Solaris 9 è qui, e non è solo

Sun spara contro i rivali Unix/Windows la sua ultima fatica nel campo dei sistemi operativi: un Solaris completamente aggiornato ed integrante i primi mattoni della piattaforma Sun ONE. Si riapre la partita
Sun spara contro i rivali Unix/Windows la sua ultima fatica nel campo dei sistemi operativi: un Solaris completamente aggiornato ed integrante i primi mattoni della piattaforma Sun ONE. Si riapre la partita


Palo Alto (USA) – Sun ha rilasciato la nuova versione 9 di Solaris, un sistema operativo che porta con sé diverse novità, prima fra tutte l’integrazione dei primi pezzi di quella piattaforma per i Web service, Sun ONE , con cui l’azienda intende contrastare l’avanzata di MS.NET.

Solaris 9 include infatti iPlanet Application Server e iPlanet Directory Server, due componenti chiave di Sun ONE che dovrebbero facilitare l’integrazione delle applicazioni di e-business e tagliare i costi di TCO delle applicazioni.

“Con il rilascio di Solaris 9 – ha dichiarato Sun – stiamo offrendo ben più di un sistema operativo. Stiamo cambiando il gioco e fornendo la migliore piattaforma per i servizi del mondo connesso”.

Dunque la strategia di Sun si avvicina a quella di Microsoft, che a partire da Windows XP ha integrato nel proprio sistema operativo le fondamenta della propria piattaforma MS.NET. Sun sostiene però di agire nel pieno rispetto del mercato fornendo agli amministratori un modo facile e indolore per disattivare i componenti aggiunti ed installarne eventualmente altri di terze parti.

Accanto a questa grossa novità, Solaris 9 promette sensibili migliorie un po’ in tutti i settori: nell’installazione e nella prima configurazione, due procedure che Sun dichiara si possano ora sbrigare in tempi assai più rapidi di prima; nella sicurezza, grazie a una nuova suite di tool per l’auditing delle connessioni, il filtraggio dei pacchetti e l’autenticazione; le prestazioni, migliorate soprattutto grazie al supporto verso i processori UltraSPARC di nuova generazione e alla migliore gestione dei threading e della cache a 64 bit; l’affidabilità, garantita – secondo Sun – da un lungo periodo di testing e di revisione del codice.

Sun dichiara che sono oltre 300 le nuove funzionalità tese a minimizzare l’intervento da parte degli amministratori, un fattore che, insieme alla robustezza del sistema, dovrebbe ulteriormente contribuire a tagliare i costi di manutenzione delle aziende.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

22 05 2002
Link copiato negli appunti