Sharemedia, web-tv made in Italy

No all'IPTV e alle tv online chiuse, sì agli standard aperti. L'azienda unisce le forze di Unidata e Unicity sfruttando il DRM e il know-how di Microsoft e raggiungendo la RAI. I clienti? Imprese col pallino della comunicazione video

Dal 26 ottobre è sul mercato ShareMedia , una collaborazione Unidata, Unicity, RAI e Microsoft, tesa a fornire servizi, software e infrastrutture per quanti volessero realizzare e distribuire contenuti video attraverso la rete. ShareMedia vuole presentare se stessa non come una IPTV ma come un service di web-tv che si appoggia ad un’infrastruttura libera e non ad una rete proprietaria .

Al progetto, Unidata collabora fornendo l’erogazione del servizio tramite infrastrutture, data center e server, Unicity occupandosi dello sviluppo del software e dei contenuti, RAI sperimentando i contenuti e Microsoft fornendo la tecnologia di base, dai DRM allo streaming . In questo modo Sharemedia può fornire un pacchetto completo (dall’infrastruttura ai contenuti) o parti di esso. Per capirne di più, Punto Informatico ha scambiato quattro chiacchiere con Renato Brunetti , presidente Unidata.

Punto Informatico: Sharemedia afferma di trasmettere filmati con la medesima qualità del segnale televisivo, è la verità?
Renato Brunetti: Sì, trasmettiamo con uno streaming da 1 Mbit, con il video compresso opportunamente otteniamo un broadcasting normale ricevibile correttamente da qualsiasi Adsl media. Se dunque la connessione del cliente consente 1 Mbit, avrà la medesima qualità di una trasmissione video in Mpeg2.

PI: Mi è sembrato di capire che il target a cui vi rivolgete è quello business, aziende che vogliono realizzare delle web-tv interne, giusto?
RB: Sì, uno dei mercati è quello che corporate tv. Sia verso l’esterno che verso l’interno, a scopo formazione o veicolazione di contenuti specifici, come eventi aziendali.

PI: E non ci sono altri mercati nei quali volete entrare?
RB: Beh c’è la vendita di contenuti. Attraverso un sistema molto robusto di DRM se qualche cliente lo vorrà fare potrà scaricare e comprare film o altri contenuti a pagamento. Siamo in grado di offrire sia uno streaming con fruizione immediata del contenuto che il download, cioè ci si scarica il film e lo si vede successivamente con tutto un meccanismo di protezione di contenuti.

PI: In questo senso entra in gioco anche Microsoft. Il vostro rapporto con il big di Redmond si limita al DRM?
RB: No, va anche più in profondo a livello di sviluppo combinato. Parte di quello che stiamo sperimentando sarà integrato in Sharepoint (il celebre portal server Microsoft , ndr.).

PI: Per i contenuti avete preso accordi specifici con le case di distribuzione?
RB: No no, questo sta al cliente, non è il nostro ambiente. Noi forniamo unicamente la tecnologia a chi vuole andare sul mercato della distribuzione dei contenuti.

PI: Punto Informatico ha più volte affrontato la questione web tv – iptv , la vostra scelta cade sulla web tv, perché?
RB: L’IPTV oggi è una soluzione di televisione in diretta o on demand, che è proprietaria dentro la rete, nel senso che ogni operatore ha la sua: Fastweb, Telecom, Tiscali e via dicendo. Si tratta di ambienti chiusi, perché con il set top box di Fastweb non si vede la tv di Telecom e viceversa, sono tv in concorrenza con la tv satellitare o il digitale terrestre.

PI: Invece voi?
RB: Il nostro è un concetto diverso, la tv deve essere trasportata direttamente su internet, disponibile a tutti senza concessioni proprietarie. Anche perché con la grande disponibilità di larga banda è assolutamente possibile anche utilizzando dei set top box di tipo standard come il Media Center di Microsoft. Noi possiamo quindi sia trasmettere verso PC che su set top box aperti (non proprietari) collegati alla tv. Secondo me poi aumentando sempre di più la banda è più logico fare la tv direttamente su internet, e questo è dimostrato anche dal successo di siti come YouTube.

PI: Ecco, voi come vi ponete rispetto alla produzione di contenuti dal basso?
RB: Non è escluso che qualora ci sia un cliente interessato lo possiamo fare, ma a brevissimo termine comunque non è un progetto. A metà dell’anno prossimo forse…

PI: Al momento i vostri clienti di punta sono RAI e Publicis, è prevista l’aggiunta di qualche altro cliente importante?
RB: Non ci sono ancora annunci ufficiali ma arriveranno a breve.

PI: Ma parliamo sempre di corporate tv?
RB: Beh anche una via di mezzo, sono contratti non ancora chiusi e quindi non posso anticipare, ma tra poche settimane saranno definitivi.

a cura di Gabriele Niola

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    peccato che l'annuncio del rifinanziamen
    peccato che l'annuncio del rifinanziamento non sia stato seguito dalla riattivazione della procedura.abbiamo aspettato fino al 23.12 per fare l'acquisto e ... l'abbiamo fatto senza bonus!
  • Anonimo scrive:
    Re: www.aruba.it..ed altro
    Ma allora ti devo picchiare ancora più duro?Devo romperti le dite? Fratturarti il femore?Devo cacciarti schegge di bambù sotto le unghie?Insomma, devo proprio farti MALE?
  • Anonimo scrive:
    Anche a me è successa...
    Anche a me è successa la stessa cosa, sono andato dal negoziante che mi ha detto che i fondi erano esauriti.E ora se ci torno dite che lo hanno già rifinanziato o devo aspettare?Non posso avere il computer per Natale?(questo da dove scrivo è di mio padre...)
    • Anonimo scrive:
      Re: Anche a me è successa...
      - Scritto da:
      Anche a me è successa la stessa cosa, sono andato
      dal negoziante che mi ha detto che i fondi erano
      esauriti.
      E ora se ci torno dite che lo hanno già
      rifinanziato o devo
      aspettare?
      Non posso avere il computer per Natale?
      (questo da dove scrivo è di mio padre...)che ti frega? Tanto paga papà.....
    • Anonimo scrive:
      Re: Anche a me è successa...

      Non posso avere il computer per Natale?No, non puoi. Mi dispiace, hai perso l'occasione. Ti sei mosso troppo tardi e ora sei fuori. Non poter imparare a lavorare su un computer tuo ti causerà ritardi irrecuperabili nell'apprendimento delle nuove tecnologie, di fatto rendendo impossibile una tua collocazione nel mondo del lavoro. Sarai quindi condannato ad una vita di povertà e precariato, costretto ai lavori più umili e avvilenti.Buttati quindi dalla finestra.(troll)(troll1)(troll2)
    • Anonimo scrive:
      Re: Anche a me è successa...
      se i fondi sono finiti in 3 giorni, penso che finiranno ancora prima questi... ti consiglio di andare il prima possibile...
  • Anonimo scrive:
    ma quando lo faceva il Berluska ...
    qui tutti i SX-stroidi a criticare ...."vuole accattivarsi i futuri votanti" e cose simili (come se poi quando questi voteranno ci sarebbe stato il Silvio dei loro incubi, ancora: difficilmente è eterno!).Ora che la stessa iniziativa è continuata a mantenere dal C-SX??? ORA VÀ BENE! .
    • Anonimo scrive:
      Re: ma quando lo faceva il Berluska ...
      - Scritto da:
      ORA VÀ BENE! .Ma nelle 3 I di Berlusconi c'era l'ITALIANO?Mi pare di no.
      • Anonimo scrive:
        Re: ma quando lo faceva il Berluska ...
        L'inglese .Che cavolo ci fai con l'italiano!!!!Speriamo un giorno di riuscire a portare l'Italia, Spagna, Portogallo, .... come gli USA e Uk.
        • Anonimo scrive:
          Re: ma quando lo faceva il Berluska ...
          - Scritto da:
          L'inglese .
          Che cavolo ci fai con l'italiano!!!!
          Speriamo un giorno di riuscire a portare
          l'Italia, Spagna, Portogallo, .... come gli USA e
          Uk.beh, tu inizia ad imparare a parlarlo, che è la lingua del tuo paese.poi vedi come ti tratta l'immigrazione quando vai nel tuo amato paese USA ;)sai che vogliono tanto bene agli italiani quando vanno li da loro, no? Scommetto che se parli così l'italiano, l'inglese lo sai ancora meglio , heheheh
          • Anonimo scrive:
            Re: ma quando lo faceva il Berluska ...

            Scommetto che se parli così l'italiano, l'inglese
            lo sai ancora meglio ,
            hehehehpwned (rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: ma quando lo faceva il Berluska ...
      il governo Prodi preferisce dare i soldi per i PC ai docenti universitari piuttosti che agli studenti sedicenni
      • Anonimo scrive:
        Re: ma quando lo faceva il Berluska ...
        Ecco si' questo e' giusto.I docenti votano i 16 enni no!Ma perche' la sinistra sta portando avanti un progetto iniziato dal nano ?IncredibileAttento che tra poco fanno anche il ponte sullo stretto.ahahahabuone feste
        • Anonimo scrive:
          Re: ma quando lo faceva il Berluska ...
          - Scritto da:
          Ecco si' questo e' giusto.
          I docenti votano i 16 enni no!

          Ma perche' la sinistra sta portando avanti un
          progetto iniziato dal nano
          ?

          Incredibilesta facendo questo con TUTTOla depenalizzazione del falso in bilancio in primisla non modifica della urbani (che interessa a tanti lettori di PI) le modifiche assurde sulle intercettazioni telefoniche in senso di non-giustiziahanno già accolto le pressioni dei dirigenti e il tetto massimo di retribuzione per i dirigenti della PA verrà prontamente INTEGRATO con un bla e un bla proporzionale al risultato ottenuto ... questo IMHO significa che dato che il risultato ottenuto è un peggioramento dovranno considerarlo un numero NEGATIVO e RIDARCI I SOLDI...ma non credo che sia interpretata così ...insomma, questo non è un governo prodi, ma produsconi destrosinistro fasciocomunistamoderatodicentrodemocristiano che finge di essere laico.semplcemente ci ignorano.
      • ryoga scrive:
        Re: ma quando lo faceva il Berluska ...
        - Scritto da:
        il governo Prodi preferisce dare i soldi per i PC
        ai docenti universitari piuttosti che agli
        studenti
        sedicenniGia'...perche' i docenti universitari non possono permetterselo... :'(Ma andassero a....
      • Anonimo scrive:
        Re: ma quando lo faceva il Berluska ...
        - Scritto da:
        il governo Prodi preferisce dare i soldi per i PC
        ai docenti universitari piuttosti che agli
        studenti
        sedicenniora che l'hai detto è diventato vero.fai così: di anche che io ho vinto il superenalotto, così diventa vero e io sono ricco
      • Anonimo scrive:
        Re: ma quando lo faceva il Berluska ...

        il governo Prodi preferisce dare i soldi per i PC
        ai docenti universitari piuttosti che agli
        studenti
        sedicenniE fa bene. Gli studenti sedicenni di oggi sono i diciottenni morti nelle stragi del sabato sera tra due anni. Inutile scommettere su di loro. E' già grave doverli tenere posteggiati a scuola per altri due anni quando ammazzarli subito sarebbe la soluzione migliore.
    • Anonimo scrive:
      Re: ma quando lo faceva il Berluska ...
      - Scritto da:
      qui tutti i SX-stroidi a criticare ....
      "vuole accattivarsi i futuri votanti" e cose
      simili (come se poi quando questi voteranno ci
      sarebbe stato il Silvio dei loro incubi, ancora:
      difficilmente è
      eterno!).
      Ora che la stessa iniziativa è continuata a
      mantenere dal
      C-SX???
      ORA VÀ BENE! .guarda che è QUELLA l'iniziativa, non è un'altra.semplicemente non è che arriva un altro governo e fa un bel FORMAT di tutto il paese...l'iniziativa è QUELLA.la cosa strana che evidenziava un padre incazzato in questi giorni nei newsgroup è che i fondi sono stati esauriti in TRE giorni
Chiudi i commenti