riciclaggio e nella suddivisione del pattume è il moltiplicarsi in casa dei bidoni della spazzatura, ognuno dei quali è destinato ad accogliere una specifica tipologia di rifiuto. Il secchio della plastica e dell’alluminio si riempie più facilmente degli altri, dato che la maggior parte dei contenitori costruiti con i suddetti materiali sono voluminosi ed ingombranti: per questo si consiglia di accartocciare il più possibile con le mani ogni singola bottiglia o lattina, prima di gettarla via, riducendo così lo spazio occupato.

C’è però chi ha pensato di poterci esimere da questa azione, che dura al massimo un paio di secondi, ideando un concept in grado di compattare al volo i contenitori plastici o d’alluminio.
Inoltre, l’idea scomoda addirittura il noto personaggio arcade anni 80, Pac-Man.

PETer

Infatti, PETer, questo il suo nome, è un Pac-Man che si appende semplicemente al muro ed è subito pronto all’utilizzo. La sua grande bocca è in grado di ospitare lattine o bottiglie di plastica. Ed una volta fra le sue fauci: gnam!
Basta una pressione sulla testa di PETer per compattare tutto, riducendo così il volume dei rifiuti.

PETer

Secondo i designer Guillermo Juárez e Samantha Arredondo, ideatori di PETer, il simpatico personaggio sarà anche un modo per invogliare i più piccoli ad avvicinarsi alla mentalità della raccolta differenziata.

( via Ubergizmo )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Undertaker scrive:
    Fesserie
    si sente spesso parlare di "banda larga", connessioni superveloci e fibra ottica per tutti, sottolineando come questo sia indispensabile per lo sviluppo e per superare il famoso digital divide.Ma questo é reale ?Per cosa verrá utilizzata questo diluvio di banda iperveloce ?SCARICARE e riscaricare il mondo, vedere video in streaming, stare attaccati al tubo a rivedere le puntate dei simpson e vedersi tutto youporn.In che modo questo dovrebbe aiutare lo sviluppo e le aziende ?Nelle aziende non sanno nemmeno cosa farsene di questa alluvione di internet iperveloce, limitandosi a leggere la posta e visitare i siti commerciali per richiedere listini o informazioni, niente che non si possa fare con una connessione a livello di alice home, o perfino con il 56k.
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Fesserie
      contenuto non disponibile
    • Funz scrive:
      Re: Fesserie
      Tu non hai mai lavorato in un'azienda, vero?
      • panda rossa scrive:
        Re: Fesserie
        - Scritto da: Funz
        Tu non hai mai lavorato in un'azienda, vero?Se la poltrona del ministero dello sviluppo e' ancora vacante, uno cosi' avrebbe tutte le carte in regola per ottenerla.
    • Uto Uti scrive:
      Re: Fesserie
      Secondo pme hai ragione, per questo 'sto governo de XXXXX s'è XXXXXXX gli 800000000 di euro destinati alla banda larga. Così invece dei simpson e iuporn sul pc ci vediamo italiauno e retequattro sulla tv, no?Tu si che hai chiara la visione del futuro, come ti ammiro...
  • Anon scrive:
    Typo

    Le connessioni sono più veloci: anche perché da esse dipende il marcato del lavoro del futuro
    marcato
Chiudi i commenti