Sniff, sniff: bella, questa pubblicità

È quanto hanno architettato NTT Communications e Recruit con il loro sistema di advertising. Si comincia ad annusare nei sotterranei della metropolitana di Tokio. Per ora

Roma – L’olfatto sta entrando sempre più spesso a viva forza nel comparto tecnologico: è la volta di Recruit , che decide di sfruttare il sistema di advertising di NTT Communications Corporation per offrire ai passanti la pubblicità profumata .

Si tratta di un sistema basato su display verticali da 65 pollici opportunamente disposti nei luoghi di passaggio in metro o nelle stazioni, naturalmente gestiti in modalità wireless . Ognuno di essi è rivolto verso lo sguardo dei passanti ed esibisce le pubblicità con una sorta di slideshow .

Recruit ha pensato di sfruttare ancora meglio il sistemone di NTT, aggiungendovi la sensazione olfattiva : così nasce Scent-emitting LCD Display System , sistema di display LCD ad emissione di odori. Ad ogni bannerone cartello pubblicitario il sistema emette anche una sintesi di aromi gradevoli, a tema. Qualcosa di simile a quanto NTT aveva progettato per gli SMS: stavolta, però, si fanno le cose in grande e in connessione logica olfattiva con il soggetto della réclame , gli esercizi commerciali pubblicizzati sui display.

L’esperimento – salvo proroghe – dovrebbe protrarsi sino all’inizio del prossimo mese ed è in corso nei sotterranei della metropolitana di Tokio: lo scopo è di indagare sull’efficacia complessiva del sistema nel richiamo di clientela.

L’azienda ha previsto anche la presenza di Commercializer , un servizio per costruire video pubblicitari gratuitamente, al fine di ridurre tempo e costi legati alle produzioni video: basta servirsi di immagini e testi, inserirli usando i template presenti sul sito aziendale et voilà , la pubblicità è pronta. Senza ricorrere all’agenzia creativa, resta solo il costo delle impression .

Nonostante un quadro energetico non proprio “verde” (ogni display assorbe 560 watt ), la parola d’ordine resta la solita: farsi notare. Basta che non ci siano cattivi odori nell’ambiente: combinandosi agli smell ads potrebbero prodursi miscele infernali per le nobili narici dei malcapitati passanti.

Marco Valerio Principato

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti