Sony, i conti in tasca a GeoHot

Il tribunale dà accesso ai dati del conto PayPal dell'hacker accusato del jailbreak di PS3

Roma – Sony continua ad utilizzare le maniere forti contro George Hotz, l’hacker reo di aver sbloccato PlayStation 3: una corte distrettuale californiana ha concesso all’azienda l’accesso al suo account PayPal.

La decisione permette a Sony Computer Entertainment America di esaminare le donazioni fatte a favore del signor Hotz tra il primo gennaio 2009 e il primo febbraio 2011 alla ricerca esclusivamente di eventuali transazioni originate dal distretto della California del Nord , per stabilire se il giudice abbia le competenze giurisdizionali territoriali per decidere del caso.

I due anni di conti scrutinati, tuttavia, sembrano andare oltre l’hack che ha scatenato la causa e che risale a pochi mesi fa.

Sony a gennaio ha trascinato in tribunale l’hacker conosciuto come GeoHot, e ha già ottenuto (per gli stessi motivi di giurisdizione) tutti gli indirizzi IP di tutti gli utenti che avevano visitato il suo blog , guardato i suoi video-tutorial YouTube o semplicemente letto i suoi tweet più recenti, e ha altresì chiesto e ottenuto un’ordinanza restrittiva rispetto a tutti i siti che ospitavano i tool per aggirare il blocco di Sony.

In questi casi come con l’ultima ordinanza sui conti di GeoHot, non vengono mostrate particolari tutele rispetti ai diritti di privacy degli utenti che hanno interagito con lo smanettone 21enne finito sul banco degli imputati.

Su fronte tecnico, intanto, Sony riteneva di aver chiuso la falla con il firmware 3.60 ed essere così riuscita a bloccare l’avvio del codice illegittimo: tuttavia un altro hacker ha postato un video in cui mostra di aver aggirato l’aggiornamento, rimuovendolo tuttavia immediatamente “per non essere perseguito da Sony”: la sua testimonianza (che non entra nei dettagli ma si limita a mostrare il risultato del’hack, è stata tuttavia ripubblicata .

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nicola scrive:
    Privacy
    La privacy ha rotto le palle!Tanti freni all'ecommerce: accetta questo accetta quello, però quest'altroe poi uno stuolo di operatori indiani (et al.) ti chiamano a casa chiamandoti per nome e cognome!Stai compilando un form e devi flaggare che accetti che io gestisca i tuoi dati. MA COSA SIGNIFICA?!??!??!?? COSA SIGNIFICA??!?!?!?Il top del top: le mail che mi arrivano con sotto la postilla di 14 righe per dirmi che posso leggerla. Ma vai a dare via..!Altro che l'ITALIA E? AVANTI CON LA LEGGE DELLA PRIVACY... Ma cosa????
  • Ruzzolo scrive:
    La solita...
    ...paranoia burocratica, che serve solo a creare fuffa di carta che piace solo, appunto, hai burocrati europei e non, fuffa fuffa fuffa....intanto nel mio paesello (4000 anime in quattro frazioni) hanno installato delle belle telecamere wifi, che controllano le strade principali? adessi siamo tutti più sicuri...
  • pirisco pis scrive:
    La solita inutile Europa
    Il discorso della tipica eurocrate non fa una piega:pubblico = buonoprivato = cattivoEcco la solita inutile Unione Europea che deve farsi riconoscere...Quindi i nemici della privacy sono sempre e solo le maledette aziende, che pare che passino tutto il tempo a spiarti, manco fossero degli stalker incalliti.Invece le Autorità Pubbliche hanno tutto il diritto a contare quanti peli hai sul lato B, schedarti, divulgare i fatti tuoi all'occorrenza, annotare tutto e soprattutto per sempre, altro che diritto all'oblio.
    • Sandro kensan scrive:
      Re: La solita inutile Europa
      - Scritto da: pirisco pis
      Quindi i nemici della privacy sono sempre e solo
      le maledette aziende, che pare che passino tutto
      il tempo a spiarti, manco fossero degli stalker
      incalliti.
      Invece le Autorità Pubbliche hanno tutto il
      diritto a contare quanti peli hai sul lato B,
      schedarti, divulgare i fatti tuoi all'occorrenza,
      annotare tutto e soprattutto per sempre, altro
      che diritto
      all'oblio.Ho pensato alla stessa cosa, i governi ti scrutano, ti osservano ti monitorano, per strada ci sono le telecamere, c'è un archivio unico per le operazioni di banca voluto dal governo, la polizia, i carabinieri e credo pure i vigili quando ti fermano ti registrano (credo mettano i tuoi dati, dove ti trovavi, l'ora e che auto guidavi in un archivio elettronico).Stanno eliminando le anonime cabine telefoniche a gettoni e stanno pensando di mettere le schede telefoniche registrate a tuo nome. C'è un archivio con tutte le telefonate che facciamo, chi ha il cell è schedato passo passo: ti possono tracciare attraverso le celle telefoniche. In Internet ci schedano con milioni di log su cosa facciamo.Vogliono informatizzare tutto e poi registrano per anni tutto quello che è informatizzato. Se vado in farmacia vogliono la tessera sanitaria per registrare se prendo una caramella per la tosse. Credo che in autostrada con la viacard o il telepass si sia registrati. Non so se ci siano varchi elettronici che registrano di continuo le targhe di chi passa.Adesso vogliono introdurre la PEC che è un altro grimaldello per schedare tutte le lettere/raccomandate che mandi. Vogliono anche informatizzare la propria cartella sanitaria così i miei problemi di salute o le mie visite di prevenzione saranno in mano al governo.Probabilmente dimentico molto però la situazione è insostenibile e questa Vivianne parla di privacy?
    • Alessandrox scrive:
      Re: La solita inutile Europa
      - Scritto da: pirisco pis
      Il discorso della tipica eurocrate non fa una
      piega:
      pubblico = buono
      privato = cattivo

      Ecco la solita inutile Unione Europea che deve
      farsi
      riconoscere...
      Quindi i nemici della privacy sono sempre e solo
      le maledette aziende, che pare che passino tutto
      il tempo a spiarti, manco fossero degli stalker
      incalliti.
      Invece le Autorità Pubbliche hanno tutto il
      diritto a contare quanti peli hai sul lato B,
      schedarti, divulgare i fatti tuoi all'occorrenza,
      annotare tutto e soprattutto per sempre, altro
      che diritto
      all'oblio.No non ce l' hanno questo diritto ma nemmeno esiste il privato assolutamente buono.Il punto è che abbiamo TUTTI un concetto assolutamente distorto del "pubblico": dovrebbe essere TRASPARENTE per definizione, ovvero qualsiasi cosa faccia deve poter essere controllato e verificato da chiunque invece, complice il disinteresse di tutti, lo hanno resto alla stregua di una casta intoccabile impenetrabile ma che vuol vedere tutto di tutti... questo è certamente sbagliato ma la colpa principale è NOSTRA che non ce ne siamo preoccupati abbastanza quando si poteva farlo e anche ora si potrebbe.Il privato è PRIVATO per definizione, non è questione di buono o cattivo, è cos' e basta: una volta che si pappa i tuoi dati SE non c'e' una regolamentazione adeguata può farne ciò che vuole e TU non puoi farci niente. Anzi non solo ma se non viene regolamentato potrebbeb prendere i tuoi dati personali senza nemmeno il tuo consenso...ed è esattamente ciò che avveniva prima delle leggi sulla privacy.Se a te sta bene fatti tuoi.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 25 marzo 2011 15.50-----------------------------------------------------------
  • Il Guardone che lavora a Repubblica scrive:
    Inutile
    Le normative sulla privacy servono solo a fare burocrazia alle aziende, perche' di fatto nessuno nella vita reale ne puo' godere: videosorveglianza, telemarketing, intercettazioni, giornalisti/voyaeur fuori di casa, dichiarazione dei redditi sbatture in prima pagina, ...
  • panda rossa scrive:
    Privacy by default. E il telemarketing?
    Qui si scopre l'acqua calda della privacy by default, ma intanto nell'elenco per il telemarketing hanno deciso il criterio contrario.Ma qui pensano tutti che abbiamo gli anelli al naso?
    • pippo75 scrive:
      Re: Privacy by default. E il telemarketing?
      - Scritto da: panda rossa
      Qui si scopre l'acqua calda della privacy by
      default, ma intanto nell'elenco per il
      telemarketing hanno deciso il criterio
      contrario.Non dicevi:Non vuoi che io raccolga le mele dal tuo albero?Non farle cadere per terra nel mio giardino!Quindi basta non dare i dati.
      Ma qui pensano tutti che abbiamo gli anelli al
      naso?Molti si, basta inserire un gadget gratis o a poco prezzo basta poi inserire la casella sotto da barrare, che per puro caso parla di trattamento di dati.
      • Valeren scrive:
        Re: Privacy by default. E il telemarketing?
        - Scritto da: pippo75
        Non dicevi:

        Non vuoi che io raccolga le mele dal tuo albero?
        Non farle cadere per terra nel mio giardino!

        Quindi basta non dare i dati.Certo.Perché i gestori telefonici non li hanno di default, vero?E duplicare un DB richiede - alla peggio - minuti.
Chiudi i commenti