Seagate porta SATA sui drive esterni

L'azienda rivela i primi hard disk esterni con interfaccia External Serial ATA, standard che promette di moltiplicare la velocità oggi permessa da USB 2.0. Anche in configurazione RAID
L'azienda rivela i primi hard disk esterni con interfaccia External Serial ATA, standard che promette di moltiplicare la velocità oggi permessa da USB 2.0. Anche in configurazione RAID


San Francisco (USA) – In occasione del recente Intel Developer Forum, Seagate ha presentato la tecnologia con interfaccia Seria ATA (SATA) esterna basata sui nuovi standard External SATA, adottati lo scorso mese come parte delle specifiche SATA dal Serial ATA Working Group .

Il produttore ha spiegato che l’interfaccia External SATA permette agli hard disk esterni di raggiungere le stesse performance previste dallo standard Serial ATA per i drive interni.

Insieme a NetCell, Seagate ha mostrato un disco fisso External SATA in configurazione RAID XL che utilizzava la tecnologia SyncRAID di NetCell con tecnologia di emulazione del protocollo ATA: questa è capace, senza alcun driver specifico, di far riconoscere un insieme di drive rack in configurazione RAID ad ogni dispositivo Serial ATA standard come un unico array di dischi.

Il noto produttore di dischi afferma che External SATA può essere utilizzato per aumentare facilmente le performance, la capacità e la protezione dei dati dei sistemi di storage aziendali.

“I benefici forniti dall’implementazione SATA RAID External di NetCell includono un minor numero di drive, un RAID completamente automatico senza l’utilizzo di CPU esterne e la possibilità di una soluzione plug and play diretta basata su una scheda SATA RAID di NetCell”, ha spiegato Seagate.

“Come leader nello sviluppo di nuove tecnologie SATA, Seagate offre un design External SATA per storage esterno per i set-top box DVR e per le TV dei clienti,” ha dichiarato Jeff Loebbaka, vice president of Global Marketing di Seagate. “Continueremo a collaborare attivamente con innovatori del calibro di NetCell per guidare nuove importanti implementazioni che possano portare la tecnologia SATA in nuove applicazioni come ad esempio i sottosistemi RAID per gli home media center collegati da una rete.”

External SATA promette dunque di fornire un metodo conveniente per estendere la già esistente interfaccia SATA nativa al mondo esterno. Con le sue elevate prestazioni – circa tre volte maggiori di quelle di USB 2.0 ? e il suo basso costo totale rispetto ad altre tecnologie, Seagate si aspetta che External SATA possa attrarre l’interesse di molti produttori, soprattutto nel settore dell’elettronica di consumo.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

13 09 2004
Link copiato negli appunti