Social media, come li usano i Primi Ministri

Renzi è il primo su Twitter, Merkel su Facebook, mentre Cameron e Hollande non hanno ancora capito il mezzo

Roma – È stata presentata stamattina alla Camera la ricerca “Prime ‘social’ Ministers”, analisi del comportamento sui social media di Matteo Renzi, Alexis Tsipras, David Cameron, Angela Merkel, Mariano Rajoy e François Hollande.

Si tratta di una ricerca quantitativa e qualitativa sulle migliaia di contenuti pubblicati ONLINE dai sei leader politici europei realizzata da Doing in tutto il 2015: si tratta di un anno particolarmente ricco di eventi rilevanti politicamente soprattutto in ambito europeo, dal cosiddetto grexit, alla crisi immigrati/rifugiati, agli attacchi terroristici che hanno in particolare colpito la Francia. “Se pensiamo agli attentati di Parigi – si spiega nella presentazione dello studio – (e alla modifica della propria immagine di profilo con la bandiera francese da parte degli utenti, ndr) ci accorgiamo dell’importanza dei social, un vero e proprio acceleratore di partecipazione pubblica.”

I ricercatori sono partiti dall’analisi dei loro profili ma hanno anche analizzato le conversazioni che avvengono su pagine collegate ma fuori da questi profili proprietari, analizzando la loro “popularity”, ovvero il numero di seguaci sui social, come interagiscono con essi, quali sono gli argomenti di interesse per questi ultimi ed inoltre cercando anche di analizzare il sentimento con cui gli utenti interagiscono con essi, il “tono di voce” con cui i leader li affrontano e come vengono percepiti dai “fan”.

In generale , Matteo Renzi è il più popolare su Twitter (grazie ai suoi 2.177.652 al 31 dicembre 2015) e Merkel, che non ha un account sulla piattaforma di microblogging, è quella con più amici su Facebook. Alexis Tsipras è invece quello che riesce a raccogliere maggiormente seguaci anche all’estero, anche perché è l’unico ad avere profili internazionali sui social oltre a quelli in greco, mentre lo spagnolo Mariano Rojoy è il più attivo. Meno bene fanno invece sia François Hollande che David Cameron, definiti troppo istituzionali e per questo non capaci a creare engagement con la loro community.

Politici e social network

Politici e social network

Ci sono poi alcuni eventi che generano movimento intorno ai profili social dei leader europei: nei giorni degli attentati di Parigi, per esempio, Hollande ha guadagnato oltre 100mila seguaci, mentre il tweet con cui Renzi ha espresso solidarietà al popolo francese è quello che gli ha fatto guadagnare più follower (più 6.900).

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • emilie77 scrive:
    Senza sapore
    Vincere senza sapere cosa significa gustarsi una vittoria...
    • Wintermute scrive:
      Re: Senza sapore
      e che ne sai tu?
    • Qualcuno scrive:
      Re: Senza sapore

      Vincere senza sapere cosa significa gustarsi una
      vittoria...Per fortuna! L'AI deve rimanere una macchina, altrimenti vedo vari racconti di fantascienza apocalittici avverarsi!
    • panda rossa scrive:
      Re: Senza sapore
      - Scritto da: emilie77
      Vincere senza sapere cosa significa gustarsi una
      vittoria...Vincere cosa?Guarda che lo sparapalle che usano i tennisti per allenarsi, non giochera' mai a Wimbledon.
    • Zack scrive:
      Re: Senza sapore
      - Scritto da: emilie77
      Vincere senza sapere cosa significa gustarsi una
      vittoria...Dillo a chi ha programmato e costruito la macchina ... quando gareggi con "qualche cosa" e vinci mica è il "qualche cosa" che festeggia, ma chi l'ha progettata, costruita, programma ecc.eh, beata visone ristretta
      • emilie77 scrive:
        Re: Senza sapore
        Era una riflessione al fatto che l'intelligenza artificiale ancora non sa gustarsi una vittoria, ma su PI bisogna mettere anche i sottotitoli perché alcuni capiscano!Comunque certo qua siamo ancora a "programmatore batte giocatore" più che "umanità 1 - macchine 3"...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 marzo 2016 17.05-----------------------------------------------------------
        • panda rossa scrive:
          Re: Senza sapore
          - Scritto da: emilie77
          Era una riflessione al fatto che l'intelligenza
          artificiale ancora non sa gustarsi una vittoria,
          ma su PI bisogna mettere anche i sottotitoli
          perché alcuni
          capiscano!

          Comunque certo qua siamo ancora a "programmatore
          batte giocatore" più che "umanità 1 - macchine
          3"...Guarda che sara' sempre "programmatore batte resto del mondo"Nel go, negli scacchi, nel tennis, in tutto.
          • emilie77 scrive:
            Re: Senza sapore
            Per me no, arriverà un punto in cui il programmatore non avrà dato che il via. Tutto il resto non sarà "merito" suo-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 marzo 2016 17.54-----------------------------------------------------------
          • panda rossa scrive:
            Re: Senza sapore
            - Scritto da: emilie77
            Per me no, arriverà un punto in cui il
            programmatore non avrà dato che il via. Tutto il
            resto non sarà "merito"
            suoCerchiamo di capirci.Questo programma di go, che ha battuto il campione del mondo, e' "merito" del programmatore, o di altro?
          • emilie77 scrive:
            Re: Senza sapore
            Questa "intelligenza artificiale" per ora è solo un algoritmo. Per cui è evidente che il merito è solo dei programmatori
          • panda rossa scrive:
            Re: Senza sapore
            - Scritto da: emilie77
            Questa "intelligenza artificiale" per ora è solo
            un algoritmo. Per cui è evidente che il merito è
            solo dei
            programmatoriE anche dopo il "per ora" sara' sempre merito dei programmatori.
          • emilie77 scrive:
            Re: Senza sapore
            Non penso sarà così per sempre. E' come dire che quello che hai scritto ora è merito dei tuoi genitori. Si arriverà sicuramente al punto che avranno coscienza per i fatti loro (dico le macchine)
          • panda rossa scrive:
            Re: Senza sapore
            - Scritto da: emilie77
            Non penso sarà così per sempre. E' come dire che
            quello che hai scritto ora è merito dei tuoi
            genitori. In parte lo e'.Oggi non sarei qui se non avessi avuto la famiglia che ho avuto.
            Si arriverà sicuramente al punto che
            avranno coscienza per i fatti loro (dico le
            macchine)42
          • emilie77 scrive:
            Re: Senza sapore
            Ringrazio i miei genitori per quello che hanno fatto ma non considero una mia vittoria (ad esempio in una partita a go) merito loro
          • emilie77 scrive:
            Re: Senza sapore
            Io sto dicendo una cosa diversa.Ripeto quello che ho detto:- per ora l'intelligenza artificiale è solo un algoritmo- come algoritmo fa ovviamente piacere al programmatore aver battuto i più bravi al mondo nel go- in futuro spero che si sviluppi una vera intelligenza artificiale- e che sappia godersi una vincita in una partita di un qualunque gioco- una vera intelligenza artificiale non è solo più un algoritmo perché allora anche la nostra intelligenza potrebbe essere considerata tale
          • panda rossa scrive:
            Re: Senza sapore
            - Scritto da: emilie77
            Io sto dicendo una cosa diversa.
            Ripeto quello che ho detto:
            - per ora l'intelligenza artificiale è solo un
            algoritmoPer ora e anche per dopo.
            - come algoritmo fa ovviamente piacere al
            programmatore aver battuto i più bravi al mondo
            nel goPer adesso fa piacere.Si arrivera' a considerare una cosa ovvia che il programmatore sia migliore di chiunque altro in qualunque campo.A quel punto questa manifesta superiorita' verra' a noia.
            - in futuro spero che si sviluppi una vera
            intelligenza
            artificialeche sara' sempre un algoritmo e quindi creazione del programmatore.
            - e che sappia godersi una vincita in una partita
            di un qualunque
            giocoNon ci vuole molto a scrivere una funzione che ti sfotte dopo che ti ha battuto a un gioco.
            - una vera intelligenza artificiale non è solo
            più un algoritmo perché allora anche la nostra
            intelligenza potrebbe essere considerata
            taleNo, stiamo parlando di intelligenze superiori: quelle dei programmatori.L'utonto resta utonto.
          • FB6 scrive:
            Re: Senza sapore
            - Scritto da: emilie77
            Questa "intelligenza artificiale" per ora è solo
            un algoritmo. Per cui è evidente che il merito è
            solo dei
            programmatoriInvece non e' affatto evidente. Questa e' una pietra miliare dell'AI perche' i programmatori hanno predisposto AlphaGo per imparare e gli hanno fornito i training set. Poi il sistema ha imparato da solo a giocare e a vincere, tra l'altro giocando contro se' stesso.E' un risultato monumentale e, cosa ancora piu' importante, che e' generalizzabile ben oltre il gioco del Go.
          • Funz scrive:
            Re: Senza sapore
            - Scritto da: emilie77
            Questa "intelligenza artificiale" per ora è solo
            un algoritmo.embé? Tu e io siamo algoritmi un pochino più complessi. Nulla vieta che, quando l'AI raggiungerà un livello superiore all'attuale, diventerà indistinguibile dell'intelligenza umana... o almeno ce lo vorrà far credere :p
Chiudi i commenti