Siria, ucciso il blogger di Homs

Rami Ahmad Alsayeed, 26 anni, non è riuscito non è riuscito a uscire indenne dai violenti scontri scatenati dalla milizia siriana. Le sue dirette streaming hanno fatto il giro del mondo
Rami Ahmad Alsayeed, 26 anni, non è riuscito non è riuscito a uscire indenne dai violenti scontri scatenati dalla milizia siriana. Le sue dirette streaming hanno fatto il giro del mondo

Era uno dei videoblogger più noti sulla piattaforma di streaming Bambuser, tra i principali responsabili del canale Syriapioneer . Gravemente ferito, il giovane giornalista siriano Rami Ahmad Alsayeed non è riuscito a sopravvivere al tragitto verso l’ospedale della città di Homs.

Le sue dirette in streaming avevano fatto rapidamente il giro del globo, riprese da prestigiosi media internazionali come BBC e CNN . Milioni di persone avevano così assistito ai violenti scontri nei sobborghi di BabaAmr, mentre la milizia siriana apriva il fuoco su migliaia di rivoltosi.

“BabaAmr sta vivendo un autentico genocidio – aveva scritto Alsayeed nel suo ultimo post sulla piattaforma Bambuser – Non vi perdonerò mai per questo silenzio. Ci avete offerto parole, ma abbiamo bisogno di fatti. I nostri cuori sono con tutte quelle persone che stanno rischiando la vita per la libertà”.

Gli stessi responsabili di Bambuser hanno ora pubblicato un articolo per piangere la perdita del giovane videoblogger. La piattaforma era già finita nelle grinfie delle autorità siriane che ne avevano ordinato l’oscuramento per evitare che dirette come quella di Alsayeed finissero sugli schermi televisivi di tutto il mondo.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

22 02 2012
Link copiato negli appunti