Se Windows è veicolo di spam

Questi i rischi associati al sistemino sviluppato da Direct Advertiser, capace di sparare messaggi semi-anonimi agli utenti Windows, utilizzando Windows


Roma – Il primo a darne notizia è stato un lettore dell’ezine The Register che ha messo l’accento su un sistemino preoccupante sviluppato da Direct Advertiser , azienda che si propone di utilizzare Windows per sparare e far sparare messaggi non richiesti sui computer degli utenti Windows…

Al centro di tutto ci sono le “utilità” di Windows Messenger, che nulla hanno a che vedere né con il browser Microsoft né con il software di instant messaging. Si tratta di funzionalità pensate per consentire a Windows di avvisare l’utente in caso di problemi di sistema nell’uso di applicativi.

Nel caso segnalato dal lettore di The Register, un messaggino sparato sul proprio Windows da Direct Advertiser gli proponeva un corso di formazione a distanza per acquisire una laurea…

Sul piano tecnico, testando la versione trial del software che Direct Advertiser vorrebbe persino vendere a chi intende spammare gli utenti Windows, ci si trova sostanzialmente dinanzi ad un tool di attacco NetBIOS, capace anche di colpire simultaneamente intere classi IP pur non potendo superare firewall di sicurezza né offrire nei messaggi dei link ipertestuali da cliccare.

La soluzione? Finché Microsoft non riterrà di doverci mettere una “pezza” conviene disabilitare le funzionalità di Windows Messenger se non sono utilizzate per applicazioni vitali. Oppure filtrare le porte 135 UDP e TCP.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    e chi se ne frega.....Tanto le aziende copieranno
    per le aziende ormai stufe di microsoft non cambia niente, tanto continueranno a copiare e comprare il manualetto della jasson in libbreria.
  • Anonimo scrive:
    niente di nuovo?
    Mi sembra che non ci sia poi chissa' che rivoluzione. Bella la trovata del "self-help", cioe' lo stesso che si faceva fino a oggi (gratis). Giri per il sito della MS cercando soluzioni...Ma perche' bisogna dare dei nomi nuovi a delle cose vecchie?bbyemrk
  • Anonimo scrive:
    bella..bella davvero
    mo si paga anche il windows update....pezzenti
    • Anonimo scrive:
      Re: bella..bella davvero
      Scusa, ma mi spieghi dove hai letto che il servizio è a pagamento?Certo che voi anti-MS riuscite perfino a inventarvi le notizie!- Scritto da: Ombra
      mo si paga anche il windows update....
      pezzenti
      • Anonimo scrive:
        Re: bella..bella davvero
        scusa, ma mi spieghi dove hai letto che Ombra è anti-MS? a me sembra solamente distratto...credo che si sia confuso con la licenza MS per gli aggiornamenti del software, argomento di cui si era occupato anche PI, qualche giorno fa...ti ricordi? MS fa pagare un prezzo fisso per garantire costanti aggiornamenti lungo un periodo di qualche tempo, e poi non si muove una foglia, sinché l'utenza si chiede per che cosa abbia pagato. è chiaro che se questo articolo o la paginetta MS non citano 'sta licenza, il nostro Ombra ha preso un granchio, ma un errore glielo possiamo perdonare, no?sammm- Scritto da: ...
        Scusa, ma mi spieghi dove hai letto che il
        servizio è a pagamento?

        Certo che voi anti-MS riuscite perfino a
        inventarvi le notizie!

        - Scritto da: Ombra

        mo si paga anche il windows update....

        pezzenti
      • Anonimo scrive:
        Re: bella..bella davvero


        mo si paga anche il windows update....

        pezzenti

        Scusa, ma mi spieghi dove hai letto che il
        servizio è a pagamento?
        Certo che voi anti-MS riuscite perfino a
        inventarvi le notizie!atteggiamento pericoloso tra l'altro... la microsoft potrebbe prenderne spunto :))
Chiudi i commenti