Seeqpod, l'inizio della fine?

Il motore di ricerca per lo streaming mette le mani avanti prima che le major sferrino il colpo. Per molti è un finale scontato, ma potrebbe anche trattarsi di una clamorosa rinascita

Roma – La strenua resistenza tentata da Seeqpod , sito di ricerca e streaming di file multimediali, è per molti destinata ad essere scardinata in breve tempo: ne è testimonianza concreta la decisione di ricorrere tra le braccia del Capitolo 11, una parte della legge fallimentare statunitense che assiste le società in via di ridefinizione della propria struttura. I guai sono iniziati più di un anno fa, grazie alle azioni legali intentate da major del calibro di EMI, Warner e Capitol Records. Dopo aver tentato il tutto per tutto, la decisione di ricorrere alla legge sarebbe secondo l’azienda quella più sensata.

Il servizio, che ha riscosso non poco consenso tra gli utenti al punto da lanciare anche un’ applicazione per Windows Mobile e un minisito per iPhone, permette agli utenti di rastrellare il web alla ricerca di contenuti multimediali, siano essi audio o video, di riprodurli direttamente dall’apposito player e di catalogarli creando playlist che possono essere condivise con altri utenti. L’origine delle questioni legali che vedono coinvolto Seeqpod risiede nell’impossibilità di stabilire se il materiale indicizzato sia o meno in linea con le leggi che tutelano la proprietà intellettuale: in altre parole, se si tratta di materiale pirata o meno. Secondo Ars Technica , non vi sarebbe alcun modo per rendere sicure le ricerche fatte tramite Seeqpod senza snaturare pesantemente il concetto che ruota alla base del servizio stesso.

A nulla sarebbe servita la mossa strategica di vendere porzioni del proprio codice ad altri sviluppatori ad un prezzo di 5mila dollari, nel tentativo di costruire un piccolo esercito di cloni e di rendere molto più arduo il compito di chi vuole che il servizio cessi di esistere. Da tempo le mire delle major sarebbero state focalizzate proprio sul servizio, accusato di violare il diritto d’autore nonostante si configuri come un vero e proprio motore di ricerca per contenuti. Comunque, la macchina burocratica all’attacco sembra non voler risparmiare alcun colpo per affondare l’intera barca: EMI ha di recente spiegato la sua filosofia a riguardo, dichiarando che la responsabilità in questo caso è trasversale e riservandosi così il diritto di trascinare in tribunale tutti quei servizi che hanno nel corso del tempo integrato le API offerte da Seeqpod nei loro servizi.

Inoltre, i vertici di Seeqpod avrebbero confidato sin troppo sul safe harbor previsto dal DMCA , che dichiara non responsabili i provider del contenuto e delle azioni degli utenti: le tanto temute azioni legali sono, infine, giunte con una decisione tale da far decidere allo staff di correre all’unico riparo sicuro rimasto, il Capitolo 11. Nonostante in molti utilizzino il termine “fallimento” e nonostante tale normativa faccia parte proprio dei procedimenti dedicati alla legge fallimentare statunitense, più che della cessazione dei servizi si potrebbe parlare (almeno sulla carta ) di una ristrutturazione interna . Generalmente il Capitolo 11 prevede un periodo utile a risanare la situazione, ma va anche detto che ogni caso è, per forza di cose, una storia a sé stante. Quale sarà il destino di Seeqpod è difficile stabilirlo adesso: attualmente il servizio è attivo e funziona. In molti, comunque, potrebbero vedere il ricorso alla tutela della legge fallimentare come l’inizio dei titoli di coda. Nonostante ciò, la parola fine potrebbe essere non del tutto così scontata.

Vincenzo Gentile

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Paolini scrive:
    CUBASIA DOMINA
    ... mentre i caproni, criticano. SVEGLIATEVI SIAMO NEL 2009!
  • matro scrive:
    è solo un proXXXXX di consolidamento
    si standardizza perché non ci sono soldi. in questo momento non c'è molta innovazione perché le aziende stanno risparmiando, ed altre stanno fallendo.dal punto di vista informatico questo è un vantaggio, perché le tecnologie trovano tempo per consolidarsi.vedrai che quando l'economia IT riprenderà, nuove tecnologie salteranno fuori.
    • Get Real scrive:
      Re: è solo un proXXXXX di consolidamento
      - Scritto da: matro
      vedrai che quando l'economia IT riprenderà, nuove
      tecnologie salteranno
      fuori.Non riprenderà. La crisi economica durerà decenni, e arresterà il progresso tecnologico. Le famiglie non avranno denaro per comprare oggetti superflui, e questo porterà alla chiusura dei reparti di ricerca e sviluppo. L'Information Technology morirà.Il mondo futuro sarà molto meno tecnologicamente avanzato e molto, molto meno libero.
  • Paolo scrive:
    Blog Cubasia
    Senza cattiveria, ma il profilo "manager, programmatore, scrittore" ricorda purtroppo certe definizioni tipo "medico, alchimista, psicologo" o "inventore, scienziato". Tuttologia alla buona.
  • Tim Bernes Lee scrive:
    Cubasia lascia stare...
    Di web non sai niente. Ma davvero niente. Ma di questo non me può importare di meno.Quello che davvero non capisco è perché qualcuno pubblichi un articolo simile.
  • Stein Franken scrive:
    Standarizzazione
    In realtà è proprio la standarizzazione la forza che permette il salto di qualità.È un investimento a lungo termine, dove gli effetti sono una compatibilità completa e un riferimento per tutti.Il discorso si potrebbe estendere anche su altre tecnologie (es. supporto video hw nelle schede video), e sostanzialmente è solo una cosa positiva.
  • bugbuster scrive:
    write once, run anywhere
    Finalmente questa volta non è solo una frase da markettari ma è reale.E stiamo ancora qui a discutere se web si o web no?Ma ci rendiamo conto delle potenzialità della tecnologia?Mah...
  • Jean Claude Fan Damm scrive:
    Re: bored
    - Scritto da: supervacuum
    Don't feed the troll.Puoi anche non condividere la mia tesi pero ammetterai la strana analogiainternet cresce e le professionalità al suo interno perdono peso contrattuale giorno dopo giorno.la globalizzazione non è nata per opera dello spirito santo chi la favorisce sono gli stessi gruppi che oggi cantano le bellezze del cloud computing.
  • Jean Claude Fan Damm scrive:
    bored
    Che noia tutte queste parole per un protocollo che fin dal principio è stato utilizzato per specularci sopra.tutte le grandi aziende lo utilizzano per montare delle esigenze e distogliere l'attenzionesul vero lavoro della programmazione moderna ossiai videogiochi la grafica 3d l'arte in generale.internet fa comodo perchè i programatori sono pagati con un tozzo di pane internet è stata costruita a tavolino da quel buffone di stallman che ha sXXXXXto il mercato closed source instillando il dubbio sulle povere menti che il sorgente di un cantinaro senza arte ne parte possa competere tranquillamente con gli squali pieni di soldi.L'unico mercato che ancora restiste a questa guerra fra poveri e vc mafiosi che pompano bolle speculative un giorno si un giorno no è quello dei videogiochi e dell'entertainment in generale.quindi secondo me invece di scontrarvi su quale framework e piu renumerativo io andrei dritto dritto al punto e inizierei a chiedermi perchè internet fondamentalmente non vale un XXXXX ?perchè l'istruzione costa ?perchè le informazione sui blog al 90% dei casi è aria fritta ?ma serve veramente internet ?ecco riflettete su questo punti e poi valutate se è il caso di continuare a perdere tempocon queste frivolezze
  • Aru scrive:
    Proprio come la penso io!
    Bell'articolo, proprio quello che penso io. Bravo!
    • The Real Sgorbion scrive:
      Re: Proprio come la penso io!
      - Scritto da: Aru
      Bell'articolo, proprio quello che penso io. Bravo!Pessimo intervento.
  • The Real Lardon scrive:
    Articolo magro
    Articolo veramente magro scritto per gente magra come voi. Adesso scusate, ma vado a mangiarmi un bel piatto di code alla vaccinara fritte nello strutto seguito sei bigne' alla crema. A presto, anoressici.Firmato, The Real Lardon
  • Massimilian o Di Dato scrive:
    EVOLUZIONE
    Caro Cubasia,senza perdermi in inutili chiacchiere cercando di spiegare del perchè non mi trovi daccordo con quanto hai scritto, credo che il tuo sia stato un discorso da , perdonami il termine, "dinosauri dell'informatica". Di quelli che spesso si trovano nelle aziende, esperti CICS, COBOL, DB2, che non fanno altro che ricordare i fasti di quelle OBSOLETE tecnologie, che la vera programmazione è COBOL ecc ecc. E' semplice imparare una tecnologia e credere che quella sia la migliore mai esisita. Io credo che l'informatica sia evoluzione, non ci si può mai fermare. Affermare che il WEB potrebbe non avere poi così tanti ed evidenti vantaggi, è avventato e dimostra la tua scarsa conoscenza in materia (si evince anche leggendo l'articolo, fatto per lo più di frasi "sentite dire").Questo tuo pensiero andrebbe bene sul tuo blog, dove puoi esprimere il tuo pensiero come meglio credi, ma non credo che puntoinformatico sia il luogo adatto per farlo. Preferivo la demagogia (e sottolineo demagogia) che portavi avanti sul discorso "PROFESSIONISTI IT".
  • andy61 scrive:
    d'ora in poi guiderò in mezzo ...
    d'ora in poi guiderò in mezzo alla strada.A sinistra sarebbe limitante perché lo hanno già standardizzato in Inghilterra ed in altri paesi.A destra già lo fanno tutti qui.Eh, sì. Gli standard sono proprio limitanti.Forse varrebbe la pena rendersi conto che quando sia arriva a definire uno standard si inizia a beneficiare degli sforzi precedenti, e si inizia a rendersi conto di quali siano le limitazioni e le opportunità di miglioramento.E da qui parte l'innovazione.
  • bugbuster scrive:
    vorrei chiarire un dubbio
    Vorrei chiarire che chi sviluppa professionalmente webapp raramente usa js lato client per la logica di funzionamento.Per cui tutto sto flame sull'affidabilità o meno di js è fuori luogo.Se, facciamo un esempio, dovessi fare un controllo sulle date di una richiesta estratto conto di una banca, non lo farei certo in js ne tantomeno metterei di valori di controllo nel post (come purtroppo fanno alcune banche.. per esempio carige). tutto cio che è client è facilmente modificabile, esistono plugin per firefox (per esempio) che ti permettono di modificare tutto prima che sia inviata la richiesta.E' OVVIO che chi lo fa professionalmente vede il browser solamente come un render di dati, equivalente più o meno all'interfaccia a caratteri dei vecchi sistemi unix, solo che invece di caratteri ci sono simboli, immagni, lineette, animazioni, video, ........Tutta la logica DEVE rimanere sul server. stop.
    • panda rossa scrive:
      Re: vorrei chiarire un dubbio
      - Scritto da: bugbuster
      Tutta la logica DEVE rimanere sul server. stop.Fermo restando che un po' di scrematura di controllo lato client puo' sgravare il carico di lavoro del server, e ridurre di parecchio il traffico.Poi, come dici tu, il server DEVE riverificare tutto, ma intanto...
  • Paolo scrive:
    Re: Evita articoli su cui non hai competenza
    Modificato dall' autore il 03 aprile 2009 14.34
    --------------------------------------------------
  • bugbuster scrive:
    la vecchiaia...
    Non ci puo' essere altra spiegazione se non che ad una certa età si fa fatica anche a cercare il tastino ON sul telecomando della televisione.Premetto: anche io sono della vecchia scuola, '72 cresciuto a dos 1.0, pascal, c, c++, e via e via e via...Non sono per niente d'accordo con quello che dici, il web è una tecnologia strategica, non parlo dei blog/cms/quant'altro parlo del web inteso come veicolo di informazioni.A mio avviso non si era visto niente di simile dall'invenzione del floppy (ma qualsiasi paragone risulterebbe inutile).L'esempio dell'incompatibiltà dei browser risiede solo nella tua abulia (o incapacità) nell'affrontare nuove sfide.Quello che non mi quadra nel tuo discorso è che porti esempi di incompatibilità mascherati da problemi che verrebbero sentiti dal cliente, mentre invece sono solo problemi che affliggono lo sviluppatore.Per esperienza posso dire che al cliente non frega nulla se l'applicazione è web o clientside, non ha le capacità tecniche per distinguerle. Quanti esempi potrei portare di clienti che vorrebbero "installarsi a casa quell'applicazione che usano in ufficio" senza sapere che si tratta di una semplice pagina html, e sono clienti mica di primo pelo eh...Tutto può essere bloatware, anche un'applicazione scritta in c ansi, dipende da CHI la scrive. Tutto qui.Ma sulla tecnologia non si discute.Insomma quello che proprio non mi piace di tutto questo articolo è la miopia, l'apatia, l'abulia che dimostri verso le nuove tecnologie.Forse tutto si spiega dalle tue prima righe: "Non è moltissimo che mi occupo di Web..."Ah, e non per ultimo: diffidate da qualsiasi programmatore (degno di questo nome) che parli di ROI e di strategie marketing.
  • Giuseppe Cubasia scrive:
    E vai con il flame...
    Un detto dice: Non discutere con uno stupido, potrebbero non notare la differenza.Per gli altri, sono contento che siate dei geniacci del web, ma confermate in tutto e per tutto quello che penso.1) Per realizzare Vi appoggiate ad una piattaforma di sviluppo (chiamatela Framework, chiamatela come volete)2) Avete 8 browser installati per verificare che tutto funzioni.E se oggi si inventano altri 10 browser cosa farete ?E se si inventano oltre flash, altre 8 tecnologie?La risposta l'avete già fornita: i browser diventano 18 e vi dovrete imparare da zero le nuove 8 tecnologie.E chi paga questo ? E quanto mi costa? Lasciamo perdere il mago del web che realizza tutto in modo perfetto da zero, Ma se devo manutenere 1 milione di linee di codice scritte negli ultimi 10 anni da Netscape a Ie8 e fare in modo che funzionino tutte cosa faccio ?Riscrivo tutto?Ed allora mi domando (alla luce di tutto quello che ho visto), fu vera gloria?Per chi parla di fantascienza, è ovvio che è troppo, troppo giovane per sapere che QUESTa è già fantascienza per una persona degli anni '80.Oggi si nasce con il telefonino, andatelo a dire a chi ha visto computer grandi come una stanza con la capacità di una calcolatrice tascabile.Un detto dice: Non discutere con uno stupido, potrebbero non notare la differenza.
    • supervacuum scrive:
      Re: E vai con il flame...
      Giuseppe,quando si sviluppa un software in genere si stila un business case: quanto costa, quanto ci vuole a svilupparlo, quanto si pensa di guadagnare.Ora, un software che deve andare in mano a milioni di potenziali persone (una applicazione *internet*, non parlo di applicazioni con interfaccia web per una intranet) ha dei budget diversi da quelli per un gestionale interno dove puoi controllare quale browser e sistema operativo verrà utilizzato dagli utenti.Ti faccio un esempio slegato dal web per farti capire il mio punto di vista: il mercato dei videogiochi. Le combinazioni di sistema operativo, modello della scheda video e audio, versioni dei rispettivi drivers.Se esce una nuova scheda video cosa fanno? Non la testano? E certo che la testano! Hanno messo in budget ed in stima l'attività di test, oppure dichiarano che il loro gioco non supporta quella scheda video/audio (analogamente ai browser).Il mercato dei videogiochi fu vera gloria? Considerato che il volume di affari è circa lo stesso di Hollywood, pensa a quanti miliardi di euro vengono mossi dalle applicazioni web ogni giorno; ti invito a riflettere di più sul tuo articolo (e anche sui precedenti).Alessandro-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 03 aprile 2009 14.18-----------------------------------------------------------
    • bugbuster scrive:
      Re: E vai con il flame...
      - Scritto da: Giuseppe Cubasia

      1) Per realizzare Vi appoggiate ad una
      piattaforma di sviluppo (chiamatela Framework,
      chiamatela come
      volete)fai finta di non capire le risposte che ti sono arrivate?
      2) Avete 8 browser installati per verificare che
      tutto
      funzioni.Eh no, lasciamo che un'applicazione funzioni "forse", secondo te.
      [...]
      Lasciamo perdere il mago del web che realizza
      tutto in modo perfetto da zero, Ma se devo
      manutenere 1 milione di linee di codice scritte
      negli ultimi 10 anni da Netscape a Ie8 e fare in
      modo che funzionino tutte cosa faccio
      ?
      Riscrivo tutto?Ma tu davvero riusi codice che hai scritto 10 anni fa'?Se si allora ho un po' di angoscia nel conoscere le tue applicazioni.Io se vado a rileggere il mio codice di 10anni fa vedo CHIARAMENTE che le tecnologie nel frattempo si sono evolute, che il codice scritto è del tutto obsoleto, che non c'è più bisogno di certi giri, addirittura mi ritrovo codice scritto per proXXXXXri 16bit con gestione della memoria a segmenti, dovrei mantenerlo o riscriverlo secondo te?E' un po' come dire che anche se hanno inventato la tastiera per scrivere codice tu ti ostini ad usare le schede perforate.

      Per chi parla di fantascienza, è ovvio che è
      troppo, troppo giovane per sapere che QUESTa è
      già fantascienza per una persona degli anni
      '80.ma dove la vedi tutta sta fanstascienza? Forse ti sfuggono le potenzialità delle nuove tecnologie software. Ma come si fa dico io, come puo' essere che uno sviluppatore rifiuti queste opportunità?

      Oggi si nasce con il telefonino, andatelo a dire
      a chi ha visto computer grandi come una stanza
      con la capacità di una calcolatrice
      tascabile.Sei vecchio caro mio, questa è la verità. Il web non c'entra nulla.Chiediti piuttosto: "La mia vita, fu vera gloria?"
      • supervacuum scrive:
        Re: E vai con il flame...

        Chiediti piuttosto: "La mia vita, fu vera gloria?"Ti quoto su tutto ma questo no. Per quanto *personalmente* non reputo Cubasia all'altezza di questo sito, ogni vita ha un valore immenso. Su certe cose non si scherza.
        • bugbuster scrive:
          Re: E vai con il flame...
          - Scritto da: supervacuum

          Ti quoto su tutto ma questo no. Per quanto
          *personalmente* non reputo Cubasia all'altezza di
          questo sito, ogni vita ha un valore immenso. Su
          certe cose non si
          scherza.Si ok, ho esagerato, ma l'ho scritto per farmi capire.:)
        • MegaJock scrive:
          Re: E vai con il flame...
          - Scritto da: supervacuum

          Chiediti piuttosto: "La mia vita, fu vera
          gloria?"

          Ti quoto su tutto ma questo no. Per quanto
          *personalmente* non reputo Cubasia all'altezza di
          questo sito, ogni vita ha un valore immenso. Su
          certe cose non si
          scherza.Perché, questo sito ha un' "altezza"? Se si, una blatta gli fa ombra.Ogni vita ha un valore immenso, eh? Col cavolo.
          • supervacuum scrive:
            Re: E vai con il flame...
            Non credo di doverti rispondere. Ah sì, l'ho già fatto. Buon weekend trolletto.
    • Eretico scrive:
      Re: E vai con il flame...
      - Scritto da: Giuseppe Cubasia
      Un detto dice: Non discutere con uno stupido,
      potrebbero non notare la
      differenza.

      Per gli altri, sono contento che siate dei
      geniacci del web, ma confermate in tutto e per
      tutto quello che
      penso.

      1) Per realizzare Vi appoggiate ad una
      piattaforma di sviluppo (chiamatela Framework,
      chiamatela come volete)Be a qualcosa mi dovrò appoggiare no ?!Ai "bei" tempi mi appoggiavo ai run-time e ai compilatori.Oggi si chiamano framework. E allora ? Cosa cambia ?!!Nulla.
      2) Avete 8 browser installati per verificare che
      tutto funzioni.Ma io so già che funziona, il problema è sapere se tutti i browser utilizzati in azienda reagisco allo stesso modo e comunque se sai cosa stai facendo i test durano pochissimo. Solo in rari casi ho avuto difficoltà di un certo livello e comunque googlando qualcuno che ci ha sbattuto la testa prima di te lo trovi e con lui la soluzione. Altrimenti workaround. E workaround era anche ai tempi del COBOL.
      E se oggi si inventano altri 10 browser cosa
      farete ?
      E se si inventano oltre flash, altre 8 tecnologie?

      La risposta l'avete già fornita: i browser
      diventano 18 e vi dovrete imparare da zero le
      nuove 8 tecnologie.I browser può darsi. A parte il fatto che c'è solo un browser fuori standard ed è IE, per gli altri (Chrome, FF, Mozilla, Netscape che sono quelli che utilizzo ora perchè quelli mi servono) di problemi almeno fino ad ora neanche l'ombra.
      E chi paga questo ? E quanto mi costa? Chi mi vuole come consulente.
      Lasciamo perdere il mago del web che realizza
      tutto in modo perfetto da zero, Ma se devo
      manutenere 1 milione di linee di codice scritte
      negli ultimi 10 anni da Netscape a Ie8 e fare in
      modo che funzionino tutte cosa faccio
      ?
      Riscrivo tutto?Debugger questo sconosciuto e poi dipende come sono scritte. Purtroppo in questo paese sia ha l'assurda idea che un coder valga quanto un'altro. Sorperesa. Niente di più sbagliato. Ed è proprio in questi casi che te ne accorgi.
      Ed allora mi domando (alla luce di tutto quello
      che ho visto), fu vera gloria?Be in COBOL nonostante vi fossero una marea di dialetti, run-time e compilatori senza contare i sistemi operativi brandizzati da IBM, Olivetti, Honeywell e altri, di codice, in alcuni casi tutt'ora funzionante, ne è stato scritto una valanga.
      Per chi parla di fantascienza, è ovvio che è
      troppo, troppo giovane per sapere che QUESTa è
      già fantascienza per una persona degli anni
      '80.Per me no. E arrivo dagli anni 60.
      Oggi si nasce con il telefonino, andatelo a dire
      a chi ha visto computer grandi come una stanza
      con la capacità di una calcolatrice tascabile.E allora ?
      Un detto dice: Non discutere con uno stupido,
      potrebbero non notare la differenza.Bisognerebbe anche capire chi è lo stupido altrimenti fai di tutt'un erba, un fascio.
    • Gianei scrive:
      Re: E vai con il flame...
      Il detto che conoscevo io dice: mai litigare con uno stupido, prima ti porta al suo livello e poi ti batte con esperienza.
    • Jean Claude Fan Damm scrive:
      Re: E vai con il flame...
      - Scritto da: Giuseppe Cubasia
      Per gli altri, sono contento che siate dei
      geniacci del web, ma confermate in tutto e per
      tutto quello che
      penso.

      1) Per realizzare Vi appoggiate ad una
      piattaforma di sviluppo (chiamatela Framework,
      chiamatela come
      volete)i browser renderizzano l'HTML punto tutto il resto è la solita bolla web 2.0 e cmq su una cosa hai ragione,bisogna piantarla di considerare il browser come lo strumento universale per tutti gli usi possibili immaginabili.
    • Jean Claude Fan Damm scrive:
      Re: E vai con il flame...
      - Scritto da: Giuseppe Cubasia
      Per gli altri, sono contento che siate dei
      geniacci del web, ma confermate in tutto e per
      tutto quello che
      penso.

      1) Per realizzare Vi appoggiate ad una
      piattaforma di sviluppo (chiamatela Framework,
      chiamatela come
      volete)i browser renderizzano l'HTML punto tutto il resto è la solita bolla web 2.0 e cmq su una cosa hai ragione,bisogna piantarla di considerare il browser come lo strumento universale per tutti gli usi possibili immaginabili.
    • The Punisher scrive:
      Re: E vai con il flame...
      - Scritto da: Giuseppe Cubasia
      Un detto dice: Non discutere con uno stupido,
      potrebbero non notare la
      differenza.Sono ottimista e mi metto comunque a discutere con Lei, se mi daranno dello stupido pazienza.Esempio di vita reale.Nella mia azienda abbiamo (parlo solo di client):_50% client Windows_40% client Macintosh_10% client GNU/LinuxL'applicazione client-server che gestisce contabilita', personale, fornitori, spese e centri di costo ha:_un installer per Windows_due installer per Mac OS X (uno per Tiger, uno per Leopard)_nessun prodotto per GNU/LinuxEsiste una versione web basedHo necessita' di accedere ai dati da qualunque macchina a prescindere dal sistema operativo.Secondo lei quale ho buttato alle ortiche e quale sto implementando?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 03 aprile 2009 16.13-----------------------------------------------------------
    • cinico bastardo scrive:
      Re: E vai con il flame...
      - Scritto da: Giuseppe Cubasia
      Un detto dice: Non discutere con uno stupido,
      potrebbero non notare la
      differenza.
      Per gli altri, sono contento che siate dei
      geniacci del web, ma confermate in tutto e per
      tutto quello che
      penso.Un detto: L'hai presa malissimo.Ciao cuby, è meglio se ti dedichi all'analisi delle relazioni sociali negli open space o delle dinamiche dialettiche davanti alle macchinette del caffé.
    • mik.fp scrive:
      Re: E vai con il flame...
      - Scritto da: Giuseppe Cubasia

      E chi paga questo ? E quanto mi costa?
      Molti sono giovani che non hanno mai alzato la testa dai propri 10 browser, 8 framework, e 2 ide di sviluppo. Non si rendono conto delle dinamiche macroscopiche che poi pagano sottoforma di "crisi petrolifera", "crisi finanziaria", "bolla 1.0", "bolla 2.0", lavoro che non c'e', lavoro che e' pagato poco, lavoro che non e' detto che ci sia ancora per molto, mutuo per comprare casa, politica che diventa uno show fine a se stesso ... etc. Non realizzano che la terra non e' piatta ed infinita, ma tonda e limitata. E che fondamentalmente si stanno dando la zappa sui piedi da soli, attribuendo le responsabilita' ai cattivi di turno (Berlusconi, Uolter, Tronchetti, etc; i quali, al piu', si limitano ad approfittarsi di queste dinamiche sociali consci che chi ha la testa china difficilmente la alzera').Se solo andassero a vedere da dove vengono i soldi che li sfama ... seguendoli a ritroso come i salmoni ...
    • Webster scrive:
      Re: E vai con il flame...


      E se oggi si inventano altri 10 browser cosa
      farete?
      E se si inventano oltre flash, altre 8 tecnologie?E' il nostro lavoro. Tenerci sempre aggiornati sulle nuove tecnologie.
      La risposta l'avete già fornita: i browser
      diventano 18 e vi dovrete imparare da zero le
      nuove 8
      tecnologie.Dipende dalle tecnologie. Se io realizzo un nuovo browser che magari ignora le formattazione delle table (ora c'è la moda del tableless...) che succede? Tutti i webmaster del pianeta devono riscrivere i loro siti usando solo i div per garantire la compatibilità con il mio browser? Direi di no. Semplicemente ignorano il mio browser, poichè non garantisce un minimo di backward compatibility e comporta costi troppo elevati (la colpa è mia che ho progettato un browser così fatto, non del web).
      E chi paga questo ? E quanto mi costa? Appunto. Se costa troppo, la nuova tecnologia non si diffonderà mai.(A meno che non sia imposta da qualche monopolista... uno a caso...)
      Lasciamo perdere il mago del web che realizza
      tutto in modo perfetto da zero, Ma se devo
      manutenere 1 milione di linee di codice scritte
      negli ultimi 10 anni da Netscape a Ie8 e fare in
      modo che funzionino tutte cosa faccio
      ?
      Riscrivo tutto?Ti ho risposto sopra.
      Ed allora mi domando (alla luce di tutto quello
      che ho visto), fu vera
      gloria?Certo! Non si torna indietro. La vera sfida è proprio quella di creare business sfruttando le tecnologie attuali e integrando quelle innovative in maniera sostenibile.
    • alan turing scrive:
      Re: E vai con il flame...
      - Scritto da: Giuseppe Cubasia
      Un detto dice: Non discutere con uno stupido,
      potrebbero non notare la differenza.Su questo hai ragione: meglio nemmeno rispondere alle tue farneticazioni. Non vorrei che qualcuno pensasse che siamo al tuo stesso livello.
    • Mik scrive:
      Re: E vai con il flame...
      - Scritto da: Giuseppe Cubasia
      Un detto dice: Non discutere con uno stupido,
      potrebbero non notare la
      differenza.Non mi ci metto nemmeno a discutere, non tanto per quello, ma perché mi toccherebbe di fare una lezione di web ad una persona poco ricettiva.E' fin troppo comodo pensare che la vecchia tecnologia sia migliore di una nuova, è una scusa che il cervello trova, quando ormai non più giovane, preferisce ricordare che apprendere.
    • MegaJock scrive:
      Re: E vai con il flame...
      - Scritto da: Giuseppe Cubasia
      1) Per realizzare Vi appoggiate ad una
      piattaforma di sviluppo (chiamatela Framework,
      chiamatela come
      volete)Seee, perchè COBOL non è una piattaforma di sviluppo? O bisogna programmare direttamente in codice binario? Guarda che anche il monitor di linguaggio macchina dell'Apple ][ è una "piattaforma di sviluppo".
      2) Avete 8 browser installati per verificare che
      tutto
      funzioni.
      Ne basta uno, se l'HTML è stato scritto bene.
      E se oggi si inventano altri 10 browser cosa
      farete
      ?Sono quelli che scrivono i browser che devono assicurare la compatibilità, non quelli che preparano le applicazioni web.
      E se si inventano oltre flash, altre 8 tecnologie?
      Olio di gomito e si impara. Che c'è, paura di diventare obsoleto? Se ce l'hai, lo sei già. Cambia mestiere. Anche i medici devono continuare a imparare anche se bene o male il corpo umano non viene aggiornato da qualche millennio.
      La risposta l'avete già fornita: i browser
      diventano 18 e vi dovrete imparare da zero le
      nuove 8
      tecnologie.
      A parte il fatto che il mercato dei browser prima o poi (più prima che poi) si stabilizza sui soliti standard, da quando in qua bisogna cambiare il modo di girare film se qualcuno costruisce un nuovo TV?
      E chi paga questo ? E quanto mi costa? Il cliente.

      Lasciamo perdere il mago del web che realizza
      tutto in modo perfetto da zero, Ma se devo
      manutenere 1 milione di linee di codice scritte
      negli ultimi 10 anni da Netscape a Ie8 e fare in
      modo che funzionino tutte cosa faccio
      ?
      Riscrivo tutto?Cambi mestiere se non sei capace.

      Per chi parla di fantascienza, è ovvio che è
      troppo, troppo giovane per sapere che QUESTa è
      già fantascienza per una persona degli anni
      '80.
      Io sono una persona degli anni '70 e questa non è fantascienza. Le Aquile di Spazio: 1999 sono fantascienza. Battlestar Galactica è fantascienza. I replicanti sono fantascienza. Questa è solo tecnologia.
      Oggi si nasce con il telefonino, andatelo a dire
      a chi ha visto computer grandi come una stanza
      con la capacità di una calcolatrice
      tascabile.
      Due tizi con cui lavoro sono in pensione, hanno lavorato con i primi mostri dell'IBM e ora fanno i consulenti. Con i telefoni cellulari non hanno nessun problema, per loro sono meno che giocattoli per bambini. Sai, sono INGEGNERI.
      Un detto dice: Non discutere con uno stupido,
      potrebbero non notare la
      differenza.Lo hai scritto due volte così ti dico: mai discutere con uno smemorato, perchè poi devi ripetere tutto da capo.
  • Lollo scrive:
    Esistono vari framework JS che funzionan
    Per citarne alcuniprototypejs, ext-js, YUI, dojo, DWR, JQuerye chi più ne ha più ne metta.E' vero testare sotto Opera, Safari, Konqueror oltre che gli ovvi IE/Firefox costa un po' do lavoro, ma il problema si ha soprattutto con vecchi pezzi di JS.Se una comincia un progetto ex-novo è piuttosto facile evitare errori e restare compatibili con i vari browser.Chiaro che se uno eriedita un milione di righe di codice con metà pagine JSP zeppe di JS che fanno la logica di business invece che solo quella di presentazione e che usano pervasivamente documen.all beh allora è grama....
  • Punto Informatic o scrive:
    Questo articolo è RIDICOLO.
    Mamma mia che tristezza leggere un articolo scritto così male. Punto Informatico delude sempre di più....
  • a n o n i m o scrive:
    io non capisco se chi commenta
    ci arriva a capire cosa vuol dire l'autore o se ha solo voglia di trollare.nel secondo caso sono perfettamente d'accordo e comprensivo ( 8) ), mentre se fosse il primo vi consiglio di IMPARARE A COMPRENDERE UN TESTO che mi sembrate tutti professorini coi complessi del "so tutto io"
    • sorcio scrive:
      Re: io non capisco se chi commenta
      - Scritto da: a n o n i m o
      vi
      consiglio
      di

      IMPARARE A COMPRENDERE UN TESTO

      che mi sembrate tutti professorini coi complessi
      del "so tutto
      io"Già per fortuna che ci sei tu a darci consigli... che finora hai dimostrato di non comprendere neanche i commenti degli utenti, per poi sparare a caso (rotfl)
  • Eretico scrive:
    Visualizzazione...
    Ed infine, lo sappiamo tutti, la visualizzazione dei contenuti dipende dal browser che si sta utilizzando (quando funziona, perché spesso non funziona affatto!). Caro Cubasia, se non funziona è perchè chi ha sviluppato i contenuti non si è minimamente preoccupato di testarlo a dovere. Sul mio PC al lavoro ho installato ben 7 browser. IE, FF, Chrome, Opera, Netscape, Mozilla 1.7.12 (per i sistemi Unix) e Safari. Tutte le volte che sviluppo un applicativo intranet/internet mi faccio il giro di tutti i browser per verificarne i risultati. Sarò scemo ?!! Non penso. Al massimo sono uno che cerca di lavorare seriamente.
    • coorasse scrive:
      Re: Visualizzazione...
      - Scritto da: Eretico
      Ed infine, lo sappiamo tutti, la
      visualizzazione dei contenuti dipende dal browser
      che si sta utilizzando (quando funziona, perché
      spesso non funziona
      affatto!).

      Caro Cubasia, se non funziona è perchè chi ha
      sviluppato i contenuti non si è minimamente
      preoccupato di testarlo a dovere. Sul mio PC al
      lavoro ho installato ben 7 browser. IE, FF,
      Chrome, Opera, Netscape, Mozilla 1.7.12 (per i
      sistemi Unix) e Safari. Tutte le volte che
      sviluppo un applicativo intranet/internet mi
      faccio il giro di tutti i browser per verificarne
      i risultati. Sarò scemo ?!! Non penso. Al massimo
      sono uno che cerca di lavorare
      seriamente.Quoto. Dire che "non funziona affatto" mi sembra un azzardo. E comunque è anche vero che io non testo su 7 browser differenti. C'e' un framework con cui lavoro già testato e funzionante su tutti i browser...io non ci vedo tutta questa difficoltà...
      • Eretico scrive:
        Re: Visualizzazione...
        - Scritto da: coorasse
        - Scritto da: Eretico

        Ed infine, lo sappiamo tutti, la

        visualizzazione dei contenuti dipende dal
        browser

        che si sta utilizzando (quando funziona, perché

        spesso non funziona

        affatto!).



        Caro Cubasia, se non funziona è perchè chi ha

        sviluppato i contenuti non si è minimamente

        preoccupato di testarlo a dovere. Sul mio PC al

        lavoro ho installato ben 7 browser. IE, FF,

        Chrome, Opera, Netscape, Mozilla 1.7.12 (per i

        sistemi Unix) e Safari. Tutte le volte che

        sviluppo un applicativo intranet/internet mi

        faccio il giro di tutti i browser per
        verificarne

        i risultati. Sarò scemo ?!! Non penso. Al
        massimo

        sono uno che cerca di lavorare

        seriamente.

        Quoto. Dire che "non funziona affatto" mi sembra
        un azzardo. E comunque è anche vero che io non
        testo su 7 browser differenti. C'e' un framework
        con cui lavoro già testato e funzionante su tutti
        i browser...io non ci vedo tutta questa
        difficoltà...Si infatti. Basta volerlo fare. Poi se uno è pigro e sene frega è un'altro discorso. Per curiosità che framework utilizzi ?
    • Shu scrive:
      Re: Visualizzazione...
      - Scritto da: Eretico
      Caro Cubasia, se non funziona è perchè chi ha
      sviluppato i contenuti non si è minimamente
      preoccupato di testarlo a dovere. Sul mio PC al
      lavoro ho installato ben 7 browser. IE, FF,
      Chrome, Opera, Netscape, Mozilla 1.7.12 (per i
      sistemi Unix) e Safari.E ti sembra sano di mente dover testare un sito web su SETTE differenti browser?E comunque te ne manca almeno uno: lynx. Per non parlare di Galeon, Epiphany e Konqueror.Ci sono degli standard web che, se rispettati, dovrebbero permettere di testare con un singolo browser, e avere la sicurezza che funzioni con tutti gli altri.Quello che Cubasia voleva dire e che quasi nessuno ha capito è che non è cambiato niente.Una volta scrivevi un software e dovevi compilarlo e testarlo su 7 diverse piattaforme. Oggi lo devi testare su 7 diversi browser. E solo perché per interesse (o disinteresse) delle aziende, non esiste uno standard rispettato da tutti.Che differenza abissale c'è tra lo sviluppare un client in Java (che funziona dappertutto) e una in AJAX o in Flash o in Silverlight?Te lo dico io: che Java è "vecchio" e AJAX, Flash e SL sono "cool"!Poco importa che in Java (ma anche in Python o in Ruby, eh) esistano centinaia di tool che automatizzano le operazioni, open source, testati e attivamente sviluppati.Molto meglio ricomprare quegli stessi tool, pieni di bug perché sono nuovi e non testati, pagandoli, per l'ultima tecnologia fika, altrimenti non ci prendono mica sul serio.Perché non spendere il tempo che sprechi testando il tuo software su n piattaforme, per migliorare il software?Bye.
      • supervacuum scrive:
        Re: Visualizzazione...
        Perchè fa parte dell'evoluzione. Se non ci fossero questi nuovi linguaggi saremmo ancora all'HTML di base e agli script CGI.D'altronde sono sicuro che anche quando il web fu aperto agli utenti standard molti di loro si sono chiesti a cosa servisse e se ce ne fosse davvero bisogno.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 03 aprile 2009 12.28-----------------------------------------------------------
      • a n o n i m o scrive:
        Re: Visualizzazione...
        - Scritto da: Shu
        - Scritto da: Eretico


        Caro Cubasia, se non funziona è perchè chi ha

        sviluppato i contenuti non si è minimamente

        preoccupato di testarlo a dovere. Sul mio PC al

        lavoro ho installato ben 7 browser. IE, FF,

        Chrome, Opera, Netscape, Mozilla 1.7.12 (per i

        sistemi Unix) e Safari.

        E ti sembra sano di mente dover testare un sito
        web su SETTE differenti
        browser?

        E comunque te ne manca almeno uno: lynx. Per non
        parlare di Galeon, Epiphany e
        Konqueror.

        Ci sono degli standard web che, se rispettati,
        dovrebbero permettere di testare con un singolo
        browser, e avere la sicurezza che funzioni con
        tutti gli
        altri.

        Quello che Cubasia voleva dire e che quasi
        nessuno ha capito è che non è cambiato
        niente.
        Una volta scrivevi un software e dovevi
        compilarlo e testarlo su 7 diverse piattaforme.
        Oggi lo devi testare su 7 diversi browser. E solo
        perché per interesse (o disinteresse) delle
        aziende, non esiste uno standard rispettato da
        tutti.

        Che differenza abissale c'è tra lo sviluppare un
        client in Java (che funziona dappertutto) e una
        in AJAX o in Flash o in
        Silverlight?

        Te lo dico io: che Java è "vecchio" e AJAX, Flash
        e SL sono
        "cool"!

        Poco importa che in Java (ma anche in Python o in
        Ruby, eh) esistano centinaia di tool che
        automatizzano le operazioni, open source, testati
        e attivamente
        sviluppati.

        Molto meglio ricomprare quegli stessi tool, pieni
        di bug perché sono nuovi e non testati,
        pagandoli, per l'ultima tecnologia fika,
        altrimenti non ci prendono mica sul
        serio.

        Perché non spendere il tempo che sprechi testando
        il tuo software su n piattaforme, per migliorare
        il
        software?

        Bye.noto con piacere che c'è ancora qualcuno in grado di capire un testo, oltre che a leggerlo.quoto in toto.
        • supervacuum scrive:
          Re: Visualizzazione...
          fammi capire: usi "lynx", "gopher" e "vi", vero?perchè sai, se non è così ti stai appoggiando su delle tecnologie che qualcuno anni addietro denigrava come meteore da autoerotisti della tecnologia...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 03 aprile 2009 12.33-----------------------------------------------------------
        • Eretico scrive:
          Re: Visualizzazione...
          - Scritto da: a n o n i m o
          - Scritto da: Shu

          - Scritto da: Eretico




          Caro Cubasia, se non funziona è perchè chi ha


          sviluppato i contenuti non si è minimamente


          preoccupato di testarlo a dovere. Sul mio PC
          al


          lavoro ho installato ben 7 browser. IE, FF,


          Chrome, Opera, Netscape, Mozilla 1.7.12 (per i


          sistemi Unix) e Safari.



          E ti sembra sano di mente dover testare un sito

          web su SETTE differenti

          browser?



          E comunque te ne manca almeno uno: lynx. Per non

          parlare di Galeon, Epiphany e

          Konqueror.



          Ci sono degli standard web che, se rispettati,

          dovrebbero permettere di testare con un singolo

          browser, e avere la sicurezza che funzioni con

          tutti gli

          altri.



          Quello che Cubasia voleva dire e che quasi

          nessuno ha capito è che non è cambiato

          niente.

          Una volta scrivevi un software e dovevi

          compilarlo e testarlo su 7 diverse piattaforme.

          Oggi lo devi testare su 7 diversi browser. E
          solo

          perché per interesse (o disinteresse) delle

          aziende, non esiste uno standard rispettato da

          tutti.



          Che differenza abissale c'è tra lo sviluppare un

          client in Java (che funziona dappertutto) e una

          in AJAX o in Flash o in

          Silverlight?



          Te lo dico io: che Java è "vecchio" e AJAX,
          Flash

          e SL sono

          "cool"!



          Poco importa che in Java (ma anche in Python o
          in

          Ruby, eh) esistano centinaia di tool che

          automatizzano le operazioni, open source,
          testati

          e attivamente

          sviluppati.



          Molto meglio ricomprare quegli stessi tool,
          pieni

          di bug perché sono nuovi e non testati,

          pagandoli, per l'ultima tecnologia fika,

          altrimenti non ci prendono mica sul

          serio.



          Perché non spendere il tempo che sprechi
          testando

          il tuo software su n piattaforme, per migliorare

          il

          software?



          Bye.


          noto con piacere che c'è ancora qualcuno in grado
          di capire un testo, oltre che a
          leggerlo.

          quoto in toto.Infatti divresti ridargli un'occhiata. Perchè prima del web su quante piattaforme dovevi testare l'applicativo ? Quanti UNIX "personalizzati" c'erano sul mercato ai tempi ?Forse non hai capito che le cose sono sempre state cosi o forse ai tempi nenache c'eri e ti base sulle "favole" raccontate in qualche blog di come ra facile lavorare ai tempi. Ehhhhh gia facilissimo. Con un linguaggio e 10 compilatori diversi. Forse dovresti oltre che leggere il testo avere una memoria storica che non hai.
          • supervacuum scrive:
            Re: Visualizzazione...
            Quello che non capisco è che cubasia e "a n o n i m o" si lamentano di tutte queste (troppe) alternative; mi piace anche ricordare che l'avere tante alternative è una prerogativa degli standard aperti e tutte queste tecnologie sono nate basandosi (ma non tutte implementando, questo è vero) standard aperti. Se l'HTML e l'HTTP non fossero aperti non avremmo 7 browsers da testare...
          • Eretico scrive:
            Re: Visualizzazione...
            - Scritto da: supervacuum
            Quello che non capisco è che cubasia e "a n o n i
            m o" si lamentano di tutte queste (troppe)
            alternative; mi piace anche ricordare che l'avere
            tante alternative è una prerogativa degli
            standard aperti e tutte queste tecnologie sono
            nate basandosi (ma non tutte implementando,
            questo è vero) standard aperti. Se l'HTML e
            l'HTTP non fossero aperti non avremmo 7 browsers
            da testare...Ovviamente. E' l'effetto del libero mercato e non ultimo del fenomeno open source che ormai sta dilagando. Chiaro. Sarebbe bello avere una tecnologia standarda, unica e buona per tutto. Bello ?!! Mah ! Sai che noia !!! Ma non è cosi e molto probabilemente non lo sarà mai. Non lo era in passato e non lo è oggi. Basti pensare a quanti compilatori C esistevano ed esitono tutt'ora sul mercato. A quanti sistemi UNIX brandizzati c'erano. E chi pensa che fossero uguali vuol dire che li ha usati in superficiale.Penso che in fondo sia meglio cosi. Poi è ovvio che le tecnologie più solide alla lunga prevalgono, cosa del tutto normale.Se a n o n i m o e qualcun'altro volgliono avere la vita facile forse hanno sbagliato mestiere.
          • a n o n i m o scrive:
            Re: Visualizzazione...
            - Scritto da: Eretico
            - Scritto da: a n o n i m o

            - Scritto da: Shu


            - Scritto da: Eretico






            Caro Cubasia, se non funziona è perchè chi
            ha



            sviluppato i contenuti non si è minimamente



            preoccupato di testarlo a dovere. Sul mio PC

            al



            lavoro ho installato ben 7 browser. IE, FF,



            Chrome, Opera, Netscape, Mozilla 1.7.12
            (per
            i



            sistemi Unix) e Safari.





            E ti sembra sano di mente dover testare un
            sito


            web su SETTE differenti


            browser?





            E comunque te ne manca almeno uno: lynx. Per
            non


            parlare di Galeon, Epiphany e


            Konqueror.





            Ci sono degli standard web che, se rispettati,


            dovrebbero permettere di testare con un
            singolo


            browser, e avere la sicurezza che funzioni con


            tutti gli


            altri.





            Quello che Cubasia voleva dire e che quasi


            nessuno ha capito è che non è cambiato


            niente.


            Una volta scrivevi un software e dovevi


            compilarlo e testarlo su 7 diverse
            piattaforme.


            Oggi lo devi testare su 7 diversi browser. E

            solo


            perché per interesse (o disinteresse) delle


            aziende, non esiste uno standard rispettato da


            tutti.





            Che differenza abissale c'è tra lo sviluppare
            un


            client in Java (che funziona dappertutto) e
            una


            in AJAX o in Flash o in


            Silverlight?





            Te lo dico io: che Java è "vecchio" e AJAX,

            Flash


            e SL sono


            "cool"!





            Poco importa che in Java (ma anche in Python o

            in


            Ruby, eh) esistano centinaia di tool che


            automatizzano le operazioni, open source,

            testati


            e attivamente


            sviluppati.





            Molto meglio ricomprare quegli stessi tool,

            pieni


            di bug perché sono nuovi e non testati,


            pagandoli, per l'ultima tecnologia fika,


            altrimenti non ci prendono mica sul


            serio.





            Perché non spendere il tempo che sprechi

            testando


            il tuo software su n piattaforme, per
            migliorare


            il


            software?





            Bye.





            noto con piacere che c'è ancora qualcuno in
            grado

            di capire un testo, oltre che a

            leggerlo.



            quoto in toto.

            Infatti divresti ridargli un'occhiata. Perchè
            prima del web su quante piattaforme dovevi
            testare l'applicativo ? Quanti UNIX
            "personalizzati" c'erano sul mercato ai tempi
            ?c'erano i motorola((apple)(c64)), gli intel, i custom((amiga))...escusaseèpoco.
            Forse non hai capito che le cose sono sempre
            state cosi hey, guarda che è quello che dice il cubasia! (rotfl)rigiro la domanda: ma di che vi state lamentando? :D
            o forse ai tempi nenache c'eri e ti
            base sulle "favole" raccontate in qualche blog di
            come ra facile lavorare ai tempi. Ehhhhh gia
            facilissimo. Con un linguaggio e 10 compilatori
            diversi. Forse dovresti oltre che leggere il
            testo avere una memoria storica che non
            hai.ma quando scoprirari che stai dicendo le stesse cose del cubasia solo che lui non va in giro a fare la paternale a destra e a manca, che farai? ti scuserai o sparirai nel nulla? :D
          • Eretico scrive:
            Re: Visualizzazione...
            Infatti non mi sto lamentando. E' Cubasia che dice che il Web è un fallimento. Mica io. E' Cubasia che dice che i browser non funzionano a dovere. Mica io. Al massimo spiego il perchè non funzionano a dovere.Ma prima di rispondere leggi i post o cosa ? :)P.S.Chi di paternale ferisce, di paternale perisce bello... :D
      • calvin scrive:
        Re: Visualizzazione...
        - Scritto da: Shu
        - Scritto da: Eretico


        Caro Cubasia, se non funziona è perchè chi ha.....
        software?

        Bye.STRAQUOTOprima o poi qq lo dovra scrivere del sw che fa qq, oltre che a re-iparare n volte le stesse cose
      • Eretico scrive:
        Re: Visualizzazione...
        - Scritto da: Shu
        - Scritto da: Eretico


        Caro Cubasia, se non funziona è perchè chi ha

        sviluppato i contenuti non si è minimamente

        preoccupato di testarlo a dovere. Sul mio PC al

        lavoro ho installato ben 7 browser. IE, FF,

        Chrome, Opera, Netscape, Mozilla 1.7.12 (per i

        sistemi Unix) e Safari.

        E ti sembra sano di mente dover testare un sito
        web su SETTE differenti browser?Allora cosa fai. Produci dei siti da schifo perchè non vuoi perdere 10 minuti per testare quello che hai scritto ?Complimenti !!
        E comunque te ne manca almeno uno: lynx. Per non
        parlare di Galeon, Epiphany e Konqueror.Io ho citato quelli che utilizzano in azienda. Era un esempio. Lynx, Galeon, Epiphany e Konqueror in azienda non sono usati. Il mio era un esempio. Sai cos'è un esempio ?
        Ci sono degli standard web che, se rispettati,
        dovrebbero permettere di testare con un singolo
        browser, e avere la sicurezza che funzioni con
        tutti gli altri.Lo so benissimo e allora ?
        Quello che Cubasia voleva dire e che quasi
        nessuno ha capito è che non è cambiato
        niente.
        Una volta scrivevi un software e dovevi
        compilarlo e testarlo su 7 diverse piattaforme.
        Oggi lo devi testare su 7 diversi browser. E solo
        perché per interesse (o disinteresse) delle
        aziende, non esiste uno standard rispettato da
        tutti.E, ripeto, tu cosa fai ? Produci siti scadenti perchè non hai voglia di fare i test aspettando che un giorno questi signori decidano di adottare in modo rigido lo standard w3c ?
        Che differenza abissale c'è tra lo sviluppare un
        client in Java (che funziona dappertutto) e una
        in AJAX o in Flash o in Silverlight?Ah si ? In Ajax a me funziona tutto. Poi sai che differenza tra JAVA e JavaScript.
        Te lo dico io: che Java è "vecchio" e AJAX, Flash
        e SL sono "cool"!AJAX è cool perchè permette di ridurre al massimo il traffico di rete. Sempre meglio del RUNATSERVER di aspx e in ogni caso AJAX non è un abiente di sviluppo, ma un metodo. Denoto che no sai di cosa sti parlando.
        Poco importa che in Java (ma anche in Python o in
        Ruby, eh) esistano centinaia di tool che
        automatizzano le operazioni, open source, testati
        e attivamente sviluppati.Perchè poco importa ?
        Molto meglio ricomprare quegli stessi tool, pieni
        di bug perché sono nuovi e non testati,
        pagandoli, per l'ultima tecnologia fika,
        altrimenti non ci prendono mica sul
        serio.Basta testarli. Se funzionano ok, altrimenti si passa ad altro. Non vedo il problema a parte il fatto di aver la voglia di farlo ovviamente.
        Perché non spendere il tempo che sprechi testando
        il tuo software su n piattaforme, per migliorare
        il software?Ma infatti il fatto di testarlo su n piattaforme fa parte del migliorare il software. Si vede che non sai i cosa parli. Sicuro di esse un'informatico ?
        Bye.
    • qualcuno scrive:
      Re: Visualizzazione...
      lo sviluppatore - NON - dovrebbe essere la stessa persona che testa.Ma questo e' un problema annoso...
  • Annunzio scrive:
    Trollata
    E ci stavo anche per cascare!!!E' ovvio che questa è una trollata da paura, il discorso non si regge in piedi, nessuno è così incompetente da sottovalutare in questo modo il web.Avevi bisogno di flame eh, Cubasia?
  • Curzio scrive:
    Incredibile
    Un vaneggiamento lunghissimo!Giusè, vàtte a lègge er manuàle der Javascript!
  • PippoFlash scrive:
    Come ovviare a questo? : FLASH
    Caro Cubasia,sono diversi anni che si ovvia all'inaffidabilità e lentezza di ajax usando rich clients.In Flash, ora forse si comincierà a farli in silverlight.Si risolvono la maggior parte dei problemi, e il sw gira MEGLIO-.Ajax continua ad essere usato pechè le risorse brave a fare rich clients costano molto, e chi spende preferisce sfruttare un pò di piu i coder in house e fargli fare l'interfaccia in ajax.Sembra un articolo scritto 8 anni fa...Aggiornati.
    • a n o n i m o scrive:
      Re: Come ovviare a questo? : FLASH
      NO COMMENT, (quella feccia inscatolata che è) flash è ancora vivo solo ed esclusivamente perchè è emerso youtube.
      • keeper scrive:
        Re: Come ovviare a questo? : FLASH
        E per i giochini in flash :P
      • bugbuster scrive:
        Re: Come ovviare a questo? : FLASH
        Vabe' dai, probabilmente flash non è proprio la scelta adatta per certi scopi (per far dei siti interi per esempio) ma per far uso intensivo di grafica quello si.Semplicemente si tende a dare a flash più importanza di quella che dovrebbe avere e quindi flash delude su certi aspetti.Questo pero' indica una cosa: lo sviluppatore cerca qualisasi mezzo per ovviare a limiti tecnici, certe volte la tecnologia è in ritardo rispetto alle esigenze e si finisce per scegliere quella sbagliata per lo scopo sbagliato.
      • The Real Sgorbion scrive:
        Re: Come ovviare a questo? : FLASH
        - Scritto da: a n o n i m o
        NO COMMENT,

        (quella feccia inscatolata che è) flash è ancora
        vivo solo ed esclusivamente perchè è emerso
        youtube.Quoto.
    • The Real Sgorbion scrive:
      Re: Come ovviare a questo? : FLASH
      - Scritto da: PippoFlash
      Caro Cubasia,
      sono diversi anni che si ovvia all'inaffidabilità
      e lentezza di ajax usando rich
      clients.
      In Flash, ora forse si comincierà a farli in
      silverlight.
      Si risolvono la maggior parte dei problemi, e il
      sw gira
      MEGLIO(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
  • mik.fp scrive:
    Web!? E che roba e'?
    Percezioni che condivido, pur non sapendo praticamente niente del web (ho smesso di "fare siti" piu' o meno quando mori' Netscape; all'epoca facevo cgi in C e in Perl per mandare mail e poco piu', col php ho smesso di sforzarmi per capire il web). Dentro c'e' tutta la forza del corso e ricorso storico. E della superficialita' dell'imprescindibile interfaccia, rispetto alla pesante imperativita' dei livelli di astrazione superiore. Grande Cubasia!Peccato che molti dei commentatori sembrano perdersi nel dettaglio ... mancando la visione macroscopica della cosa. Son quelli che si fanno le pippe, ripetutamente, ogni qual volta esce una nuova mirabolante tecnologia. Approposito, l'ondata RoR e' finita? E Cold Fusion che fine ha fatto? Sarebbe interessante trovare dei grafici che disegnano l'adozione di queste "trovate" nel tempo ... l'aumento di complessita' ($$$ e tempo/uomo spesi) ... e magari si riuscisse a delineare i benefici effettivi ... per infine poterli comparare con i costi. Secondo me uscirebbe fuori una XXXXX gigante anche considerando solo il periodo delle applet java. Per scoprire cosi' che in fondo non serve molto di piu' di cio' che fu presentato da Berners-Lee nel famoso sottoscala ... comunque, se e' cosi' tra un po' ce ne accorgiamo ... ad esempio se i soldini vengono a mancare per il tempo sufficiente, solo le tecnologie solide sopravvivono. E allora questo articolo diventa eventualmente riscontrabile.
    • Andrea Veggiani scrive:
      Re: Web!? E che roba e'?

      l'ondata RoR e' finita?Certo ...
      E ColdFusion che fine ha fatto?E' morto da anni ...Quanta superficialità.CiaoAndrea
    • supervacuum scrive:
      Re: Web!? E che roba e'?
      - Scritto da: mik.fp
      del corso e ricorso storico. E della
      superficialita' dell'imprescindibile interfaccia,
      rispetto alla pesante imperativita' dei livelli
      di astrazione superiore. Grande
      Cubasia!Posso essere d'accordo sul fatto che le architetture Web (in particolare quelle basate su J2EE) soffrono di una sovraingegnerizzazione grave; occorre però dire che con EJB3 e con frameworks non strettamente J2EE come Spring la complessità è calata di molto.

      Peccato che molti dei commentatori sembrano
      perdersi nel dettaglio ... mancando la visione
      macroscopica della cosa. Son quelli che si fanno
      le pippe, ripetutamente, ogni qual volta esce una
      nuova mirabolante tecnologia. Approposito,
      l'ondata RoR e' finita? E Cold Fusion che fine ha
      fatto? Sarebbe interessante trovare dei grafici
      che disegnano l'adozione di queste "trovate" nel
      tempo ... l'aumento di complessita' ($$$ e
      tempo/uomo spesi) ... e magari si riuscisse a
      delineare i benefici effettivi ... per infine
      poterli comparare con i costi. Secondo me
      uscirebbe fuori una XXXXX gigante anche
      considerando solo il periodo delle applet java.È un discorso un po' più articolato. Prima degli autoerotisti di professione ci sono le case produttrici di software; queste spingono per l'adozione delle loro tecnologie dall'alto, ovvero dal livello dirigenziale, lì dove si sa poco di tecnologie; a quel punto i tecnici possono solo accettare la decisione presa.Ci sono poi gli autoerotisti tecnologici, quelli che godono ad ogni nuova tecnologia. Ce ne sono di due tipi: quelli che poi adottano le tecnologie come una religione (vedi RoR vs. J2EE, Linux vs. Windows) e quelli che credono nel motto "the right tool for the right job". Il secondo tipo non è da condannare, anzi: spesso i loro blog sono utili per coloro che, come me, non hanno così tanto tempo per sperimentare tutto.Tecnologie che vanno, tecnologie che vengono: fa parte della natura - selezione ed adattamento; il web è ancora, in parte, un territorio dove le tecnologie si sviluppano, maturano e muoiono se non sono all'altezza delle esigenze *del momento*. Le applet Java furono utilissime al tempo, quando ancora Flash era una mezza bischerata. Oggi con ActionScript 3 non ne senti la mancanza.
      Per scoprire cosi' che in fondo non serve molto
      di piu' di cio' che fu presentato da Berners-Lee
      nel famoso sottoscala ... comunque, se e' cosi'
      tra un po' ce ne accorgiamo ... ad esempio se i
      soldini vengono a mancare per il tempo
      sufficiente, solo le tecnologie solide
      sopravvivono. E allora questo articolo diventa
      eventualmente
      riscontrabile.Parafrasando quello che dici potremmo continuare ad usare Lynx (o ancora peggio Gopher) invece di Firefox e Google; forse per sviluppare molti di noi torneranno a "vi" o Emacs.Mi dispiace, non è così. Ci saranno, come oggi, tecnologie mainstream di fianco a quelle di nicchia e nuove tecnologie che forse un giorno soppianteranno quelle che oggi sono mainstream. È l'entropia legata all'evoluzione. Sembra che tu e Cubasia non l'amiate. Peggio per voi - così va il mondo.
    • Eretico scrive:
      Re: Web!? E che roba e'?
      - Scritto da: mik.fp
      Percezioni che condivido, pur non sapendo
      praticamente niente del web (ho smesso di "fare
      siti" piu' o meno quando mori' Netscape;
      all'epoca facevo cgi in C e in Perl per mandare
      mail e poco piu', col php ho smesso di sforzarmi
      per capire il web). Dentro c'e' tutta la forza
      del corso e ricorso storico. E della
      superficialita' dell'imprescindibile interfaccia,
      rispetto alla pesante imperativita' dei livelli
      di astrazione superiore. Grande
      Cubasia!

      Peccato che molti dei commentatori sembrano
      perdersi nel dettaglio ... mancando la visione
      macroscopica della cosa. Son quelli che si fanno
      le pippe, ripetutamente, ogni qual volta esce una
      nuova mirabolante tecnologia. Approposito,
      l'ondata RoR e' finita? E Cold Fusion che fine ha
      fatto? Sarebbe interessante trovare dei grafici
      che disegnano l'adozione di queste "trovate" nel
      tempo ... l'aumento di complessita' ($$$ e
      tempo/uomo spesi) ... e magari si riuscisse a
      delineare i benefici effettivi ... per infine
      poterli comparare con i costi. Secondo me
      uscirebbe fuori una XXXXX gigante anche
      considerando solo il periodo delle applet java.
      Per scoprire cosi' che in fondo non serve molto
      di piu' di cio' che fu presentato da Berners-Lee
      nel famoso sottoscala ... comunque, se e' cosi'
      tra un po' ce ne accorgiamo ... ad esempio se i
      soldini vengono a mancare per il tempo
      sufficiente, solo le tecnologie solide
      sopravvivono. E allora questo articolo diventa
      eventualmente riscontrabile.Quello che dici è anche vero. Ma lo era anche prima dell'avvento del web. E comunque spetta a noi capire se la tecnologia proposta è valida o meno, se è utile o meno in base alle esigenze del cliente o del progetto che stiamo sviluppando. Io sono passato dalle interfacce a caratte in COBOL (che amerò sempre) su sistemi UNIX agli applicativi client-server sotto Windows ed attualemnte (da tre anni circa) agli applicativi web (intranet e internet) con circa 6000 utenti. Per un totale di 20 anni d'informatica. In tutti i casi ho trovato pregi e difetti, ma alla fine i risultati che ho ottenuto sono sempre stati validi.Forse dipende anche molto da come si lavora e dall'impegno che uno ci mette oltre che dalla tecnologia.
      • malostato scrive:
        Re: Web!? E che roba e'?
        come non quotare il tutto!
      • mik.fp scrive:
        Re: Web!? E che roba e'?
        - Scritto da: Eretico
        - Scritto da: mik.fp

        Percezioni che condivido, pur non sapendo

        praticamente niente del web (ho smesso di "fare

        siti" piu' o meno quando mori' Netscape;

        all'epoca facevo cgi in C e in Perl per mandare

        mail e poco piu', col php ho smesso di sforzarmi

        per capire il web). Dentro c'e' tutta la forza

        del corso e ricorso storico. E della

        superficialita' dell'imprescindibile
        interfaccia,

        rispetto alla pesante imperativita' dei livelli

        di astrazione superiore. Grande

        Cubasia!



        Peccato che molti dei commentatori sembrano

        perdersi nel dettaglio ... mancando la visione

        macroscopica della cosa. Son quelli che si fanno

        le pippe, ripetutamente, ogni qual volta esce
        una

        nuova mirabolante tecnologia. Approposito,

        l'ondata RoR e' finita? E Cold Fusion che fine
        ha

        fatto? Sarebbe interessante trovare dei grafici

        che disegnano l'adozione di queste "trovate" nel

        tempo ... l'aumento di complessita' ($$$ e

        tempo/uomo spesi) ... e magari si riuscisse a

        delineare i benefici effettivi ... per infine

        poterli comparare con i costi. Secondo me

        uscirebbe fuori una XXXXX gigante anche

        considerando solo il periodo delle applet java.

        Per scoprire cosi' che in fondo non serve molto

        di piu' di cio' che fu presentato da Berners-Lee

        nel famoso sottoscala ... comunque, se e' cosi'

        tra un po' ce ne accorgiamo ... ad esempio se i

        soldini vengono a mancare per il tempo

        sufficiente, solo le tecnologie solide

        sopravvivono. E allora questo articolo diventa

        eventualmente riscontrabile.

        Quello che dici è anche vero. Ma lo era anche
        prima dell'avvento del web. E comunque spetta a
        noi capire se la tecnologia proposta è valida o
        meno, se è utile o meno in base alle esigenze del
        cliente o del progetto che stiamo sviluppando. Io
        sono passato dalle interfacce a caratte in COBOL
        (che amerò sempre) su sistemi UNIX agli
        applicativi client-server sotto Windows ed
        attualemnte (da tre anni circa) agli applicativi
        web (intranet e internet) con circa 6000 utenti.
        Per un totale di 20 anni d'informatica. In tutti
        i casi ho trovato pregi e difetti, ma alla fine i
        risultati che ho ottenuto sono sempre stati
        validi.

        Forse dipende anche molto da come si lavora e
        dall'impegno che uno ci mette oltre che dalla
        tecnologia.Dici bene ... "spetta a noi" ... e cioe' non al XXXXXne che dirige un'azienda, o al venditore della corporation ict che lo convince ad adottare la propria tecnologia, o al markettaro 2.0, o al politico che deve sistemare il cugino. Altrimenti, se cioe' l'adozione tecnologica non e' domata spontaneamente dai soli tecnici su base necessaria, ci facciamo male finanziariamente (cfr. creative destruction, Shumpeter). (per more info leggi la risposta che ho scritto a supervacuum, in questo thread)
    • anonimo scrive:
      Re: Web!? E che roba e'?
      Scusa una domanda, ma tu lavori ancora nel mondo dell'informatica ?Web o non web non capire che nell'informatica devi aperti sempre aggiornare é grave. Spero che ti manchi poco alla pensione. O almeno tra dieci anni non ti lamentare che non vogliono gli ultra quarantenni per fare questo lavoro
      • mik.fp scrive:
        Re: Web!? E che roba e'?
        - Scritto da: anonimo
        Scusa una domanda, ma tu lavori ancora nel mondo
        dell'informatica
        ?Mah, in realta' vorrei cambiare mestiere da parecchio tempo ... ma sapendo fare solo questo mi ritrovo ancora a campare di informatica ...
        Web o non web non capire che nell'informatica
        devi aperti sempre aggiornare é grave. Spero che
        ti manchi poco alla pensione. O almeno tra dieci
        anni non ti lamentare che non vogliono gli ultra
        quarantenni per fare questo
        lavoroTra 10 anni spero di essere finalmente riuscito a fare altro. Anche perche', per quanto ne sappia, da circa 60 anni di nuovo c'e' stato ben poco ... solo tanto lavoro da scimmia con cui tante scimmie si arrapano nell'illudersi di essere innovative rispetto al passato. Che di per se non e' un problema enorme ... se non fosse che tutti presi dalla novita', non si rendono conto di fare un lavoro pressoche' inutile. Cosa che a sua volta non sarebbe grave se non per il fatto che facendo un lavoro immateriale, e inutile, gravano sulle spalle di chi fa un lavoro materiale (contadino, allevatore, operaio) senza ritornargli vantaggio diretto alcuno (solo vantaggi diffusi: costo marginale zero per telecomunicare, amministrare, politicare, incremento esponenziale nella velocita' di ricerca e sviluppo, etc; cose che pero' se non ti consideri parte di una societa', e cioe' se pensi che puoi essere libero di imprendere tanto la manina invisibile di adamo smith pensa al resto ... non acquisiscono un valore tale da spingere un ignorante a pagarti la minestra). E oggi questa percezione e' abbastanza evidente a chiunque non faccia un lavoro immateriale: tant'e' che di comprarsi un computer o di connettersi ad internet, non c'e' tanta voglia. I ragazzi si, perche' chiacchierano con gli amichetti, si sentono la canzoncina, si vedono il filmetto, giocano col videogiochino ... ma della mirabolante novita' non gliene frega granche' (leggere il giornale? DHTML basta e avanza; chattare? MSN basta e avanza; etc; tra 1.0 e 2.0 la sola differenza e' il SaaS ... e quel cambiamento, socialmente parlando, e' stato solo un enorme costo finanziario che non ha portato a benessere ulteriore) ... mi chiedo quindi perche' fai tanta fatica a tenerti aggiornato se (a) chi ti produce minestra e pantaloni non te li puo'/vuole piu' pagare, (b) chi utilizza i computer se ne sbatte della tua "mirabolante innovazione inutile", (c) non essendoci un sistema infocentrico locale, non riesci a portare su strada le tue idee senza che un gigante estero te le replichi in tempo record appena scoperto che e' una buna idea, e pagando i sui dipendenti stanziati altrove piuttosto che te; complice ovviamente il sistema di brevetti, marchi, copyright. Contento tu ... contenti tutti ... io pero' mi metto a fare un altro mestiere. Che non si sa mai ... hai visto mai che con questa crisi finanziaria non si continuera' a pagare tante scimmie perche' costano troppo? In fin dei conti giovanotti facilmente raggirabili, si affacciano continuamente sul mercato, e sempre lo faranno finche' l'ICT sara' un mondo tanto figo ... ogni 5 anni si puo' buttare nel XXXXX quello che c'era, e prenderne uno nuovo ... watch your back
        • Eretico scrive:
          Re: Web!? E che roba e'?
          Dopo tutta sta 'piagnata' da crisi depressiva, mi chiedo allora perchè aspettare 10 anni per cambiare lavoro. Se fosse tutto come dici tu, non aspetterei 10 minuti.
          • mik.fp scrive:
            Re: Web!? E che roba e'?
            - Scritto da: Eretico
            Dopo tutta sta 'piagnata' da crisi depressiva, mi
            chiedo allora perchè aspettare 10 anni per
            cambiare lavoro.

            Se fosse tutto come dici tu, non aspetterei 10
            minuti.Perche' io al momento non ho bisogno di lavorare. In genere lavoro 2-3 volte l'anno per 15gg, tanto per pagarmi qualche extra. La mia e' una condizione particolare, e cioe' che sfugge alla logica intuitiva (fame-
            lavoro-
            soldi-
            cibo) che ti fa pensare che io sia depresso, magari proprio per mancanza di lavoro ... ma non e' cosi' ... non hai idea di quanto ne rifiuto.Chiediti pero' perche' i numeri (INPS, 975% in un anno, in piu', di cassaintegrazione; virate del 20% nella bilancia dei pagamenti, ie: tendenza all'autarchia economica; spostamento di 3/4 del potere finanziario dall'OCSE all'Asia; collasso dell'editoria legacy; etc) mi danno ragione, prima di fare altre ipotesi sul mio stato di salute ... che ne dici? Non lo so ... leggiti qualcuna delle lettere che PI ha pubblicato quasi quotidianamente l'anno scorso (12-18 mesi fa). Oppure prendi una calcolatrice e conta quanti licenziamenti sono stati fatti nell'ICT da ottobre ad oggi. Poi quando hai finito leggi un mio vecchio articolo: http://punto-informatico.it/1920367/PI/Lettere/lavoro-it-non-questione-diritto.aspx , con riferimento particolare a questa frase: "Mediamente sempre meno gente farà sempre meno soldi con le tecnologie" (che, come indicato, non e' mia; ma di uno molto piu' capace di me). E inizia a debuggarti la testa ... perche' credo tu stia ragionando in funzione di parametri ed esperienza, campati per aria.Non e' cattiveria, ma faccio da consulente a tanti manager, quotidianamente, e gia' con loro sto facendo una fatica bestiale a fargli smantire l'anancasmo ... se mi avessero detto che fare l'informatico sarebbe diventato come fare lo psichiatra ... avrei fatto il markettaro fin da subito.ciaooooooooooo
          • Eretico scrive:
            Re: Web!? E che roba e'?
            - Scritto da: mik.fp
            - Scritto da: Eretico

            Dopo tutta sta 'piagnata' da crisi depressiva,
            mi

            chiedo allora perchè aspettare 10 anni per

            cambiare lavoro.



            Se fosse tutto come dici tu, non aspetterei 10

            minuti.

            Perche' io al momento non ho bisogno di lavorare.
            In genere lavoro 2-3 volte l'anno per 15gg, tanto
            per pagarmi qualche extra. La mia e' una
            condizione particolare, e cioe' che sfugge alla
            logica intuitiva (fame-
            lavoro-
            soldi-
            cibo) Ma di che ti lamenti allora. Per piacere eh...
            che ti fa pensare che io sia depresso, magari proprio
            per mancanza di lavoro ... ma non e' cosi' ...Infatti.
            non hai idea di quanto ne rifiuto.Buon per te. Allora dovresti farci il piacere di stare zitto.Grazie.
          • mik.fp scrive:
            Re: Web!? E che roba e'?
            - Scritto da: Eretico
            - Scritto da: mik.fp

            - Scritto da: Eretico


            Dopo tutta sta 'piagnata' da crisi depressiva,

            mi


            chiedo allora perchè aspettare 10 anni per


            cambiare lavoro.





            Se fosse tutto come dici tu, non aspetterei 10


            minuti.



            Perche' io al momento non ho bisogno di
            lavorare.

            In genere lavoro 2-3 volte l'anno per 15gg,
            tanto

            per pagarmi qualche extra. La mia e' una

            condizione particolare, e cioe' che sfugge alla

            logica intuitiva (fame-
            lavoro-
            soldi-
            cibo)

            Ma di che ti lamenti allora. Per piacere eh...Bwuahahahahha ... e chi si lamenta!?

            Buon per te. Allora dovresti farci il piacere di
            stare
            zitto.Far..ci, a chi? Tu e ...?
          • Eretico scrive:
            Re: Web!? E che roba e'?
            - Scritto da: mik.fp
            - Scritto da: Eretico

            - Scritto da: mik.fp


            - Scritto da: Eretico



            Dopo tutta sta 'piagnata' da crisi
            depressiva,


            mi



            chiedo allora perchè aspettare 10 anni per



            cambiare lavoro.







            Se fosse tutto come dici tu, non aspetterei
            10



            minuti.





            Perche' io al momento non ho bisogno di

            lavorare.


            In genere lavoro 2-3 volte l'anno per 15gg,

            tanto


            per pagarmi qualche extra. La mia e' una


            condizione particolare, e cioe' che sfugge
            alla


            logica intuitiva (fame-
            lavoro-
            soldi-
            cibo)



            Ma di che ti lamenti allora. Per piacere eh...

            Bwuahahahahha ... e chi si lamenta!? Bwuahahahahha ... tu. Mi sembra chiaro no. Non ti va di fare sto lavoro. Non ti piace. Lo consideri da scimmia. Ci devi pensare 10 anni per cambiarlo ? Ah già, ma tu lavori quando ti pare. Che scherzi.

            Buon per te. Allora dovresti farci il piacere di

            stare zitto.

            Far..ci, a chi? Tu e ...?Far..ci, plurale maiestatis. Sai cos'è, si ?!!Farci, a noi che purtroppo non ci basta lavorare 2-3 volte l'anno per 15 gg. Visto che critichi tanto il lavoro degli altri e come gli altri percepiscono il proprio lavoro dall'alto del tuo piedistallo. Posso accettare la critica da uno che si sbatte tutti i giorni, ma non da uno che può permettersi di lavorare quando gli pare perchè non ne ha bisogno. Fortunello lui.Claro trollone !
          • mik.fp scrive:
            Re: Web!? E che roba e'?
            - Scritto da: Eretico
            - Scritto da: mik.fp

            - Scritto da: Eretico


            - Scritto da: mik.fp



            - Scritto da: Eretico




            Dopo tutta sta 'piagnata' da crisi

            depressiva,



            mi




            chiedo allora perchè aspettare 10 anni
            per




            cambiare lavoro.









            Se fosse tutto come dici tu, non
            aspetterei

            10




            minuti.







            Perche' io al momento non ho bisogno di


            lavorare.



            In genere lavoro 2-3 volte l'anno per 15gg,


            tanto



            per pagarmi qualche extra. La mia e' una



            condizione particolare, e cioe' che sfugge

            alla



            logica intuitiva
            (fame-
            lavoro-
            soldi-
            cibo)






            Ma di che ti lamenti allora. Per piacere eh...



            Bwuahahahahha ... e chi si lamenta!?

            Bwuahahahahha ... tu. Mi sembra chiaro no. Non ti
            va di fare sto lavoro. Non ti piace. Lo consideri
            da scimmia. Ci devi pensare 10 anni per cambiarlo
            ? Ah già, ma tu lavori quando ti pare. Che
            scherzi.Continuo a non capirti. Io mi lamento!? Quando!? Dove!? Chi ha detto che non mi piace? Che lo considero da scimmia? Che sto pensando di cambiarlo? Vorrei fare altro si ... ma con calma ... non vado di fretta; non ci sto pensando tutti i giorni; e non e' perche' non mi piace ... e' semplicemente troppo faticoso rispetto a quello che paga (considerando anche che ci sono professionialita' zero che pagano molto; penso al marketing, penso alla politica, penso a truffe piu' semplici, etc). Quanto al discorso della scimmia: a me sembrano scimmie non gli informatici in astratto (ie: L'Informato, o anche Tutti Gli Informatici); ma solo quelli che si fanno prendere la mano da tecnologie di dubbia utilita' (piu' che altro perche' fa le stesse cose che si possono gia' fare, ma in modo piu' complesso e quindi costoso ... ad esempio; non parlo ovviamente della tecnologia abilitante; ne' sto dicendo che si devono porre limiti allo sviluppo ... dico soltanto che in genere le tecnologie non si dovrebbero adottare in produzione con troppa leggerezza).


            Buon per te. Allora dovresti farci il piacere
            di


            stare zitto.



            Far..ci, a chi? Tu e ...?

            Farci, a noi che purtroppo non ci basta lavorare
            2-3 volte l'anno per 15 gg. Visto che critichi
            tanto il lavoro degli altri e come gli altri
            percepiscono il proprio lavoro dall'alto del tuo
            piedistallo. Posso accettare la critica da uno
            che si sbatte tutti i giorni, ma non da uno che
            può permettersi di lavorare quando gli pare
            perchè non ne ha bisogno. Fortunello
            lui.Nessuno ti sta obbligando a leggere quello che scrivo ... e pertanto ad accettare alcunche'. Tutto lo stack protocollare in uso e' concepito in modo che sia tu a venirlo a cercare, non io a costringerti a leggerlo. C'e' cioe' qualcosa che non quadra nella tua logica: dai, dimmi cos'hai. Ti rode perche' io non sono costretto a lavorare e tu si? Eh lo so ... da' fastidio ... pensa che io ho smesso di lavorare anche perche' mi dava fastidio vedere gente che non vale una ceppa vivere meglio di me che mi rimboccavo le maniche. Ma ero giovane... ingenuo ... pensavo che bastasse darsi da fare per ottenere risultati. Pensavo che esistesse una cosa chiamata Mercato, regolata da un'altra cosa chiamata Stato; e invece poi scoprii che Il Mercato era un'invenzione di 4 volpini scemuniti, e lo Stato era stato frammentato in tanti piccoli feudi oggi chiamati Aziende ... e cosi' mi sono sistemato ai danni della collettivita' (XXXXXta piu', XXXXXta meno; che vuoi che sia?), ed ho smesso di lavorare. Adesso lavorate voi, e io ti sfotto ... ho tempo per fare anche questo ...
          • Eretico scrive:
            Re: Web!? E che roba e'?
            - Scritto da: mik.fp
            - Scritto da: Eretico

            - Scritto da: mik.fp


            - Scritto da: Eretico



            - Scritto da: mik.fp




            - Scritto da: Eretico





            Dopo tutta sta 'piagnata' da crisi


            depressiva,




            mi





            chiedo allora perchè aspettare 10 anni

            per





            cambiare lavoro.











            Se fosse tutto come dici tu, non

            aspetterei


            10





            minuti.









            Perche' io al momento non ho bisogno di



            lavorare.




            In genere lavoro 2-3 volte l'anno per
            15gg,



            tanto




            per pagarmi qualche extra. La mia e' una




            condizione particolare, e cioe' che sfugge


            alla




            logica intuitiva

            (fame-
            lavoro-
            soldi-
            cibo)









            Ma di che ti lamenti allora. Per piacere
            eh...





            Bwuahahahahha ... e chi si lamenta!?



            Bwuahahahahha ... tu. Mi sembra chiaro no. Non
            ti

            va di fare sto lavoro. Non ti piace. Lo
            consideri

            da scimmia. Ci devi pensare 10 anni per
            cambiarlo

            ? Ah già, ma tu lavori quando ti pare. Che

            scherzi.

            Continuo a non capirti. Io mi lamento!? Quando!?
            Dove!? Chi ha detto che non mi piace? Che lo
            considero da scimmia? Che sto pensando di
            cambiarlo? Vorrei fare altro si ... ma con calma
            ... non vado di fretta; non ci sto pensando tutti
            i giorni; e non e' perche' non mi piace ... e'
            semplicemente troppo faticoso rispetto a quello
            che paga (considerando anche che ci sono
            professionialita' zero che pagano molto; penso al
            marketing, penso alla politica, penso a truffe
            piu' semplici, etc). Quanto al discorso della
            scimmia: a me sembrano scimmie non gli
            informatici in astratto (ie: L'Informato, o anche
            Tutti Gli Informatici); ma solo quelli che si
            fanno prendere la mano da tecnologie di dubbia
            utilita' (piu' che altro perche' fa le stesse
            cose che si possono gia' fare, ma in modo piu'
            complesso e quindi costoso ... ad esempio; non
            parlo ovviamente della tecnologia abilitante; ne'
            sto dicendo che si devono porre limiti allo
            sviluppo ... dico soltanto che in genere le
            tecnologie non si dovrebbero adottare in
            produzione con troppa leggerezza).E dirlo prima con queste parole no eh ?!!



            Buon per te. Allora dovresti farci il
            piacere

            di



            stare zitto.





            Far..ci, a chi? Tu e ...?




            Farci, a noi che purtroppo non ci basta lavorare

            2-3 volte l'anno per 15 gg. Visto che critichi

            tanto il lavoro degli altri e come gli altri

            percepiscono il proprio lavoro dall'alto del tuo

            piedistallo. Posso accettare la critica da uno

            che si sbatte tutti i giorni, ma non da uno che

            può permettersi di lavorare quando gli pare

            perchè non ne ha bisogno. Fortunello

            lui.

            Nessuno ti sta obbligando a leggere quello che
            scrivo ... e pertanto ad accettare alcunche'.Vero. Ma è altrettanto vero che ho la libertà di risponderti. Altrimenti i forum a che servirebbero ?
            Tutto lo stack protocollare in uso e' concepito
            in modo che sia tu a venirlo a cercare, non io a
            costringerti a leggerlo. Chiaro. E' una mia scelta leggerti ed è una mia scelta risponderti e allora ?
            C'e' cioe' qualcosa che
            non quadra nella tua logica: dai, dimmi cos'hai.
            Ti rode perche' io non sono costretto a lavorare
            e tu si? Eh lo so ... da' fastidio ...Quello che mi da più fastidio è la saccenza.
            pensa che
            io ho smesso di lavorare anche perche' mi dava
            fastidio vedere gente che non vale una ceppa
            vivere meglio di me che mi rimboccavo le maniche.
            Ma ero giovane... ingenuo ... pensavo che
            bastasse darsi da fare per ottenere risultati.Ma non mi dire.
            Pensavo che esistesse una cosa chiamata Mercato,
            regolata da un'altra cosa chiamata Stato; e
            invece poi scoprii che Il Mercato era
            un'invenzione di 4 volpini scemuniti, e lo Stato
            era stato frammentato in tanti piccoli feudi oggi
            chiamati Aziende ... Be visto i risultati mi sa che gli scemuniti siamo noi che glielo lasciamo fare e non loro.
            e cosi' mi sono sistemato ai
            danni della collettivita' (XXXXXta piu', XXXXXta
            meno; che vuoi che sia?), ed ho smesso di
            lavorare. Adesso lavorate voi, e io ti sfotto ...
            ho tempo per fare anche questo ...Grazie tante.
          • mik.fp scrive:
            Re: Web!? E che roba e'?
            - Scritto da: Eretico
            - Scritto da: mik.fp

            - Scritto da: Eretico


            - Scritto da: mik.fp



            - Scritto da: Eretico




            - Scritto da: mik.fp





            - Scritto da: Eretico






            Dopo tutta sta 'piagnata' da crisi



            depressiva,





            mi






            chiedo allora perchè aspettare 10
            anni


            per






            cambiare lavoro.













            Se fosse tutto come dici tu, non


            aspetterei



            10






            minuti.











            Perche' io al momento non ho bisogno di




            lavorare.





            In genere lavoro 2-3 volte l'anno per

            15gg,




            tanto





            per pagarmi qualche extra. La mia e' una





            condizione particolare, e cioe' che
            sfugge



            alla





            logica intuitiva


            (fame-
            lavoro-
            soldi-
            cibo)












            Ma di che ti lamenti allora. Per piacere

            eh...







            Bwuahahahahha ... e chi si lamenta!?





            Bwuahahahahha ... tu. Mi sembra chiaro no. Non

            ti


            va di fare sto lavoro. Non ti piace. Lo

            consideri


            da scimmia. Ci devi pensare 10 anni per

            cambiarlo


            ? Ah già, ma tu lavori quando ti pare. Che


            scherzi.



            Continuo a non capirti. Io mi lamento!? Quando!?

            Dove!? Chi ha detto che non mi piace? Che lo

            considero da scimmia? Che sto pensando di

            cambiarlo? Vorrei fare altro si ... ma con calma

            ... non vado di fretta; non ci sto pensando
            tutti

            i giorni; e non e' perche' non mi piace ... e'

            semplicemente troppo faticoso rispetto a quello

            che paga (considerando anche che ci sono

            professionialita' zero che pagano molto; penso
            al

            marketing, penso alla politica, penso a truffe

            piu' semplici, etc). Quanto al discorso della

            scimmia: a me sembrano scimmie non gli

            informatici in astratto (ie: L'Informato, o
            anche

            Tutti Gli Informatici); ma solo quelli che si

            fanno prendere la mano da tecnologie di dubbia

            utilita' (piu' che altro perche' fa le stesse

            cose che si possono gia' fare, ma in modo piu'

            complesso e quindi costoso ... ad esempio; non

            parlo ovviamente della tecnologia abilitante;
            ne'

            sto dicendo che si devono porre limiti allo

            sviluppo ... dico soltanto che in genere le

            tecnologie non si dovrebbero adottare in

            produzione con troppa leggerezza).

            E dirlo prima con queste parole no eh ?!!Scusa! E' che lo sto ripetendo come un disco rotto da un sacco di tempo. Ma c'e' ancora chi dubita ... quindi cerco sempre dei modi diversi per riformulare, in virtu' del Teorema della Scimmia Instancabile e con la speranza di essere io ad esprimermi male; e quindi riformulando prima o poi non esistera' piu' nessuno a mettere in dubbio queste cose (e nessun Cubasia dovra' piu' scrivere articoli per ripeterle ancora e ancora e ancora).




            Buon per te. Allora dovresti farci il

            piacere


            di




            stare zitto.







            Far..ci, a chi? Tu e ...?







            Farci, a noi che purtroppo non ci basta
            lavorare


            2-3 volte l'anno per 15 gg. Visto che critichi


            tanto il lavoro degli altri e come gli altri


            percepiscono il proprio lavoro dall'alto del
            tuo


            piedistallo. Posso accettare la critica da uno


            che si sbatte tutti i giorni, ma non da uno
            che


            può permettersi di lavorare quando gli pare


            perchè non ne ha bisogno. Fortunello


            lui.



            Nessuno ti sta obbligando a leggere quello che

            scrivo ... e pertanto ad accettare alcunche'.

            Vero. Ma è altrettanto vero che ho la libertà di
            risponderti. Altrimenti i forum a che
            servirebbero
            ?Assolutamente, ma sei tu che dici a me di stare zitto ... non il contrario ... controlla! E' qui sopra ... oramai e' storia ...

            Tutto lo stack protocollare in uso e' concepito

            in modo che sia tu a venirlo a cercare, non io a

            costringerti a leggerlo.

            Chiaro.
            E' una mia scelta leggerti ed è una mia scelta
            risponderti e allora
            ?E allora perche' ti lamenti?

            C'e' cioe' qualcosa che

            non quadra nella tua logica: dai, dimmi cos'hai.

            Ti rode perche' io non sono costretto a lavorare

            e tu si? Eh lo so ... da' fastidio ...

            Quello che mi da più fastidio è la saccenza.Saccenza!? Ma se ho esordito nel commentare questa notizia ribadendo 2 volte nello stesso messaggio che io del web so' poco? (ma a sufficienza per ritrovare errori gia' fatti in passato in altri ambiti informatici)Dai, la prossima volta lo scrivo 3 volte, cosi' nessuno puo' darmi del saccente ...

            pensa che

            io ho smesso di lavorare anche perche' mi dava

            fastidio vedere gente che non vale una ceppa

            vivere meglio di me che mi rimboccavo le
            maniche.

            Ma ero giovane... ingenuo ... pensavo che

            bastasse darsi da fare per ottenere risultati.

            Ma non mi dire.Eh lo so, ero ingenuo. Ma chi non lo e' un po' soprattutto quando e' giovane? Tu sei sempre stato cosi' perfetto?

            Pensavo che esistesse una cosa chiamata Mercato,

            regolata da un'altra cosa chiamata Stato; e

            invece poi scoprii che Il Mercato era

            un'invenzione di 4 volpini scemuniti, e lo Stato

            era stato frammentato in tanti piccoli feudi
            oggi

            chiamati Aziende ...

            Be visto i risultati mi sa che gli scemuniti
            siamo noi che glielo lasciamo fare e non
            loro.No, aspetta. Io non so quanti anni hai tu ... ma questa e' roba vecchia. Adam Smith e' del 18esimo secolo. Greenspan ha l'eta' di mia nonna. Berlusconi poco meno. E la generazione di mio padre non conta un ciufolo ... per quanto riguarda me invece, sono piu' per la teoria economica di Amartya Sen e Muhammad Yunus. Quando mi saro' stancato di stare con le mani in mano, implementero' quella ...

            e cosi' mi sono sistemato ai

            danni della collettivita' (XXXXXta piu', XXXXXta

            meno; che vuoi che sia?), ed ho smesso di

            lavorare. Adesso lavorate voi, e io ti sfotto
            ...

            ho tempo per fare anche questo ...

            Grazie tante.Ma no dai, non fare cosi' ... non mi ringraziare ... non serve! Quello in genere lo fa' chi preferisce organizzarsi in modo verticale rigido (es: i galoppini dei dittatori). Io non ho velleita' dittatoriali, mi faccio solo i cazzetti miei. Clicka sul mio profilo, clicka sul sito indicato, guarda il film ;)un abbraccio
          • Eretico scrive:
            Re: Web!? E che roba e'?

            Scusa! E' che lo sto ripetendo come un disco rotto da un
            sacco di tempo.
            Ma c'e' ancora chi dubita ... quindi cerco sempre dei
            modi diversi per riformulare,
            in virtu' del Teorema della Scimmia Instancabile e con
            la speranza di essere io ad esprimermi male;
            e quindi riformulando prima o poi non esistera' piu'
            nessuno a mettere in dubbio queste cose
            (e nessun Cubasia dovra' piu' scrivere articoli per
            ripeterle ancora e ancora e ancora).Allora vuol dire che ho capito male io.Rimane da capire cosa c'entra con il fatto che i browser non funzionano a dovere o che il webnon è "vera gloria". Gloria poi. Ma de che. E' chiaro che vi sono tante tecnologie che coesistono oaddirittura che sono in contrasto tra loro. Ma ben venga. Ed è altrettanto chiaro che solo alcune di queste tecnologie prevvarranno. Mi sembra una cosa del tutto normale. Qui mi sa che stiamo dicendo tutt'e due lastessa cosa.
            Assolutamente, ma sei tu che dici a me di stare zitto ..
            non il contrario ... controlla! E' qui sopra ...
            oramai e' storia ...E be cosa pretendi ? Vieni qui bello bello a dire che lavori 2-3 volte all'anno per 15 gg e pretendi di farci la lezione ?!! Scusa eh ?
            E allora perche' ti lamenti?Vedi sopra. E poi non mi lamento.
            Saccenza!? Ma se ho esordito nel commentare questa
            notizia ribadendo 2 volte nello
            stesso messaggio che io del web so' poco? (ma a
            sufficienza per ritrovare errori gia'
            fatti in passato in altri ambiti informatici)Il fatto è che non sono errori. Il fatto che esistano più tecnologie non è un errore, ma anzi il contrario.Il problema semmai è capire se queste tecnologie servano effettivamente. Non mi pare che nel web ci sianocosì tente tecnologie prevalenti. Gira e rigira sono sempre quelle PHP, HTML, Javascript (AJAX), Flash, ASP, XML. Si, forse non sono poche, ma ormai sono anni che sono in uso.
            Eh lo so, ero ingenuo. Ma chi non lo e' un po'
            soprattutto quando e' giovane?
            Tu sei sempre stato cosi' perfetto?Io perfetto?!! Ah ah ah, ti sei fatto un'idea sbagliata sul mio conto. Magari mi vedi come uno tutto tecnologia, precisione, giacca e cravatta. Tsz, tsz hai toppato in pieno.
            No, aspetta.
            Io non so quanti anni hai tu ... Abbastanza, da averne le palle più piene delle tue.Ma c'è un problema. Ho una famiglia da mantenere e non posso permettermi di fare XXXXXXX perciò mi tengole palle piene anche perchè, come te, so fare solo questo e cerco di farlo bene anche a costo di testare 7 bowser diversi per non parlare dell'accessibilità. Per ora. E ripeto che se dovessi cambiare mestiere non aspetteri 10 anni per il semplice motivo che, magari a te sfugge, non posso permettermi di sprecare tutti quegli anni.
            ma questa e' roba vecchia.
            Adam Smith e' del 18esimo secolo.
            Greenspan ha l'eta' di mia nonna. Berlusconi poco meno.
            E la generazione di mio padre non conta un ciufolo ...
            per quanto riguarda me invece, sono piu' per la teoria
            economica di Amartya Sen e Muhammad Yunus.
            Quando mi saro' stancato di stare con le mani in mano,
            implementero' quella ...Vorrà dire che ci darò un occhiata a queste teorie.Non so quando e non so come, ma forse un giorno ci riuscirò.
            Ma no dai, non fare cosi' ...
            non mi ringraziare ... non serve! Era ironico.
            Quello in genere lo fa' chi preferisce organizzarsi in
            modo verticale rigido (es: i galoppini dei dittatori).Cosa che io non sono. Continui a farti un'idea sbagliata sul mio conto.
            Io non ho velleita' dittatoriali, mi faccio solo i
            cazzetti miei.
            Clicka sul mio profilo, clicka sul sito indicato, guarda
            il filmLo farò. Ora no perchè le policy aziendali non mi permettono di accedere al sito e se è per questo neanche al forum di PI. Novità degli ultimi giorni.Comunque beato te che ti puoi permettere di farti i cazzetti tuoi. :)
          • mik.fp scrive:
            Re: Web!? E che roba e'?
            - Scritto da: Eretico

            Allora vuol dire che ho capito male io.Facile non capirSI. Codifica, protocollo, frequenza ... comunicare e' un lavoraccio, e "tromba di guerra" (cfr. S. Agostino; o anche rfc793, paragrafo 2.10) ;)
            Rimane da capire cosa c'entra con il fatto che i
            browser non funzionano a dovere o che il
            web
            non è "vera gloria". Gloria poi. Ma de che. E'
            chiaro che vi sono tante tecnologie che
            coesistono o
            addirittura che sono in contrasto tra loro.
            Ma ben venga. Ed è altrettanto chiaro che solo
            alcune di queste tecnologie prevvarranno. Mi
            sembra una cosa del tutto normale. Che ci sono e' ovvio, perche' ci sono invece e' meno intuitivo ... e' una questione di priorita'. Se la priorita' e' il fatturato dell'azienda (e piu' in generale IL PROPRIO PROFITTO SENZA SE E SENZA MA), allora tante di quelle tecnologie esistono in virtu' di piani aziendali, piuttosto che in virtu' di necessita' e adozione da parte del personale tecnico. Tutte quelle tecnologie che non sono espressione di una necessita', sono SOLO dei costi che vengono ammortizzati per via finanziaria e ricicciano fuori sotto altre spoglie (es: guerra in iraq, il contadino strangolato dalla grande distribuzione organizzata, brevetti software, etc; fino anche ad arrivare alla presente "crisi", in cui l'ICT e' uno dei centri di costo piu' importanti).
            Qui mi sa che
            stiamo dicendo tutt'e due
            la
            stessa cosa.E' altamente probabile che usiamo la stessa logica, ma la applichiamo ad una base dati diversa ... quindi si, procedendo nella discussione, e senza troppa voglia polemica, arriveremmo alle stesse conclusioni. Ed e' possibile esprimere questo in termini matematici. Ma non ci siamo ancora.

            Assolutamente, ma sei tu che dici a me di stare
            zitto ..


            non il contrario ... controlla! E' qui sopra
            ...


            oramai e' storia ...

            E be cosa pretendi ? Io nulla! Ti ho chiesto di fare qualcosa?
            Vieni qui bello bello a dire che lavori 2-3 volte
            all'anno per 15 gg e pretendi di farci la lezione
            ?!!Ferma tutto: io non ti sto dando una lezione ... io sto condividendo le mie analisi (informazioni+potenza di calcolo, tante o poche che siano). Poi, se ti fa rodere il XXXX che c'e' gente che non e' costretta a lavorare ... non te la prendere ... ma te lo gratti da solo. Ti assicuro che ti capisco; e a chiacchiere sono solidale; ma nel momento in cui lo stato non esiste piu' ... non abbiamo modo di organizzarci affinche' non esistano queste iniquita'. Fattene una ragione, e datti da fare anche in senso allargato (ie: al di fuori del tuo giardino). Non so cos'altro dirti ...

            stesso messaggio che io del web so' poco? (ma a

            sufficienza per ritrovare errori gia'

            fatti in passato in altri ambiti informatici)

            Il fatto è che non sono errori. Il fatto che
            esistano più tecnologie non è un errore, ma anzi
            il contrario.
            Il problema semmai è capire se queste tecnologie
            servano effettivamente. Non mi pare che nel web ci siano
            così tente tecnologie prevalenti. Gira e rigira
            sono sempre quelle PHP, HTML, Javascript (AJAX),
            Flash, ASP, XML. Si, forse non sono poche, ma
            ormai sono anni che sono in
            uso.Non si tratta di "capire" quale tecnologia ... anche perche' sarebbe difficile e capire a priori, e strangolare quelle "meno utili". Andando oltretutto a rischiare di strangolare una tecnologia che magari piu' avanti risulterebbe in qualcosa di prezioso. Si tratta del fatto che l'informazione e' un monopolio naturale ... e cioe' se posta sul mercato con lo stesso modo con cui commercializzi un oggetto fatto di atomi, ti fai male. Ma male male male. In particolar modo quando chi la produce e' organizzato in colossi piu' grandi della dimensione artigianle (l'informazione, sopra i 4-5 lavoratori in squadra, presenta una diseconomia di scala). ASP ad esempio ... a cosa serviva? Perche' la MS non poteva usare PHP che era gia' in uso e abbastanza maturo quando nacque ASP?

            Eh lo so, ero ingenuo. Ma chi non lo e' un po'

            soprattutto quando e' giovane?

            Tu sei sempre stato cosi' perfetto?

            Io perfetto?!! Ah ah ah, ti sei fatto un'idea
            sbagliata sul mio conto.Ti assicuro che non me ne frega niente di chi sei e come sei fatto ... mi interessa solo parlare con te.

            No, aspetta.

            Io non so quanti anni hai tu ...

            Abbastanza, da averne le palle più piene delle
            tue.
            Ma c'è un problema. Ho una famiglia da mantenere
            e non posso permettermi di fare XXXXXXX perciò mi
            tengo
            le palle piene anche perchè, come te, so fare
            solo questo e cerco di farlo bene anche a costo
            di testare 7 bowser diversi per non parlare
            dell'accessibilità. Per ora. E ripeto che se
            dovessi cambiare mestiere non aspetteri 10 anni
            per il semplice motivo che, magari a te sfugge,
            non posso permettermi di sprecare tutti quegli
            anni.Ti ripeto che ti capisco ... proprio ieri sera la mia donna mi voleva mollare perche' a 30 anni ancora non le ho conXXXXX un figlio ... ma sono dell'idea che permettersi una famiglia quando non ci sono i presupposti economici significa tagliarsi le palle da soli. Adesso che te la sei fatta, che vuoi da me? Io posso batterti una pacca sulle spalle, farti un sorriso, fare cin-cin, farci una canna insieme ... ma in definitiva: o spingi per un cambiamento, o grattatelo senza rompere a me (es: "stai zitto"). Saro' antipatico ... ma onesto.


            per quanto riguarda me invece, sono piu' per la
            teoria


            economica di Amartya Sen e Muhammad Yunus.

            Quando mi saro' stancato di stare con le mani
            in mano,


            implementero' quella ...

            Vorrà dire che ci darò un occhiata a queste
            teorie.
            Non so quando e non so come, ma forse un giorno
            ci riuscirò.E' roba facile:- Sen, "capability approach" (es: la tecnologia la scelgono SEMPRE i tecnici, non i manager);- Yunus, "microeconomia&co", le banche non devono remunerare azionisti, ma reinvestire tutto cio' che guadagnano;

            Ma no dai, non fare cosi' ...

            non mi ringraziare ... non serve!

            Era ironico.


            Quello in genere lo fa' chi preferisce
            organizzarsi in


            modo verticale rigido (es: i galoppini dei
            dittatori).

            Cosa che io non sono.
            Continui a farti un'idea sbagliata sul mio conto.


            Clicka sul mio profilo, clicka sul sito
            indicato, guarda


            il film

            Lo farò. Ora no perchè le policy aziendali non mi

            Comunque beato te che ti puoi permettere di farti
            i cazzetti tuoi.
            :)Ho sempre saputo che rosicavi ma sei persona intelligente, per questo sto spendendo tempo nel risponderti. E per questo anche io ero ironico. Ricordati di guardare il mio "film" ... 100 minuti di rompicapo ... per ora. Ma se segui il sequel presto riderai di gusto.EOF
          • Eretico scrive:
            Re: Web!? E che roba e'?

            Facile non capirSI. Codifica, protocollo,
            frequenza ... comunicare e' un lavoraccio, e
            "tromba di guerra" (cfr. S. Agostino; o anche
            rfc793, paragrafo 2.10)
            ;)Gia. Specialmodo in un forum.
            Che ci sono e' ovvio, perche' ci sono invece e'
            meno intuitivo ... e' una questione di priorita'.
            Se la priorita' e' il fatturato dell'azienda (e
            piu' in generale IL PROPRIO PROFITTO SENZA SE E
            SENZA MA), allora tante di quelle tecnologie
            esistono in virtu' di piani aziendali, piuttosto
            che in virtu' di necessita' e adozione da parte
            del personale tecnico. Tutte quelle tecnologie
            che non sono espressione di una necessita', sono
            SOLO dei costi che vengono ammortizzati per via
            finanziaria e ricicciano fuori sotto altre
            spoglie (es: guerra in iraq, il contadino
            strangolato dalla grande distribuzione
            organizzata, brevetti software, etc; fino anche
            ad arrivare alla presente "crisi", in cui l'ICT
            e' uno dei centri di costo piu' importanti).Posso essere d'accordo. Ma non penso che il web sia un'eseperienza fallimentarecome vuol far credere Cubasia visto poi la sua scarsa esperienza in merito.Mentre per le tecnolgie informatiche classiche esiste ancora una forte presenza di tecnologia dall'alto, "imposta senza se e senza ma", nel web questa cosa non la vedo così presente visto la moltitudine di materiale open source che si può reperire senza problemi. A dire il vero questo sta accadendo sempre più anche al di fuoridel web. Vedi Linux, OpenOffice, FireFox, MySQL, e molto altro. Che esulano secondo me dalla logica del profitto "senza se e senza ma". Almeno cosi sembra.
            E' altamente probabile che usiamo la stessa
            logica, ma la applichiamo ad una base dati
            diversa ... quindi si, procedendo nella
            discussione, e senza troppa voglia polemica,
            arriveremmo alle stesse conclusioni. Ed e'
            possibile esprimere questo in termini matematici.
            Ma non ci siamo ancora.Andiamo avanti. Forse non è detto che non usiamo la stessa base dati.
            Non si tratta di "capire" quale tecnologia ...
            anche perche' sarebbe difficile e capire a
            priori, e strangolare quelle "meno utili".
            Andando oltretutto a rischiare di strangolare una
            tecnologia che magari piu' avanti risulterebbe in
            qualcosa di prezioso. Si tratta del fatto che
            l'informazione e' un monopolio naturale ... e
            cioe' se posta sul mercato con lo stesso modo con
            cui commercializzi un oggetto fatto di atomi, ti
            fai male. Ma male male male. In particolar modo
            quando chi la produce e' organizzato in colossi
            piu' grandi della dimensione artigianle
            (l'informazione, sopra i 4-5 lavoratori in
            squadra, presenta una diseconomia di scala). ASP
            ad esempio ... a cosa serviva? Perche' la MS non
            poteva usare PHP che era gia' in uso e abbastanza
            maturo quando nacque ASP?Concetto chiaro. A sto punto allora mi chiedo: ma a cosa serve Windows quando c'era gia UNIX ?
            Ti ripeto che ti capisco ... proprio ieri sera la
            mia donna mi voleva mollare perche' a 30 anni
            ancora non le ho conXXXXX un figlio ... ma sono
            dell'idea che permettersi una famiglia quando non
            ci sono i presupposti economici significa
            tagliarsi le palle da soli. A trent'anni la pensavo come te. Infatti mi sono sposato a 43 e ora ho una figlia di due mesi che adoro.Il discorso economico lo abbiamo affrontato insieme e abbiamo deciso e poi ero stufo di fare il XXXXX. La vita mel sono già goduta più che ampiamente e avevo voglia di mettere su famiglia. Sono scelte.
            Adesso che te la sei fatta, che vuoi da me? Da te nulla. Ti stavo spiegando che non posso permettermi di cazzeggiare o rifiutare del lavoro e questo non significa che mi pento della scelta fatta, ma è semplicemente un dato di fatto e se un giorno ti deciderai pure tu, vedrai che anche per te sarà la stessa cosa. Le priotità cambieranno.Al centro del mondo non ci sarai più solo tu e sopratutto ti accorgerai che tu non sarai più il centro del mondo.
            Io posso batterti una
            pacca sulle spalle, farti un sorriso, fare
            cin-cin, farci una canna insieme ... Se ti va fai pure, la cosa non mi da fastidio...
            ma in
            definitiva: o spingi per un cambiamento, o
            grattatelo senza rompere a me (es: "stai zitto").Be non è che ti eri espresso molto bene sinceramente.
            Saro' antipatico ... ma onesto.No, non sei antipatico ora che cominciamo a chiarici.Certo che se invece di fare dei giri di parole astrusi, andassi dritto al problema...
          • mik.fp scrive:
            Re: Web!? E che roba e'?
            - Scritto da: Eretico

            del personale tecnico. Tutte quelle tecnologie

            che non sono espressione di una necessita', sono

            SOLO dei costi che vengono ammortizzati per via

            finanziaria e ricicciano fuori sotto altre

            spoglie (es: guerra in iraq, il contadino

            strangolato dalla grande distribuzione

            organizzata, brevetti software, etc; fino anche

            ad arrivare alla presente "crisi", in cui l'ICT

            e' uno dei centri di costo piu' importanti).

            Posso essere d'accordo. Ma non penso che il web
            sia un'eseperienza fallimentare
            come vuol far credere Cubasia visto poi la sua
            scarsa esperienza in merito.Non ha detto che e' fallimentare; a me sembra che abbia posto dei dubbi ... nel titolo c'e' un punto interrogativo ... altre domande sono sollevate piu' o meno esplicitamente. Non mi sembra insomma ci sia intento di far credere. Pero' i suoi dubbi sono quantomeno fondati, quantomeno condivisi (io sono un esempio).Non dico che il web sia totalmente fallimentare; dico che e' un po' troppo "gonfio di costi", che "guarda caso" sono quasi esclusivamente dovuti alla presenza di tecnologie inutili spacciate da entita' commerciali. Le tecnologie invece promosse dal mondo accademico, sono quelle piu' solide. Ci sara' un perche', non credi? (ovviamente e' un discorso generale che ha le sue eccezioni; ma non e' possibile/utile fare qui una analisi dettagliata; l'articolo dovrebbe essere solo uno spunto, un invito ad indagare personalmente se questa visione delle cose e' fondata o no, e eventualmente quanto lo e')
            Mentre per le tecnolgie informatiche classiche
            esiste ancora una forte presenza di tecnologia
            dall'alto, "imposta senza se e senza ma", nel web
            questa cosa non la vedo così presente visto la
            moltitudine di materiale open source che si può
            reperire senza problemi. A dire il vero questo
            sta accadendo sempre più anche al di fuori
            del web. Vedi Linux, OpenOffice, FireFox, MySQL,
            e molto altro. Che esulano secondo me dalla
            logica del profitto "senza se e senza ma". Almeno
            cosi sembra.Da come l'hai posta sembra che non hai tenuto in considerazione la freccia del tempo, e quindi i rapporti di causalita'. Se trovi materiale web a disposizione e' perche' esiste linux, oo, ff, mysql, php, perl, etc; non il contrario. E a loro volta e' perche' esistevano i protocolli di rete aperti, e le infrastrutture di tlc distribuite. Vedilo come su un gant dove le tre componenti si evolvono in parziale sovrapposizione ... e fai caso al fatto che trovi una marea di software web in PHP, ma molto di meno in ASP.Se poi vogliamo andare a guardare bene, scopriremo che prima del PC addirittura le banche collaboravano tra di loro per dividere i costi di sviluppo del software. Consce cioe' del fatto che sarebbe stato un costo insostenibile farlo da se; soprattutto visto e considerato che l'informazione ha un costo che cresce al crescere della complessita' (e quindi in genere "nel tempo"), e quindi ha bisogno di un mercato sempre piu' ampio per essere ripagato.E cioe' l'apertura della tecnologia e' conditio sine qua non c'e' benecifio dall'ICT. Le tecnologie chiuse non fanno altro che esternalizzare i costi di chi ne trae profitto. A meno che non si prenda atto del fatto che sono un monopolio naturale, e quindi vengano remunerate in modo diverso ("dallo Stato", ma senza l'attuale concentrazione e successiva redistribuzione!).

            qualcosa di prezioso. Si tratta del fatto che

            l'informazione e' un monopolio naturale ... e

            cioe' se posta sul mercato con lo stesso modo
            con

            cui commercializzi un oggetto fatto di atomi, ti

            fai male. Ma male male male. In particolar modo

            quando chi la produce e' organizzato in colossi

            piu' grandi della dimensione artigianle

            (l'informazione, sopra i 4-5 lavoratori in

            squadra, presenta una diseconomia di scala).

            Concetto chiaro. A sto punto allora mi chiedo: ma
            a cosa serve Windows quando c'era gia UNIX
            ?Li' c'e' stata una leggerezza da una parte, e opportunismo sfrenato dall'altra, da parte dei giovani dell'epoca (Stallman, Woz&Jobs, Gates). Da una parte hanno sottovalutato l'importanza delle interfacce grafiche ... un tecnico non ne ha bisogno ... un utente si. Su questo si sono aggiunte necessita' industriali e macroeconomiche che qualcuno ha sfruttato, qualcun altro no. Rimane pero' il fatto che se "vai industriale" aumenti la complessita', produci diseconomie di scala che poi, fra l'altro, diventando rendite di posizione diventano anche una piaga costante nel tempo, etc. Se invece sviluppi (anche) l'interfaccia in modo aperto ... e' il liberismo economico (Il Manager) che non funge ... non l'ict.

            Ti ripeto che ti capisco ... proprio ieri sera la

            mia donna mi voleva mollare perche' a 30 anni

            ancora non le ho conXXXXX un figlio ... ma sono

            dell'idea che permettersi una famiglia quando non

            ci sono i presupposti economici significa

            tagliarsi le palle da soli.

            A trent'anni la pensavo come te.
            Sono scelte.Sacrosante, fisiologiche, belle; aggiungerei. Pero' inutile che spieghi a me che non puoi permetterti di cazzeggiare ... lo so gia'. Forse dovresti piuttosto spiegartelo da solo un'altra volta ... perche' qualche messaggio fa hai detto che ne hai le palle piene, e di certo non per tua figlia che anzi e' un formidabile incentivo a stringere i denti.

            ma in

            definitiva: o spingi per un cambiamento, o

            grattatelo senza rompere a me (es: "stai
            zitto").

            Be non è che ti eri espresso molto bene
            sinceramente.Guarda, non metto in dubbio che potrei essere uno dei peggiori divulgatori che si sono visti nella storia dell'uomo ... ogni volta che mi e' presa la voglia di scrivere un articolo e mandarlo a PI, mi sudavano le mani ... lo percepisco come un impegno enorme prendere la parola ... pero' come ho cercato e studiato io queste cose, potresti farlo anche tu. Al di la' cioe' di quanto mi sia espresso male, io metto appositamente dei riferimenti in cio' che scrivo (nomi, eventi storici, date, etc) affinche' chiunque possa andare a studiarsi le cose. Comprendo che non ce n'e' il tempo ...

            Saro' antipatico ... ma onesto.

            No, non sei antipatico ora che cominciamo a
            chiarici.
            Certo che se invece di fare dei giri di parole
            astrusi, andassi dritto al
            problema...... ma non esiste Il Problema. Le dinamiche infoeconomiche sono pervasive. Toccano tutta una serie di questioni che prescindono dal singolo approccio tecnico monotematico, si devono vedere nel tempo, e arrivano finanche li' dove non abbiamo visibilita' alcuna (es: morte). Se cioe' cerchi chiarezza come se stessi scorrendo il codice di un software, non la troverai mai.
          • Eretico scrive:
            Re: Web!? E che roba e'?
            Dimenticavo...
            - Sen, "capability approach" (es: la tecnologia la
            scelgono SEMPRE i tecnici, non i manager);Ma magari. MAGARI FOSSE COSI' !!!
            - Yunus, "microeconomia&co", le banche non devono
            remunerare azionisti, ma reinvestire tutto cio' che
            guadagnano;Ma ri-magari...
          • mik.fp scrive:
            Re: Web!? E che roba e'?
            - Scritto da: Eretico
            Dimenticavo...


            - Sen, "capability approach" (es: la tecnologia
            la


            scelgono SEMPRE i tecnici, non i manager);

            Ma magari. MAGARI FOSSE COSI' !!!Tsk, tsk ... e' proprio questo il punto. Le cose non accadono da sole ... non basta che ti fai rodere il XXXX con un buffone che ti sfotte su un forum ...

            - Yunus, "microeconomia&co", le banche non
            devono


            remunerare azionisti, ma reinvestire tutto cio'
            che


            guadagnano;

            Ma ri-magari...Noneeeeee... no "magari". Fallo. Perche' qualcun altro dovrebbe farlo al posto tuo? Le uniche facilities necessariamente da condividere sono:- fiducia nell'uomo/uomini;- identita';- moneta;- protocolli tecnici di rete;- norme generali e astratte, meno possibile.E sono tutte entita' al 100% informative. Ovvero tutte entita' che ti puoi scegliere: oggi sei in "stato[italia]+banche[bce]", domani puoi essere in "stato[eretico]+banca[eretica]". Tecnicamente e' gia' possibile. Manca solo il tempo necessario a rendersene conto ...
          • Eretico scrive:
            Re: Web!? E che roba e'?
            - Scritto da: mik.fp
            - Scritto da: Eretico

            Dimenticavo...




            - Sen, "capability approach" (es: la
            tecnologia

            la




            scelgono SEMPRE i tecnici, non i manager);



            Ma magari. MAGARI FOSSE COSI' !!!

            Tsk, tsk ... e' proprio questo il punto. Le cose
            non accadono da sole ... non basta che ti fai
            rodere il XXXX con un buffone che ti sfotte su un
            forum ...Be di sicuro ne io ne te abbiamo il potere di farlo accadere e di sicuro non schioccando le dita. Questo è certo. Belle parole, belle idee, belle utopie, ma poi...L'unica speranza, forse, è questa crisi. Bisognerebbe distruggere tutto e rifare tutto. Forse allora, ma solo allora ci potrebbero implementare queste idee. Ma con la situazione attuale non vai da nessuna parte.


            - Yunus, "microeconomia&co", le banche non

            devono




            remunerare azionisti, ma reinvestire tutto
            cio'

            che




            guadagnano;



            Ma ri-magari...

            Noneeeeee... no "magari". Fallo. Perche' qualcun
            altro dovrebbe farlo al posto tuo? Le uniche
            facilities necessariamente da condividere
            sono:
            - fiducia nell'uomo/uomini;
            - identita';
            - moneta;
            - protocolli tecnici di rete;
            - norme generali e astratte, meno possibile.

            E sono tutte entita' al 100% informative. Ovvero
            tutte entita' che ti puoi scegliere: oggi sei in
            "stato[italia]+banche[bce]", domani puoi essere
            in "stato[eretico]+banca[eretica]". Tecnicamente
            e' gia' possibile. Manca solo il tempo necessario
            a rendersene conto
            ...E certo. Fallo. Con cosa, la bacchetta magica ?!!La fai semplice tu...
          • mik.fp scrive:
            Re: Web!? E che roba e'?
            - Scritto da: Eretico
            - Scritto da: mik.fp

            - Scritto da: Eretico


            Dimenticavo...






            - Sen, "capability approach" (es: la

            tecnologia


            la






            scelgono SEMPRE i tecnici, non i manager);





            Ma magari. MAGARI FOSSE COSI' !!!



            Tsk, tsk ... e' proprio questo il punto. Le cose

            non accadono da sole ... non basta che ti fai

            rodere il XXXX con un buffone che ti sfotte su
            un

            forum ...

            Be di sicuro ne io ne te abbiamo il potere di
            farlo accadere e di sicuro non schioccando le
            dita. Questo è certo. Belle parole, belle idee,
            belle utopie, ma
            poi...Ah no?Chi lavora? I numeri dicono che il 78% della popolazione e' un dipendente pubblico/privato.Chi consuma? Sempre gli stessi qui sopra ...Chi vota? Sempre gli stessi qui sopra ...E cambiare le regole a contorno a quel 78% non cambia niente; e neanche ai piccoli imprenditori (max. 4-5 dipendenti); e neanche ai professionisti che fanno il loro lavoro (ie: non parlo dei professionisti che si sono riciclati in politica o altro).E l'unico cambiamento possibile e' l'insieme di studi, teorie, ed esempi, che vedi agli spettacoli di Grillo dalla seconda meta' degli anni '90. Ma lascia stare Grillo; non ti deve piacere per forza. E' che proprio non c'e' altro modo di rattoppare l'esistente in cui sguazza l'intera generazione politica attuale ... di quella roba si salvano soltanto i primi 30 articoli circa della Costituzione, che nemmeno hanno scritto loro ... e' che proprio, o coniughi tutta quella roba che Grillo ha sfruttato per tornare alla ribalta, o puoi continuare a lavorare per farti schiantare insieme ai ladri che stanno guidando la barca; subisci il cambiamento passivo come se ti avessero legato a pi-greco-mezzi con un paio di manette e una fibbia di pelle nera a tapparti la bocca ...
            L'unica speranza, forse, è questa crisi.Touche' ... sempre che non ti fai imbambolare dagli articoli che periodicamente ti dicono "tra 1 anno, tutto a posto" ... e dopo un anno: "tra un anno tutto a posto". Dipende sostanzialmente se sei uno a cui tremano le gambe oppure no.Se ti tremano le gambe hai paura, ti accontenti della bugia su RepubblicaCorriereStampaGiornale per non averne. E cosi' gli anni passano senza che tu muova un dito.
            Bisognerebbe distruggere tutto e rifare tutto.Non serve! Perche' distruggere!? Abbiamo Il Grande Verbale! Tutto quello che abbiamo fatto negli ultimi 10 anni e' memorizzato sui media e sul web. Un amico nel 1999 si e' backuppato la borsa italiana ... in linea di massima basta prendere quel backup, studiarlo, decidere a tavolino chi paga, e se e' gia' morto far pagare i suoi figli. Non servono mica pene corporali ... oddio ... fino a 3 secoli fa si faceva con le pietre della vergogna (chi non pagava veniva sbattuto, nudo, su una pietra, in piazza, mentre i suoi beni venivano messi all'asta) ... ma oggi possiamo accontentarci dei loro beni, non credi?
            Forse allora, ma solo allora ci potrebbero
            implementare queste idee. Ma con la situazione
            attuale non vai da nessuna
            parte.Tu dici? Non e' magari che gli italiani sono piu' svegli di quello che sembra da tv e giornali?



            - Yunus, "microeconomia&co", le banche non


            devono






            remunerare azionisti, ma reinvestire tutto

            cio'


            che






            guadagnano;





            Ma ri-magari...



            Noneeeeee... no "magari". Fallo. Perche' qualcun

            altro dovrebbe farlo al posto tuo? Le uniche

            facilities necessariamente da condividere

            sono:

            - fiducia nell'uomo/uomini;

            - identita';

            - moneta;

            - protocolli tecnici di rete;

            - norme generali e astratte, meno possibile.



            E sono tutte entita' al 100% informative. Ovvero

            tutte entita' che ti puoi scegliere: oggi sei in

            "stato[italia]+banche[bce]", domani puoi essere

            in "stato[eretico]+banca[eretica]". Tecnicamente

            e' gia' possibile. Manca solo il tempo
            necessario

            a rendersene conto

            ...

            E certo. Fallo. Con cosa, la bacchetta magica ?!!
            La fai semplice tu...Io!? Sei un informatico giusto? Allora se ti guardassi attorno scopriresti che esistono gia' strumenti identificativi (gpg, rsa, etc), finanziari (MS, Google, Facebook hanno iniziato da poco; ma c'e' ad esempio anche Ripple), e piu' in generale una pletora di protocolli di routing le cui implementazioni funzionano piu' o meno bene ... anche l'hw c'e' ... e, "guarda caso", anche tantissime associazioni no-profit con oggetti sociali che "ari-guarda caso" troverebbero concretizzazione in quella alternativa socio-economica ... ci sono. Insomma: altri si stanno gia' portando avanti col lavoro ...Manca solo che tu metta le mani in pasta nell'attivita' che ti sembra piu' concreta e attinente ai tuoi interessi. Se risparmi tempo nel seguire, ad esempio, la politica nazionale (che non serve a niente; l'informazione, AGCOM, e' gia' in mano europea da un decennio! L'economia cioe' e' determinata altrove, non dai nostri buffoni televisivi!); ne ottieni per fare qualcosa di concreto.ciaomfp
          • max scrive:
            Re: Web!? E che roba e'?
            - Scritto da: mik.fp
            sono dell'idea che permettersi una famiglia quando non
            ci sono i presupposti economici significa
            tagliarsi le palle da soli. Ma non eri quello che deve lavorare solo un mese all'anno
          • mik.fp scrive:
            Re: Web!? E che roba e'?
            - Scritto da: max
            - Scritto da: mik.fp


            sono dell'idea che permettersi una famiglia
            quando
            non

            ci sono i presupposti economici significa

            tagliarsi le palle da soli.


            Ma non eri quello che deve lavorare solo un mese
            all'annoCerto. Per me, e senza fare chissa' cosa, basta ... per un figlio no, e non ho idea di come comprarmi casa senza dare il XXXX a quei signori che prestano foglietti colorati comunemente detti "soldi" (gli strozzini, quelli! Proprio quelli!) ... pero' mi piacerebbe poter mettere su famiglia. E non lo posso fare con queste regole a contorno. E' da irresponsabili. Un conto e' cio' che vorrei, un conto cio' che e' possibile; io prima di fare qualcosa, di cosi' importante poi figuriamoci, controllo che le due cose si possano coniugare (magari non cerco la precisione assoluta perche' il futuro non si sa mai cosa ti riserva; ma almeno le regole sistemiche devono quadrare!) ... qualcun altro invece si permette quei lussi senza controllare l'implementabilita' tecnica, e poi piagne da Papa' (papa, politico, Kattivo Immaginario che sia) ...
  • z f k scrive:
    KISS
    Se si e' passati dalle maschere sui terminali a caratteri all'interfaccia grafica, un motivo ci sara': alla fin fine siamo sempre li': inserire dati, estrarre dati, analizzare dati.Leggendo l'articolo, la vocina paranoica strillava isterica "Marketta!! Markettaaaaa!" per poi proseguire con "dotnet! citrix!".E' qui che voleva portaci, l'autore?CYA
  • MeX scrive:
    oddio...
    questo articolo é davvero allucinante! Potrebbe averlo scritto qualsiasi troll del forum di PIMa davvero questi sono "gli espertoni" in Italia? DIO MIO!
  • sorcio scrive:
    Standarizzazione Web
    "se questo diventerà realtà in che cosa saranno differenti i nuovi "Standard Browser"? In due sole cose, IMHO: velocità d'esecuzione e risorse necessarie."IMHO no, perché browser != layout engine, se no non ci sarebbe alcuna differenza fra Firefox e K-Meleon. Non è neanche questione di motore JS.Opera, pur rispettando gli standard, è stata fra i primi ad introdurre i tab, mouse gestures, download manager con resume, session saver, popup-blocking, rimozione dati sensibili, ... è anche un client email, feeds RSS, e un sacco di altre cose; ha perfino il controllo vocale. Firefox ha un comodo sistema per le estensioni. Anche Chrome non si differenzia solo per velocità e risorse. Adesso anche IE 8 prova ad introdurre qualcosa di nuovo, come le "web slices". Poi c'è il sandboxing, la modalità incognito...Ma anche gli stessi motori possono introdurre caratteristiche peculiari: full page zoom (Elektra, Opera), fit to window (Presto, Opera), text-area resizing (Webkit), ...E gli standard Web non sono mica fermi: ad esempio di HTML è in arrivo la versione 5, di CSS la 3. Poi c'è il supporto alle feature di PNG, APNG, SVG...Diciamo la verità: quello che ha tirato il freno a mano allo sviluppo per 10 anni è stato IE 6.
  • Batman scrive:
    Ma povero Cubasia
    Ma che v'ha fatto di male, povero Cubasia? Non dice cose così terribili. Secondo me dipende solo dalla foto in cima all'articolo che predispone male. Basta cambiarla. Perché lì sembra una delle matricole che cercano di entrare all'elitario gruppo Omega all'inizio di Animal House. C'è il cieco, l'indiano, il sikh... e Cubasia!
    • supervacuum scrive:
      Re: Ma povero Cubasia
      Seriamente, stai dando del saggio a Cubasia?
      • a n o n i m o scrive:
        Re: Ma povero Cubasia
        - Scritto da: supervacuum
        Seriamente, stai dando del saggio a Cubasia?no, sto dando dell'arrogante a chi commenta senza aver capito di cosa si parla.
        • gabriella giudici scrive:
          Re: Ma povero Cubasia
          Vedi come la rete anarchica distrugge il principio d'autorità? ce l'avessero avuta gli scolastici non sarebbe passato alla storia l'ipse dixit
        • sorcio scrive:
          Re: Ma povero Cubasia
          E allora cosa bisognerebbe dire di chi non ha capito il commento? :P
          • a n o n i m o scrive:
            Re: Ma povero Cubasia
            - Scritto da: sorcio
            E allora cosa bisognerebbe dire di chi non ha
            capito il commento?
            :Pdi passare a cose più semplici.per esempio in edicola vendono molti libri da colorare, in alcuni di questi ci sono disegnati perfino dei computer...a volte anche dei mouse.
          • sorcio scrive:
            Re: Ma povero Cubasia
            - Scritto da: a n o n i m o
            - Scritto da: sorcio

            E allora cosa bisognerebbe dire di chi non ha

            capito il commento?

            :P

            di passare a cose più semplici.
            per esempio in edicola vendono molti libri da
            colorare, in alcuni di questi ci sono disegnati
            perfino dei computer...a volte anche dei
            mouse.Bravo allora mettilo in pratica e corri in edicola.
          • a n o n i m o scrive:
            Re: Ma povero Cubasia
            - Scritto da: sorcio
            - Scritto da: a n o n i m o

            - Scritto da: sorcio


            E allora cosa bisognerebbe dire di chi non ha


            capito il commento?


            :P



            di passare a cose più semplici.

            per esempio in edicola vendono molti libri da

            colorare, in alcuni di questi ci sono disegnati

            perfino dei computer...a volte anche dei

            mouse.

            Bravo allora mettilo in pratica e corri in
            edicola.non posso, son troppo impegnato a indicarvi la luna (per giunta col dito che meno immaginate) 8)
          • supervacuum scrive:
            Re: Ma povero Cubasia
            dai, lascialo perdere, è un troll come Cubasia.
          • a n o n i m o scrive:
            Re: Ma povero Cubasia
            - Scritto da: supervacuum
            dai, lascialo perdere, è un troll come Cubasia.vien da chiedersi quale contributo hai portato tu alla discussione...osserviamo i fatti: hai fatto un post con un bell'elenco delle imprecisioni riguardo ad hw e compilatori dell'articolo del cubasia (come se fosse quello il punto del discorso - favolosa la bacchettata dui "terminali 3270", davvero utile), un pippotto su java con morale finale sul fatto che tutti non capiscono niente (tu si invece?) e stop.la cosa divertente è che nel tuo post moralista hai detto cose sostanzialmente molto, e nemmeno te ne sei reso conto :)
          • supervacuum scrive:
            Re: Ma povero Cubasia
            Direi che ho contestato punto su punto quello che dice Cubasia. È un articolo dove ha dimostrato di non sapere di cosa parla, senza capo nè coda, come tutti i suoi precedenti contributi.
          • a n o n i m o scrive:
            Re: Ma povero Cubasia
            - Scritto da: supervacuum
            Direi che ho contestato punto su punto quello che
            dice Cubasia.io invece direi che non è affatto vero, ti sei limitato a "correggere" delle imprecisioni di secondario livello, senza fermarti a capirne il contesto.
            È un articolo dove ha dimostrato di
            non sapere di cosa parla, senza capo nè coda,questo non è vero.se non hai saputo capirlo è un problema di comprensione o di metodo....per caso sei un ingegnere? :)
            come tutti i suoi precedenti
            contributi. ah ecco perchè! mi spiace ma se parti prevenuto le tue conclusioni non potranno che essere a senso unico, sostanzialmente in pratica non sei obbiettivo e me lo confermi.
          • supervacuum scrive:
            Re: Ma povero Cubasia
            Ti ho risposto quello che sto per scrivere un un altro thread; scusate per il double posting.Quello che Cubasia non percepisce è che Internet ed il web sono spazi aperti. Le tecnologie nascono, si affermano o falliscono ed infine cadono in obsolescenza.Il web è inoltre basato su tecnologie aperte; trovo solamente naturale il profilerare di browsers e altre tecnologie. Le incompatibilità sono a volte determinate da ottuse velleità proprietarie (cfr. Microsoft) a volte da errate interpretazioni delle specifiche, a volte da semplici bug.Cosa c'è di strano in tutto questo? Se ci dovessimo fermare staremmo ancora a lynx, gopher e vi. O forse al CPM/80. Secondo te ha senso?Secondo me ognuno usa la combinazione di tecnologie che ottimizza i costi e i tempi di sviluppo sulla base di ciò che la propria applicazione deve fare.Fare partire lo sviluppo di una applicazione partendo da quale tecnologia utilizzare è solo sbagliato. Ma se l'unica scelta possibile è quella di usare il browser, ben vengano gli sforzi per rendere l'applicazione la più compatibile possibile. Fino a che un browser/tecnologia sarà armonizzata.
          • a n o n i m o scrive:
            Re: Ma povero Cubasia
            - Scritto da: supervacuum
            Ti ho risposto quello che sto per scrivere un un
            altro thread; scusate per il double
            posting.

            Quello che Cubasia non percepisce è che Internet
            ed il web sono spazi aperti. Le tecnologie
            nascono, si affermano o falliscono ed infine
            cadono in
            obsolescenza.

            Il web è inoltre basato su tecnologie aperte;
            trovo solamente naturale il profilerare di
            browsers e altre tecnologie. Le incompatibilità
            sono a volte determinate da ottuse velleità
            proprietarie (cfr. Microsoft) a volte da errate
            interpretazioni delle specifiche, a volte da
            semplici
            bug.

            Cosa c'è di strano in tutto questo? Se ci
            dovessimo fermare staremmo ancora a lynx, gopher
            e vi. O forse al CPM/80. Secondo te ha
            senso?
            oddio, secondo me molte tecnologie buone finiscono nel cestino perchè boicottate o perchè fortemente anacronistiche (troppo moderne)...ad esempio gopher, mai provato ad usarlo? quel coso è eccellente, la maggiorpare dei siti potrebbe essere tranquillamente sostituita da gopher...perchè non si è potenziato il gopher?
            Secondo me ognuno usa la combinazione di
            tecnologie che ottimizza i costi e i tempi di
            sviluppo sulla base di ciò che la propria
            applicazione deve
            fare.col rischio di reinventare la ruota però...
            Fare partire lo sviluppo di una applicazione
            partendo da quale tecnologia utilizzare è solo
            sbagliato. Ma se l'unica scelta possibile è
            quella di usare il browser, ben vengano gli
            sforzi per rendere l'applicazione la più
            compatibile possibile. Fino a che un
            browser/tecnologia sarà
            armonizzata.
          • supervacuum scrive:
            Re: Ma povero Cubasia
            Aggiungo un dettaglio: quello che mi irrita di Cubasia è che sta millantando esperienze che non ha o che ha toccato molto in superficie. Lo si capisce chiaramente dalla proprietà dei termini e dalle inesattezze del testo.Nonostante ciò ci fa la sua paternale su ruoli professionali che non ha mai coperto (project manager, analista) e ci da la sua visione (miope) sulle tecnologie attuali.Io non ci provo neanche per il semplice motivo che quando sei in "trincea" sai quanto è dura e quanto le cose non siano così semplici come le vuole fare apparire; mi permetto quindi di osservare le inesattezze quando scrive su un forum pubblico.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 03 aprile 2009 12.49-----------------------------------------------------------
          • a n o n i m o scrive:
            Re: Ma povero Cubasia
            Modificato dall' autore il 03 aprile 2009 12.49
            --------------------------------------------------ah ecco, ne avevo l'impressione infatti...in pratica tu contesti cubasia e non quello che scrive (che diventa mero tramite per le tue lamentele, in pratica se parlasse di nuvole colorate e campi fioriti tu avresti da ridire lo stesso);sostanzialmente giudichi il messaggero e non il messaggio... :scomplimenti a te, se non altro sei onesto ad ammetterlo.
          • supervacuum scrive:
            Re: Ma povero Cubasia
            Riguardo a Cubasia hai ragione. Non ha la mia stima professionale. Sempre pronto a ricredermi, quando leggerò un contenuto obbiettivo e corretto tecnicamente.Per il resto, leggi il mio post sopra, in risposta a te.
    • sorcio scrive:
      Re: Ma povero Cubasia
      - Scritto da: a n o n i m o
      - Scritto da: sorcio
      quelle che a te sembrano fantasia ad altri
      possono sembrare cose perfettamente sensate, ci
      hai
      pensato?Quelle che per ora sono fantasie un giorno potrebbero non esserlo più, ci hai mai pensato? ;)
      occhio a ridere delle unghie sporche del saggio,
      perchè magari ti sta indicando la
      luna...Appunto, occhio a dove guardi ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma povero Cubasia
        - Scritto da: sorcio
        - Scritto da: a n o n i m o

        - Scritto da: sorcio

        quelle che a te sembrano fantasia ad altri

        possono sembrare cose perfettamente sensate, ci

        hai

        pensato?

        Quelle che per ora sono fantasie un giorno
        potrebbero non esserlo più, ci hai mai pensato?
        ;)


        occhio a ridere delle unghie sporche del saggio,

        perchè magari ti sta indicando la

        luna...

        Appunto, occhio a dove guardi ;)ovviamente, però per il tipo di applicazioni utilizzate normalmente lo sono.
  • supervacuum scrive:
    Questa volta ci provo...
    Cominciamo con ordine:1) Se Cubasia avesse davvero lavorato con il CICS e il TSO avrebbe chiamato i terminali "terminali 3270"; 2) Saprebbe che occorre ricompilare anche sui mainframe (differenti versioni dello z/OS, del DB2, del CICS, del Language Environment), non senza problemi di compilazione ed incompatibilità a runtime;3) Se Cubasia avesse lavorato su progetti client-server Java saprebbe che dal 2001 esiste Java Web Start e che prima di esso esistevano già soluzioni di delivery come Tivoli o UniCenter;3) Se Cubasia avesse un minimo di background di sviluppo software saprebbe che i memory leaks esistono in C, C++, Java e anche in Javascript. AJAX non è quindi l'unico da condannare;4) Nonostante possa concordare che ci siano tante incompatibilità sul web, mi preme ricordare cheLe incompatibilità ci sono anche tra diverse configurazioni dello stesso sistema operativo (driver database, driver stampanti, ecc) e tra diverse versioni di un sistema operativo; a volte ricordo con piacere le incompatibilità anche con un sistema operativo semplice come il DOS, quando girare un software con QEMM386 non era la stessa cosa che girarlo con MemoryMax (differente implementazione delle specifiche LIM EMS 4.0)La risposta a questo articolo? Superficiale, scorretto a livello temporale e non aggiunge niente di nuovo: che ci sono tante tecnologie diverse sul web (concorrenza e normale evoluzione); che per creare software robusti occorre spendere tempo e denaro; che lo sviluppatore italiano medio lavora il doppio per coprire scelte architettoniche sbagliate. Insomma, il solito Cubasia.
    • ilkapo scrive:
      Re: Questa volta ci provo...
      Lo sviluppatore italiano medio è uguale a tutti gli altri sviluppatori medi, in genere il livello è scarso a livello globale.
    • The Punisher scrive:
      Re: Questa volta ci provo...
      - Scritto da: supervacuum
      Cominciamo con ordine:

      1) Se Cubasia avesse davvero lavorato con il CICS
      e il TSO avrebbe chiamato i terminali "terminali
      3270";STRAQUOTO! (anche se ero piu' da 5250)
      2)Quoto
      3)Ni, sia Tivoli che Unicenter erano Madonne volanti configurarli come Cristo comanda, un buon 90% delle volte erano configurati a pene di segugio ed allora le Madonne si moltiplicavano esponenzialmente.
      La risposta a questo articolo? Superficiale,
      scorretto a livello temporale e non aggiunge
      niente di nuovoQuoto
      che per creare software robusti
      occorre spendere tempo e denaro; che lo
      sviluppatore italiano medio lavora il doppio per
      coprire scelte architettoniche sbagliate.Ed anche qui non posso che quotarti anche se posso garantirti che pure all'estero non si scherza (la differenza e' che qui lo sbattimento aggiuntivo viene riconosciuto).
  • anonimo scrive:
    Evita articoli su cui non hai competenza
    Ecco, non le hai usate spesso, quindi forse scrivere questi articoli non è molto furbo.Certo, se fai l'applicazioncina per l'ufficio di 10 persone allora ok, ci posso anche stare.Io sviluppo applicazioni intranet, usate a volte anche da migliaia di utenti contemporaneamente e nonostante io odii profondamente le interfacce web venendo da un mondo client mi sono dovuto arrendere all'evidenza:spesso è l'unica. Stabilità, sicurezza, nessun problema di compatibilità ed aggiornamenti istantanei. Chiunque lavora su grossi progetti dirà che hai detto la più grossa "str.. da quando l'uomo inventò il cavallo".Lavorare sulle interfacce web è di fatto semplice, ci sono figure professionali che poi ti riescono a creare capolavori. Ajax poi, usarlo è veramente semplice e far mangiare la RAM al browser significa non saper lavorare.I test poi... ma cosa dici?Sul mio PC ho IE6,7, Firefox e Safari. Se una pagina gira su questi 4 sto tranquillo. Ci sono oltre 1200 postazioni: pensi siano tutte uguali? E che succede se mi accorgo che un comando non funziona? 20 uomini dell'help desk con la sirena e tutti fermi? Magari solo perchè mancava un nome su un campo? Cubasia, CubasiaStavola l'hai sparata veramente grossa.
    • Wolf01 scrive:
      Re: Evita articoli su cui non hai competenza
      Bhe, tu la fai più facile di lui...
    • Massimilian o scrive:
      Re: Evita articoli su cui non hai competenza
      Questa volta hai toppato!!! Sono anni che lavoro sul web, e realizzo CRM e gestionali web based, basati su ajax, javascript, json etc. Le prestazioni sono notevolmente più veloci, NON SUCCHIANO memoria come dici tu e soprattutto sono ACCESSIBILI da tutto il mondo.Quindi i signori di google sono tutti scemi?!?!? (vedi l'excel, il word sviluppato da google)..Se dobbiamo fare articoli tanto per farli.....
      • a n o n i m o scrive:
        Re: Evita articoli su cui non hai competenza
        - Scritto da: Massimilian o
        Questa volta hai toppato!!! Sono anni che lavoro
        sul web, e realizzo CRM e gestionali web based,
        basati su ajax, javascript, json etc. Le
        prestazioni sono notevolmente più veloci, NON
        SUCCHIANO memoria come dici tu e soprattutto sono
        ACCESSIBILI da tutto il
        mondo.
        Quindi i signori di google sono tutti scemi?!?!?
        (vedi l'excel, il word sviluppato da
        google)..
        Se dobbiamo fare articoli tanto per farli.....io da lynx non li vedo.sono sotto l'1% di diffusione mondiale? non importa, è l'eccezzione che conferma l'esistenza del problema.
        • flamer scrive:
          Re: Evita articoli su cui non hai competenza
          - Scritto da: a n o n i m o
          - Scritto da: Massimilian o

          Questa volta hai toppato!!! Sono anni che lavoro

          sul web, e realizzo CRM e gestionali web based,

          basati su ajax, javascript, json etc. Le

          prestazioni sono notevolmente più veloci, NON

          SUCCHIANO memoria come dici tu e soprattutto
          sono

          ACCESSIBILI da tutto il

          mondo.

          Quindi i signori di google sono tutti scemi?!?!?

          (vedi l'excel, il word sviluppato da

          google)..

          Se dobbiamo fare articoli tanto per farli.....

          io da lynx non li vedo.
          sono sotto l'1% di diffusione mondiale? non
          importa, è l'eccezzione che conferma l'esistenzaEccezione, con una "zeta" sola. Povero italiano...
          del
          problema.
          • a n o n i m o scrive:
            Re: Evita articoli su cui non hai competenza
            - Scritto da: flamer
            - Scritto da: a n o n i m o

            - Scritto da: Massimilian o


            Questa volta hai toppato!!! Sono anni che
            lavoro


            sul web, e realizzo CRM e gestionali web
            based,


            basati su ajax, javascript, json etc. Le


            prestazioni sono notevolmente più veloci, NON


            SUCCHIANO memoria come dici tu e soprattutto

            sono


            ACCESSIBILI da tutto il


            mondo.


            Quindi i signori di google sono tutti
            scemi?!?!?


            (vedi l'excel, il word sviluppato da


            google)..


            Se dobbiamo fare articoli tanto per farli.....



            io da lynx non li vedo.

            sono sotto l'1% di diffusione mondiale? non

            importa, è l'eccezzione che conferma l'esistenza

            Eccezione, con una "zeta" sola. Povero italiano...


            del

            problema.Grazie, le faremo sapere per quel posto di direttore linguistico.Avanti il prossimo.
          • Paolo scrive:
            Re: Evita articoli su cui non hai competenza
            Che cosa sarebbe un direttore linguistico? Forse faresti meglio a cercare un maestro elementare.
          • a n o n i m o scrive:
            Re: Evita articoli su cui non hai competenza
            - Scritto da: Paolo
            Che cosa sarebbe un direttore linguistico? Forse
            faresti meglio a cercare un maestro
            elementare.Non, non abbiamo bisogno di Delucidatori d'Ovvio, mi spiace ma provi a passare in mensa che forse un posto come lavapiatti lo trova.Avanti il prossimo.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 03 aprile 2009 12.03-----------------------------------------------------------
          • Paolo scrive:
            Re: Evita articoli su cui non hai competenza
            Che hai contro i lavapiatti? Ti senti superiore per qualche ragione (magari per la superiore dimestichezza con la lingua italiana)?
          • a n o n i m o scrive:
            Re: Evita articoli su cui non hai competenza
            - Scritto da: Paolo
            Che hai contro i lavapiatti? Ti senti superiore
            per qualche ragione (magari per la superiore
            dimestichezza con la lingua
            italiana)?Ma figuriamoci, non ho nulla contro i lavapiatti, anche se possono essere ormai sostituiti da una macchina, ma è la direzione che decide chi assumere o no, quindi la prego di non insistere che io non posso fare nulla per lei e la sua situazione.Arrivederci, comunque le faremo sapere. :)
          • Paolo scrive:
            Re: Evita articoli su cui non hai competenza
            Peccato. Grazie lo stesso. Certo che oggi trovare un buon lavoro non e' facile, a meno che non si sia in possesso di skill "ecceZZionali" come le tue.
          • a n o n i m o scrive:
            Re: Evita articoli su cui non hai competenza
            - Scritto da: Paolo
            Peccato. Grazie lo stesso. Certo che oggi trovare
            un buon lavoro non e' facile, a meno che non si
            sia in possesso di skill "ecceZZionali" come le
            tue.Mah, suvvia non si disperi, io il mio posto qui l'ho preso per la perseveranza dimostrata in trincea (e non si lasci ingannare dal numero dei post sotto il nickname, questo è il mio terzo account qui). :)Ah, un'ultima cosa, a "ecceZZionali" ci va la "u" tra "i" e la "o" 8)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 03 aprile 2009 14.34-----------------------------------------------------------
          • flamer scrive:
            Re: Evita articoli su cui non hai competenza
            - Scritto da: a n o n i m o
            - Scritto da: flamer

            - Scritto da: a n o n i m o


            - Scritto da: Massimilian o



            Questa volta hai toppato!!! Sono anni che

            lavoro



            sul web, e realizzo CRM e gestionali web

            based,



            basati su ajax, javascript, json etc. Le



            prestazioni sono notevolmente più veloci,
            NON



            SUCCHIANO memoria come dici tu e soprattutto


            sono



            ACCESSIBILI da tutto il



            mondo.



            Quindi i signori di google sono tutti

            scemi?!?!?



            (vedi l'excel, il word sviluppato da



            google)..



            Se dobbiamo fare articoli tanto per
            farli.....





            io da lynx non li vedo.


            sono sotto l'1% di diffusione mondiale? non


            importa, è l'eccezzione che conferma
            l'esistenza



            Eccezione, con una "zeta" sola. Povero
            italiano...




            del


            problema.


            Grazie, le faremo sapere per quel posto di
            direttore
            linguistico.
            Avanti il prossimo.Molto spiritoso... ancora piu' apprezzabile trattandosi di un "uomo di lettere" (solitamente austeri).
        • Ale scrive:
          Re: Evita articoli su cui non hai competenza
          Io il software che sviluppo in web lo vedo tranquillamente da elinks (ho scritto tranquillamente e non bene)... in condizioni d'urgenza (leggasi X piantato e devo per forza inserire 2 dati nel giro di 20 minuti) posso farlo...
    • Esperienza scrive:
      Re: Evita articoli su cui non hai competenza
      Non esagerare. Se davvero conoscessi a fondo quello di cui stai parlando, non useresti certe affermazioni assolutamente forti. - Lavorare su interfacce web è di fatto semplice: dipende da cosa ti viene richiesto. Visto che dici di venire dal mondo client, sai benissimo quanto limitato sia l'html, per quante magie riesca a fare un grafico di ottimo livello (e soprattutto considera quanto tempo si perde per ottenere un buon risultato per interfacce complesse);- Stabilità, sicurezza, ecc.: l'unico vantaggio è di aggiornare una sola applicazione. Hai mai gestito un cluster serio? Hai mai seguito una migrazione da un application server ad un altro? Sai cosa succede se magari si passa da una Virtual Machine di un produttore a quella di un altro? (A volte è il cliente a scegliere la tecnologia di partenza e tu puoi solo adeguarti).Nessuno sente la nostalgia del mondo host a cui si riferisce Cubasia, ma da qui a dire che il web è l'ideale, andiamoci piano!
  • anonimo scrive:
    Io comincerei da qui
    http://www.cubasia.it/about/ForbiddenYou don't have permission to access /about/ on this server.
Chiudi i commenti