Siena, città simbolo della cablatura

Si conclude la sperimentazione: Telecom Italia e Sindaco sostengono che non c'è più bisogno di parabole e antenne sui tetti. In tutta la città si snodano fibre veloci. 21mila le unità immobiliari collegate. 17,5 milioni di euro investiti

Siena – La città di Siena si propone come città-simbolo, emblema di una “cablatura possibile”, di un mega-progetto di rete veloce su cui far correre voce e dati capace di abbracciare praticamente l’intera città. Da anni in prima fila per le sue attività di sviluppo delle nuove tecnologie, Siena ha annunciato ieri che Telecom Italia ha concluso la fase di sperimentazione del progettone in fibra.

L’investimento da 17,5 milioni di euro si è fino a questo momento trasformato in oltre 21mila unità immobiliari collegate alla rete in fibra ottica di Telecom Italia, alla posa di 60 Km di cavi ottici, per circa 8.900 km di fibra e 225 km di cavo coassiale.

“Siena – ha spiegato Maurizio Cenni, sindaco di Siena – è la prima città italiana a non aver più bisogno di antenne o parabole sui tetti, un risultato che riveste grande importanza dal punto di vista ambientale e tecnologico. La nuova rete consentirà l’utilizzo di tutti i servizi telematici attualmente in commercio ai quali è possibile accedere tramite Internet e di usufruire online delle applicazioni rese disponibili dall’Amministrazione comunale e dalle altre realtà locali”.

Anche grazie al progettone di sviluppo e in attesa del suo completamento, l’Amministrazione comunale già aveva fatto partire e realizzato una serie piuttosto ampia di progetti avanzati, dal varo effettivo della firma elettronica alla creazione dei cosiddetti “totem multimediali”, descritto come apparati “per rendere immediato l’accesso telematico ai propri servizi anche in luoghi pubblici”.

Il Sindaco Cenni e R. Ruggiero Telecom Italia nel frattempo sta completando l’adeguamento della rete per altre 5.000 abitazioni del Comune di Siena nelle zone di Petriccio, Acquacalda, Vico Alto, Marciano/Cappuccini, Bottega Nuova, Scacciapensieri, Porta Tufi, Porta Romana.

Nel futuro, ha spiegato il Sindaco assieme all’amministratore delegato di Telecom Italia Riccardo Ruggiero (vedi foto), la città di Siena “continuerà a rappresentare un particolare ambiente di sviluppo per nuovi servizi telematici ed applicativi a vantaggio della cittadinanza e del tessuto produttivo locale. Questo contribuirà all’ulteriore penetrazione degli strumenti di commercio e governo elettronico, che generano servizi nuovi caratterizzati da elevati standard qualitativi e in grado di ridurre i costi di produzione”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • francisco saa scrive:
    educSION
    PARA ESTUDIAR
  • francisco saa scrive:
    studio
    me sirve para estudiar
  • Anonimo scrive:
    c'e' ancora in panda lo spyware scientology ?
    una volta c'era
  • Anonimo scrive:
    ma... fa la scansione da web?
    ovvero fa la scansione DA INTERNET? e quindi potrebbe pipparsi tutti i miei dati? :-/oppure si può scaricare un software gratuito?
  • Anonimo scrive:
    64mila?
    Sophos ne individua 76mila e rotti.Non mi tornano molto i conti...
  • Anonimo scrive:
    Trust
    ... ma chi si fida di Panda per un online scan???!Che immagino oltretutto si basi su un controllo activeX per scavarvi nel computer fino dentro il buco del... ok, facciamo mouse per stare light.Oppure nessuno ricorda i fatti velocemente messi a tacere di parecchi mesi fa che davano Panda e i suoi prodotti coinvolta in operazione poco lecite con i dati dei propri clienti?Tanto per rinfrescare la memoria... Dont trust the Panda.Se qualcuno puo smentire mi fa piacere, per carità!
    • Anonimo scrive:
      Re: Trust
      Vero, ma in casi disperati, quanto tutto sembra perduto puoi provare anche questa cura. Poi visto che e' gratis, si puo' anche pensare ad una forma di promozione ed e' poco probabile che ci si faccia pubblicita' causando disastri.
    • Anonimo scrive:
      Re: Trust
      - Scritto da: wakeup
      ... ma chi si fida di Panda per un online
      scan???!
      Che immagino oltretutto si basi su un
      controllo activeX per scavarvi nel computer
      fino dentro il buco del... ok, facciamo
      mouse per stare light.
      Oppure nessuno ricorda i fatti velocemente
      messi a tacere di parecchi mesi fa che
      davano Panda e i suoi prodotti coinvolta in
      operazione poco lecite con i dati dei propri
      clienti?
      Tanto per rinfrescare la memoria...
      Dont trust the Panda.
      Se qualcuno puo smentire mi fa piacere, per
      carità!delle beghe non ne so niente, ma comunque io resto fedele ad housecall.antivirus.comun bel scan/clean virus ke va usando il buon vecchio java.
      • Anonimo scrive:
        Re: Trust
        Io resto fedele a linux, e di antivirus non ne ho bisogno (il sistema è aggiornato e questo è il miglior antivirus).
    • Anonimo scrive:
      Re: Trust
      Noi abbiamo Panda installato nella Lan e su web e mail server da un paio di anni e a parte qualche bega di configurazione del modulo administrator, tutto bene mai nessun virus è entrato.Tenete presente che sul mail server ogni giorno arrivano dalle 50 alle 100 email infette come minimo.Paolo
      • Anonimo scrive:
        Re: Trust
        - Scritto da: Paolo
        Noi abbiamo Panda installato nella Lan e su
        web e mail server da un paio di anni e a
        parte qualche bega di configurazione del
        modulo administrator, tutto bene mai nessun
        virus è entrato.

        Tenete presente che sul mail server ogni
        giorno arrivano dalle 50 alle 100 email
        infette come minimo.e stai usando la versione citata dall'articolo?
Chiudi i commenti