Sega ci prova con la robofemmina

Nulla a che vedere con i fake che girano da qualche tempo: questa robot è donna, dice Sega. Con un clic si attiva la modalità love, e partono i baci

Roma – L’immaginario del mondo ricco è destinato a riempirsi di robot femmine o quantomeno di macchine sul cui sesso i produttori intendono esporsi e fare garanzie: è il caso della nuova fembot di SEGA, un giocattolino da 150 euro circa che, dalla fine di settembre, ammalierà le folle di giovani e meno giovani giapponesi.

il robottino

In una nota diffusa dall’azienda si apprende che l’affare il giocattolo è alto 38 centimetri e si chiama E.M.A. (Eternal, Maiden, Acualization). A detta di SEGA, E.M.A. è destinata a conquistare le mani, il cuore e il portafoglio di decine di migliaia di appassionati grazie soprattutto ad un corpo che viene definito dirompente .

Un altro plus sta nell’interazione che la robocosa può offrire: può danzare, cantare, ballare e persino camminare “come una donna”, oltreché distribuire biglietti da visita e cose così. Le sue parti mobili in modo indipendente comprendono gomiti, spalle, vita e ginocchia.

SEGA però sembra puntare anche su un altro aspetto del suo robot, quello costituito dalla funzione più affettuosa che c’è. Quando si fa partire, le movenze del giocattolo cambiano e sembra pronto a condividere affettività donando baci in una posa inevitabilmente plastica a chiunque ritenga di volerli ricevere.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • utente 234234 scrive:
    musicofilo ... melomane
    musicofilo mi sa che non esiste ;)ma melomane si ;)
  • mirkojax scrive:
    eh si, in inghilterra!
    dove in alcuni posti ci sono ancora cassettine dove uno mette i soldi per pagare un servizio e non c'e' nessuno a controllare (honor box)...rifacciamo la statistica nelle popolazioni del sud dell'europa vah
  • Simon the Sorcerer scrive:
    Normale
    A mio avviso è perfettamente normale il fatto che si voglia pagare per ciò che si ottiene; se la musica dell'artista x mi piace essa assume un valore, indipendente dal costo intrinseco di registrazione, e dunque io quale ascoltatore di tale musica devo corrispondere quel valore all'artista o chi per esso.Quello che non capisco del sistema di distribuzione online a pagamento è l'impossibilità di essere libero di utilizzare tali contenuti a mio piacimento; in quanto se io acquisto tali brani dovrei essere libero di farne ciò che voglio.Un altra cosa che mi risulta difficile capire è il perché acquistando musica da internet dovrei essere penalizzato da DRM e da una bassa qualità musicale; pochi sono i distributori che forniscono musica in formato loseless; cosa che sarebbe necessaria in quanto, solo per il fatto che appartengo all'utenza "internet" non dovrei essere penalizzato rispetto all'utenza "cd".Comunque per ciò che concerne il DRM, in parte può essere utilizzato in modo positivo ad esempio per "provare" la musica prima del acquisto definitivo (http://www.ironmaiden.com/try/), questo ha il doppio effetto di pubblicità per l'artista e di garanzia sul prodotto per l'ascoltatore.Dal canto mio comunque, sono troppo affezionato ai supporti fisici, e alla qualità dei FLAC, per acquistare musica online in digitale; preferisco andare in centro e comprarmi un cd (anche se purtroppo così facendo finanzio la SIAE).
  • Ciao scrive:
    Non comprerei mai un cd a quel prezzo!!!
    Onestamente non comprerei un cd se non al suo reale valore (cioè 5 euro), la qualità è pessima se paragonata a quella di un SACD o di un buon vecchio vinile.Saluti
  • pentolino scrive:
    Molto semplice
    Io sono uno di quelli che la musica non la scarica dal p2p; ne ascolto abbastanza poca e quella poca tendo ad acquistarla. Come? Rigorosamente solo se priva di DRM, se vedo una qualche limitazione all' uso lascio lì: il valore di una canzone dierremmata a parer mio è pressochè 0 e tanto merita da parte mia.
  • MeX scrive:
    semplicissimo...
    iTunes Plus e sei a posto!
    • pentolino scrive:
      Re: semplicissimo...
      sì però il "+" c'è su una parte molto ristretta del catalogo e non comprende autori molto famosi e meritevoli
      • pippo scrive:
        Re: semplicissimo...

        sì però il "+" c'è su una parte molto ristretta
        del catalogo e non comprende autori molto famosi
        e
        meritevoliVai su emusic, NON ci sono autori famosi, ma tanti altri ugualmente, se non più meritevoli ;)
        • pentolino scrive:
          Re: semplicissimo...
          sì infatti l' ultimo album che ho comprato lo ho trovato su un sito "marginale"; 320Kbps senza DRM, a prezzo inferiore ad itunes. Devo dire altro?
          • Womp scrive:
            Re: semplicissimo...
            - Scritto da: pentolino
            sì infatti l' ultimo album che ho comprato lo ho
            trovato su un sito "marginale"; 320Kbps senza
            DRM, a prezzo inferiore ad itunes. Devo dire
            altro?sì qual'è il nome del sito marginale dove si compra meglio
          • pentolino scrive:
            Re: semplicissimo...
            a dire il vero non è che sostituisca itunes in quanto è piuttosto specializzato, però per la cronaca:http://www.a-cappella.com/
        • Womp scrive:
          Re: semplicissimo...

          Vai su emusic, NON ci sono autori famosi, ma
          tanti altri ugualmente, se non più meritevoli
          ;)anche io sono cliente eMusic e poi non è vero che non ci sono autori famosi: a me piace il jazz e la classsica e ci sono eccellenti album di mostri della musiac Jazz come Miles Davis o Bil Evans.Per la classica ci sono montagne di dischi Naxos e BIS che forse non hanno esecutori famosi come EMI, Deutche Gramophone o Sony, ma molte orchestre minori poco note suonano meglio di tante più blasonate. Un esempio: l'orchestra nazionale russa o della Radio e TV della polonia hanno poco da invidiare ai Berliner Philharmoniker.
          • pippo scrive:
            Re: semplicissimo...


            Vai su emusic, NON ci sono autori famosi, ma

            tanti altri ugualmente, se non più meritevoli

            ;)

            anche io sono cliente eMusic e poi non è vero che
            non ci sono autori famosi: a me piace il jazz e
            la classsica e ci sono eccellenti album di mostri
            della musiac Jazz come Miles Davis o Bil
            Evans.
            Per la classica ci sono montagne di dischi Naxos
            e BIS che forse non hanno esecutori famosi come
            EMI, Deutche Gramophone o Sony, ma molte
            orchestre minori poco note suonano meglio di
            tante più blasonate. Un esempio: l'orchestra
            nazionale russa o della Radio e TV della polonia
            hanno poco da invidiare ai Berliner
            Philharmoniker.Lo so, ma per i lettori abituali di pi famosi vuol dire vasco :'(
          • MeX scrive:
            Re: semplicissimo...
            beh famoso non vuol dire bello o bravo, che Vasco sia famoso mi sembra fuor di dubbio!
          • pentolino scrive:
            Re: semplicissimo...
            quoto
          • pippo scrive:
            Re: semplicissimo...

            beh famoso non vuol dire bello o bravo, che Vasco
            sia famoso mi sembra fuor di
            dubbio!Che NON sia bravo pure :D
          • MeX scrive:
            Re: semplicissimo...
            mah a me non é mai piaciuto particolarmente.. peró cose come Vado al massimo, Alba chiara... insomma tutta roba da canzoniere che non mi sento di rinnegare!
          • pippo scrive:
            Re: semplicissimo...

            mah a me non é mai piaciuto particolarmente..
            peró cose come Vado al massimo, Alba chiara...
            insomma tutta roba da canzoniere che non mi sento
            di
            rinnegare!Appunto, roba di 20 anni!!!Fa quello che non mi spiego è come riesca ancora a riempire gli stadi... :D
          • MeX scrive:
            Re: semplicissimo...
            ritorniamo al punto di partenza... :Driempe gli stadi perché é famoso...
          • pippo scrive:
            Re: semplicissimo...

            ritorniamo al punto di partenza... :D
            riempe gli stadi perché é famoso...Anche i village people se è per quello, il periodo è lo stesso, e la bravura quasi :D
          • MeX scrive:
            Re: semplicissimo...
            beh non sono aggiornato ma penso che uno stadio lo riempirebbero!
          • gerry scrive:
            Re: semplicissimo...
            - Scritto da: Womp

            Vai su emusic, NON ci sono autori famosi, ma

            tanti altri ugualmente, se non più meritevoli

            ;)

            anche io sono cliente eMusic e poi non è vero che
            non ci sono autori famosiCome diavolo si fa a vedere il catalogo? :)
          • MeX scrive:
            Re: semplicissimo...
            http://www.emusic.com/browse/all.html
      • MeX scrive:
        Re: semplicissimo...
        bah io per dire ho preso l'ultimo dei Coldplay... ed era plus... pian pianino l'offerta plus si sta ingrossando!
        • pentolino scrive:
          Re: semplicissimo...
          allora sarò io che cerco gli autori sbagliati :-)nella mia modesta e personalissima esperienza la percentuale di canzoni che avrei voluto ma ho trovato solo in versione DRMata è più o meno dell' 85-90%; poi se sta migliorando bene, ma per il momento per me non è sufficiente, tutto qui.
          • MeX scrive:
            Re: semplicissimo...
            diciamo che quelli che si aggiungono ora tendono a scegliere il plus, sembra che purtroppo non si preoccupino troppo di aggiornare il catalogo pre-esistente...
          • pentolino scrive:
            Re: semplicissimo...
            oggi mex non ci troviamo d' accordo :-)senza cattiveria ma la mia esperienza è diversa: per esempio l' ultimo album di Maz Gazzè è in versione DRMata, come pure altri che non scrivo perchè non avendo itunes sotto mano potrei essere impreciso.Credo che dipenda per lo più dall' etichetta discografica, con certe la apple ha strappato la possibilità di vendere senza DRM, con altre no.
          • MeX scrive:
            Re: semplicissimo...
            si l'etichetta ha il suo peso...Tra l'altro nella mia ex-casa discografica dove lavoravo, appena avevano reso disponibile la possibilitá di richiedere il plus anche alle piccole etichette ci attivammo subito!Purtroppo dopo mesi non avemmo riscontro ora sto in Irlanda e non so come si é evoluta... ho visto che uno dei nostri nuovi talenti e su iTunes Plus... ma é anche vero che abbiamo un accordo con EMI su quell'artista (e non so se il brano su iTunes l'abbimo messo noi direttamente o EMI...)Cmq, sulla musica italiana penso che il plus non sará facile, non tanto per mancata volontá delle etichette, ma la Apple con iTunes e le piccole etichette non é facile dialogare... ovviamente le major hanno precedenza :(
          • pippo scrive:
            Re: semplicissimo...

            si l'etichetta ha il suo peso...
            Tra l'altro nella mia ex-casa discografica dove
            lavoravo, appena avevano reso disponibile la
            possibilitá di richiedere il plus anche alle
            piccole etichette ci attivammo
            subito!A proposito, piccola curiosità ;) visto che non ci lavori più puoi dire il nome?
          • MeX scrive:
            Re: semplicissimo...
            uhm... preferirei evitarlo ad ogni modo... non mi sembrerebbe corretto nei confronti di tutti i miei ex-colleghi e artisti coinvolti.
          • pippo scrive:
            Re: semplicissimo...

            uhm... preferirei evitarlo ad ogni modo... non mi
            sembrerebbe corretto nei confronti di tutti i
            miei ex-colleghi e artisti
            coinvolti.Al massimo è pubblicità ;)
          • MeX scrive:
            Re: semplicissimo...
            si ma visato che ho espresso opinioni personali non vorrei che queste si riflettessero sull'azienda che comunque non rapressento, spero tu mi possa capire
    • Homo Musicalis scrive:
      Re: semplicissimo...
      - Scritto da: MeX
      iTunes Plus e sei a posto!A posto si fa per dire, visto che paghi cifre vergognose, e visto con cosa hanno rimpiazzato il DRM......Prova a pargonarlo con Amazon...I brani senza DRM costano meno di mezzo euro, hanno qualità più elevata, un formato più standard, e sono molti molti di più.Ma qui da noi, dove vige il monopolio, questi di Amazon non possono vendere...;-)
    • pelle scrive:
      Re: semplicissimo...
      amazon.com e paghi ancora meno :)
Chiudi i commenti