Sono Mmorgpitalia.it e mi presento

In una lettera la presentazione di un sito italiano dedicato al massive multiplayer. Fatti, speranze e ambizioni


Roma – I MMORPG o “Massive Multiplayer Online Role Playing Game” sono dei giochi disponibili solo ed esclusivamente online. Permettono di vivere una vita parallela in diversi mondi che possono variare dal fantasy medioevale al cyberpunk etc. Tutti possono scegliere il genere si gioco più congeniale e crearsi un alter ego virtuale che vivrá avventure online nei vari mondi del gioco.
Il titolo più famoso ed ormai datato è Ultima Online, che è un po’ il padre di tutti questi giochi; da poche settimane è uscito anche Anarchyonline , ambientato in un mondo cyberpunk e tra breve usciranno anche altri titoli tra cui Shadowbane, Star Wars Galaxies etc…

Da circa due settimane è nato il sito www.mmorpgitalia.it che si propone di aiutare tutti i giocatori italiani di questi giochi, supportandoli con la creazione di comunità italiane contenenti tutte le informazioni sui giochi, manuali scritti dai giocatori, news, forum, chat etc… tutto questo gratis.

Tutto è nato con la creazione del sito www.anarchyonline.it da parte di Ti@TiX e di Draven che, avendo visto il grande interesse dei giocatori italiani per siti di questo genere si sono impegnati nel progetto mmorpgitalia; questo progetto, oltre alla creazione di un sito.it per ogni mmorpg contenente traduzioni etc., ha come punto di arrivo la creazione di un mmorpg a livello europeo partendo da 0.

Per far sì che questo progetto possa decollare, è necessaria la collaborazione di tutti coloro che, in cerca di gloria o semplicemente per avere la beta o la versione definitiva del gioco gratis, possano dare una mano concreta ai progetti.

MMORPG ITALIA cerca:
– webmaster capaci di creare e gestire un sito
– responsabili dei vari siti e progetti che dovranno organizzare il lavoro dei collaboratori
– traduttori che sappiano bene l´inglese
– reporter che vadano in cerca di news quotidiane
– grafici 3d per il progetto europia
– programmatori che se ne intendano di giochi

Se siete tra queste categorie, o comunque volete dare una mano, scrivete a info@mmorpgitalia.it e specificate cosa vorreste fare.

Mattia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    ma dove?
    sono appena stato su CNET. non succede *niente* di quello che e' descritto nell'articolo.
  • Anonimo scrive:
    basta non tornare
    se tornate nei siti che fanno questo, significa che hanno vinto loro.e che c'è poco da lamentarsi.se accettate sempre le cagate... allora dovete smetterla di lamentarvi.io devo accettare un pop-up di una pubblicità nello spazio libero che mi è stato concesso... ma appena ho poituto trovare uno spazio privo di banner, l'ho preso immediatamente.Se rimani li con il culo seduto... non fai mai niente. Se accetti tutto, non migliora nulla.Peggiora, invece.
  • Anonimo scrive:
    con Opera non ho mai problemi
    uso opera e mi sono dimenticato di quegli schifosi POP-UP... :-) e di un sacco di altre utili feature!!!!^_____^ma preferisco il web all'antica
  • Anonimo scrive:
    Anche JavaWorld...
    Un'altra piaga dell'invasione pubblicitaria e' quella dei mega banner (roba da meta' dello schermo) che adesso si trovano anche su www.javaworld.com :-((
  • Anonimo scrive:
    Vorrei proprio vedere...
    ...come se la caverebbe CNET od un qlnq altro sito se si naviga con il lynx... Il lynx, per chi non lo sapesse, e' un browser testuale che gira sotto sistemi GNU (linux et similia), accessibile registrandosi su una qlnq shell accessibile da terminali tipo telnet. Essendo solo testo:1)Non possono essere aperte finestre di pop (mancato supporto dei javascript)2)Le icone delle pubblicita' vengono ridotte a stringhe del tipo [IMAGE] o [LINK], possono essere anche seguiti i link relativi, ma non c'e' nessuna imjmagine da schizofrenia galoppante...Per il resto, IMHO la pubblicita' a sfare e' totalmente controproducente, perche' semplicemente, la pagina ci mette di piu' a caricarsi, e l'utente medio si rompe a dover aspettare un minuto per poter leggere una news...
  • Anonimo scrive:
    No ghea vanto +
    Non ne posso piu'...Se cnet e' quello ke e'.. (cmq finora "abbastanza" discreto...) provate a fare un giro nel sito della mcafee (http://www.mcafee.com) o a scaricarvi un driver dalla creative labs (http://creative.com)...Se fossi credente diventerei ateo x forza...
  • Anonimo scrive:
    Ma perche'...
    Perche' quelli della microsoft invece di inventarsigli smart tag non attivano un semplice crontollosulle aperture di nuove finestre???La cosa e' paradossale, in javascript e' possibileaprire quante finestre si voglio (con conseguenze assurde) mentre per chiuderne una e' necessaria la conferma dell'utente...
  • Anonimo scrive:
    La pubblicita' serve....
    ...fintanto che non offusca il contenuto.A lungo andare credo che questa politica sarà deleteria per CNET.
  • Anonimo scrive:
    Qualche dritta anti-pubblicità.
    Come dice quello di sotto, per prima cosadisattivare i javascript (activeX, scripts, scripts delle applet java o come cacchio lichiamano).Togliere qualsiasi informazione personale(soprattutto il proprio indirizzo email)dai dati del browser. Ci sono opzioni perfarlo, in genere. Opera ha un bellissimo"delete provate data", per esempio.Evitare, quando installate Findus, di fornireal modulo che vi chiede la CD Key, i vostri dati.Se sono richiesti, scazzateli.Evitare di registrare qualsiasi prodotto.Tutti. Nessuno escluso.Evitare i "download managers": sono trappolonesimili a virus, che installano da soli degliagenti pericolosissimi per la privacy.Evitare soprattutto Gator.Prendete il browser "Opera" invece:cercatevelo e scaricatelo.Mette qualche bannerino, ma tutela davverola vostra privacy. E FA DA DOWNLOAD MANAGER,in quanto è in grado di riprendere trasferimentiinterrotti da dove erano rimasti.Se avete un sito e vi dà fastidio un popupche vi ci mette il server:scrivete all'inizio del vostro HTML: function window.open () {}; per disattivare qualsiasi popup.Ridefinendo la funzione per aprire unafinestra come una funzione vuota, che nonfa niente insomma, non s'apre più un popupnemmeno a pagarlo...Spammers:quando vi spammano,rispondete loro con il programma "UMail",disponibile in molti siti (è gratis).Rispondete dandovi come nome"Mail Delivery Service"come indirizzo:postmaster@vostroprovider.itcome soggetto:Delivery Status Notificationcome testo:- These recipients of your message havebeen processed by the mail server:vostroindirizzoemail;Failed; 5.4.3 (routing server failure)questo simula un malfunzionamento delvostro indirizzo, che in genere dovrebbescoraggiare gli spammers dal continuarea rompere i cosidetti...A buon rendere.
  • Anonimo scrive:
    Eppure non ho trovato nessuna pop-(up,under)
    Quando ho visitato diversi siti della CNET (www.news.com)(www.cnet.com) non ho trovato nessuna pop-up o pop-under. Erano le 4.54pm PST.Sara' stato solo un caso forse.Comunque e' vero ma come gia' altri hanno sottolineato questo comportamente si limita ai siti che non hanno altre fonti di guadagno e devono sostenere comunque una struttura cresciuta nel tempo del boom economico ma che adesso e' totalmente esagerata.Con buona pace di coloro sempre pronti a ribadire che i contenuti su Internet devono essere free, oramai non c'e' piu' spazio per la carita' da parte di compagnie con un discreto numero di dipendenti. O l'abbonamento, o pubblicita' a mille. Io, avendo ancora un collegamento via modem mi stufo parecchio di banda sprecata per pubblicita', quindi non ho problemi a pagare.Magari a quelli con una bella pipeline dentro casa non dispiace continuare ad avere le informazioni gratis ma farcite da pubblicita' ad ogni click.Questione di gusti :-)Comunque quella pubblicita' della telecamera wireless da voyeur (la X10) e' proprio ovunque (anche sul NYTIMES)....peggio di un incubo.Ad ogni modo, con l'avvento della broadband vedremo sempre piu' spot televisivi anche su Internet. E' inevitabile.
  • Anonimo scrive:
    Siamo solo all'inizio
    Condivido l'analisi. Questo e' solo l'inizio.Da una parte ci saranno gli "alberi di natale", con tutte le pallette pubblicitarie attaccate dappertutto, e dall'altra ci saranno pochi siti che avranno convinto a farsi pagare.Ci sono quelli che vogliono fare degli spost quasi televisivi come copertine dei siti.................
Chiudi i commenti