Se sei piccolo puoi essere web-spiato

I frequentatori di un asilo di Treviso saranno controllati a distanza dai genitori, che accederanno alle immagini diffuse via web-cam. Ad aprile


Roma – Nell’annunciare la novità, il Gazzettino parla di “Grande Mamma”, e in effetti l’idea di un asilo di Treviso di dotarsi di web-cam per genitori iperansiosi sembra avere qualcosa di orwelliano.

In pratica, un asilo privato che si trova dalle parti di Treviso, in Veneto, ha lanciato un servizio che permette di connettersi via internet e “spiare” i figli mentre si trovano all’interno dell’istituto.

Da sempre sono molti i genitori che trovano difficoltà a separarsi dai figli, in special modo da quelli più piccoli, ancor fosse per poche ore. L’idea dell’asilo di Ponte della Priula è di quelle che risolvono la questione.

L’asilo sarà attivo con le nuove funzionalità ad aprile e offrirà ai genitori una password e un accesso riservato alle immagini riprese dalle web-cam in dotazione ai locali.

Laura Pillon, una delle titolari dell’asilo, la vede così: “Le mamme e i papà che si sono rivolti a noi hanno capito l’importanza del servizio che offriamo loro: non perdersi neanche un attimo della crescita dei loro bambini, pur dovendo separarsene per andare al lavoro. In questo modo i genitori avranno la possibilità di vedere i figli mentre giocano e, ad esempio, capire al volo se socializzano”.

Meglio, naturalmente, essere dotati di banda larga per poter godere di una qualità superiore di streaming delle immagini…

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    la solita storia
    in Italia non esiste il rispetto x il cittadino.la polizia si fa forte con i deboli e debole con i forti.che bisogno c'era di fare un sequestro?e non si sono sentiti ridicoli a prendere pure un vibratore???
  • Anonimo scrive:
    d'accordo con tutto ma READING ... :-O
    "reading di poesie"MIO DIO!!!in che cavolo le leggono le poesie?in italiano no di certo.
  • Anonimo scrive:
    Troppo vero
    :(
    Troppo vero..quando a Pesaro sequestrarono il mio PCse lo tennero per la bellezza di due anni...quando me lo restituirono i due dischi fissi erano completamente andati.per non parlare della svalutazione del pc stesso :(così oltre al danno anche la beffa :P
  • Anonimo scrive:
    Il vibratore
    Va bene tutto ... ma non restituire un vibratore e' proprio un atto terroristico!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Il vibratore
      Per me il sequestro è solo una scusa per appropriarsi del vibratore, forse avevano usurato del tutto i manganelli... :-)Una domanda: ma quando hanno restituito i PC sequestrati, avete mica notato se ancheggiavano vistosamente?? :-D
      • Anonimo scrive:
        Re: Il vibratore
        - Scritto da: Dott. Ing. Aldobrando
        Per me il sequestro è solo una scusa per
        appropriarsi del vibratore, forse avevano
        usurato del tutto i manganelli... :-)

        Una domanda: ma quando hanno restituito i PC
        sequestrati, avete mica notato se
        ancheggiavano vistosamente?? :-DDa quando l'Arma dei Carabinieri è aperta ad ambedue i sessi si sono creati nuove necessità ... non previsti!
    • Anonimo scrive:
      Re: Il vibratore
      ....magari serve solo a cercare il famoso punto G 8....
      • Anonimo scrive:
        Re: Il vibratore
        vedo che e' stata colta la gravita' di quello che e' successo.si ok avete ragione: e' un aspetto divertente (l'unico)solo che mi brucia parecchiosapere che non c'e' tutela per l'informazioneneanche quella istituzionale, sapete: hanno perquisito (per la stessa inchiesta) la sede dei giuristi democratici a bolognae (per altre vicende) le case di due giornaliste del corrieree di repubblica
        • Anonimo scrive:
          Re: Il vibratore
          - Scritto da: luther
          vedo che e' stata colta la gravita' di
          quello che e' successo.

          si ok avete ragione: e' un aspetto
          divertente (l'unico)

          solo che mi brucia parecchio
          sapere che non c'e' tutela per l'informazione

          neanche quella istituzionale, sapete:
          hanno perquisito (per la stessa inchiesta)
          la sede dei giuristi democratici a bologna
          e (per altre vicende) le case di due
          giornaliste del corriere
          e di repubblicaanche li sono spariti dei vibratori... mmmmil caso si complica!
Chiudi i commenti