Sonnenfeld: Internet fa paura

Il celebre produttore e regista hollywoodiano spiega perché la rete gli mette ansia

È uno dei più noti personaggi dello show business ad Hollywood ed è noto per certe soluzioni innovative introdotte dalle sue pellicole nonché per lo sfoggio di tecnologie digitali: eppure Barry Sonnenfeld quando si viene al medium tecnologico per eccellenza, Internet, dimostra tutt’altro che entusiasmo.

il celebre produttore e regista Parlando all’Associazione nazionale delle Emittenti a Las Vegas, Sonnefeld ha dichiarato : “Ho paura di Internet per così tante ragioni. Il medium è il messaggio, e il medium ha invaso le nostre case e sequestrato le nostre menti… la parte più terrorizzante è quanto è ipnotico. La rete è così invasiva che i ragazzini ci rimangono collegati tutto il giorno”.

A suo dire l’uso “smodato” di Internet è preoccupante infatti soprattutto per i più giovani. Perché cresceranno – ha detto – “senza alcuna idea del diritto alla privacy e infatti non ne capiscono l’esigenza. La generazione Facebook non è preoccupata da quello che la gente sa si loro.. e per questo non avranno problemi ad accettare una più ampia supervisione governativa, spionaggio o intervento. Saranno esaltati all’idea che Internet potrà seguire ogni loro passo”.

Non finisce qui la tirata del regista di Get Shorty e Men in Black . “Credo – ha anche affermato – che oggi siamo all’ultima generazione di americani che vivranno in democrazia. Il totalitarismo non è lontano nel futuro, e la prossima generazione seguirà quella strada tutta contenta”.

“La mia sola speranza – ha poi concluso – è che l’amministrazione Bush abbia sovvertito le cose in modo così profondo, dal punto di vista sociale, economico e ambientale, che forse saranno arrabbiati per come la nostra generazione ha distrutto egoisticamente il loro futuro e allora poseranno i loro computer”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Lollix scrive:
    bhe cambio l'indirizzo MAC e poi?
    va bene mettiamo che registro il mio device... ma se poi cambio l'indirizzo MAC? come fanno a scoprirmi? loll'ignoranza fa male!
    • Overture scrive:
      Re: bhe cambio l'indirizzo MAC e poi?
      A te non importa come faranno a scoprirti, se esiste, un modo lo troveranno e quando ti beccheranno non ti daranno una pacca sulla spalla come succede qua
  • Homer S. scrive:
    E vedrete con il NUOVO Decreto Pisanu
    Queste cose saranno barzellette al confronto... :s
  • Pippo Anonimo scrive:
    E il gps?
    Non so come sia ora la situazione ma qualche anno fa ci voleva l'autorizzazione per avere un dispositivo GPS e in teoria se ti fermava la "militia" scoprendotene uno, poteva o farti una multa, o chiedere una tangente per lasciar correre.Il bello è che NESSUNO sapeva come avere questa autorizzazione... mi ricorda proprio l'Italia, quando emettono quei decreti senza circolari di attuazione e poi nessuno sa come caXXo applicarli.
  • Den Lord Troll scrive:
    la solita storia
    supposizione cinica: chissà che cosa stanno sperimentando a quelle frequenze, i russi son soliti far di tutto e di più quando si tratta di provare prototipi e nn solo ;)
    • Bic Indolor scrive:
      Re: la solita storia
      - Scritto da: Den Lord Troll
      supposizione cinica: chissà che cosa stanno
      sperimentando a quelle frequenze, i russi son
      soliti far di tutto e di più quando si tratta di
      provare prototipi e nn solo
      ;)Se è per questo pure gli americani. E i cinesi non parliamone.E poi quanto a registrare tutto e tutti... sbaglio o da noi è SEMPRE stato obbligatorio registrarsi per la telefonia mobile?E per installare e usare una rete wifi non domestica, non c'è il decreto pisanu?
Chiudi i commenti