Seul sforna costosissimi cani clonati

Li offrono su ordinazione, forniscono quadrupedi antidroga dall'olfatto infallibile e consentono ai padroni di sostituire il proprio fido compagno spelacchiato con una copia giovane e scodinzolante
Li offrono su ordinazione, forniscono quadrupedi antidroga dall'olfatto infallibile e consentono ai padroni di sostituire il proprio fido compagno spelacchiato con una copia giovane e scodinzolante

Non abbaiano all’unisono, non scodinzolano in maniera sincronizzata, non sono il calco l’uno dell’altro. Sono animali vivaci, sono i cani sfornati da due aziende sudcoreane che, documenta Reuters , si stanno spingendo con successo nel business della clonazione canina.

Sono concentrate nel raggio di una manciata di chilometri nei dintorni di Seul, sono gli unici due laboratori ai quali ci si può affidare per sperare di ottenere una copia carbone del proprio fedele quadrupede. Promettono efficienza, rapidità e soddisfazione, chiedono in cambio qualche porzione di tessuto dell’orecchia del proprio cane e una cifra che si aggira tra i 30mila e i 50mila euro . Operano trasferendo il nucleo di una cellula somatica ottenuta dal tessuto prelevato dal candidato clone in una cellula uovo privata del nucleo, la tecnica messa a punto dal biologo Nobel tedesco Hans Spemann , la stessa tecnica utilizzata per creare la pecora Dolly .

Cloni antidroga I due laboratori, uno che fa capo a RNL Bio, l’altro diretta emanazione del centro di ricerca Sooam, si sono già guadagnati dei clienti. A frequentare assiduamente RNL sono le autorità sudcoreane: trovano più rapido ed efficiente lasciare che i ricercatori sfornino cloni di cani dall’olfatto sopraffino, piuttosto che reclutare e selezionare mute scodinzolanti formate da esemplari non sempre portati per il duro lavoro di agenti antidroga e antibomba . Per meno di 40mila euro, probabilmente un prezzo di favore strappato al laboratorio per gli acquisti in stock, si aggiudicano la copia di un labrador pluridecorato. Ne hanno voluti sette, sono stati tutti chiamati Toppy, Tomorrow Puppy , cuccioli di domani.

I cloni di Hawthorne Se il laboratorio di RNL Bio si occupa di assolvere alle richieste dello stato, i membri di Sooam si rivolgono agli amanti degli animali . Uno dei primi padroni di cani fotocopiati, Lou Hawthorne, assicura il risultato: nel 2007 il materiale genetico prelevato dal proprio cane prima che morisse è stato affidato al team di ricercatori di Sooam. Ne sono scaturiti , a più riprese, tre meticci identici al compianto quadrupede domestico. Hawthorne è ora imprenditore nel settore della clonazione per diletto: a capo di BioArts International , lavora a stretto contatto con Sooam per proporre a cinofili di tutto il mondo repliche estremamente fedeli del proprio amato, mette all’asta la possibilità di spupazzare un cucciolo con le stesse caratteristiche dell’ormai malandato orgoglio di casa .

Non è un caso che due aziende che operano in un settore così di nicchia lavorino in un raggio tanto ravvicinato: entrambi i laboratori devono la propria attività a Woo Suk Hwang , il celeberrimo biotecnologo che è stato radiato dall’Università di Seul per aver fatto credere al mondo di aver derivato cellule staminali da embrioni umani clonati. Smascherato rovinosamente, si è dato alla clonazione di bestie domestiche sfruttando l’esperienza accumulata con la creazione di Snuppy , meticcio artificiale prodotto quando ancora militava fra le fila del laboratorio di ricerca universitario. Sooam e RNL sono indipendenti l’una dall’altra: “Se potessimo stringere una partnership – prospetta Ra Jeongchan, a capo di RNL Bio – potremmo fare più cani e assolvere ai bisogni del mondo intero”.

Gaia Bottà

(fonte immagini: qui e qui )

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

17 07 2008
Link copiato negli appunti