Siria fuori da Internet

Calo improvviso nel traffico da e per lo stato mediorientale, finito fuori dalla Rete. Il regime parla di terrorismo, poi di problemi tecnici. Più probabile l'intervento governativo

Roma – Nel mezzo di una sanguinosa guerra civile, lo stato siriano è improvvisamente sparito dai radar delle più importanti società d’analisi del traffico Internet. Da Akamai a Renesys, è stato confermato un calo significativo nel traffico DNS da e per la Siria , la seconda grande disconnessione del regime di Bashar al-Assad in poco più di sei mesi .

Nel parere tecnico degli analisti di CloudFlare e Umbrella Labs , la sparizione cibernetica siriana è dovuta ad un intervento umano per bloccare al confine digitale nazionale tutte le comunicazioni in entrata e uscita: l’ipotesi più accreditata è la “manomissione” dei registri di routing del Border Gateway Protocol (BGP), strumento essenziale per indirizzare il traffico in partenza verso IP assegnati al di fuori dei confini siriani e viceversa.


Decisamente diverse le spiegazioni offerte dal governo locale, che in prima battuta hanno puntato il dito contro non meglio specificati gruppi del terrorismo internazionale. Successivamente, l’agenzia di stato SANA ha denunciato un serio problema tecnico alle reti in fibra ottica , che avrebbe compromesso anche le linee telefoniche nazionali.

Per tutti quelli che ancora hanno la possibilità di sfruttare telefoni fissi o cellulari, Google ha messo a disposizione il suo servizio d’emergenza Speak2Tweet come strumento di comunicazione di massa attraverso la distribuzione di messaggi voicemail sulla piattaforma cinguettante. Alcuni attivisti locali hanno infatti confermato la disconnessione di amici e parenti, dal momento in cui sono rimasti online i soli utenti capaci di permettersi una connessione satellitare , del tutto indipendente dal controllo degli uomini del presidente Bashar al-Assad.

Le spiegazioni offerte dal regime siriano non hanno convinto le società d’analisi – attualmente restano attivi solo tre profili BGP su un totale di circa 80 – così come i giornalisti attivi nell’area, che hanno ipotizzato un intervento doloso per creare un blackout informativo e fermare l’organizzazione digitale dei ribelli. Su Internet erano state pubblicate numerose foto dei civili uccisi dal regime.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Giusto scrive:
    Se sei un professionista...
    e il software lo paghi non sara' niente di estremo avere l'abbonamento, dato che anche gli aggiornamenti non e' che proprio li regalino.Il peggio sara' per i bimbiminkia che devono avere l'ultimo photoshop per fare i meme.
    • Non ho dubbi scrive:
      Re: Se sei un professionista...
      - Scritto da: Giusto
      e il software lo paghi non sara' niente di
      estremo avere l'abbonamento,

      dato che anche gli aggiornamenti non e' che
      proprio li
      regalino.

      Il peggio sara' per i bimbiminkia che devono
      avere l'ultimo photoshop per fare i
      meme.Sciocchezze, il costo dell'aquisto lo puoi ammortizzare nel tempo, e sei tu che decidi quando e SE fare un upgrade della suite. Tramite abbonamento paghi per l'uso, quando non paghi più non ti rimane niente. Una cagata pazzesca, ed è facile capirlo.
      • dvd74 scrive:
        Re: Se sei un professionista...
        Concordo pienamente con la tua risposta, se acquisti la licenza puoi stare un anno senza usarlo e quello ce l'hai ancora, oppure puoi saltare anche due release e comunque ci lavori. Il software in abbonamento è una violenza che Adobe sta facendo ai suoi clienti paganti, siamo stati noi che in tutti questi anni abbiamo contribuito a farla diventare grande.Diciamo no a questa violenza economica da spennatori di polli, opponiamoci alla loro logia di solo profitto e zero rispetto per il cliente, diciamo no all'acquisto delle nuove versioni fino a che non ridurranno i prezzi e torneranno alla vendita delle licenze. Io voglio acquistare e scaricare il software e dico no alla formula del software in affitto.
        • MacGeek scrive:
          Re: Se sei un professionista...
          Sta facendo lo stesso percorso che fece all'epoca Quark con Xpress.Una volta conquistato il quasi-monopolio si è messa a spennare i suoi clienti. Ma ad un certo punto questi ultimi, esasperati, sono passati alla concorrenza (-
          Adobe) ed oggi è quasi irrilevante.Presto o tardi Adobe stessa farà la stessa fine.
      • Skywalkersenior scrive:
        Re: Se sei un professionista...
        - Scritto da: Non ho dubbi

        Sciocchezze, il costo dell'aquisto lo puoi
        ammortizzare nel tempo, e sei tu che decidi
        quando e SE fare un upgrade della suite. Tramite
        abbonamento paghi per l'uso, quando non paghi più
        non ti rimane niente. Una cagata pazzesca, ed è
        facile
        capirlo.In Adobe hanno fatto un calcolo partendo dal presupposto che il parco software venga aggiornato circa ogni 3 o 4 anni, quindi hanno stabilito un prezzo mensile che, in tre anni, equivale più o meno al prezzo pieno della "vecchia" suite.Ad esempio, per il solo pacchetto Photoshop si pagano circa 25 /mese che in tre anni diventano 900 . Photoshop CS6 costa circa la stessa cifra.Ovviamente i più penalizzati sono quelli che si facevano andare bene una suite anche quando diventava molto vecchia. Questi probabilmente continueranno ad usare il vecchio pacchetto finché il sistema operativo glielo permetterà, oppure correranno ad acquistare la CS6 finché c'è ancora, in modo da poterla usare il più a lungo possibile.Non ho preso in considerazione i pirati perché, tanto, in qualche modo troveranno la maniera di non cacciare una lira. Tutto tranne usare software open-source.
  • AxAx scrive:
    Adobe alla frutta...
    Flash sta morendo -finalmente-, per pdf ci sono decine di applicazioni free più leggere e migliori di di acrobat, dopo un pochino di sforzo iniziale per adattarsi all'interfaccia utente più difficile con the gimp ottieni dei risultati decenti.
    • Skywalkersenior scrive:
      Re: Adobe alla frutta...
      - Scritto da: AxAx
      dopo un pochino di sforzo
      iniziale per adattarsi all'interfaccia utente più
      difficile con the gimp ottieni dei risultati
      decenti.Lo uso (o meglio, cerco di usarlo) da tempo, ma ancora non riesco ad abituarmici. L'interfaccia è fatta proprio male.
  • TheJackRackham scrive:
    Bella toppa
    Io lavoro in una casa editrice che pubblica un mensile. Abbiamo 5 grafici. Non voglio fare i conti con i costi delle licenze, ma immagino che 5 grafici che lavorano contemporaneamente con questa roba smuovano anche una certa quantità di dati sulla connessione. Senza poi considerare che in download magari ci possiamo anche stare, ma a livello di upload in Italia facciamo anche abbastanza schifo. Dobbiamo cominciare a pensare ad un aumento di banda? A una linea dedicata per i grafici? E se poi c'è il famoso guasto Telecom e si rimane senza connessione che succede, non si lavora?Mi sembra una decisione altamente criticabile, e questi ingrati dimenticano pure che generazioni di grafici si sono formati su copie pirata di Photoshop, contribuendo a renderlo uno standard di fatto, cosa che gli ha fatto parecchio gioco.Beh, alternative valide non ce ne sono, ma di sicuro qui ci teniamo strette le nostre CS5, i soldi per gli upgrade a sto giro non glieli diamo!--JackRackham
    • tanti saluti scrive:
      Re: Bella toppa
      concordo1 mega di upload e 50 mega effettivi di download
    • Paolo T. scrive:
      Re: Bella toppa
      Non serve connessione continua. Si chiama "Cloud", ma non è affatto cloud. È solo un download con verifica della licenza via internet.
  • sbrotfl scrive:
    Finalmente
    Mi piacciono questi cambiamenti! Spesso vogliono dire che la concorrenza migliora (vedi Google Reader e Feedly) :)
    • Paolo T. scrive:
      Re: Finalmente
      Non c'è concorrenza. È proprio per questo che Adobe può fare quello che le pare, anche se è palesemente un furto nei confronti di chi non aggiornava sempre.
      • Sgabbio scrive:
        Re: Finalmente
        ehi! Non vorrai dire che non spunti un concorrente capace ? :D
        • MacGeek scrive:
          Re: Finalmente
          - Scritto da: Sgabbio
          ehi! Non vorrai dire che non spunti un
          concorrente capace ?
          :DQuei software richiedono ANNI di sviluppo da parte di grossi team.Non è che una piccola software house può duplicarli in quattro e quattr'otto.Potrebbe farlo Apple, visto quei software interessano soprattutto il suo mercato professionale, non ho mai capito perché non l'ha mai fatto. Non vedo altri oggettivamente in grado ormai (M$ non è capace, Google non è il suo campo).Ci sono software promettenti su Mac, tra l'altro molto più usabili e leggeri. Ma quando ti serve la potenza, i software Adobe sono su un altro livello.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Finalmente
            - Scritto da: MacGeek

            Quei software richiedono ANNI di sviluppo da
            parte di grossi
            team.
            Non è che una piccola software house può
            duplicarli in quattro e
            quattr'otto.Ti faccio notare che esistono concorrenti commerciali di photoshop.
            Potrebbe farlo Apple, visto quei software
            interessano soprattutto il suo mercato
            professionale, non ho mai capito perché non l'ha
            mai fatto. Non vedo altri oggettivamente in grado
            ormai (M$ non è capace, Google non è il suo
            campo).MS se non erro ci provo, ma abbandono.Apple potrebbe comprarsi Pixlaton o come si chiama... :D Comunque ricordiamoci di Corel.
            Ci sono software promettenti su Mac, tra l'altro
            molto più usabili e leggeri. Ma quando ti serve
            la potenza, i software Adobe sono su un altro
            livello.Esistono software analoghi.
          • MacGeek scrive:
            Re: Finalmente
            - Scritto da: Sgabbio
            Esistono software analoghi.No, al momento non esistono. Photoshop è lo standard de facto.
          • Paolo T. scrive:
            Re: Finalmente
            E fosse solo Photoshop il problema...
          • Sgabbio scrive:
            Re: Finalmente
            Esistono alternative commerciali a photoshop è se non erro è corel che li fa.
  • saverio_ve scrive:
    ok ma abbassate sti prezzi
    Adottare una soluzione di questo tipo per dare un taglio alla pirateria lo capisco, ma i prezzi sono folli.Se in questo momento chi ha una licenza regolare è "forse" un photoshopper su 50. Io penso che con dei prezzi ridotti a un terzo, una buona parte di quei 49 abusivi passerebbero alla versione legale. Con grandi profitti per l'azienda.Nessuno ha nominato l'alternativa rappresentata da Corel. Che non è affatto male e costa molto molto meno. Sul vettoriale ritengo sia anche superiore.
    • Sgabbio scrive:
      Re: ok ma abbassate sti prezzi
      Se non erro ha soluzioni pensate per il disegno a mano libera.
    • dvd74 scrive:
      Re: ok ma abbassate sti prezzi
      Corel sarà un ottima alternativa quando faranno la versione per mac os x, fino a quel momento adobe sarà regina
    • Skywalkersenior scrive:
      Re: ok ma abbassate sti prezzi
      - Scritto da: saverio_ve
      Adottare una soluzione di questo tipo per dare un
      taglio alla pirateria lo capisco, ma i prezzi
      sono
      folli.I prezzi sono calcolati sulla base di un rinnovo del parco software ogni tre anni. Photoshop CS6 costa circa 900 . Photoshop CC costerà 25 /mese, che in tre anni sono 900 .Ovvio che in Adobe vogliono scoraggiare quelli che comprano un pacchetto e lo usano per 10 anni (SO permettendo).
      • saverio_ve scrive:
        Re: ok ma abbassate sti prezzi
        Queso ragionamento però non tiene conto della nuova tendenza del mercato software. Grazie alle soluzione dei market che agevola ricerca e acquisto, il mercato sta vivendo una grande espansione e parallelamente una riduzione di prezzi dovuta alla concorrenza.Capisco che Adobe si considera monopolista, ma i prezzi così alti inducono moltissimi professionisti ad adottare soluzioni pirata. Non sto parlando di studenti cantinari, ma di professionisti! Che sarebbero ben lieti di acquistare delle licenze se più abbordabili.Il che equivale ad un potenziale entroito che potrebbe superare quello attuale, e se si presenta qualche competitor con un prodotto anche leggermente inferiore ma compatibile ed abbordabile... Molti faranno il salto.Questo è quello che personalmente prevedo.
  • Nome e cognome scrive:
    GiMP e il lavoro
    Se solo GIMP gestisse la quadricromia e i colori Pantone ci sarebbero parecchie aziende di grafica disposte a fare il passaggio...ma per ora è improponibile per stampe professionali
    • gnammolo scrive:
      Re: GiMP e il lavoro
      ma dove? il vero problema di GIMP è la totale assenza di una qualsivoglia forma di usabilità. Va di caxxo se preferisci.
    • Anonimo scrive:
      Re: GiMP e il lavoro
      Non diciamo barzelette... Quando mi serve qualcosa di minimamente decente devo aprire la macchina virtuale con photoshop... Gimp va bene per fare 4 cagate basilari...
    • Capitano Memo scrive:
      Re: GiMP e il lavoro
      - Scritto da: Nome e cognome
      Se solo GIMP gestisse la quadricromia e i colori
      Pantone ci sarebbero parecchie aziende di grafica
      disposte a fare il
      passaggio...

      ma per ora è improponibile per stampe
      professionaliSenza contare l'interfaccia di XXXXX. Tempo fa era uscito GimpShop, praticamente l'interfaccia di Photoshop con motore Gimp, ma poi credo che ne abbiano interrotto lo sviluppo... un vero peccato!
    • Giomp scrive:
      Re: GiMP e il lavoro
      - Scritto da: Nome e cognome
      Se solo GIMP gestisse la quadricromia e i colori
      Pantone ci sarebbero parecchie aziende di grafica
      disposte a fare il
      passaggio...
      ma per ora è improponibile per stampe
      professionaliMa figuriamoci. Mancasse solo quello a GIMP. Per carità, Adobe è criticabilissima per moltissimi suoi pacchetti software ma Photoshop è anni luce avanti a Gimp. La differenza che passa tra Gimp e Photoshop è la stessa che passa tra MS Paint e Gimp.
      • sbrotfl scrive:
        Re: GiMP e il lavoro
        - Scritto da: Giomp
        - Scritto da: Nome e cognome

        Se solo GIMP gestisse la quadricromia e i colori

        Pantone ci sarebbero parecchie aziende di
        grafica

        disposte a fare il

        passaggio...

        ma per ora è improponibile per stampe

        professionali


        Ma figuriamoci. Mancasse solo quello a GIMP. Per
        carità, Adobe è criticabilissima per moltissimi
        suoi pacchetti software ma Photoshop è anni luce
        avanti a Gimp. La differenza che passa tra Gimp e
        Photoshop è la stessa che passa tra MS Paint e
        Gimp.Quali sarebbero queste carenze?
  • voingiappon e scrive:
    Prevedibile
    Se qualcuno si sorprende per una notizia del genere evidentemente non ha ancora capito che futuro ci aspetta.Le aziende sono molto furbe: hanno purtroppo capito che l'uomo moderno è totalmente privo di memoria storica a lungo termine (non mi riferisco a questioni politiche) e che le azioni fatte restano solo nella RAM per circa 6 mesi. Questo comporta che un acquisto annuale di 50 euro sarà già passato di mente quando si dovrà obbligatoriamente rifare e probabilmente, se automatizzo la procedura l'utente nemmeno ci fa più caso. Se ti chiedo 200 euro per un prodotto che userai per 5 anni ti arrabbi e scarichi la versione pirata, se ti chiedo 50 euro per 5, li paghi e stai zitto.Dagli mp3 ai software, tutti hanno iniziato ad adottare questo tipo di vendita, che unito al fatto che sto comprando "l'uso" e non "il prodotto" diventa un incubo. Chi lo accetta senza abbandonare il prodotto, ne subisca le conseguenze economiche.Per quanto mi riguarda, da utente linux che osserva la tendenza di questo SO a scimmiottare sempre più i "grandi", ho paura che quando questa modalità sarà la norma, toccherà anche a noi.Intanto continuo a usare Gimp come faccio da 10 anni a questa parteFacciamo in modo che capiscano che a noi non va bene.
    • Leguleio scrive:
      Re: Prevedibile
      - Scritto da: voingiappon e
      Le aziende sono molto furbe: hanno purtroppo
      capito che l'uomo moderno è totalmente privo di
      memoria storica a lungo termine (non mi riferisco
      a questioni politiche) e che le azioni fatte
      restano solo nella RAM per circa 6 mesi. Parla per te.
      Dagli mp3 ai software, tutti hanno iniziato ad
      adottare questo tipo di vendita, che unito al
      fatto che sto comprando "l'uso" e non "il
      prodotto" diventa un incubo. Chi lo accetta senza
      abbandonare il prodotto, ne subisca le
      conseguenze
      economiche.Di nuovo, parla per te. O per chi questi acquisti li fa. Mai acquistato un .mp3 in vita mia.
      • voingiappon e scrive:
        Re: Prevedibile
        Neanche io ho mai acquistato un mp3 ne manco di memoria storica.... Resta il fatto che il 90% delle persone è così e il mondo si muove per i grandi numeri non per gli individui. Individui nel senso "scollegati" dal gruppo o isolati prorpio perchè vanno contro le tendenze normali. Starebbe a quelli come noi modificare i comportamenti ma è come parlare a i sordi.
    • dvd74 scrive:
      Re: Prevedibile
      Ci vuole un segnala forte da parte nostra, dobbiamo boicottare l'acquisto della CS7, in questo modo quando vedranno ridursi le entrate, rivedranno le loro posizioni in favore dei tanto bistrattati clienti paganti.
      • Mario Rossi scrive:
        Re: Prevedibile
        - Scritto da: dvd74
        Ci vuole un segnala forte da parte nostra,
        dobbiamo boicottare l'acquisto della CS7, in
        questo modo quando vedranno ridursi le entrate,
        rivedranno le loro posizioni in favore dei tanto
        bistrattati clienti
        paganti.Non essendoci nessuna versione CS7 sono sicuro che non la comprerà nessuno
    • Skywalkersenior scrive:
      Re: Prevedibile
      - Scritto da: voingiappon e
      Se qualcuno si sorprende per una notizia del
      genere evidentemente non ha ancora capito che
      futuro ci
      aspetta.Basta vedere l'andazzo dei videogiochi. Sono sempre di più i giochi on-line di buona fattura. Le software house hanno capito che ci sono un sacco di polli che non spenderebbero 10 per un gioco off-line ma poi ne lasciano centinaia per comprare i potenziamenti per il loro "gioco gratuito"
  • Lorenzo scrive:
    Crescera' GIMP :)
    E' la volta buona che aumentano gli utenti di gimp .
    • Non ho dubbi scrive:
      Re: Crescera' GIMP :)
      Sarebbe la buona volta che GIMP migliori la sua usabilità piuttosto.
      • Sgabbio scrive:
        Re: Crescera' GIMP :)
        L'usabilità non è un problema a dire il vero.
        • Non ho dubbi scrive:
          Re: Crescera' GIMP :)
          - Scritto da: Sgabbio
          L'usabilità non è un problema a dire il vero.Dimmi, come lo disegni un rettangolo su GIMP?
          • sbrotfl scrive:
            Re: Crescera' GIMP :)
            - Scritto da: Non ho dubbi
            - Scritto da: Sgabbio

            L'usabilità non è un problema a dire il vero.

            Dimmi, come lo disegni un rettangolo su GIMP?Selezione -
            DelineaLo vuoi pieno?Selezione -
            *trascini il colore*
          • Non ho dubbi scrive:
            Re: Crescera' GIMP :)
            - Scritto da: sbrotfl
            - Scritto da: Non ho dubbi

            - Scritto da: Sgabbio


            L'usabilità non è un problema a dire il
            vero.



            Dimmi, come lo disegni un rettangolo su GIMP?

            Selezione -
            Delinea
            Lo vuoi pieno?

            Selezione -
            *trascini il colore*Appunto, non esiste lo strumento forma. E secondo te è "usabile" che per fare una forma devo usare la selezione?
          • sbrotfl scrive:
            Re: Crescera' GIMP :)
            - Scritto da: Non ho dubbi
            - Scritto da: sbrotfl

            - Scritto da: Non ho dubbi


            - Scritto da: Sgabbio



            L'usabilità non è un problema a
            dire
            il

            vero.





            Dimmi, come lo disegni un rettangolo su
            GIMP?



            Selezione -
            Delinea

            Lo vuoi pieno?



            Selezione -
            *trascini il colore*

            Appunto, non esiste lo strumento forma.
            E secondo te è "usabile" che per fare una forma
            devo usare la
            selezione?Si, basta saperlo.Com dici? Vuoi usarlo senza sapere come funziona? Allora direi...*PLONK*
          • Non ho tutti scrive:
            Re: Crescera' GIMP :)
            - Scritto da: sbrotfl
            - Scritto da: Non ho dubbi

            - Scritto da: sbrotfl


            - Scritto da: Non ho dubbi



            - Scritto da: Sgabbio




            L'usabilità non è un problema
            a

            dire

            il


            vero.







            Dimmi, come lo disegni un
            rettangolo
            su

            GIMP?





            Selezione -
            Delinea


            Lo vuoi pieno?





            Selezione -
            *trascini il colore*



            Appunto, non esiste lo strumento forma.

            E secondo te è "usabile" che per fare una
            forma

            devo usare la

            selezione?

            Si, basta saperlo.

            Com dici? Vuoi usarlo senza sapere come funziona?
            Allora direi...Allora non dici un bel niente, perché si parlava di usabilità in GIMP, e dato che lo conosco, non è un caso che io abbia chiesto come si disegna una forma.Se per portare a termine un'operazione che in molti altri programmi (anche su paint per restare al terra-terra) richiede l'uso di 1 (U-N-O) comando ne devi utilizzare su GIMP 2 (D-U-E) o 3 (T-R-E), hai una minore usabilità/produttività. Non dovrebbe essere difficile da capire, è neutrale, non è un'opinione.
  • ... scrive:
    pazzia
    A me sembra una presa in giro bella e buona, lo scorso anno quando Adobe ha lanciato i servizi Cloud, aveva dichiarato che non avrebbe mai obbligato i propri clienti ad aderire a tale servizio e che lo sviluppo di CS sarebbe continuato. Adesso hanno cambiato le carte in tavola.Il costo è altissimo, praticamente con la business sono 1000 euro l'anno a persona, anche con un piccolo team di tre grafici in 5 anni diventano 15 mila euro, anziché i 3 mila che uno può preventivare. Non puoi nemmeno scegliere di usare una sola applicazione per tagliare i costi.La tariffa per singolo utente poi è una XXXXXta ancora più grande, quella non legata a contratto annuale equivale a 92.24 euro al mese (più alta della tariffa business!), se invece si accetta il vincolo annuale e si decide di risolvere il contratto, superati i 30 giorni, si deve pagare il 50% dell'importo del tempo restante e cioè 338 euro (su undici mesi)...Vogliono mettersi al riparo dai pirati e va bene ma a questo prezzo è un autentico abuso, così paghi il costo intero della suite anno per anno.Se volessi fare un torto a qualcuno, dovrei regalargli il Creative Cloud... è un mutuo.
    • MacGeek scrive:
      Re: pazzia
      La "bellezza" dei monopoli...Continua ad usare le versioni precedenti, che vanno bene le lo stesso.
      • Paolo T. scrive:
        Re: pazzia
        A parte alcuni innovazioni importanti nel modo in cui InDesign esporta in XML, più che innovazioni negli ultimi tempi ci sono state bug fix (e l'introduzione di nuovi bug e un'interfaccia utente peggiore). Quindi va bene fermarsi alla situazione attuale. Ma la speranza è che non inventino qualcosa per rendere obsoleta la CS6 (sia da parte di Adobe - per esempio smettendo di aggiornare la compatibilità con le nuove macchine fotografiche - che di Apple - introducendo funzioni dell'OS incompatibili con CS6).
  • pitto scrive:
    Dubbio
    ma le future versioni di photoshop non legate alla creative suite continueranno ad esistere?
    • sbrotfl scrive:
      Re: Dubbio
      - Scritto da: pitto
      ma le future versioni di photoshop non legate
      alla creative suite continueranno ad
      esistere?Non pretendo leggere l'articolo... ma almeno il titolo daiiii
      • krane scrive:
        Re: Dubbio
        - Scritto da: sbrotfl
        - Scritto da: pitto

        ma le future versioni di photoshop non

        legate alla creative suite continueranno

        ad esistere?
        Non pretendo leggere l'articolo... ma almeno
        il titolo
        daiiiiMa il titolo di solito e' una trollata...Daiiii ancora non conosci PI ?
      • sbrotfl scrive:
        Re: Dubbio
        - Scritto da: sbrotfl
        - Scritto da: pitto

        ma le future versioni di photoshop non legate

        alla creative suite continueranno ad

        esistere?

        Non pretendo leggere l'articolo... ma almeno il
        titolo
        daiiiiPovero krane... il suo messaggio è stato miseramente XXXXto :( chissà cosa avrà scritto di cosi' tanto brutto :'(
    • Non ho dubbi scrive:
      Re: Dubbio
      - Scritto da: pitto
      ma le future versioni di photoshop non legate
      alla creative suite continueranno ad
      esistere?No, e a quanto pare in questi anni hanno messo segretamente nei PC un meccanismo di controllo remoto che dal 2014 rimuoverà le eventali versioni installate proponendo invece l'acquisto di quella cloud.
  • Sgabbio scrive:
    Temo sarà un flop.
    Praticamente si parla di un software internet dipendente, una cosa che coccia con software che vivono tranquillamente senza una connessione a internet.Arginare la pirateria ? Ma è la pirateria che ha fatto la fortuna di photshop, mi sa che hanno fatto un GRANDE REGALO a certi concorrenti.
    • Bir scrive:
      Re: Temo sarà un flop.
      - Scritto da: Sgabbio
      Praticamente si parla di un software internet
      dipendente, una cosa che coccia con software che
      vivono tranquillamente senza una connessione a
      internet.

      Arginare la pirateria ? Ma è la pirateria che ha
      fatto la fortuna di photshop, mi sa che hanno
      fatto un GRANDE REGALO a certi
      concorrenti.La dipendenza viene stimolata sempre di più.Le aziende hanno tutto l'interesse a "fidelizzare" il proprio cliente, che si trova dopo un po' di tempo ingabbiato in un ecosistema che se vorrà cambiare per passare ad una improbabilissima concorrenza, lo costringerà ad avere mille problemi.Dico "improbabilissima" perché ormai le aziende che si trovano sul mercato da anni o da decenni hanno, o stanno facendo, tabula rasa intorno a se', sia dal punto di vista tecnico (e quando non è così comprano le aziende, i brevetti o i manager), sia dal punto di vista dei fornitori (se hardware), sia dal punto di vista della logistica e dei rivenditori.Come in ogni settore economico la tendenza attuale e futura è verso il gigantismo aziendale e verso la formazione, sempre più evidente, di corporazioni (cioè di oligopoli), con l'inevitabile inarrestabile perdita di potere del cliente, che rimane pur sempre un singolo di fronte a dei giganti che influenzano anche la politica.Adobe ha capito, dopo Apple, Google, Microsoft, e compagnia, dove tira il vento.E per noi utenti (forzati) si tratta di un vento di prigionia intellettuale; si profilano all'orizzonte decenni di "mangia questa minestra o salta dalla finestra" in tutti i campi, temo...
    • MacGeek scrive:
      Re: Temo sarà un flop.
      - Scritto da: Sgabbio
      Praticamente si parla di un software internet
      dipendente, una cosa che coccia con software che
      vivono tranquillamente senza una connessione a
      internet.

      Arginare la pirateria ? Ma è la pirateria che ha
      fatto la fortuna di photshop, mi sa che hanno
      fatto un GRANDE REGALO a certi
      concorrenti.Il fatto è che Photoshop NON HA reali concorrenti.Sì' certo, l'ultimo Acorn 4 non è male, anzi è preferibile a Photoshop in molti casi. Ma non è Photoshop. Gli unici veri concorrenti di questo Photoshop CC sono le precedenti versioni di Photoshop CS6, CS5, CS4 che vanno ancora benissimo...
    • ... scrive:
      Re: Temo sarà un flop.
      La CC non obbliga ad avere una connessione continua, questa serve ogni 30 giorni per la convalida delle licenze, tuttavia se non ci si dovesse collegare le app continuano a funzionare per 180 giorni.Ma il problema non è questo, ciò che pesa di più è il costo davvero eccessivo.Penso anche io che abbiano fatto un grande regalo alla concorrenza e spero davvero che si concretizzi in un'alternativa valida e funzionale.
      • bubba scrive:
        Re: Temo sarà un flop.
        - Scritto da: ...
        La CC non obbliga ad avere una connessione
        continua, questa serve ogni 30 giorni per la
        convalida delle licenze, tuttavia se non ci si
        dovesse collegare le app continuano a funzionare
        per 180
        giorni.interessante.E la baracca cloud? anch'essa ignorabile?
        • ... scrive:
          Re: Temo sarà un flop.
          Si, il cloud funziona come Dropbox e i file vengono conservati sulle piattaforme Amazon... il problema è che non è opzionale, quindi volente o nolente lo paghi.Leggi qua: http://www.adobe.com/it/products/creativecloud/faq.html
          • bubba scrive:
            Re: Temo sarà un flop.
            - Scritto da: ...
            Si, il cloud funziona come Dropbox e i file
            vengono conservati sulle piattaforme Amazon... il
            problema è che non è opzionale, quindi volente o
            nolente lo
            paghi.

            Leggi qua:
            http://www.adobe.com/it/products/creativecloud/faqcerto che sono dei begli impiastri sti qui di Adobe.... mah..... sara' interessante vedere come si orienteranno i cracker :Pproxy-keygenerator + patch per 18000gg offline ? :P
      • Sgabbio scrive:
        Re: Temo sarà un flop.
        in italia con i disservizi di telecom e affini, saranno XXXXX, però vedi? E' sempre internet dipendente.
    • tanti saluti scrive:
      Re: Temo sarà un flop.
      gimp ringrazia...paint net ringrazia...ecc..avanti un altro...
      • TheJackRackham scrive:
        Re: Temo sarà un flop.
        - Scritto da: tanti saluti
        gimp ringrazia...

        paint net ringrazia...Mah, forse per ritoccare le foto delle vacanze, ma per chi ci lavora t'assicuro che semplicemente non esiste un'alternativa che sia all'altezza dei prodotti Adobe.Secondo me si stanno dando la zappa sui piedi e basta. Tutti i professionisti che lo usano in ufficio, hanno la stessa copia pirata installata a casa. E svariate generazioni di grafici hanno studiato e si sono formati su copie pirata.Questo ha contribuito a renderlo uno standard di fatto, esattamente come sucXXXXX per Office e AutoCAD. Non lo ammetteranno mai, ma gli ha fatto gioco.Se la gente non sarà libera di "studiare" su Photoshop, l'applicazione di riferimento semplicemente diventerà un'altra. Non fra un anno, non fra due, ma secondo me saranno costretti a tornare sui loro passi non appena sbatteranno la faccia sullo stesso palo su cui l'ha sbattuta Microsoft.--JackRackham
        • Sgabbio scrive:
          Re: Temo sarà un flop.
          Bhe tra i concorrenti ci sta anche Corel che tra l'altro si era pure comprato gli sviluppatori di Paint shop pro.
Chiudi i commenti