Siemens: così si abbandona il free internet

Una nuova piattaforma di pagamento via cellulare viene promossa come la soluzione per chi vuole far pagare i servizi forniti via internet. E non solo. I dettagli


Milano – Pagare con il cellulare. Aumentano i servizi specializzati che spingono sul “pay-per-use” o “pay-on-demand” sfruttando il cellulare, secondo un modello che potrebbe essere adottato da molti fornitori di servizi su internet. L’ultima ad offrire una piattaforma per lo sviluppo di questi sistemi tra operatori wireless e istituti bancari è Siemens Business Services, società del gruppo Siemens, che ha lanciato “Mobile Payment Pay-it-easy”.

Stando a Siemens, il Mobile Payment rappresenta per i merchant una nuova opportunità di business, perché permette di vendere prodotti e servizi ai consumatori ovunque questi si trovino, tramite internet o in modo tradizionale presso un negozio, una biglietteria ecc. Nel contempo Pay-it-easy permette ai Payment Service Provider (PSP) di offrire ulteriori servizi alle imprese, fornendo un nuovo sistema di pagamento tramite cellulare.

“Pay-it-easy – afferma esplicitamente Valentino Bravi, amministratore delegato di Siemens Informatica – consente ai merchant di abbandonare la logica del Free Internet, adottando la filosofia del pay-per-use o del pay-on-demand. Tutto ciò si traduce, per i gestori di telefonia mobile e per le banche, in nuove opportunità di sviluppare ulteriore business con modalità innovative e in linea con le richieste del mercato”.

Due le modalità di utilizzo della piattaforma. La prima riguarda “macropagamenti” che passano attraverso i circuiti tradizionali, la seconda i “micropagamenti”, quelli “per internet” e non solo, in cui la spesa viene scalata da una somma precaricata.

Per pagare con questa modalità gli utenti hanno bisogno solo del proprio cellulare GSM, mentre tutta l’infrastruttura viene fornita da Siemens alle imprese che intendono adottare questo sistema. “Il ruolo del telefono cellulare – spiega Siemens – è fondamentale per l’identificazione e l’autenticazione del consumatore”.

“La nostra soluzione Pay-it-easy – ribadisce Xavier Debanne, responsabile del Mobile Payment del Gruppo Siemens Business Services – consente ai gestori di telefonia mobile e alle banche di fornire finalmente ai consumatori un servizio universale per tutti i tipi di pagamento sia nel mondo virtuale sia nel mondo reale”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ma quale Christmas Card...
    ...e' il sito Omnitel che fa da sempre pena!E' pieno di errori che non si trovano neppure nelle paginette di un dilettante.Provate a girarci con qualcosa di diverso da IE.
  • Anonimo scrive:
    Come no...
    Già, ovviamente il fatto che il sistema aggiunga a un utente articoli che non aveva mai scelto (o se si preferisce, gli attribuisca il carrello di un altro utente) si spiega con la solita storiella dei server sovraccarichi, vero? A me risultava che i server sovraccarichi dovessero rispondere con un codice 5xx, non con un 404.Sembra di sentire i televenditori/affibbiasOle quando dicono (ovviamente su una trasmissione registrata) che in quel momento le loro linee vengono 'prese d'assalto' dai telespettatori interessati.
    • Anonimo scrive:
      Re: Come no...
      Infatti...Il sito dell'omnitel fa veramente schifo!!!Quello che e' accaduto non e' un fatto solo di ieri, ma capita molto spesso....Tra l'altro chi gestisce il sito dell'omnitel ha il brutto vizio di mettersi a lavora sulla versione on-line del sito provocando cosi' temporanei problemi...Per acquistare una ricarica telefonica io qualche settimana fa, ho impiegato quasi un giorno intero....non ho altro da aggiungere...
      • Anonimo scrive:
        Re: Come no...
        confermo che fare delle semplici operazioni sul sito omnitel è veramente un viaggio pieno di sorprese. Qualche tempo fà per cambiare piano telefonico pagando con carta di credito ho provato per almeno una settimana ..... errori continui bo
Chiudi i commenti