Siemens: linea dura con gli impiegati online

Rischia chi utilizza la rete sul posto di lavoro in modo considerato improprio. Molti gli avvertiti, un licenziato


Melbourne (Australia) – La divisione australiana di Siemens ha deciso di mostrare la faccia feroce ai suoi impiegati dopo una indagine sull’uso che viene fatto in ufficio di internet e della posta elettronica.

A quanto pare, Siemens ha scoperto che un certo numero di operatori, non quantificato, “ha gravemente infranto le regole interne che concernono l’uso della rete e dei sistemi di posta elettronica” presso l’azienda.

L’indagine sarebbe stata condotta da Siemens Australia come parte di un piano di analisi di routine. Dopo l’analisi di quanto avvenuto dalle postazioni degli impiegati, l’azienda ha deciso di sanzionare gli operatori coinvolti e di licenziarne uno.

“Siemens – si legge in una nota – è spiacente di annunciare che una persona è stata licenziata dopo una approfondita analisi delle sue operazioni che hanno portato alla luce molte infrazioni alle regole. Un certo numero di altri impiegati è stato severamente ripreso”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    XML
    perche comprare cose nuove?l'adattamento al media die contenuti lo fa (egregiamente) XML
  • Anonimo scrive:
    ...e i Costi ?
    Soluzioni software per la content-trasformation sono da tempo disponibili, CISCO mette anche a disposizione una soluzione hardware (CISCO CT1400); ma gli elementi cruciali sono: le prestazioni (primo caso), il costo nel secondo.Nella mia breve esperienza ho dedicato molto tempo a lottare con le "sfumature" di ogni device anche se dichiarati essere WAP 1.1 compliant: Nokia è diverso da Ericsson e da Siemens e da Motorola e non solo per il formato del display!
  • Anonimo scrive:
    Sarà la strada giusta? Speriamo di si!
    Sicuramente esiste la necessità di modificare i siti web a seconda del dispositivo che si connette, me ne sono accordo da quando ho acquistato un PDA e ho provato a navigare "comunemente" sul web.Sono rari i siti che si adattano alle esigenze di questi dispositivi, nonostante gli sforzi che i software di questi dispositivi si impegnano a portare avanti.Anche se non mi piace l'idea che in automatico i server filtrino le informazioni da visualizzare per questi dispositivi, attualmente c'è un innutile spreco di risorse (banda, tempo ed soldi di connessione) dovuto al fatto che viaggiano molte informazioni "innutili" per questi dispositivi.
Chiudi i commenti