Sesso ed avvocati su Second Life

Giochini amorosi, posizioni insolite, carne al vento: prende il volo una questione di soldi e divertimenti proibiti. Il dubbio è quello di sempre: nel metamondo si può davvero fare di tutto?

Roma – Sesso, ambiguità, perversioni. C’è tutto dietro una causa federale che sei commercianti hanno sparato contro un newyorkese. L’accusa? Aver copiato i loro prodotti per rivenderli, all’interno di Second Life , violando le loro proprietà intellettuali.

Coccole su Second Life Chi non sogna di strapazzarsi di coccole dentro un metamondo? Chi non fantastica su una relazione clandestina e torbida tra le quattro mura virtuali della propria cyber-casa? O magari in riva ad una spiaggia deserta di pixel bianchi? Thomas Simon, probabilmente in preda a irresistibili pulsioni, si sarebbe indebitamente appropriato di una serie di stuzzicanti oggettini e servizietti che consentono di fare all’ ammore su Second Life .

Il problema è che poi Simon questa roba avrebbe cominciato a rivenderla. Letti, accessori di vestiario, script per integrare nuove posizioni piccanti e peccaminose tra avatar : a vendere tutto c’è da farci un gruzzoletto, basti pensare che su Second Life si calcola che ogni giorno passino di mano 700mila euro.

In testa al gruppo dei querelanti c’è una vecchia conoscenza dei lettori di Punto Informatico : Kevin Alderman , aka Stroker Serpentine , già proprietario di virtual Amsterdam , “inventore” del sesso su Second Life che aveva lanciato accuse simili (contro ignoti) già a luglio.

I suoi pacchetti, noti al pubblico come SexGen Platinum Base Unit v4.01 e SexGen Platinum+Diamond v5.01 , valgono un bel po’ di Linden Dollar: sarebbero stati clonati e spacciati sottobanco dall’alter ego di Simon, Rase Kenzo . Quest’ultimo spacciava pure abiti ed accessori (per avatar e abitazioni) di Shannon Grei, Teasa Copprue, Linda Baca, Michael Hester e Kasi Lewis. Nel caso di Shannon Grei, il danno sarebbe ingente, visto che la donna sostiene di mantenere i suoi figli soltanto grazie al commercio di skin nel metamondo.

Non è stata specificata alcuna cifra richiesta come indennizzo, ma i querelanti si riterrebbero soddisfatti da un risarcimento pari a tre volte quanto indebitamente guadagnato da Simon. Quest’ultimo però rimanda le accuse al mittente : “Possono dire quello che vogliono, è solo un videogame”.

Confidenze o... In ballo c’è proprio questo: le leggi del mondo reale si applicano anche nel metamondo? Secondo Simon no: tanto è vero che i querelanti si sarebbero introdotti nella cyber-dimora dell’accusato , un fatto che, per la legge americana e non solo, nella vita reale sarebbe proibito. Alderman e compagni sostengono invece di sì: una bella denuncia per violazione della proprietà intellettuale non gliela toglierà nessuno.

Ce n’è abbastanza per un lungo dibattimento. Sempre che il giudice incaricato, dopo aver vagliato la faccenda, accetti di discuterla. C’è da domandarsi, nel caso in cui dovesse dichiarare di non essere territorialmente competente, chi potrebbe amministrare giustizia in questo procedimento . C’è da domandarsi se il commercio di beni virtuali, come quelli di Second Life, avrà un futuro . Una cosa è certa: il sesso virtuale continua a tirare.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • dhUiQhVbNFL scrive:
    sumYeqbvuu
    comment1, http://johnnybench.us Acomplia, http://jorgeposada.us Rimonabant,
  • Banana Joe scrive:
    alternativa cross-browser: del.icio.us
    Anche se io ogni tanto mi farei un backup.http://del.icio.us
  • mello scrive:
    privacy
    ma nessuno ci pensa ??siete sicuri che vale la pena di "svendere" cosi' il proprio profilo ?bookmarks + cookies + history = ti diro' chi sei e cosa posso cercare di venderti
    • Sgabbio scrive:
      Re: privacy
      Bhe, ineffetti sono un pò titubante a usare servizi come questi, anche se avere la possibilità di avere copie di backup sempre aggiornate dei segnalibri e affini è sempre stato un mio sogno :DComunque hai pienamente ragione
      • Chira Naitlei scrive:
        Re: privacy
        - Scritto da: Sgabbio
        Bhe, ineffetti sono un pò titubante a usare
        servizi come questi, anche se avere la
        possibilità di avere copie di backup sempre
        aggiornate dei segnalibri e affini è sempre stato
        un mio sogno
        :D

        Comunque hai pienamente ragioneSi può sempre usare Firefox portable, te lo piazzi in chiavetta USB e via! ;)
        • Sgabbio scrive:
          Re: privacy
          C'è anche una versione su chiavetta anche per Opera se non erro :DComunque chi sa se è poi un rischio per la privacy, Opera Link
    • Ageing drummer boy scrive:
      Re: privacy
      - Scritto da: mello
      ma nessuno ci pensa ??
      siete sicuri che vale la pena di "svendere" cosi'
      il proprio profilo
      ?

      bookmarks + cookies + history = ti diro' chi sei
      e cosa posso cercare di
      vendertiOpera è software chiuso, quindi il rischio privacy c'era anche prima. Tu monitori il tuo traffico tutto il tempo per assicurarti che Opera non invii dati ai suoi server?Almeno così dai il consenso, e sei sicuro che non te lo stanno facendo alle spalle, no? :-)
      • mello scrive:
        Re: privacy
        se si possiede un ip pubblico ed una macchina sempre accesasi puo' sempre installare un server sitebar (con relativo plugin su client)http://sitebar.org/downloads.php
        • lisa dagli occhi blu scrive:
          Re: privacy
          Secondo me il problema principale oltre che i dati raccolti sta che la password di Opera Link passa in chiaro sulla rete e può essere sniffata senza problemi, non cè SSL.
  • Tenoch52 scrive:
    Opera fa il sync dei bookmark, Opera.
    Chi (chi?) ha scritto l'articolo si è accorto che per i 3/4 di questo NON ha parlato di Opera Link?Forse era meglio intitolarlo "Modalità di sincronizzazione tra Google, Mozilla ed Opera".Inoltre scrivere: "Una volta importati tutti gli indirizzi, è possibile memorizzarli online cliccando su File -
    Synchronize Opera. Ripetendo questa operazione una volta ogni tanto..." pare quasi che sia necessario andare ogni volta sul menù per sincronizzare.MAH...PS. Opera Link è uscito la settimana passata. Immagino sia stato necessario dare la precedenza ad articoli più importanti...ho visto...
  • Max scrive:
    Foxmarks
    Lo trovo ottimo! E' un plugin per firefox e mi tiene sincronizzati i bookmarks in ufficio, a casa e sul portatile.www.foxmarks.comCheers,Max
    • sveglia scrive:
      Re: Foxmarks
      - Scritto da: Max
      Lo trovo ottimo! E' un plugin per firefox e mi
      tiene sincronizzati i bookmarks in ufficio, a
      casa e sul
      portatile.

      www.foxmarks.com

      Cheers,
      MaxHai notato che qui si parlava di Opera?
  • MeX scrive:
    la soluzione defnitiva?
    http://del.icio.usganzo :D
  • Egidio scrive:
    ma uno cross-browesers???
    ma non ce n'è uno cross-browsers?a parte che con la google toolbar te li salvi su web, sia con IE che con FF... ... ma opera?io voglio un convertitore che li carica da uno all'altro , che li salva in xml e permette l'editing a prescindere dal browser ...... non esiste?
    • xeroxx scrive:
      Re: ma uno cross-browesers???
      ci sono quelli online che hanno plugin per vari browser, io uso un plugin per firefox che salva in xml su webdav ssl, non mi piace fare affidamento su terzi...
    • Ageing drummer boy scrive:
      Re: ma uno cross-browesers???

      ... non esiste?Per i miei browser (Firefox, Konqueror, Opera) uso Bookmarkbridge.
Chiudi i commenti