Siria: niente iPhone

Proibito l'uso dei melafonini, utilizzati dagli attivisti per documentare le violenze.
Proibito l'uso dei melafonini, utilizzati dagli attivisti per documentare le violenze.

La Siria ha proibito l’uso degli iPhone.
A riferirlo è il sito libanese di notizie Al Nashara : il governo sembra, attraverso il ministro delle Finanze, aver diffidato “chiunque dall’utilizzare l’iPhone in Siria”.

Il governo, da quando sono iniziate le proteste contro Bashar al-Asad, ha già bloccato i media stranieri e le connessioni Internet. Così, mentre continuano gli spargimenti di sangue, a testimonianza delle uccisioni e delle sparizioni (l’ONU riferisce già di più di 4mila vittime) sono rimaste solo le testimonianze del cosiddetto citizen journalism , rubate dagli oppositori politici e dagli attivisti con le tecnologie a portata dei cittadini, appunto gli smartphone come iPhone.

Quelli che verranno colti con un melafonino da oggi in poi saranno perseguiti: qualsiasi straniero, anche se un semplice turista/viaggiatore trovato nel paese con un iPhone – dice uno degli attivisti siriani – rischia seriamente di essere considerato una spia .

Claudio Tamburrino

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti