Shared access, partita la consultazione

L'Authority TLC ha concluso l'esame del mercato che comprende shared access e ultimo miglio e chiede agli interessati di intervenire per definire le regole. Invece niente regole, per ora, sull'ultimo miglio wireless


Napoli – Varata una consultazione pubblica su uno dei nodi centrali nel mercato della banda larga e dei servizi avanzati di connettività: ultimo miglio e shared access.

In una nota, l’Authority TLC ha spiegato che la consultazione riguarda sia i servizi broad band che quelli vocali per i quali si chiede agli operatori interessati un parere sia sul mercato, sia sugli obblighi a cui devono attenersi le imprese dominanti.

L’Autorità ha spiegato di aver escluso dal mercato nazionale in cui ricade lo shared access l’accesso disaggregato in fibra ottica, “rimovendo pertanto gli obblighi attualmente vigenti in capo a Telecom Italia”, né ha ritenuto di varare nuove norme per gli accessi con tecnologie alternative, come il wireless local loop (in pratica lo sfruttamento del wi-fi per la connessione del singolo utente alla rete).

Ma se lo shared access, come ben sanno i lettori di Punto Informatico, rappresenta una importante opzione di sviluppo di ADSL e affini , su questo mercato l’Authority ritiene che vi sia ancora poca competizione. “Telecom Italia – si legge nella nota – risulta infatti essere sostanzialmente l’unico fornitore su base nazionale dei servizi citati”.

Conseguenza di questo è l’obbligo per Telecom di realizzare un’ Offerta di riferimento trasparente e non discriminatoria che includa i servizi di accesso disaggregato ed i relativi servizi complementari ed accessori. “A tal fine – continua la nota – l’Autorità ha predisposto un testo coordinato della normativa vigente in tema di accesso disaggregato, il quale pure viene sottoposto a consultazione pubblica”.

Sempre sullo shared access vengono ribaditi gli obblighi “di orientamento al costo, di separazione contabile e di predisposizione di un sistema di contabilità regolatoria”. Quando si parla di orientamento al costo, l’Autorità ha ribadito il meccanismo del network cap “con la definizione di diversi panieri di servizi intermedi, tra cui ad esempio, i canoni di attivazione e quelli mensili relativi ai servizi di full unbundling e shared access”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Pagerank fa sckifo
    - Scritto da: Anonimo
    vedasi googlebombingNo, non è vero, danno risultati molto attendibili!vedasi "miserabile fallimento"http://www.google.com/search?q=miserabile+fallimento&sourceid=firefox&start=0&start=0&ie=utf-8&oe=utf-8:D:D:D:p
  • Anonimo scrive:
    Senso del pagerank?
    Non ho ancora capito per quale motivo ci siano un sacco di web-professionisti (cioè gente che vende servizi web) che si sbattono come disperati per avere un pagerank "alto". Il sito piace, è visitato, funziona? Vende (se deve vendere)? Punto. Ottimizzare un sito per il pagerank mi sembra un po' come vendere l'ottimizzazione per i motori di ricerca... è proprio da robbosi insomma.
    • Anonimo scrive:
      Re: Senso del pagerank?

      (cioè gente che vende servizi web)
      che si sbattono come disperati per avere un
      pagerank "alto". Il sito piace, è
      visitato, funziona? Vende (se deve vendere)?
      Punto. Ottimizzare un sito per il pagerank
      mi sembra un po' come vendere
      l'ottimizzazione per i motori di ricerca...
      è proprio da robbosi insomma.Be, i motori di ricerca sono come l'interfaccia che i visitatori _un minimo minimo accorti_ hanno del web.Avere un buon ranking è quasi uno status symbol per i siti che frullano bene (ma per quanto visitati se sono ottimizzati alla cane non lo hanno) un biglietto da visita per quelli medi e un biglietto per il viaggio della speranza per quelli piccoli.I primi senza un buon ranking fanno la figura dei peracottari con tutto quel che ne segue, i secondi sono obiettivamente meno competitivi, a parità di contenuti, con altri che hanno più visibilità (e visibilità =! da pubblicità, il visitatore minimo minimo scafato di cui sopra non se ne fida più), i terzi, beh, se nemmeno si vedono, difficile che decollino, il che vuol dire potenziali visitatori o clienti o collaboratori persi, se nessuno gli dice che quel sito esiste.
    • Anonimo scrive:
      Re: Senso del pagerank?
      Purtroppo la gente e' pigra ed e' portata a pensare che i primi 10 risultati del motore di ricerca siano collegamenti ai siti piu' completi ed affidabili.Invece il piu' delle volte non e' cosi' e cercando anche tra i link delle pagine successive si possono trovare i siti migliori.Il rancking il piu' delle volte e' ottenuto con sporchi trucchi tanto per venderti qualcosa oppure per infilarti un dialer :@
  • Anonimo scrive:
    Re: Pagerank fa sckifo
    E l'uva è acerba.
  • Anonimo scrive:
    ...MUUUUUUU!
    - Scritto da: Anonimo
    Verizon ferma le email provenienti
    dall'Europa perché contengono spam?
    Ma se tutto lo spam che mi arriva (quasi 40
    messaggi al giorno) arriva dall'America!a me arriva tutto dalla Cina, dalla Russia e DALL'ITALIA spesso.e quando fai le segnalazioni agli indirizzi degli abuse, questi FILTRANO SUI CONTENUTI!!!!! così quando tu, come è normale fare, gli mandi il contenuto della mail spammatoria, loro LA CONSIDERANO SPAM!quindi falsi positivi.si ma sugli indirizzi degli abuse!!!!!!!!!!!! :-One si sta discutendo questi giorni sul NG del net abuse sulla gerarchia it, se vi interessa. ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: Pagerank fa sckifo
    - Scritto da: Anonimo
    vedasi googlebombingVero, meglio PigeonRank !
  • Anonimo scrive:
    Pagerank fa sckifo
    vedasi googlebombing
  • Anonimo scrive:
    Re: Il bue dice all'asino...
    - Scritto da: Anonimo
    Verizon ferma le email provenienti
    dall'Europa perché contengono spam?
    Ma se tutto lo spam che mi arriva (quasi 40
    messaggi al giorno) arriva dall'America!Senza contare che danno agli utenti un'ottima ragione per migrare a caselle come quella di google o yahoo, che funzionano bene e sono gratuite. Mah.
  • Anonimo scrive:
    Il bue dice all'asino...
    Verizon ferma le email provenienti dall'Europa perché contengono spam?Ma se tutto lo spam che mi arriva (quasi 40 messaggi al giorno) arriva dall'America!
Chiudi i commenti