Skyfire, con calma, su iPhone

Ci sono voluti solo poco più di 2 mesi per arrivare su App Store, ma dopo Opera un altro proxy-browser debutta sul Melafonino. E questo rende disponibile anche un surrogato di Flash
Ci sono voluti solo poco più di 2 mesi per arrivare su App Store, ma dopo Opera un altro proxy-browser debutta sul Melafonino. E questo rende disponibile anche un surrogato di Flash

Prosegue il tira e molla tra Flash e Apple. Dopo aver lasciato passare le fantasiose app che provano a colmare la mancanza di Flash con lo streaming in remoto di un browser desktop, lo store ufficiale Apple ospiterà ora un vero e proprio convertitore, che utilizza un diverso escamotage per accontentare i fan del rich content made in Adobe.

Appoggiandosi ai propri server, il browser Skyfire può infatti convertire in tempo reale un video da Flash ad HTML5, rendendolo la pagina web finalmente compatibile con iPhone e iPad. Il fatto che si tratti di una ricodifica video, e non di un vero plugin pensato per “contaminare” iOS con la tecnologia Adobe, ha convinto Apple ad accettare Skyfire nello Store. La trafila per l’approvazione è durata comunque più di due mesi.

Utilizzando Skyfire è possibile visualizzare filmati e animazioni in Flash, inaccessibili con gli altri browser disponibili sui device Apple, ma l’ingegnoso sistema pone comunque una serie di limiti. Banner, videogame e pagine interattive troppo complesse continueranno a non funzionare, perché la comunicazione bidirezionale non è supportata dalla conversione.

L’ ambizioso browser , già disponibile da tempo sui dispositivi Windows Mobile e Android, non dipende completamente dal server remoto ma elabora parte dei contenuti in locale, utilizzando il motore di rendering di Safari per le pagine web semplici che non hanno nulla a che fare con la tecnologia Flash. Skyfire 2.0 sarà disponibile da domani sull’App Store.

Roberto Pulito

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

03 11 2010
Link copiato negli appunti