Si pente lo scippatore inseguito dagli SMS

Con 21 messaggini, un'insegnante convince uno scippatore a restituirle borsetta, denaro e cellulare

Pechino – Aveva scippato un’insegnante, che nella sua borsetta aveva denaro e un telefono cellulare. Ma poi si è pentito, è tornato sui propri passi e ha riconsegnato il maltolto. Un pentimento maturato a colpi di… SMS.

La notizia è stata diffusa dall’agenzia di stampa cinese Xinhua , che racconta la storia – conclusasi con un lieto fine – di Pan Aiying, docente nella provincia di Shandong, che mentre rincasava in bicicletta si è vista scippare la borsetta contenente telefonino, carte di credito e denaro contante per 4.900 yuan (poco meno di 500 euro) da un uomo in moto.

All’idea iniziale di denunciare il fatto alla polizia, Pan Aiying ha poi preferito chiamare il proprio numero di cellulare dall’apparecchio di un collega. Trovandolo spento, ha deciso di spedire una serie di SMS. Nel primo ha scritto: “Sono Pan Aiying, un’insegnante della scuola Wutou Middle. Devi passare un brutto periodo. Se è così non ti biasimo”. Non ricevendo risposta, ha continuato la sua opera di convincimento con nuovi messaggini. Il successivo diceva “Tieni i 4.900 yuan se ti servono veramente, ma per favore consegnami le altre cose. Sei ancora giovane. Sbagliare è umano. Rimediare ai tuoi sbagli è più importante di tutto il resto”.

Giunta al 21esimo SMS, e avendo ormai perso le speranze, la donna racconta di aver trovato, nel cortile fuori casa, un pacco contenente la sua borsetta e tutto il contenuto. Accompagnato da un biglietto con scritto: “Cara Pan: mi dispiace. Ho commesso un errore. Ti prego di perdonarmi. Sei una persona tollerante anche con chi ti ha rubato qualcosa. Cambierò e diventerò una persona onesta”.

D.B.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • gmacar scrive:
    Il canone mensile non convince
    Il sistema mi pare comodo, perché permette di risparmiare tempo rispetto alle carte di pagamento tradizionali.Quello che non mi convince è il canone mensile per il servizio, soprattutto considerando che tutto ciò, a detta degli stessi ideatori, dovrà essere usato prevalentemente per micropagamenti: per quale motivo dovrei rimetterci qualche euro ogni mese?Non vorrei sia un pretesto per introdurre l'ennesimo balzello, che peraltro farebbe da freno alla diffusione del servizio stesso.Speriamo che in extremis cambino idea e decidano di rendere tutto completamente gratuito.
  • Anonimo scrive:
    Wind? Magari!
    Ho la flat adsl e voce con un operatore piuttosto caro per le mie finanze, desideravo passare a Wind.Sono di roma, non del classico paesello sperduto in cima ai monti. Eppure sono stato in prenotazione per UN ANNO, prima con tuttoincluso e poi con tuttoincluso mega.Prenotano e basta, poi pero' il servizio puoi anche scordartelo.Mah
    • casto scrive:
      Re: Wind? Magari!
      che culo , io sono passato a wind e non mi funziona piu niente , si disconnette e va solo di notte .se di notte vuoi dormire , tienti la telecom.
  • Anonimo scrive:
    Ha ha ha..
    Ma se non sono capaci di offrire un servizio adsl serio, figuriamoci l'iptv. Ha ha ah ...Artide.Felice Ex cliente libero.
Chiudi i commenti