Sequestrati due siti italiani per pedofilia

Gli inquirenti si sono mossi in seguito alla segnalazione notturna di un visitatore. Il server è in Italia. Arrestato un magazziniere di Bergamo, le indagini proseguono


Venezia – Sequestrate dalla polizia numerose immagini di pedopornografia, alcune delle quali potrebbero essere state prodotte in Italia. Immagini che si trovavano online, su siti ospitati da server italiani, come italiano era il gestore di questa scandalosa pubblicazione, un magazziniere di Bergamo con l’hobby dell’informatica.

A quanto pare, l’uomo aveva pubblicato un paio di siti contenenti immagini illecite. Su uno di questi siti un utente internet si era imbattuto una notte e ha immediatamente avvertito la Polizia Postale che in poche settimane ha rintracciato l’uomo e ne ha valutato le attività online prima di procedere all’arresto. Nell’operazione sono anche stati sequestrati quattro personal computer, moltissimi CD, VHS e floppy, materiale contenente, appunto, anche immagini pedopornografiche.

Stando a quanto spiegato dal GIP di Bergamo, Vincenzo Tutinelli, l’uomo ha già confessato e, a quanto pare, i siti erano attivi da più di un anno. Secondo la Polizia Postale tra il giorno di Ferragosto, quando le indagini sono scattate, e il momento dell’arresto sui siti sono passati circa 3mila utenti.

La Polizia Postale, che nel 2002 ha già monitorato 27.325 siti internet a caccia di materiale pedopornografico, ha ricordato che sul sito PoliziaDiStato.it è disponibile un servizio di segnalazione per i cittadini che intendano denunciare siti illegali. Il modulo da riempire, hanno spiegato i responsabili, ha lo stesso valore di una denuncia presentata in Commissariato.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    whois
    Esiste uno strumento molto efficace (se compilato correttamente al momento della sottoscrizione del dominio), il whois.Tramite questo e l'ormai noto http://elenco.virgilio.it non ci vuole molto a reperire info su chi ha registrato il dominio e con chi prendersela ;-)fate conto che non vi abbia detto nullaci sono un mare di interfacce whois per i siti italiani, tra cui quella ufficiale del nic reperbile su:http://www.nic.it/RA/database/viaWhois.html
  • Anonimo scrive:
    Scusate ma...
    Mi sembra ovvio che la colpa sia degli amministratori incompetenti che non chiudono le falle o degli sviluppatori che le permettono.
    • Anonimo scrive:
      Re: Scusate ma...
      Mi sembra ovvio che se tu ti dimentichi aperta la porta di casa tua tutti gli altri siano automaticamente autorizzati ad entrare dentro e derubare e/o curiosare e/o devastare lasciandoti magari un post-it quando se ne vanno con su scritto: "Caro padrone di casa siamo entrati in casa perche' la porta era aperta, la prossima volta chiudila"bah..
      • Anonimo scrive:
        Re: Scusate ma...
        - Scritto da: alaxa
        Mi sembra ovvio che se tu ti dimentichi
        aperta la porta di casa tua tutti gli altri
        siano automaticamente autorizzati ad entrare
        dentro e derubare e/o curiosare e/o
        devastare lasciandoti magari un post-it
        quando se ne vanno con su scritto: "Caro
        padrone di casa siamo entrati in casa
        perche' la porta era aperta, la prossima
        volta chiudila"
        bah..Già eppure finora hanno affermato tutti quello che ho scritto io.Negli altri casi però i "colpevoli" usavano sistemi M$...Boh...
        • Anonimo scrive:
          Re: Scusate ma...

          Già eppure finora hanno affermato tutti
          quello che ho scritto io.
          Negli altri casi però i "colpevoli" usavano
          sistemi M$...

          Boh...Gia' ma con Linux il SO e' gia' pensato per la sicurezza ed e' difficile realizzare software che lo buchino e se lo fanno e' attraverso servizi che richiedono un elevato livello di permessi.Quelli che riescono vengono individuati e puniti.Con M$ i buchi sono talmente tanti che occorerrebbe arrestare migliaia di persone che anche incosciamente ne hanno violato la sicurezza.Certo adesso con il Palladium gli utenti potranno avere buchi in sicurezza ma non se ne accorgeranno piu'? :-) Staremo a vedere.
    • Anonimo scrive:
      Re: Scusate ma...
      nn hai capito...Allora, faccio il calssico esempio:Tu hai una casa, io vengo a distruggertela con un martello pneumatico, la colpa è mia, o del muratore che non ha fatto una casa a prova di pneumatico?Se i programmatori/amminsitratori hanno una falla nel sistema, a nessuno è permesso di entrare..se lo fà, ne subirà le conseguenze.Se tu lasci la porta di casa aperta, possono entrarti i ladri?
  • Anonimo scrive:
    ma che senso ha...
    "Secondo le autorità, T0rn ha consentito la realizzazione del celebre worm Lion che sebbene non abbia portato a molti danni, ha comunque fatto breccia su numerosi sistemi basati su Linux"fermi ha consentito la realizzazione della bomba atomica, che ha fatto 100mila morti... e non e mai stato arrestato... sto tipo ha violato dei sistemi? ha fatto dei danni? perche scrivere un tool per hackare sistemi non puo essere un reato finche non lo si usa...le legislazioni mondiali sono a volte raccapriccianti...
    • Anonimo scrive:
      Re: ma che senso ha...
      ci sono cose che non è legale realizzarle anche se non le si usa direttamente.tipo i virus.. ma poi anche la droga.. non credo che se ti viene in mente di fare una bomba atomica te la lascino fare tranquillamente anche se tu vuoi solo tenerla sul como' come soprammobile.ma prendiamo la droga.. cosa gliene frega allo stato se mi compro una canna e me la fumo in santa pace... o anche se voglio usare droge piu' pesanti...se voglio anche suicidarmi saranno affari miei!!Eppure non è cosi.
      • Anonimo scrive:
        Re: ma che senso ha...
        - Scritto da: acaso
        ci sono cose che non è legale realizzarle
        anche se non le si usa direttamente.
        tipo i virus.. Evidentemente non sai cosa e` un rootkit.
      • Anonimo scrive:
        Re: ma che senso ha...
        - Scritto da: acaso
        ma prendiamo la droga.. cosa gliene frega
        allo stato se mi compro una canna e me la
        fumo in santa pace... o anche se voglio
        usare droge piu' pesanti...se voglio anche
        suicidarmi saranno affari miei!!
        Eppure non è cosi.Bhe fumarsi una canna NON è reato (almeno in Italia). Possono al più segnalarti come assuntore al prefetto, che certo non è una cosa piacevole, ma non implica che tu abbia commesso un reato.E' invece reato spacciare droga, o averne tanta (perchè se ho un chilo d'erba in casa di certo non me la fumo tutta io...).
        • Anonimo scrive:
          Re: non capisco (neanche io)
          Ma che cazz... io arresterei tutti quelli che lavorano al progetto GNU perchè è più facile fare un attacco da GNU con nmap e telnet a portata di mano che da win.Ma che mer* le leggi contro gli hacker! Qual'è il confine? Anche telnet permette di fare exploit! Allora chiudiamo la microsoft perchè distribuisce un telnet col suo sistema operativo!
  • Anonimo scrive:
    Clap clap (al giovane)
    Tanto di cappello a tanta abilità.Speriamo che l'arresto gli frutti la pubblicità che merita.
    • Anonimo scrive:
      Re: Clap clap (al giovane)
      - Scritto da: unoacaso
      Tanto di cappello a tanta abilit`a.
      Speriamo che l'arresto gli frutti la
      pubblicit`a che merita.diventera' la bella gaysha di qualche galeotto dehehe
Chiudi i commenti