Si afferma il digitale terrestre

Lo assicura il ministero alle Comunicazioni, secondo cui il contributo pubblico ha finanziato la vendita di più di 270mila decoder. E Datamonitor fa sapere che diventerà fenomeno di massa


Roma – Al bando i disfattismi, la televisione digitale terrestre italiana potrà anche soffrire di un presente complicato ma è destinata ad un grande futuro. Ad affermarlo sono i numeri di Datamonitor

In Italia, secondo Datamonitor, entro il 2008 la televisione digitale terrestre costituirà per le famiglie italiane il canale preferenziale e maggioritario per la fruizione di servizi digitali. Entro quell’anno, secondo gli analisti di Datamonitor, vi saranno almeno 12 milioni di famiglie italiane dotate dei dispositivi di ricezione del nuovo segnale televisivo.

E se sul nuovo medium non si sono ancora sciolte le nubi dell’antitrust europeo , se ancora non si placano le critiche di chi ha comprato il boxetto per ricevere i canali digitali, il domani sarà invece di segno diverso.

Il ministero delle Comunicazioni , che rassicura sottolineando che “la nuova Tv continuerà ad essere gratuita come la Tv analogica, finanziata con la pubblicità e il canone”, ha reso noti nuovi dati sulle vendite dei decoder necessari alla ricezione del segnale digitale.

Le cifre ministeriali affermano che in soli quattro mesi in Italia sono stati piazzati quasi 274mila decoder , acquistati sfruttando il finanziamento pubblico di 150 euro. Va detto però che l’entusiasmo dei primi due mesi, quando a marzo e ad aprile ne sono stati venduti prima 56mila e poi 94mila, è seguito un veloce raffreddamento tra maggio e giugno, con vendite di 83mila e 37mila rispettivamente.

Ma per questi numeri, sottolinea il Ministero, c’è ancora spazio per crescere, visto che dei 120 milioni di euro di stanziamenti per gli acquisti finora ne sono stati utilizzati solo 41 milioni.

Una pagina utile per capire come vengono utilizzati i soldi dei contribuenti è presente a questo indirizzo .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    VHS ???
    E che diavolo ci facevano con le vhs? La birra ??Sono secoli che non si vede per strada una vhs contraffatta.Senza dimenticare che stranamente, hanno trovato masterizzatori DVD e cassette vhs.Ci sono o ci fanno ????
    • Anonimo scrive:
      Re: VHS ???
      DVD-Vhs è un nuovo formato!!! Non lo conosci??LOLCmq le VHS secondo me erano una rimanenza di almeno 3 anni fa'...
  • Anonimo scrive:
    Sì, ma....
    Il fatto che i blitz siano stati generati anche da indagini sul traffico di stupefacenti vuol dire che se non ci fossero state tali indagini non ci sarebbero stati gli arresti????? Ma comunque 49mila vhs dove le avevano, in un capannone??????? Mi che la notizia sia stata un po' troppo gonfiata!!!!
  • Anonimo scrive:
    Questa sì che è pirateria!
    Spesso il p2p degenera in pirateria, ma generalmente è solo uno scambio innocente. Ecco perchè i colossi non riusciranno mai a fermarlo. La duplicazione e distribuzione in grande stile di supporti fisici (CD, DVD, VHS) contenenti materiale protetto sta su un altro piano e nessuno mette in dubbio che sia pirateria.
    • Anonimo scrive:
      Re: Questa sì che è pirateria!

      Spesso il p2p degenera in pirateriaEsattamente quando secondo te? Il p2p è uno scambio consensuale di file, la pirateria è la vendita di merce contraffatta (o senza aver pagato i diritti di autore.Quello che stai dicendo equivale a dire che l'amicizia è la stessa cosa della prostituzione... ;)
  • Anonimo scrive:
    COSA?!!! senza bollino siae?!!!!!
    inaudito!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!IN GALERA!!!!!!!!!! :D
Chiudi i commenti