Solar Impulse, dagli USA al giro del mondo

L'aereo ad energia solare è atterrato al JFK di New York per completare la sua traversata statunitense in poco più di due mesi. Prossima partenza per il giro del pianeta, entro il 2015

Roma – Ha dovuto rinunciare al simbolico passaggio sulla Statua della Libertà, a causa di uno squarcio di circa 2,5 metri nell’ala sinistra. Nessun pericolo per i due piloti Andre Borschberg e Bertrand Piccard, alternatisi alla guida del celebre aereo ad energia solare Solar Impulse . L’esile velivolo delle istanze ecologiste è dunque atterrato all’aeroporto JFK di New York con tre ore di anticipo rispetto alla tabella di marcia.

Partito agli inizi dello scorso maggio da San Francisco, Solar Impulse ha portato a termine il suo giro degli Stati Uniti in poco più di due mesi , con diverse fermate a Dallas, St. Louis e infine Washington. Con un peso piuma di 1,6 tonnellate – per fare un confronto, un Airbus A340 pesa 370 tonnellate a pieno carico – e una velocità massima di 70 km/h, l’aereo ad energia solare ha superato l’ultimo ostacolo prima dell’ultimo atterraggio.

Dalle circa 12mila celle fotovoltaiche e grazie a circa 400 kg di batterie agli ioni di litio, Solar Impulse ha portato a termine la sua traversata statunitense con poche fermate e nessun rifornimento di carburante. Grande soddisfazione da parte del pilota-fondatore Bertrand Piccard, già pronto per la prossima avventura: un vero e proprio giro del mondo a bordo di un velivolo più grande da completare e testare in volo entro la fine del prossimo anno. ( M.V. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • paoloholzl scrive:
    La botte piena e la moglie ubriaca
    ... l'obbligo di rimuovere entro un massimo di 24 ore qualsiasi contenuto o commento sulla singola segnalazione di un soggetto portatore di interessi...Splendido principio, ci metterei anche l'obbligo della pace nel mondo, il divieto della miseria ecc.ecc.Il fine potrebbe anche avere un senso ma la soluzione è 'facilona'.Se ciascuno 'portatore di interessi' segnalasse, non ci sarebbero più informazioni se non quelle che non fanno male a nessuno.Ci vuole evidentemente una denuncia formale a cui segua tutto il resto, nonostante con la giustizia che ci ritroviamo è praticamente un delirio, comunque le leggi ci sono, casomai miglioriamo quelle.Attenzione migliorarle non vuol dire necessariamente inasprirle, ma renderle proporzionali al reato e più giuste.Non è che se per il furto di una caramella ti prendi una multa se la pena la sostituisco con 10 anni di carcere ottengo migliore deterrenza.Siamo pieni di leggi con pene demagogiche fuori logica.Sui diritti d'autore, sui minimi livelli di tasso alcolico alla guida, sulla diffamazione ecc.ecc.La deterrenza si ottiene con pene sensate, fatte applicare a tutti indistintamente e senza deroghe o sconti.Ma non si può censurare un testo solo perché qualcuno ha scritto che gli dà fastidio.
  • GIO scrive:
    rivoluzione
    facciamo vedere chi comanda ................ rivoluzioneeeeeeeeeeeeeee!!!
    • adolfo alther scrive:
      Re: rivoluzione
      - Scritto da: GIO
      facciamo vedere chi comanda ................
      rivoluzioneeeeeeeeeeeeeee!!!Gli eversivi saranno cancellati dalla nostra nazione. L'ordine è la disciplina faranno parte del nuovo ordine. [img]http://fc04.deviantart.net/fs13/f/2007/055/4/1/Hitler_South_Park_Style_by_DarkStory.jpg[/img]Capito?
  • LO STATO scrive:
    decidiamo noi
    Decidiaaamo Noiii, Lo Statoo!! Cosa deve peensare la Geentee!!!. Lo Stato ha diriittoo a cancellaree in 24 (anche meno) oreee le opinioni e tutto quellooo che è scomoodo e non rispecchia le nostre ideee!! In nome di uno stato sicuro e liberoooo dai sovversivii!!! [img]http://fc05.deviantart.net/fs14/f/2007/055/7/6/Mussolini_South_Park_Style_by_DarkStory.jpg[/img]Capitoo!!!! :@
    • Dorian Gray scrive:
      Re: decidiamo noi
      Come mai c'è la stessa faccina della SIAE?
      • LO STATO scrive:
        Re: decidiamo noi
        - Scritto da: Dorian Gray
        Come mai c'è la stessa faccina della SIAE?Lui è un altro. Ma siamo d'accordo anche con "LA SIAE"[img]http://fc03.deviantart.net/fs10/i/2006/158/c/a/Hitler_smile_by_Pankopf.png[/img]Ora va bene la faccinnaa!!!
        • La SIAE scrive:
          Re: decidiamo noi
          - Scritto da: LO STATO
          - Scritto da: Dorian Gray

          Come mai c'è la stessa faccina della SIAE?


          Lui è un altro. Ma siamo d'accordo anche con "LA
          SIAE"

          [img]http://fc03.deviantart.net/fs10/i/2006/158/c/

          Ora va bene la faccinnaa!!!Attenzione, <b
          attenzione </b
          , <b
          <u
          ATTENZIONE </u
          </b
          . :@la SIAE non è un organo statale: la SIAE non deve fare capo allo Stato, capito: lo Stato deve fare capo alla SIAE.Parola di SIAE
    • dloaf scrive:
      Re: decidiamo noi
      - Scritto da: LO STATO
      Decidiaaamo Noiii, Lo Statoo!! Cosa deve peensare
      la Geentee!!!. Lo Stato ha diriittoo a
      cancellaree in 24 (anche meno) oreee le opinioni
      e tutto quellooo che è scomoodo e non rispecchia
      le nostre ideee!! In nome di uno stato sicuro e
      liberoooo dai sovversivii!!!


      [img]http://fc05.deviantart.net/fs14/f/2007/055/7/

      Capitoo!!!! :@Quoto sono d'accordo![img]http://fc03.deviantart.net/fs10/i/2006/158/c/a/Hitler_smile_by_Pankopf.png[/img]
    • rodolfo alther scrive:
      Re: decidiamo noi
      - Scritto da: LO STATO
      Decidiaaamo Noiii, Lo Statoo!! Cosa deve peensare
      la Geentee!!!. Lo Stato ha diriittoo a
      cancellaree in 24 (anche meno) oreee le opinioni
      e tutto quellooo che è scomoodo e non rispecchia
      le nostre ideee!! In nome di uno stato sicuro e
      liberoooo dai sovversivii!!!

      Capitoo!!!! :@Quoto e mi congratulo per questi provvedimenti civili ed evoluti!!![img]http://icons.iconarchive.com/icons/sykonist/south-park/256/Cartman-Hitler-icon.png[/img]
    • prova123 scrive:
      Re: decidiamo noi
      In questo caso sarebbe più giusto il termine eversivi che sovversivi :D
  • sxs scrive:
    Sono folli!
    C'e' una lievissima differenza tra "ritenuti illeciti o diffamatori" e "giudicati illeciti o diffamatori".Vedremo i "forza Doria" chiedere di rimuovere i "forza Genoa" e vice-versa?E' chiaro anche a un bambino che e' un'idiozia stellare.E ci vuole un carico di malafede o grassa ignoranza per proporre qualcosa del genere, se ho capito bene cosa si propone.Poi e' troppo grossa anche quella della responsabilita' di chi mette a disposizione gli spazi, fermo restando che gia' ora, se un messaggio viene giudicato illecito da un procedimento legale, allora puo' essere ordinata la sua cancellazione. Ovviamente la responsabilita' penale resta all'autore e potrei sbagliarmi ma mi pare anche quella civile, almeno fino a ricevuta ingiunzione di cancellazione.Questi si credono di vivere ancora nel medio evo, e speriamo che non abbiano ragione. :D
    • Lallo Lallis scrive:
      Re: Sono folli!
      sono profondamente offeso dal tuo post, rimuovilo entro 24 ore o passerai dei guai! :/Torrisi??? PRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR
  • panda rossa scrive:
    Il blog di Grillo sta all'estero!
    In tempi non sospetti Grillo aveva provveduto a spostare baracca e burattini al di fuori delle grinfie della giurisdizione della casta.Quindi hanno poco da censurare.Chi non vuole essere oggetto delle indagini della rete ha un modo molto semplice: comportarsi onestamente!
    • Mister No scrive:
      Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
      - Scritto da: panda rossa
      In tempi non sospetti Grillo aveva provveduto a
      spostare baracca e burattini al di fuori delle
      grinfie della giurisdizione della
      casta.

      Quindi hanno poco da censurare.Non cambia nulla. Se il gestore è residente in Italia l'obbligo di questa futuribile legge vale. L'unica cosa è che non possono chiudere il sito perché i server stanno all'estero, possono solo oscurarlo in Italia, per quello che serve.
      • gnammolo scrive:
        Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
        bannare il sito dal web italiano serve e se serve, mica tutti sono imparati in informatica.puoi ridurgli le visite del 95% almeno.
        • Mister No scrive:
          Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
          Tu dici? Boh, è un quesito che non mi sono mai posto. Davvero sono così tanti a ignorare come si aggira un blocco DNS?Io la penso così: se un utente è interessato a un certo argomento e cercando con Google trova un risultato dal sito di Grillo che lo incuriosisce, clicca, e Google lo reindirizza a una pagina che non può visualizzare. Finita lì.Se è un lettore fisso del sito di Grillo si informa su come fare a leggerlo.
          • Skywalkersenior scrive:
            Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
            - Scritto da: Mister No
            Tu dici? Boh, è un quesito che non mi sono mai
            posto. Davvero sono così tanti a ignorare come si
            aggira un blocco
            DNS?
            Prova ad andare in giro per strada a chiedere: scusi, lei sa cos'è e a cosa serve un DNS? Quando avrai visto almeno un centinaio di facce a forma di punto di domanda nel giro di 100 metri, capirai che il 99% di chi naviga regolarmente in internet non ha la più pallida idea di come funzioni, così come il 99% di chi ha la patente non saprebbe mettere un dito nel motore.
          • panda rossa scrive:
            Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
            - Scritto da: Skywalkersenior
            - Scritto da: Mister No

            Tu dici? Boh, è un quesito che non mi sono mai

            posto. Davvero sono così tanti a ignorare come
            si

            aggira un blocco

            DNS?



            Prova ad andare in giro per strada a chiedere:
            scusi, lei sa cos'è e a cosa serve un DNS? Quando
            avrai visto almeno un centinaio di facce a forma
            di punto di domanda nel giro di 100 metri,
            capirai che il 99% di chi naviga regolarmente in
            internet non ha la più pallida idea di come
            funzioni, così come il 99% di chi ha la patente
            non saprebbe mettere un dito nel
            motore.Non devi mica spiegarle a me queste cose, devi spiegarle ai sostenitori del DRM che credono che tutti sono esperti hacker che scaricano roba 24 ore su 24.
          • Skywalkersenior scrive:
            Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
            - Scritto da: panda rossa

            Non devi mica spiegarle a me queste cose, Infatti non ho risposto a te... ho risposto a Mister No che sembrava stupito di sapere che c'è cente che non sa come funziona internet
          • Mister No scrive:
            Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
            Uno spera sempre che siano statisticamente irrilevanti. Esempio: ho un canale youtube con tracce musicali, spesso presenti anche altrove, altre no. Mi scrivono, in inglese e in italiano, persone che vogliono che gli mandi l'mp3. :sInutile dire che di servizi che ti fanno la conversione gratis in un minuto ce ne sono a bizzeffe. E però, siccome simili richieste non sono molte, io penso sempre che siano solo quelli nati senza un venerdì, ci sono in ogni campo.
          • panda rossa scrive:
            Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
            - Scritto da: Mister No
            Uno spera sempre che siano statisticamente
            irrilevanti. Esempio: ho un canale youtube con
            tracce musicali, spesso presenti anche altrove,
            altre no. Mi scrivono, in inglese e in italiano,
            persone che vogliono che gli mandi l'mp3.
            :sVisto che per loro ammissione sono degli incapaci totali, fatti pagare!
            Inutile dire che di servizi che ti fanno la
            conversione gratis in un minuto ce ne sono a
            bizzeffe. Io, tutto quello che posso fare in locale, faccio in locale.Scarico il filmato di YT e poi estraggo tutto quello che mi serve.
            E però, siccome simili richieste non
            sono molte, io penso sempre che siano solo quelli
            nati senza un venerdì, ci sono in ogni
            campo.Il problema non e' nascerci, il problema e' rimanerci.Non chi nasce ignorante il problema, ma colui che pretende di restare ignorante.
          • Mister No scrive:
            Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
            - Scritto da: panda rossa

            Inutile dire che di servizi che ti fanno la

            conversione gratis in un minuto ce ne sono a

            bizzeffe.

            Io, tutto quello che posso fare in locale, faccio
            in
            locale.
            Scarico il filmato di YT e poi estraggo tutto
            quello che mi
            serve.Quello è un modo. Ma capita di essere interessati solo all'audio, senza la "zavorra" del video, che occupa un bel po' di spazio in più. E quindi si ricorre a servizi come questo, che fanno tutto loro, nemmeno si perde tempo a estrarre: http://www.youtube-mp3.org/
          • panda rossa scrive:
            Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
            - Scritto da: Mister No
            - Scritto da: panda rossa



            Inutile dire che di servizi che ti
            fanno
            la


            conversione gratis in un minuto ce ne
            sono
            a


            bizzeffe.



            Io, tutto quello che posso fare in locale,
            faccio

            in

            locale.

            Scarico il filmato di YT e poi estraggo tutto

            quello che mi

            serve.

            Quello è un modo. Ma capita di essere interessati
            solo all'audio, senza la "zavorra" del video, che
            occupa un bel po' di spazio in più. E quindi si
            ricorre a servizi come questo, che fanno tutto
            loro, nemmeno si perde tempo a estrarre:
            http://www.youtube-mp3.org/Ma solo dopo che hai visto il filmato puoi sapere se sei interessato solo all'audio.Quindi la procedura corretta e':1) scarichi il video senza neanche guardarlo (non perdi tempo, lo fa il computer mentre tu fai altro)2) guardi il video in locale (col vantaggio che puoi farlo pure offline e con il device che preferisci, e non ti becchi neppure interruzioni di latenza o buffering, e neppure sei disturbato da eventuale pubblicita')3) estrai l'audio dal file se ritieni che ti interessi solo quello, e anche qui lo fai offline, senza perdere tempo visto che il lavoro lo fa tutto la macchina
          • Mister No scrive:
            Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
            - Scritto da: panda rossa

            Quello è un modo. Ma capita di essere
            interessati

            solo all'audio, senza la "zavorra" del
            video,
            che

            occupa un bel po' di spazio in più. E quindi
            si

            ricorre a servizi come questo, che fanno
            tutto

            loro, nemmeno si perde tempo a estrarre:

            http://www.youtube-mp3.org/

            Ma solo dopo che hai visto il filmato puoi sapere
            se sei interessato solo
            all'audio.Spesso invece te ne accorgi subito, si tratta di video a immagine fissa, l'unica cosa interessante è la musica: :-Dhttp://www.youtube.com/watch?v=j99NE9nLM68http://www.youtube.com/watch?v=r5d9hvNkFHoYoutube da un po' ha introdotto la possibilità di preview con miniatura: basta spostare il puntatore nello spazio del buffer sotto il video, e ci si rende subito conto se le immagini cambiano, oppure se è sempre quella.
          • Skywalkersenior scrive:
            Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
            - Scritto da: Mister No
            Uno spera sempre che siano statisticamente
            irrilevanti. Esempio: ho un canale youtube con
            tracce musicali, spesso presenti anche altrove,
            altre no. Mi scrivono, in inglese e in italiano,
            persone che vogliono che gli mandi l'mp3.
            :s
            Inutile dire che di servizi che ti fanno la
            conversione gratis in un minuto ce ne sono a
            bizzeffe. E però, siccome simili richieste non
            sono molte, io penso sempre che siano solo quelli
            nati senza un venerdì, ci sono in ogni
            campo.In effetti gli onesti sono bestie rare...
        • panda rossa scrive:
          Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
          - Scritto da: gnammolo
          bannare il sito dal web italiano serve e se
          serve, mica tutti sono imparati in
          informatica.
          puoi ridurgli le visite del 95% almeno.Non mi risulta che IE sia cosi' diffuso.
          • gnammolo scrive:
            Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
            che c'entra IE? bah...
          • panda rossa scrive:
            Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
            - Scritto da: gnammolo
            che c'entra IE? bah...Tu hai detto, testuali parole, "non tutti sono imparati di informatica".Quindi hai perfettamente descritto gli utenti di IE, compresa la loro conoscenza della lingua italiana.
        • Sg@bbio scrive:
          Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
          Dipende chi colpisci! Se uno uno segue una piattaforma e questa viene oscurata per cazzaggini legali, s'informa.
          • panda rossa scrive:
            Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
            - Scritto da: Sg@bbio
            Dipende chi colpisci! Se uno uno segue una
            piattaforma e questa viene oscurata per
            cazzaggini legali,
            s'informa.Per esempio i siti di scommesse inglesi, formalmente oscurati, vengono tranquillamente fruiti da centinaia di scommettitori incalliti.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
            Son spuntati come funghi guide su come aggirare il blando blocco imposto dallo stato, stessa cosa usata per la pedoXXXXXgrafia e alla XXXXX su altro.
        • prova123 scrive:
          Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
          Ma va là ... i dns jumper sono scaricabili ovunque e riescono ad usarli anche i macachi. :D
      • panda rossa scrive:
        Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
        - Scritto da: Mister No
        - Scritto da: panda rossa


        In tempi non sospetti Grillo aveva
        provveduto
        a

        spostare baracca e burattini al di fuori
        delle

        grinfie della giurisdizione della

        casta.



        Quindi hanno poco da censurare.

        Non cambia nulla. Se il gestore è residente in
        Italia l'obbligo di questa futuribile legge vale.Se il gestore non e' italiano non ha nessun obbligo verso la legge italiana.E siccome e' il gestore a gestire i commenti e non chi li posta, prova un po' ad intimare al gestore di rimuovere il commento e sentirai che bel rutto otterrai in risposta!
        • Mister No scrive:
          Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
          - Scritto da: panda rossa

          Non cambia nulla. Se il gestore è residente
          in

          Italia l'obbligo di questa futuribile legge
          vale.

          Se il gestore non e' italiano non ha nessun
          obbligo verso la legge
          italiana.Qui stiamo parlando del sito di Beppe Grillo. Riprendo dal tuo commento iniziale: "Il blog di Grillo sta all'estero!In tempi non sospetti Grillo aveva provveduto a spostare baracca e burattini al di fuori delle grinfie della giurisdizione della casta".Non stiamo ad esaminare i diecimila casi diversi. Rimaniamo al caso in questione, che è quello di cui parla l'articolo di PI.
          • panda rossa scrive:
            Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
            - Scritto da: Mister No
            - Scritto da: panda rossa



            Non cambia nulla. Se il gestore è
            residente

            in


            Italia l'obbligo di questa futuribile
            legge

            vale.



            Se il gestore non e' italiano non ha nessun

            obbligo verso la legge

            italiana.

            Qui stiamo parlando del sito di Beppe Grillo.Non mi risulta che il sito in questione appartenga al sig. Beppe Grillo.
            Riprendo dal tuo commento iniziale:

            "Il blog di Grillo sta all'estero!
            In tempi non sospetti Grillo aveva provveduto a
            spostare baracca e burattini al di fuori delle
            grinfie della giurisdizione della
            casta".

            Non stiamo ad esaminare i diecimila casi diversi.
            Rimaniamo al caso in questione, che è quello di
            cui parla l'articolo di PI.Esatto.Il caso in questione e' un blog che potrebbe trovarsi su un server estero e intestato ad una societa' con ragione sociale estera, il cui amministratore responsabile e' un cittadino non italiano.Su questo blog posta il sig. Beppe Grillo nello stesso modo in cui io e te postiamo sul forum di PI.
          • Mister No scrive:
            Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
            - Scritto da: panda rossa

            Non stiamo ad esaminare i diecimila casi
            diversi.

            Rimaniamo al caso in questione, che è quello
            di

            cui parla l'articolo di PI.
            Esatto.
            Il caso in questione e' un blog che potrebbe
            trovarsi su un server estero e intestato ad una
            societa' con ragione sociale estera, il cui
            amministratore responsabile e' un cittadino non
            italiano.
            Su questo blog posta il sig. Beppe Grillo nello
            stesso modo in cui io e te postiamo sul forum di
            PI.Probabilmente sai delle cose che io non so. A me risulta che il sito www.beppegrillo.it è stato registrato da Emanuele Bottaro, che è stato anche trascinato in tribunale per un caso di diffamazione di cui non conosco gli sviluppi:http://www.modenatoday.it/cronaca/beppe-grillo-diffamazione-proXXXXX-modena.htmlSe sai cose ignote ai più, scrivile.
          • panda rossa scrive:
            Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
            - Scritto da: Mister No
            - Scritto da: panda rossa



            Non stiamo ad esaminare i diecimila casi

            diversi.


            Rimaniamo al caso in questione, che è
            quello

            di


            cui parla l'articolo di PI.


            Esatto.

            Il caso in questione e' un blog che potrebbe

            trovarsi su un server estero e intestato ad
            una

            societa' con ragione sociale estera, il cui

            amministratore responsabile e' un cittadino
            non

            italiano.

            Su questo blog posta il sig. Beppe Grillo
            nello

            stesso modo in cui io e te postiamo sul
            forum
            di

            PI.

            Probabilmente sai delle cose che io non so. A me
            risulta che il sito www.beppegrillo.it è stato
            registrato da Emanuele Bottaro, che è stato anche
            trascinato in tribunale per un caso di
            diffamazione di cui non conosco gli
            sviluppi:
            http://www.modenatoday.it/cronaca/beppe-grillo-dif

            Se sai cose ignote ai più, scrivile.Io quello che so lo so dal sito di Beppe Grillo che anni fa disse che avrebbe spostato baracca e burattini in Svizzera, proprio per prevenire eventuali censure governative di casta.Non ho voglia di andare a cercare il post dove ha detto questo.Altro non so e neppure mi frega di sapere.
          • Mister No scrive:
            Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
            - Scritto da: panda rossa

            Se sai cose ignote ai più, scrivile.

            Io quello che so lo so dal sito di Beppe Grillo
            che anni fa disse che avrebbe spostato baracca e
            burattini in Svizzera, proprio per prevenire
            eventuali censure governative di
            casta.

            Non ho voglia di andare a cercare il post dove ha
            detto
            questo.

            Altro non so e neppure mi frega di sapere.E allora perché scrivi col tono di chi è informato? ;-)La storia della villa a Lugano è vera, però la cosa non basta. Grillo per poter gestire con calma un sito dalla Svizzera deve prendere almeno la residenza lì, e non è una cosa che si ottiene in 48 ore, anche con la villa. In più, se gli vengono addebitati reati in Italia, mandano gli atti alla procura ticinese competente, e presumibilmente si procede secondo la legge elvetica, che non è detto sia così liberale (non la conosco).
          • panda rossa scrive:
            Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
            - Scritto da: Mister No
            - Scritto da: panda rossa



            Se sai cose ignote ai più, scrivile.



            Io quello che so lo so dal sito di Beppe
            Grillo

            che anni fa disse che avrebbe spostato
            baracca
            e

            burattini in Svizzera, proprio per prevenire

            eventuali censure governative di

            casta.



            Non ho voglia di andare a cercare il post
            dove
            ha

            detto

            questo.



            Altro non so e neppure mi frega di sapere.

            E allora perché scrivi col tono di chi è
            informato?
            ;-)Perche' siamo sul forum di PI.
            La storia della villa a Lugano è vera, però la
            cosa non basta. Grillo per poter gestire con
            calma un sito dalla Svizzera deve prendere almeno
            la residenza lì, e non è una cosa che si ottiene
            in 48 ore, anche con la villa.Dove sta scritto che deve intestarselo lui?Basta che una agenzia a responsabilita' limitata con sede in svizzera si intesti il tutto e buonanotte.
            In più, se gli
            vengono addebitati reati in Italia, mandano gli
            atti alla procura ticinese competente, e
            presumibilmente si procede secondo la legge
            elvetica, che non è detto sia così liberale (non
            la conosco).Se ha scelto la Svizzera avra' fatto i suoi conti.C'e' sempre l'Islanda se la Svizzera non desse sufficenti garanzie.
          • Mister No scrive:
            Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
            - Scritto da: panda rossa
            Se ha scelto la Svizzera avra' fatto i suoi conti.
            C'e' sempre l'Islanda se la Svizzera non desse
            sufficenti
            garanzie.Lui ha parlato solo di Lugano. Altrove non ha nemmeno una villa, quindi tempo supplementare per ricominciare daccapo. Che possibilità ha di riagganciare i suoi lettori se fra l'oscuramento del dominio in Italia e la riapertura in Islanda passano due mesi?
          • panda rossa scrive:
            Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
            - Scritto da: Mister No
            - Scritto da: panda rossa


            Se ha scelto la Svizzera avra' fatto i suoi
            conti.

            C'e' sempre l'Islanda se la Svizzera non
            desse

            sufficenti

            garanzie.

            Lui ha parlato solo di Lugano. Altrove non ha
            nemmeno una villa, quindi tempo supplementare per
            ricominciare daccapo. Che possibilità ha di
            riagganciare i suoi lettori se fra l'oscuramento
            del dominio in Italia e la riapertura in Islanda
            passano due
            mesi?Non mi pare che siano passati 2 mesi da quando wikileaks si e' riciclato in islanda.E i lettori che si dovessero perdere per 2 mesi di buio, e' comunque gente che usa IE, ha un profilo su fessbuk e vota berlusconi.
    • Sg@bbio scrive:
      Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
      - Scritto da: panda rossa
      In tempi non sospetti Grillo aveva provveduto a
      spostare baracca e burattini al di fuori delle
      grinfie della giurisdizione della
      casta.

      Quindi hanno poco da censurare.

      Chi non vuole essere oggetto delle indagini della
      rete ha un modo molto semplice: comportarsi
      onestamente!Ma anche chi gestisce amministra non deve trovarsi nel suolo italiano però.
      • panda rossa scrive:
        Re: Il blog di Grillo sta all'estero!
        - Scritto da: Sg@bbio
        - Scritto da: panda rossa

        In tempi non sospetti Grillo aveva provveduto a

        spostare baracca e burattini al di fuori delle

        grinfie della giurisdizione della

        casta.



        Quindi hanno poco da censurare.



        Chi non vuole essere oggetto delle indagini
        della

        rete ha un modo molto semplice: comportarsi

        onestamente!

        Ma anche chi gestisce amministra non deve
        trovarsi nel suolo italiano
        però.Questo non e' certo un problema.
Chiudi i commenti