Sgominato megagiro di pirati USA

Il dipartimento di Giustizia ha confermato 11 arresti dei presunti componenti di una banda che avrebbe spacciato quantità enormi di software pirata


Washington (USA) – Sono 11 i componenti di una banda statunitense che avrebbe messo in piedi da alcuni anni una organizzazione dedita alla riproduzione e spaccio illegali di software. A prenderli sono stati i cybercop americani dell’ FBI , secondo cui l’attività degli 11 aveva toccato cifre da capogiro.

Stando agli accertamenti fin qui condotti su richiesta dei procuratori del dipartimento di Giustizia in quella che è stata definita Operation Digital Marauder , i componenti della banda sarebbero residenti in tre diversi stati americani. Secondo gli inquirenti si tratta di “uno dei più imponenti sequestri di software pirata negli Stati Uniti”.

Va detto che gli arrestati non sono soltanto coloro che materialmente procuravano il software e lo duplicavano ma anche quelli che gestivano un’ampia rete distributiva illegale, che riusciva a piazzare i programmi su molte piazze USA.

Il giro d’affari della banda informatica è ancora difficile da determinare, sebbene sembri accertato che avesse distribuito software illegale dal valore di listino superiore ai 30 milioni di dollari. Nel corso delle operazioni di polizia nelle abitazioni degli 11 arrestati è stati sequestrati software copiato per altri 56 milioni di dollari di listino nonchè molte attrezzature informatiche dedicate alla copia dei programmi.

Agli arresti si è arrivati dopo due anni di indagini, nel corso delle quali un poliziotto si sarebbe infiltrato nell’organizzazione per ricostruire il suo funzionamento.

Per tutti i coinvolti le pene previste dalla legge possono arrivare ad un massimo di 75 anni di galera.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    ma invece delle taglie....
    non fanno prima ad andare su http://www.spamhaus.org/ ??li' sono elencati i top 200 spammers, che da soli coprono circa il 90% dello spam circolantese ogni mese fan fuori i primi 10 in classifica sarebbe gia' ottimo. Ci sono anche nomi e cognomi, indirizzi dei siti delle loro attivita' e informazioni varie.... Che altro ci vuole?Per non parlare di providers che sono a conoscenza delle attivita' di spamming.... come ne e' prova savvis.net (che e' pure in classifica su spamhaus.org come tra i peggiori ISP...ultimamente un'alto ISP critico e' hannaro.comil 50% dello spam che io ricevo proviene o pubblicizza qualcosa hostato su hannaro.comnon mi sembra difficile...qui bisogna agireciaooo
  • theDRaKKaR scrive:
    mi ricorda i cacciatori d taglie
    di westerniana memoria...
Chiudi i commenti