Sonnenfeld: Internet fa paura

Il celebre produttore e regista hollywoodiano spiega perché la rete gli mette ansia
Il celebre produttore e regista hollywoodiano spiega perché la rete gli mette ansia

È uno dei più noti personaggi dello show business ad Hollywood ed è noto per certe soluzioni innovative introdotte dalle sue pellicole nonché per lo sfoggio di tecnologie digitali: eppure Barry Sonnenfeld quando si viene al medium tecnologico per eccellenza, Internet, dimostra tutt’altro che entusiasmo.

il celebre produttore e regista Parlando all’Associazione nazionale delle Emittenti a Las Vegas, Sonnefeld ha dichiarato : “Ho paura di Internet per così tante ragioni. Il medium è il messaggio, e il medium ha invaso le nostre case e sequestrato le nostre menti… la parte più terrorizzante è quanto è ipnotico. La rete è così invasiva che i ragazzini ci rimangono collegati tutto il giorno”.

A suo dire l’uso “smodato” di Internet è preoccupante infatti soprattutto per i più giovani. Perché cresceranno – ha detto – “senza alcuna idea del diritto alla privacy e infatti non ne capiscono l’esigenza. La generazione Facebook non è preoccupata da quello che la gente sa si loro.. e per questo non avranno problemi ad accettare una più ampia supervisione governativa, spionaggio o intervento. Saranno esaltati all’idea che Internet potrà seguire ogni loro passo”.

Non finisce qui la tirata del regista di Get Shorty e Men in Black . “Credo – ha anche affermato – che oggi siamo all’ultima generazione di americani che vivranno in democrazia. Il totalitarismo non è lontano nel futuro, e la prossima generazione seguirà quella strada tutta contenta”.

“La mia sola speranza – ha poi concluso – è che l’amministrazione Bush abbia sovvertito le cose in modo così profondo, dal punto di vista sociale, economico e ambientale, che forse saranno arrabbiati per come la nostra generazione ha distrutto egoisticamente il loro futuro e allora poseranno i loro computer”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

16 04 2008
Link copiato negli appunti