Sony lancia lo streaming in Tv senza PC

I nuovi LCD Bravia S potranno essere connessi ad Internet e gratuitamente permetteranno di consultare contenuti multimediali ed informativi. Piaceranno?

Las Vegas – L’ultimo giocattolo di Sony, presentato all’apertura del CES , si chiama Bravia Internet Video Link . Si tratta di una schedina che permetterà ai nuovi televisori LCD della linea Bravia di sfruttare l’accesso broadband di casa. Installando il “pezzo”, sarà possibile accedere gratuitamente a canali online espressamente implementati per i clienti.

Durante la presentazione, lo stesso presidente di Sony, Stan Glasgow, ha mostrato alla stampa quanto possa essere facile navigare fra clip, trailer cinematografici e contenuti auto-prodotti. Il tutto senza aver bisogno di alcun PC, competenze specifiche o tastiera QWERTY.

“Con questa tecnologia, Sony diventa di fatto la prima azienda capace di fornire in streaming contenuti video ad alta risoluzione sul televisore senza il bisogno di un computer”, ha sottolineato Glasgow. Già, perché la frontiera è proprio rappresentata dallo streaming “facilitato” ad alta qualità: pochi tasti per visionare filmati e consultare news, feed RSS o altro. Non a caso Sony ha deciso di affidarsi alla Xross Media Bar , un’interfaccia piuttosto simile a quella utilizzata sulla PlayStation Portable e PlayStation 3.

Al momento, fra i content partner si distinguono AOL, Yahoo, Sony Pictures Entertainment, Sony BMG Music e Grouper. “La nostra collaborazione con Sony rappresenta certamente una grande opportunità per ampliare la nostra offerta, andando oltre la tradizionale piattaforma PC”, ha spiegato Kevin Conroy, vice presidente di AOL. “Gli utenti potranno godere dei nostri contenuti multimediali in ogni momento e in ogni luogo”.

L’adapter Bravia Internet Video Link sarà a pagamento, ma i contenuti in streaming saranno forniti gratuitamente – a patto ovviamente di disporre già di una connessione broadband.

“È un piccolo modulo che si istalla nella zona posteriore del televisore. Il controllo di ogni funzione, poi, sarà totalmente gestibile via telecomando”, ha dichiarato Nick Colsey, direttore del business product planning della Divisione TV di Sony Electronics. “Basterà collegare il cavo Internet è il più sarà fatto”.

La prima linea Bravia compatibile sarà la “S”, disponibile dalla prossima primavera nelle versioni da 46, 40, 32 e 26 pollici. Sony ha confessato però che il nuovo servizio, al momento, è previsto solo per il mercato statunitense.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Basta non andare negli USA per turismo
    Un conto e' chi ci deve andare per lavoro... ed e' costretto. Ma chi ci va per diletto, che cambi meta. Ci sono tanti bei posti nel mondo, e magari anche vicino casa.Quando gli yankee vedranno il loro introito turistico notevolmente calato, forse cambieranno idea.
  • VietatoPensare scrive:
    Ormai fa più paura l'antiterrorismo
    Alla fine ce l'hanno fatta, sfruttando il terrorismo come pretesto hanno azzerato la privacy, l'anonimato e la libertà di muoversi senza essere controllati.In realtà Al Qaeda ha fatto un enorme favore al governo americano.Altro che il terrorismo, ormai ad incutere terrore sono le contromisure che stanno attuando senza possibilità di discussione: "come mai sei contro questa misura? sei forse dalla parte dei terroristi?" e intanto sanno anche quante brioches mangi alla mattina, quante amanti hai e dove sei in questo momento. Poi con questi dati ti attribuiscono uno score di "quanto sei un probabile terrorista".Facendo due conti, grotteschi ma reali, il terrorismo colpisce pochissime persone (in paragone è enormemente più probabile essere uccisi da un fulmine) mentre l'antiterrorismo colpisce milioni di persone, indistintamente.Ma non è solo un problema americano, anche in Italia dovremmo svegliarci e non accettare con indifferenza tutte le misure che fanno passare.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 gennaio 2007 18.11-----------------------------------------------------------
  • m00f scrive:
    Vai Titor
    Come disse il famoso Titor... nel 2008...
  • ilmusico scrive:
    L'ho sempre detto che...
    L'ho sempre detto,che circa la vera democrazia,gli USA ,hanno ancora molto da imparare. Solo che, di questo passo,occorreranno millenni ,prima che arrivino ad essere veramente democratici. Per il momento, l' Europa faccia altrettanto con loro! Non siamo mica fessi, noi...!Ma , ora che ci penso: anche l' Unione Europea, in quanto a democrazia, non mi convince troppo.Mah! Staremo a vedere ,se abbiamo dei validi politici, nel nostro continente oppure soltanto dei politicanti. Visto che gli Stati Uniti ci trattano in questo modo, perché non restituire questa loro molto democratica gentilezza? La Libera America: ma mi facciano ridere! IlMusico
  • gaia75 scrive:
    Non amo Bush e i bushettiani
    Però se quelcuno di voi mi paga il volo per arrivare nel Grand Canyon o ai parchi del sud ovest degli USA o da in un altro luogo che vale la pena di vedere prima cher si svegli S.Andreas, io mi faccio prendere l'impronta anche del cVlo!P.S.Non mi porto dietro il pc, dentifricio, trucchi, portasapone e shampoo. Compro tutto lì, tanto si vive una volta sola!
    • Anonimo scrive:
      Re: Non amo Bush e i bushettiani
      - Scritto da: gaia75
      Però se quelcuno di voi mi paga il volo per
      arrivare nel Grand Canyon o ai parchi del sud
      ovest degli USA o da in un altro luogo che vale
      la pena di vedere prima cher si svegli S.Andreas,
      io mi faccio prendere l'impronta anche del
      cVlo!

      P.S.
      Non mi porto dietro il pc, dentifricio, trucchi,
      portasapone e shampoo. Compro tutto lì, tanto si
      vive una volta
      sola!fossi in te mi trincererei in un silenzio stampa prolungato. la qualità e l'intelligenza degli ultimi tuoi post rasenta il fastidio.Ti consiglio di postare quando hai qualcosa da aggiungere, non per "esserci". :-o
      • 5ze247940 scrive:
        Re: Non amo Bush e i bushettiani
        COndivido l'opinione sopra!Personalmente ho provato un certo fastidio ma a questo punto deduco che se fosse anche per altro oltre il grand canyon o simili l'impronta del tuo cVlo sarebbe cmq merce piuttosto inflazionata...
      • Anonimo scrive:
        Re: Non amo Bush e i bushettiani
        - Scritto da:

        - Scritto da: gaia75

        Però se quelcuno di voi mi paga il volo per

        arrivare nel Grand Canyon o ai parchi del sud

        ovest degli USA o da in un altro luogo che vale

        la pena di vedere prima cher si svegli
        S.Andreas,

        io mi faccio prendere l'impronta anche del

        cVlo!



        P.S.

        Non mi porto dietro il pc, dentifricio, trucchi,

        portasapone e shampoo. Compro tutto lì, tanto si

        vive una volta

        sola!

        fossi in te mi trincererei in un silenzio stampa
        prolungato. la qualità e l'intelligenza degli
        ultimi tuoi post rasenta il
        fastidio.

        Ti consiglio di postare quando hai qualcosa da
        aggiungere, non per
        "esserci".

        :-ofai come me che salto i tuoi.. li riconosco dalla puzza!
        • Anonimo scrive:
          Re: Non amo Bush e i bushettiani
          - Scritto da:

          - Scritto da:



          - Scritto da: gaia75


          Però se quelcuno di voi mi paga il volo per


          arrivare nel Grand Canyon o ai parchi del sud


          ovest degli USA o da in un altro luogo che
          vale


          la pena di vedere prima cher si svegli

          S.Andreas,


          io mi faccio prendere l'impronta anche del


          cVlo!





          P.S.


          Non mi porto dietro il pc, dentifricio,
          trucchi,


          portasapone e shampoo. Compro tutto lì, tanto
          si


          vive una volta


          sola!



          fossi in te mi trincererei in un silenzio stampa

          prolungato. la qualità e l'intelligenza degli

          ultimi tuoi post rasenta il

          fastidio.



          Ti consiglio di postare quando hai qualcosa da

          aggiungere, non per

          "esserci".



          :-o


          fai come me che salto i tuoi.. li riconosco dalla
          puzza!touchè 8)comunque il mio consiglio era serio. poi fai come vuoi, ovviamente.
  • Anonimo scrive:
    bye bye usa
    Col piffero che metto piede in un paese del genere! Con tutti i posti da visitare nel mondo gli usa saranno l'ultimo posto a cui penserò e se non cambiano le cose non ci metterò mai piede!Asta la victoria, siempre!
  • Anonimo scrive:
    Io non mi faccio PALPARE da quelli
    Ma guarda che se uno per andare in un Paese adesso deve sottoporsi a radiografie dei dati personali, consegnare dati personali, finanziari e fiscali che loro inseriranno in LORO database a LORO esclusivo uso e consumo, perquisizioni, angherie di ogni genere in aeroporto, palpazioni da guardiani immondi........MA CHE SCHIFO!E senza aver fatto nulla di male.Meglio non andare in quei Paesi di schifosi.
  • Anonimo scrive:
    Che strano
    per andare in un qualsiasi paese arabo (notoriamente antidemocratico, fondamentalista etc.) mi basta passaporto e visto; mentre per volare nella culla della democrazia e della libertà (!) ...Mah
  • Anonimo scrive:
    Signori...
    Signori di che vi stupite... il sistema di controllo viene esteso ad europa, australia, giappone perche' sono i paesi che ricadono sotto il visa waiver program di viaggio senza visti, cioe' paesi affidabili ed alleati.Il sistema non nasce per discriminare paesi alleati ma al contrario mira a rafforzare questa alleanza con un sistema trustworth.Fin'ora il VWP era l'immaginario confine del cosiddetto "occidente", ora si cerca di integrare i sitemi di sicurezza per creare nei fatti una struttura sovranazionale che permetta il libero movimento in sicurezza dei cittadini che vi appartengano.E' vero che non mancano i problemi, dalla perdita della privacy alla possiblita' di errori anche pesanti ma il sistema e' una naturale evoluzione di cio' che nei fatti era gia' realta', un confine tra questo nucleo di paesi ed il resto del mondo, confine che tutti bene o male, sentono.L'Europa non sta subendo, sta solo ritardando per motivi burocratici organizzativi quello che e' stato gia' deciso quanto a certificazione e tracciabilita' dei propri cittadini, anche se la frenesia schizofrenica di allargamento dell'Unione (e del mercato) ha indebolito molto la posizione europea quanto a sicurezza, e questo purtroppo e' un fatto.sp
    • Anonimo scrive:
      Re: Signori...
      ...sul trustworth ho qualche perplessità...La cosa mi fa venire in mente le frontiere europee: non era per EVITARE l'isolamento e per FAVORIRE il transito dei cittadini che è stato attivato l' accordo di Schengen? Si tratta di un accordo europeo, niente da dire, ma quanto è cambiata la vita (dei turisti ma anche dei lavoratori pendolari) da quando è in vigore?
      • arlon scrive:
        Re: Signori...
        - Scritto da:
        ...sul trustworth ho qualche perplessità...

        La cosa mi fa venire in mente le frontiere
        europee: non era per EVITARE l'isolamento e per
        FAVORIRE il transito dei cittadini che è stato
        attivato l' accordo di Schengen? Si tratta di un
        accordo europeo, niente da dire, ma quanto è
        cambiata la vita (dei turisti ma anche dei
        lavoratori pendolari) da quando è in
        vigore?tanto. Il fatto che tu non viva / lavori in una zona di confine è irrilevante(aspetto che venga applicato ai paesi dell'Est, grazie.)
    • Anonimo scrive:
      Re: Signori...
      E' un progetto demenziale di violazione della privacy a livello mondiale, messo insieme da un Paese i cui cittadini, per tutelare la loro di privacy non vogliono manco una carta di identità o una patente sovranazionale, finiamola di passarla come cosa normale. Han fatto bene i Brasiliani: schediamo tutti gli "Americani" che entrano in Europa, poi se ne riparla con più calma con i geniali strateghi che l'hanno ideato oltreoceano e con i passacarte nostrani che l'hanno accettato.
  • Anonimo scrive:
    Solo per i turisti europei?
    ma quelli dell 11.9 non erano egiziani e sauditi?e che dire di tutte quelli che vanno la partendo da paesi del medio oriente o dell 'Asia?niente impronte per loro?mazza che ingrati ao!! e dire che gli abbiamo pure regalato la statua della Liberta!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Solo per i turisti europei?
      Mi sa che non hai capito bene : questo è il trattamento riservato agli "amici"... :s :s :s :s :s
      • Fiamel scrive:
        Re: Solo per i turisti europei?
        - Scritto da:
        Mi sa che non hai capito bene : questo è il
        trattamento riservato agli "amici"... :s :s :s
        :s
        :sA me sembra un vero e proprio tentativo di schedatura delle relazioni economiche (interpersonali e di lavoro) dei principali paesi industrializzati che sono più "economicamente concorrenti", altrimenti non mi spiegherei a cosa gli serva effettivamente conoscere le transazioni economiche. Credete che Osama paghi via bonifico bancario regolarmente registrato e disponibile per consultazione a tutte le autorità?Questo è un puro "Echelon" alla luce del sole. E badate che Echelon era uno strumento di spionaggio industriale.Inoltre aggiungo: se io non gli dico che ho un account di posta su Libero.it, magari sotto falso nome, come cavolo fanno a saperlo?E se gli dico che non ho un conto corrente, pago il volo tramite versamento in contanti e nascondo la carta di credito sotto l'ascella sinistra? O sotto i piedi?Queste sono ulteriori prove: un terrorista riuscirà sempre a sfuggire a questi due controlli, le "pecore industrializzate con la cravatta" invece saranno felici di collaborare.Ho dimostrato a sufficienza?
  • MandarX scrive:
    america come...
    america come la russia di Stalin
  • PinguinoMannaro scrive:
    Meglio la cina.
    Ormai in fatto di democrazia cominciano a preoccuparmi meno che gli USA.La Cina sta migliorando.Mentre gli USA stanno peggiorando.
    • Anonimo scrive:
      Re: Meglio la cina.
      - Scritto da: PinguinoMannaro
      La Cina sta migliorando.
      Mentre gli USA stanno peggiorando.con tutto il debito estero che hanno con la cina! :|
  • arlon scrive:
    Dovevo andarci...
    dovevo andarci.. ma ho rinunciato.Questi sono completamente fuori, faranno e meno della mia presenza :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Dovevo andarci...
      Mia zia, abita non lontano da Hollywood, mi attende per le vacanze estive da circa 8 anni e ogni tanto mi chiama a casa per convincermi ad andare ma finora non ho mai avuto il desiderio di volare fin laggiù... ora credo che il desiderio sia morto e sepolto.
  • Anonimo scrive:
    Tutto per il terrorismo?
    Viene fatto tutto per difendersi dal terrorismo?Quello che e' successo dall'11/09 ad oggi dimostra solo due cose per logica deduttiva:- Le torri se le sono abbattute da soli;- Gli unici veri terroristi sono gli USA.Sono solo dei passi per prendere il controllo delle informazioni a livello mondiale indiscriminatamente. E piu' si appoggiano e piu' ci diminuiscono le liberta' fino a diventare la liberta' stessa un'utopia.Ditemi voi se questo non e' terrorismo?
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutto per il terrorismo?
      Posso fare lo stesso con le ragazze che incontro? Con la scusa del "terrorismo"
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutto per il terrorismo?

      Viene fatto tutto per difendersi dal terrorismo?
      Quello che e' successo dall'11/09 ad oggi
      dimostra solo due cose per logica
      deduttiva:

      - Le torri se le sono abbattute da soli;
      - Gli unici veri terroristi sono gli USA.Bamboccio, torna a scuola che é meglio. Sei solo un povero buffone a cui internet ha dato un megafono per dimostrare quanto sei deficiente.Hai la bocca sporca di latte e parli di logica. Se non te ne stessi nascosto dietro una tastiera come tutti gli altri internettari vigliacchi, staresti zitto per paura di essere deriso.Buttati nel cesso e tira l'acqua.
      • belze scrive:
        Re: Tutto per il terrorismo?
        questo sì invece che è un post che ha contribuito a in maniera critica al dibattito...complimenti!(troll)(troll1)(troll2)(troll3)(troll4)
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutto per il terrorismo?
      oh, finalmente , ti quoto alla grande ! 8)una nazione che pur di accaparrarsi il petrolio e le materie prime inscena un attacco terroristico uccidendo migliaia di persone non è una nazione democratica !E' già successo gente : la corazzata Maine nel 1898 ma in quel caso si trattava di accaparrarsi l'influenza e le risorse delle ex- colonie spagnole : Cuba e le Filippine !
  • Anonimo scrive:
    Email: tecnicamente, cosa vogliono?
    I messaggi scambiati con la linea aerea con cui ho volato?La password dell'account?Di quale account?Io ho una ventina di account di posta, alcuni li uso molto, altri per niente.Di alcuni di essi mi ricordo la password, di altri ho password da 16 caratteri generate dal computer che mai mi sognerei di inserire a mano, né tanto meno di memorizzare.Di altri ancora la password nemmeno la trovo più.Ho poi aperto vari account a temporaryinbox.com, solo per potermi iscrivere a dei forum. Vorrebbero anche quelli?
    • Anonimo scrive:
      Re: Email: tecnicamente, cosa vogliono?
      Secondo la RAI, vogliono tutte le password.
      • Anonimo scrive:
        Re: Email: tecnicamente, cosa vogliono?
        - Scritto da:
        Secondo la RAI, vogliono tutte le password.ma se ho gia scaricato la posta sul pc??
        • rumenta scrive:
          Re: Email: tecnicamente, cosa vogliono?
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          Secondo la RAI, vogliono tutte le password.

          ma se ho gia scaricato la posta sul pc??LOL.... vorranno pure quello :D :D :D :D
        • Davz scrive:
          Re: Email: tecnicamente, cosa vogliono?
          Ti manderanno per mail una richiesta affichè tu inoltri loro le mail già scaricate... p)
      • Anonimo scrive:
        Re: Email: tecnicamente, cosa vogliono?
        Tutte le password, LOL.E se uno arriva alla dogana e non ne ha fatto una copia da portarsi dietro? Pretendono forse che uno se le ricordi?Sembra una tale idiozia tecnico/logistica, prima ancora che giuridica, che fa pensare più alla solita sparata da giornalista che alla pensata di un legislatore impazzito.L'unica password che mi ricordo è quella di un indirizzo che non uso. Non usando mai il computer in viaggio, le password non me le porto neanche mai dietro. In conclusione: non ci credo. Non in questi termini.
    • Anonimo scrive:
      Re: Email: tecnicamente, cosa vogliono?
      vogliono solo l'autorizzazione, gli altri dati li hanno gia per conto loro :p
  • Anonimo scrive:
    Ma noi che ce frega?
    Letto questo:Scatta oggi l'Us Visit, il programma di sicurezza che autorizza le autorità americane a prendere le impronte digitali e le foto degli stranieri in entrata negli aeroporti e nei porti americani. Le uniche eccezioni riguardano i cittadini di 28 Paesi, per la maggior parte europei, i cui cittadini possono entrare e restare negli Stati Uniti per 90 giorni senza visto (l'Italia è tra questi).dell'argomento nn me ne frerga più nulla.Dovremmo impegnarci in argomenti più importanti come togliere tutte le prostitute dalle strade.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma noi che ce frega?
      - Scritto da:
      cittadini possono entrare e restare negli Stati
      Uniti per 90 giorni senza visto (l'Italia è tra
      questi).
      dell'argomento nn me ne frerga più nulla.Ecco, bravo, due pesi e due misure.Che ci frega se domani cominceranno a mettere una bella X rossa in fronte a ogni schedato dalle forze dell'ordine, che ci frega se dopodomani tutti i nati in anni dispari per usare l'autostrada dovranno donare un rene... Che ci frega.k1
  • Anonimo scrive:
    Bisogna fare come il Brasile
    "La settimana scorsa, il Brasile ha cominciato a prendere impronte digitali e foto dei cittadini americani in arrivo allaeroporto di San Paolo in risposta alla misura presa dagli Usa. Il Brasile esige che i suoi cittadini siano tolti dalla lista stilata dal ministero statunitense della sicurezza interna."http://www.corriere.it/Primo_Piano/Esteri/2004/01_Gennaio/05/impronte.shtmlIl grosso degli Statunitensi non sa cosa combina il loro governo all'estero, se non altro si svegliano.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bisogna fare come il Brasile
      Giustissimo!Insubrico
      • Gatto Selvaggio scrive:
        Re: Bisogna fare come il Brasile

        Giustissimo!

        InsubricoNo.Giustissimo sarebbe pretendere il ritiro del provvedimento, o almeno una procedura per chi non si vuole sottoporre al prelievo dei dati. Così, è solo giusticchio.Taurino
  • =Blackout= scrive:
    spero che questo insegni alla gente..
    .. che gli Stati Uniti d'America sono principalmente un pugno di delinquenti buoni solo a "estorcere" i beni e le cose.Per chi non e' a conoscenza, parecchi anni fa, alcuni bambini hanno subito PESANTI conseguenze dopo aver ingerito delle carni estrogenate all'asilo. La UE ha bloccato tali merci e gli USA hanno fatto causa in sede WTO alla UE che ha perso e ha pagato enormi conseguenze, fra le quali un protezionismo esagerato verso alcuni beni provenienti dalla UE, cosa che ha fatto andare sul lastrico molte aziende italiane.Questo e' successo piu' di 15 anni fa, dai paladini della giustizia e della liberta.I fatti sono anche molti altri, ne potrei citare a fiotte: per questo quando sento parlare italiani filo-statunitensi mi incazzo come un'ape e li considero, giustamente, ignoranti.Gli unici Statunitensi che stimo solo gli uomini di studio, MIT, universita varie.. gli altri sono tutti straccioni, delinquenti e mafiosi..le nostre tangentopoli sono fatte da angioletti a confronto
  • Anonimo scrive:
    Gli USA non hanno tutti i torti
    Non capisco di cosa vi stupiate, sono norme che uno stato fa per tutelarsi da ingressi pericolosi. E' uno stato sovrano, no? Quindi ha il diritto legiferare come vuole e garantire l'ingresso alle condizione che lui desidera.Poi se parliamo di UE c'è da ricordarsi l'ingresso di 2 paesi, Bulgaria e Romania, che hanno tutto tranne che una cultura del diritto e mi stupisco come noi europei occidentali abbiamo accettato la cosa senza troppi problemi!Romano
    • =Blackout= scrive:
      Re: Gli USA non hanno tutti i torti
      - Scritto da:
      Non capisco di cosa vi stupiate, sono norme che
      uno stato fa per tutelarsi da ingressi
      pericolosi. E' uno stato sovrano, no? Quindi ha
      il diritto legiferare come vuole e garantire
      l'ingresso alle condizione che lui
      desidera.
      Poi se parliamo di UE c'è da ricordarsi
      l'ingresso di 2 paesi, Bulgaria e Romania, che
      hanno tutto tranne che una cultura del diritto e
      mi stupisco come noi europei occidentali abbiamo
      accettato la cosa senza troppi
      problemi!

      Romanol'ignoranza e' un gran bene. se tu vuoi andare e farti trattare cosi sei libero, ma cerca di essere piu umile e non venire a insegnarci a noi la storia, che vede gli USA come uno stato delinquente e non un paladino della giustizia.ti ricordo che LORO STESSI hanno ucciso uno dei suoi piu grandi presindenti (Kennedy & fratelli) solo perche volevano la pace invece della guerra.quindi perfavore ammutolisciti e resta nella tua ignoranza.
      • Anonimo scrive:
        Re: Gli USA non hanno tutti i torti
        Quello ignorante qui se tu carissimo.Fai degli esempi che non ci azzeccano nulla ed in più non verificati da nessuno tranne che dalla tua mente contorta.Non volete commerciare a queste condizioni con gli USA o non volete andarci in viaggio?Benissimo!Nessuno vi obbliga, vi sono centinaia di altre destinazioni più allettanti oppure avete preso spunto anche voi dagli USA per l'ingerenza politica in altri stati? IRAQ docet?Prima si critica un modo di agire e poi si fa la stessa cosa, lol!Romano
        • Anonimo scrive:
          Re: Gli USA non hanno tutti i torti
          Pssss metà dei voli per il Sud America fanno scalo negli States, non è questione di voler andare o meno negli Stati Uniti,metà sempre meno gettonata.
          • Anonimo scrive:
            Re: Gli USA non hanno tutti i torti
            metà=meta
          • Anonimo scrive:
            Re: Gli USA non hanno tutti i torti
            Ma prendere l'altra metà, no?
          • Anonimo scrive:
            Re: Gli USA non hanno tutti i torti
            - Scritto da:
            Ma prendere l'altra metà, no?Non è sempre possibile (dipende dalle destinazioni) e quasi mai è conveniente dal punto di vista economico.
      • Anonimo scrive:
        Re: Gli USA non hanno tutti i torti
        Aaahahahhahaahhaahahahh aaaaaaaaahahahahhahaha :-DDDRagazzo mio a studiareeeeeeeeee ... parli del Kennedy della crisis di Cuba?? Parli del Kennedy che ha iniziato una guerra da cui sono usciti solo dopo la sua morte??A studiareeeeee che la Storia insegna empre qualcosa :-DDDD
        ti ricordo che LORO STESSI hanno ucciso uno dei
        suoi piu grandi presindenti (Kennedy & fratelli)
        solo perche volevano la pace invece della
        guerra.
      • Anonimo scrive:
        Re: Gli USA non hanno tutti i torti
        Le tue sono supposizioni e teorie senza alcun riscontro, quindi ammutolisci e non venire a propinarci teorie complottiste.
    • Anonimo scrive:
      Re: Gli USA non hanno tutti i torti
      - Scritto da:
      Non capisco di cosa vi stupiate, sono norme che
      uno stato fa per tutelarsi da ingressi
      pericolosi. E' uno stato sovrano, no? Quindi ha
      il diritto legiferare come vuole e garantire
      l'ingresso alle condizione che lui
      desidera.Lo dicono sempre Cinesi, Nordcoreani e Iraniani e tutti a dargli contro, non c'è più criterio a questo mondo :D :D :D :D :D :D
      Poi se parliamo di UE c'è da ricordarsi
      l'ingresso di 2 paesi, Bulgaria e Romania, che
      hanno tutto tranne che una cultura del diritto e
      mi stupisco come noi europei occidentali abbiamo
      accettato la cosa senza troppi
      problemi!
      Buuummmm non spariamole grosse, Bulgaria e Romania, oggi, hanno standard europei.
      RomanoPiacere :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Gli USA non hanno tutti i torti
      - Scritto da:
      Non capisco di cosa vi stupiate, sono norme che
      uno stato fa per tutelarsi da ingressi
      pericolosi. E' uno stato sovrano, no? Quindi ha
      il diritto legiferare come vuole e garantire
      l'ingresso alle condizione che lui
      desidera.In effetti, oltre a criticare queste norme, bisognerebbe forse criticare le norme che abbiamo in Italia.Forse pochi sanno che uno straniero in Italia, che intenda risiedere per piu' di un certo numero di gironi, ha l'obbligo di comunicare alla questura dove sia la sua residenza.E che ogni persona che vado in albergo, ma anche in una casa dove non abbai la sua residenza, deve comunicare alla questura dove abbia dormito (e questo indipendentemente dal fatto che sia italiano o straniero)
      • Gatto Selvaggio scrive:
        Re: Gli USA non hanno tutti i torti

        uno straniero in Italia,
        che intenda risiedere per piu' di un certo numero
        di gironiIntendi insinuare che l'Italia è un inferno? :D
    • rumenta scrive:
      Re: Gli USA non hanno tutti i torti
      - Scritto da:
      Non capisco di cosa vi stupiate, sono norme che
      uno stato fa per tutelarsi da ingressi
      pericolosi. E' uno stato sovrano, no? una fetta sempre maggiore di americani se lo sta chiedendo, considerato che moltissimi tra i dirigenti e "consiglieri" ai massimi livelli sono legati a doppio o triplo filo ad israele.... ma sicuramente questa è solo una coincidenza fortuita ;)come è anche una coincidenza fortuita che gli usa finanzino israele con 2.5 miliardi di dollari l'anno e con forniture di armi pressochè illimitate :DQuindi ha
      il diritto legiferare come vuole e garantire
      l'ingresso alle condizione che lui
      desidera.anche la germania dal 32 al 45 era uno stato sovrano, riconosciuto dalla comunità internazionale, con il diritto di legiferare come voleva.... eppure guarda un pò che fine hanno fatto quelli che hanno ubbidito scrupolosamente alle sue leggi.....
      Poi se parliamo di UE c'è da ricordarsi
      l'ingresso di 2 paesi, Bulgaria e Romania, che
      hanno tutto tranne che una cultura del diritto e
      mi stupisco come noi europei occidentali abbiamo
      accettato la cosa senza troppi
      problemi!

      Romanohemmm..... ti risulta che i nostri "soloni" abbiano chiesto qualcosa a qualcuno??perchè magari se l'avessero fatto sarebbero stati mandati a dar del colore come nel caso della "costituzione".....
      • Anonimo scrive:
        Re: Gli USA non hanno tutti i torti
        1) Ok2) Che centra la Germania, non capisco, ora uno stato sovrano deve fare le leggi che stanno bene a tutti gli stati Timbuktù compreso?3) Scendere in piazza no? Si scende in piazza a favore dei gay, delle prostitute, dei viados e di prodi e non per cose serie? bella gente noi italiani...
        • rumenta scrive:
          Re: Gli USA non hanno tutti i torti
          - Scritto da:
          1) Ok
          2) Che centra la Germania, non capisco, ora uno
          stato sovrano deve fare le leggi che stanno bene
          a tutti gli stati Timbuktù
          compreso?per carità, volevo solo farti notare che non sempre l'autonomia legislativa di uno stato è considerata tale.così come i governanti tedeschi sono stati processati per aver fatto certe leggi, così potrebbe esserlo, prima o poi (spero prima che poi), la classe dirigente usa.
          3) Scendere in piazza no? Si scende in piazza a
          favore dei gay, delle prostitute, dei viados e di
          prodi e non per cose serie? bella gente noi
          italiani...in piazza si scende solo se spinti da un partito, solo per le cose che fanno comodo ad altri e solo per incanalare la protesta in modo "accettabile".spero solo che, quando lo faremo in autonomia da partiti/sindacati e per le cose serie, NON prenderemo prigionieri.....
  • Anonimo scrive:
    Canada
    Andate in Canada, se volete fare turismo da quelle parti (così glielo mettete pure nel beep) :@
    • Anonimo scrive:
      Re: Canada
      Gli aerporti canadesi fann oparte degli aeroporti in cui il sistema di controllo e' stato integrato alla fonte :-)E con il Canada anche in Irlanda, Bermuda, Bahamas, Aruba... seguiranno i vari paesi occidentali quando saranno pronti e si viaggera' liberamente all'interno dell'occidente con il proprio ID biometrico.http://www.dhs.gov/xtrvlsec/programs/editorial_0685.shtm#6
      • rumenta scrive:
        Re: Canada
        - Scritto da:
        Gli aerporti canadesi fann oparte degli aeroporti
        in cui il sistema di controllo e' stato integrato
        alla fonte
        :-)

        E con il Canada anche in Irlanda, Bermuda,
        Bahamas, Aruba... seguiranno i vari paesi
        occidentali quando saranno pronti e si viaggera'
        liberamente all'interno dell'occidente con il
        proprio ID
        biometrico.

        http://www.dhs.gov/xtrvlsec/programs/editorial_068wow.... proprio come i passaporti interni della vecchia unione sovietica.... che bello :D
    • Gatto Selvaggio scrive:
      Re: Canada
      Ecco, cosa mi sai dire del Canada?In una mappa di paesi pubblicata da Privacy International[img]http://www.privacyinternational.org/article.shtml?cmd[347]=x-347-545269&als[theme]=Privacy%20and%20Human%20Rights[/img]il Canada figura come uno dei pochi paesi in cui si fa qualcosa per tutelare la privacy contro il dilagare della psicosi dell'antiterrorismo.Su un sito del governo canadese ho letto che il loro passaporto elettronico memorizza una copia digitale della fotografia (*) senza menzionare le impronte digitali.Sai dirmi qualcosa in più?(*) Già questo è anche troppo. Il passaporto è un documento d'identità emesso dal tuo stato. Il funzionario della dogana di un paese in cui viaggi guarda se la tua faccia corrisponde alla foto che il tuo stato di appartenenza ha certificato, emettendo il passaporto. Fine.Se la foto è digitale, viene memorizzata in una base dati e in linea di principio possono seguire tutti i tuoi spostamenti all'interno del paese "ospite" e di chi altro ha accesso al database.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 gennaio 2007 22.39-----------------------------------------------------------
  • Anonimo scrive:
    Stesso trattamento
    Ma visto la presenza di queste norme per i viaggi in america degli europei perchè non gli restituiamo pan per focaccia facendo la stessa cosa solo con i turisti americani in ingresso in europa? O come sempre l'UE esiste per creare norme che incasinano la vita e mai per battersi per i propri cittadini?Insubrico
    • Anonimo scrive:
      Re: Stesso trattamento
      Perchè i turisti americani che vengono in Europa portano soldi. Se loro sono esagerati non è detto che dobbiamo esserlo anche noi.
  • Anonimo scrive:
    pare che anche chi non mangia maiale...
    si sospettato un pericoloso terrorista.in che secoli bui stiamo andando..
    • Anonimo scrive:
      Re: pare che anche chi non mangia maiale
      - Scritto da:
      si sospettato un pericoloso terrorista.

      in che secoli bui stiamo andando..Guarda, è solo l'applicazione militare di concetti di "profilazione del cliente" introdotti da anni e perfezionati da catene commerciali, banche, assicurazioni, istituti di credito...Se la Svizzera aveva (ha) fama di grande banca del mondo, ed il suo esercito è stato scherzosamente paragonato alle guardie giurate alla porta, gli USA si sono ridotti ad essere un Centro commerciale pieno di luci, angolo giochi dove parcheggiare i "bambini" che danno fastidio, sceriffo che pattuglia il parcheggio mentre mangia la ciambella.Peccato, perché li reputo una nazione che ha dato (e potrebbe dare) contributi molto più importanti all'umanità. Per ora ecco lo scontrino, i sacchetti di carta della spesa pieni di promesse: lasciamo il carrello e torniamo a casa senza disturbare. Resistere è inutile? (cylon)
  • Anonimo scrive:
    Europa di servi
    I nostri governanti della comunita' europea, strapagati, si sono ben guardati da chiedere la reciprocita' di trattamento, garanzie di qualche tipo, o imporre limiti alle capacita' di invasivita'."Vi possiamo spiare e controllare per sempre i cittadini se fanno un viaggio da queste parti?" hanno chiesto gli Usa. "sapete, le nostre regole sono severe sulla sicurezza... (vai che forse non ci chiedono nulla in cambio)".E loro? I nostri strapagati parlamentari europei? I nostri rappresentanti di fronte alle altre nazioni?"Prego accomnodatevi" hanno risposto.Bella mandria di ricchi potenti ed indolenti.Se odiate gli usa, attenti a chi votate in europa.
    • Anonimo scrive:
      Re: Europa di servi
      Scatta oggi l'Us Visit, il programma di sicurezza che autorizza le autorità americane a prendere le impronte digitali e le foto degli stranieri in entrata negli aeroporti e nei porti americani. Le uniche eccezioni riguardano i cittadini di 28 Paesi, per la maggior parte europei, i cui cittadini possono entrare e restare negli Stati Uniti per 90 giorni senza visto (l'Italia è tra questi).Leggi le notizie prima di commentare.Romano
      • Anonimo scrive:
        Re: Europa di servi
        - Scritto da:
        Scatta oggi l'Us Visit, il programma di sicurezza
        che autorizza le autorità americane a prendere le
        impronte digitali e le foto degli stranieri in
        entrata negli aeroporti e nei porti americani. Le
        uniche eccezioni riguardano i cittadini di 28
        Paesi, per la maggior parte europei, i cui
        cittadini possono entrare e restare negli Stati
        Uniti per 90 giorni senza visto (l'Italia è tra
        questi).

        Leggi le notizie prima di commentare.

        RomanoPrendiamo atto che l'Italia non è uno stato europeo :D :D :D :D :D"Il "trattamento" sarà riservato sicuramente ai turisti europei, australiani, neozelandesi e giapponesi; per quanto riguarda le altre provenienze non si sa ancora molto. "comunque:http://www.corriere.it/Primo_Piano/Esteri/2007/01_Gennaio/07/impronte.shtmlil vantaggio che hai se sei italiano e munito di passaporto elettronico (con dati biometrici) è che puoi non chiedere il visto. Indovina cosa succede appena arrivi alla dogana con il tuo bel passaporto biometrico ?!!!!
        • AnyFile scrive:
          Re: Europa di servi

          il vantaggio che hai se sei italiano e munito di
          passaporto elettronico (con dati biometrici) è
          che puoi non chiedere il visto. Perche' nel passaporto biometrico (da non confondere con le precedenti versioni) sono gia' registrate le tue impronte digitali.L'esenzione si applica solo a quelli stati che hanno gia' un passaporto che corrisponde ai requisiti imposti
          • Anonimo scrive:
            Re: Europa di servi
            - Scritto da: AnyFile



            il vantaggio che hai se sei italiano e munito di

            passaporto elettronico (con dati biometrici) è

            che puoi non chiedere il visto.


            Perche' nel passaporto biometrico (da non
            confondere con le precedenti versioni) sono gia'
            registrate le tue impronte
            digitali.

            L'esenzione si applica solo a quelli stati che
            hanno gia' un passaporto che corrisponde ai
            requisiti
            impostiToh non lo sapevo :D :D :D :D e al primo scanning quei dati dove finiscono ?!!!! 8) 8) 8) 8) 8)
    • belze scrive:
      Re: Europa di servi
      l'odio non risolve nulla...non tutto ciò che made in USA è da buttare, prendiamocela a ragione con l'esecutivo ed il legislativo USA, ma è sbagliato prendersela con gli USA in toto.
      • Anonimo scrive:
        Re: Europa di servi
        - Scritto da: belze
        l'odio non risolve nulla...non tutto ciò che made
        in USA è da buttareInternet è da buttare.
    • pppaolo scrive:
      Re: Reciprocita'!
      Nelle relazioni internazionali la reciprocita' e' d'obbligo. Quindi la UE dovrebbe imporre ai cittadini USA gli stessi obblighi che gli USA impongono ai cittadini europer. Se non lo fanno chiamarli servi degli Americani e' il minimo che si possa fare. Come sono complici degli scafisti nel non contrastare la immigrazione extracomunitaria e lasciare che milioni di Europei si vedano rubare il posto di lavoro da immigrati.Paolo
      • rumenta scrive:
        Re: Reciprocita'!
        - Scritto da: pppaolo
        Nelle relazioni internazionali la reciprocita' e'
        d'obbligo. Quindi la UE dovrebbe imporre ai
        cittadini USA gli stessi obblighi che gli USA
        impongono ai cittadini europer. Se non lo fanno
        chiamarli servi degli Americani e' il minimo che
        si possa fare. Come sono complici degli scafisti
        nel non contrastare la immigrazione
        extracomunitaria e lasciare che milioni di
        Europei si vedano rubare il posto di lavoro da
        immigrati.
        Paoloe non lo faranno mai.è in corso, semmai non te ne fossi accorto, una massiccia operazione di immigrazione forzata volta a distruggere le identità nazionali, per trasformare gli stati europei in una massa amorfa plasmabile a loro piacimento e controllabile con facilità tramite la scusa della lotta al terrorismo.infatti chi delinque avrà sempre il denaro ed i mezzi per bypassare con facilità estrema tutti i controlli, mentre chi resterà nella rete sarà solo il povero "cittadino", al quale potrà essere imposta qualsiasi cosa.....
      • Anonimo scrive:
        Re: Reciprocita'!
        - Scritto da: pppaolo
        Nelle relazioni internazionali la reciprocita'
        e' d'obbligo. La reciprocita' c'e' solo dove c'e una relazione (un accordo) che la prevede.Pertanto se c'e' un accordo tra lo stato X ed Y per cui un ambasciatore o un diplomatico dello stato X puo' entrare nello stato Y in esenzione delle regole di visti ed ispezione allora la stessa ocsa vale anche per un ambasciatore o diplomatico dello stato Y che entra nello stato X.Ma per quel che riguarda i controlli alle frontiere per persone "normali" non esistono regole del genere. Rousseax ha detto che per i diplomatici valgono le leggi di diritto naturale, ma la stessa cosa non valgono per le persone "normali", per le queli valgono le leggi che li vengono messe sulla loro testa, da chi si e' arrogato il potere di farlo.E poi se dovesse valere il principio di reciprocita' allora dovrebbe valere che se uno negli USA (sia egli statunitense o straniero) in un albergo, l'albergatore gli chiede i documenti e lo segnala alla questura, visto che in Italia c'e' una legge del genere.Di questa legge in Italia, nessuno se ne stupisce ... (legge che ovviamente non serve a nulla, peche' se uno ha qualcosa da nascondere, basta che usa un documento falso, amaggior ragione visto che un albergatore non avrebbe neppure il potere di sollevare dubbi sull'autenticita' del documento)
  • Anonimo scrive:
    C'è chi rinuncia
    Conosco una persona che doveva andare per un congresso ma poi ha rinunciato proprio per questo motivo.
    • Anonimo scrive:
      Re: C'è chi rinuncia
      - Scritto da:
      Conosco una persona che doveva andare per un
      congresso ma poi ha rinunciato proprio per questo
      motivo.
      e chi era?
      • Anonimo scrive:
        Re: C'è chi rinuncia
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Conosco una persona che doveva andare per un

        congresso ma poi ha rinunciato proprio per
        questo

        motivo.



        e chi era?un medico
      • Anonimo scrive:
        Re: C'è chi rinuncia
        Beh, non so chi sia l'altro, ma io sono uno di questi. Ed ho scoperto che molte cose si possono fare anche in videoconferenza. Intercettano anche quella? Dov'è il problema? Dovevo andare a tenere una conferenza pubblica, quella pubblica sarebbe stata comunque.Quello che mi scoccia sarebbe stata l'intercettazione delle email spedite e ricevute dall'albergo. O anche solo la segnalazione che io la posta la leggo in Secure IMAP invece che in chiaro: avrò sicuramente qualcosa da nascondere!!! Certo! Le strategie aziendali della nostra azienda! E non ci tengo per nulla che le venga a sapere chiunque altro, magari un'azienda concorrente di un altro paese...
    • Angelone scrive:
      Re: C'è chi rinuncia
      per me gli stati uniti sono già in black list.Pericolosi quanto il medio oriente. Insomma totalmente indesiderabili.Non a caso spesso cozzano contro
  • Anonimo scrive:
    Rifiuto di farmi prendere le impronte
    Da quel branco di spioni animali.
    • belze scrive:
      Re: Rifiuto di farmi prendere le impront
      se non sei obbligato, evita di viaggiare negli USA, sconsiglialo ad amici e parenti.E soprattutto fai girare queste informazioni anche su altre aprti del web!
      • AnyFile scrive:
        Re: Rifiuto di farmi prendere le impront
        - Scritto da: belze
        se non sei obbligato, evita di viaggiare negli
        USA, sconsiglialo ad amici e
        parenti.
        E soprattutto fai girare queste informazioni
        anche su altre aprti del
        web!Forse, cosa ancora piu' importante, sarebbe sottolineare che tra un po' tutti dovranno avere le impronte digitali registrate elettronicamente perfino nel passaporto e che anche per fare la carta d'identita' qui in Italia bisognera' lasciare giu' l'impronta digitale.Alla faccia, come sostiene qualcuno, che le nuove tecnologie fanno fare progressi. Qui si trona indietro. Si ritorna alle impronte digitali (un metodo vecchio, dei tempi di Sherlock Holmes) ...
      • Anonimo scrive:
        Re: Rifiuto di farmi schedare
        - Scritto da: belze
        se non sei obbligato, evita di viaggiare negli
        USA,Purtroppo la mia azienda (multinazionale) ha rapporti che hanno richiesto a miei colleghi di recarsi negli USA. Se dovessero ordinarlo a me, non avrei modo di rifiutare senza conseguenze.Certo che il turista negli USA eviterò di farlo (peccato, perché ci sono molte cose da vedere e ottime persone americane, rimaste ostaggio di questa tirannia del controllo della popolazione).
        • Gatto Selvaggio scrive:
          Re: Rifiuto di farmi schedare

          Purtroppo la mia azienda (multinazionale) ha
          rapporti che hanno richiesto a miei colleghi di
          recarsi negli USA. Se dovessero ordinarlo a me,
          non avrei modo di rifiutare senza
          conseguenze.Puoi sempre rifiutare con le conseguenze.
          • Anonimo scrive:
            Re: Rifiuto di farmi schedare
            - Scritto da: Gatto Selvaggio

            Purtroppo la mia azienda (multinazionale) ha

            rapporti che hanno richiesto a miei colleghi di

            recarsi negli USA. Se dovessero ordinarlo a me,

            non avrei modo di rifiutare senza

            conseguenze.

            Puoi sempre rifiutare con le conseguenze.Dubito che voglia tornare da mamma a farsi dare la paghetta .... :D :D :D :D
          • Gatto Selvaggio scrive:
            Re: Rifiuto di farmi schedare



            Purtroppo la mia azienda (multinazionale) ha


            rapporti che hanno richiesto a miei colleghi
            di


            recarsi negli USA. Se dovessero ordinarlo a
            me,


            non avrei modo di rifiutare senza


            conseguenze.



            Puoi sempre rifiutare con le conseguenze.

            Dubito che voglia tornare da mamma a farsi dare
            la paghetta .... :D :D :D
            :DNon penso che possano licenziare uno per una cosa simile. Non penso che gli riducano lo stipendio. Accadesse, va dai sindacati e scatena un putiferio, col duplice beneficio che così anche quest'Italia sonnolenta prende coscienza del problema.Al massimo lo chiama il capo e gli fa un cazziatello (al che lui si strappa la cravatta e minaccia il capo di denunciarlo per abusi sessuali :D).
  • Lurkos scrive:
    Turisti
    "Sono certo che questa strategia non allontanerà i turisti. Si diceva la stessa cosa del sistema a due impronte, ma poi non è successo nulla.".Secondo me perché pochi lo sapevano e lo hanno imparato solo sul momento e quindi non hanno potuto di fatto rifiutarsi.Non penso che tutti siano così contenti di essere considerati dei potenziali delinquenti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Turisti
      Magari chi ci va per affari non si farà troppi problemi, ma dal punto di vista del normale turista penso che in parecchi cambieranno meta.Personalmente un viaggio lo vedo come una liberazione dai tanti vincoli delle normali giornate e solo il pensiero di ritrovarmi anche in vacanza lacci e laccioli mi infastidisce.
      • Anonimo scrive:
        Re: Turisti
        - Scritto da:
        Magari chi ci va per affari non si farà troppi
        problemi, ma dal punto di vista del normale
        turista penso che in parecchi cambieranno
        meta.
        Mah .. non e' che mi pare che gli USA siano poi cosi' tanto interessati ad incentivare il turismo (basta vedere la loro scarse presenza a fiere sul turismo).Piuttosto dovrebbe essere che anche per i viaggi d'affari le ditte europe si rifiutassero di andare negli USA e chiedessero che siano gli Statunitensi a venire in Europa. QUesto sarebbe un vantaggio economico sia per l'azienda europea (che non deve pagare le spese di viaggio) sia per lo stato europeo (soldi portati in europa e spesi per il viaggio)
        • Anonimo scrive:
          Re: Turisti
          sai cosa significa?Che adesso hanno la giustificazione anche per spiare legalmente (cioe' senza rimetterci la faccia: la scusa del terrorismo e' fenomenale) tutti i businessmen stranieri che si recano negli USA. Una manna dal punto di vista dello spionaggio industriale che ora non e' piu' costretto a fermarsi al solo Echelon.
        • Lurkos scrive:
          Re: Turisti

          Piuttosto dovrebbe essere che anche per i viaggi
          d'affari le ditte europe si rifiutassero di
          andare negli USA e chiedessero che siano gli
          Statunitensi a venire in Europa. QUesto sarebbe
          un vantaggio economico sia per l'azienda europea
          (che non deve pagare le spese di viaggio) sia
          per lo stato europeo (soldi portati in europa
          e spesi per il viaggio)Purtroppo mi sa che non siamo nella condizione per imporre questo regime.Cmq anche noi potremmo iniziare a dare il buon esempio perché di fatto facciamo la stessa cosa con la legge Bossi-Fini.
    • Marlenus scrive:
      Re: Turisti
      - Scritto da: Lurkos
      "Sono certo che questa strategia non allontanerà
      i turisti. Si diceva la stessa cosa del sistema a
      due impronte, ma poi non è successo
      nulla.".

      Secondo me perché pochi lo sapevano e lo hanno
      imparato solo sul momento e quindi non hanno
      potuto di fatto
      rifiutarsi.
      Non penso che tutti siano così contenti di essere
      considerati dei potenziali
      delinquenti.Pensi bene. Infatti l'affermazione è palesemente falsa e i dati rilasciati da chi si occupa di turismo negli Stati Uniti sono ben diversi, le organizzazioni di categoria hanno lanciato l'allarme sul calo dei turisti da molto tempo.Segue il primo link (ovviamente in inglese) che mi è venuto in mente, che parla ad esempio del calo degli arrivi in Florida:http://www.publicdiplomacywatch.com/ (metà pagina)E' lo stesso che pubblica il rapporto sulle "paure" dei businessmen alla dogana.Marlenus
  • Anonimo scrive:
    Lascia pure scritto MOLTI
    "I turisti che domani decideranno di fare un viaggio negli Stati Uniti dovranno essere pronti a rinunciare a molti (corretto) alcuni diritti di privacy."Va benissimo "molti"Quello sta diventanto uno stato di Polizia.Gli statunitensi se ne accorgeranno tra qualche anno ma sarà troppo tardi4'000 anni di storia umana ci hanno insegnato che queste cose sfociano prima o poi nella guerra (civile)
    • Anonimo scrive:
      Re: Lascia pure scritto MOLTI
      "troppi" ?
    • Epper scrive:
      Re: Lascia pure scritto MOLTI
      Secondo me è perfetto anche qualcosa tipo:"I turisti che domani decideranno di fare un viaggio negli Stati Uniti dovranno essere pronti a rinunciare AL diritto alla privacy."
  • EdGreen scrive:
    A quando il grande salto?
    Cioè la trasformazione in una dittatura evidente, con legge marziale e scomparsa di oppositori.A furia di andare avanti così...Si aprono le scommesse:1)20072)20083)20094)20105)Dopo il 20106)mai, la democrazia americana è salda.
    • Anonimo scrive:
      Re: A quando il grande salto?
      2020, 2030 sono cotti"Una tra le più gravi guerre civili della storia umana scoppiò il 2 Novembre 2034 in quelli che venivano chiamati "Stati Uniti", attuali West's States e parte delle Black Radiation Zone. Guerra che si protasse per oltre 20 anni, causò la morte oltre 300milioni di persone e generò la ben tristemente nota R.Zone inaccessibile ad ogni forma di vita per i prossimi 300anni"
      • EdGreen scrive:
        Re: A quando il grande salto?

        "Una tra le più gravi guerre civili della storia
        umana scoppiò il 2 Novembre 2034 in quelli che
        venivano chiamati "Stati Uniti", attuali West's
        States e parte delle Black Radiation Zone. Guerra
        che si protasse per oltre 20 anni, causò la morte
        oltre 300milioni di persone e generò la ben
        tristemente nota R.Zone inaccessibile ad ogni
        forma di vita per i prossimi
        300anni"Da dove lo hai preso questo pezzo?
        • Giambo scrive:
          Re: A quando il grande salto?
          - Scritto da: EdGreen
          Da dove lo hai preso questo pezzo?A naso credo sia la "bufala" di John Titor:http://it.wikipedia.org/wiki/John_Titor
          • Anonimo scrive:
            Re: A quando il grande salto?
            - Scritto da: Giambo

            - Scritto da: EdGreen


            Da dove lo hai preso questo pezzo?

            A naso credo sia la "bufala" di John Titor:
            http://it.wikipedia.org/wiki/John_TitorMagari mi sbaglio, ma credo piu semplicementeche sia una frase presa da un fumetto di fantascienza,Nathan Never.
          • Giambo scrive:
            Re: A quando il grande salto?
            - Scritto da:
            Magari mi sbaglio, ma credo piu semplicemente
            che sia una frase presa da un fumetto di
            fantascienza,
            Nathan Never.Credo che tu abbia ragione :)
      • Anonimo scrive:
        Re: A quando il grande salto?

        umana scoppiò il 2 Novembre 2034 in quelli che
        venivano chiamati "Stati Uniti", attuali West's
        States e parte delle Black Radiation Zone. Guerra
        che si protasse per oltre 20 anni, causò la morte
        oltre 300milioni di persone e generò la ben
        tristemente nota R.Zone inaccessibile ad ogni
        forma di vita per i prossimi
        300anni"Non so perchè, ma qualcosa mi dice che la Black Radiation Zone è l'attuale medio oriente.
      • Anonimo scrive:
        Re: A quando il grande salto?

        oltre 300milioni di persone e generò la ben
        tristemente nota R.Zone inaccessibile ad ogni
        forma di vita per i prossimi
        300anni"continuano le cronache: I danni furono comunque limitati: già precedentemente al fatto, da ormai un centinaio di anni la R.zone era comunque inacessibile ad ogni forma di vita INTELLIGENTE. La flora e la fauna invece risultava estinta grazie alle strategie economico-ecologiche e a al fallimento dei patti internazionali, non ultimo il trattato di Kyoto...
    • Anonimo scrive:
      Re: A quando il grande salto?
      Quelli il grande salto l' han già fatto.Non te ne sei accorto?Che ti ci vuole di più per capirlo?
    • Anonimo scrive:
      Re: A quando il grande salto?
      Siete proprio dei cogli*ni. Non sapete, ne capite un c@zzo delle nazioni anglosassoni.Se capireste qualcosa in materia, sapreste anche perchè è impossibile che in una delle nazioni anglosassoni vi sia una dittatura.Infatti le dittature storicamente dei paesi occidentali e sviluppati, non si sono create in quelle "barbare" (per voi) nazioni anglosassoni; ma nelle "civilissime" (per voi) nazioni di Italia, Spagna, Germania, Russia (& Co. dopo la 2° guerra). Solo per rimanere al '900.Anzi .... sono state le nazioni anglosassoni a farsi carico dei disastri delle "civilissime" nazioni che avevano le "civilissime" dittature e a venirle anche a liberare.E pure oggi devono farsi carico di salvare il cul* alle "civilissime" nazioni, di cui sopra, dal terrorismo religioso fanatico.Se tornassero gli antenati latini (Romani) di quei "civilissimi" popoli .... come piangerebbero: Roma per eliminare il problema dei Parti che facevano saccheggi, scorribande e violenze nel lato mediorientale dell'impero, ha invaso la Partia e crocifisso i pirati saccheggiatori che vi risiedevano. Ma .... è un'altra storia .... quegli antenati (romani) avevano le p@lle .... i discendenti attuali il pallone (e i relativi calciatori).
      • Anonimo scrive:
        Re: A quando il grande salto?
        definisci una dittatura.-guerra-controllo-sospensione delle liberta' e dei diritti-propaganda-legittimazione divina-far finta che tutto vada benenon c'era "dittatura" durante il nazismo.chi ha visto, dall'esterno, cosa succedeva.. ha potuto apprezzare.e cmq gli usa ci han salvato il culo perche', esagerando, i tedeschi li hanno toccati in prima persona (mercato + perl harbor)- Scritto da:
        Siete proprio dei cogli*ni. Non sapete, ne capite
        un c@zzo delle nazioni
        anglosassoni.
        Se capireste qualcosa in materia, sapreste anche
        perchè è impossibile che in una delle nazioni
        anglosassoni vi sia una
        dittatura.
        Infatti le dittature storicamente dei paesi
        occidentali e sviluppati, non si sono create in
        quelle "barbare" (per voi) nazioni anglosassoni;
        ma nelle "civilissime" (per voi) nazioni di
        Italia, Spagna, Germania, Russia (& Co. dopo la
        2° guerra). Solo per rimanere al
        '900.
        Anzi .... sono state le nazioni anglosassoni a
        farsi carico dei disastri delle "civilissime"
        nazioni che avevano le "civilissime" dittature e
        a venirle anche a
        liberare.
        E pure oggi devono farsi carico di salvare il
        cul* alle "civilissime" nazioni, di cui sopra,
        dal terrorismo religioso
        fanatico.
        Se tornassero gli antenati latini (Romani) di
        quei "civilissimi" popoli .... come
        piangerebbero: Roma per eliminare il problema dei
        Parti che facevano saccheggi, scorribande e
        violenze nel lato mediorientale dell'impero, ha
        invaso la Partia e crocifisso i pirati
        saccheggiatori che vi risiedevano. Ma .... è
        un'altra storia .... quegli antenati (romani)
        avevano le p@lle .... i discendenti attuali il
        pallone (e i relativi
        calciatori).
        • Anonimo scrive:
          Re: A quando il grande salto?
          - Scritto da:
          e cmq gli usa ci han salvato il culo perche',
          esagerando, i tedeschi li hanno toccati in prima
          persona (mercato + perl harbor)se non era per pearl gli usa non sarebbero MAI intervenuti nonostante 2 anni di "assedio" inglese (continue richieste, suppliche etc)
          • belze scrive:
            Re: A quando il grande salto?
            - Scritto da:
            - Scritto da:

            e cmq gli usa ci han salvato il culo perche',

            esagerando, i tedeschi li hanno toccati in prima

            persona (mercato + perl harbor)

            se non era per pearl gli usa non sarebbero MAI
            intervenuti nonostante 2 anni di "assedio"
            inglese (continue richieste, suppliche
            etc)...affari che andavano a rotoli, new deal che stentava a dare risultati tangibili, disoccupazione galoppante ma soprattutto una montagna di dollari che gli stati europei dovevano agli USA e che con la minaccia nazista non sarebbero mai stati pagati.Diciamo che hanno preso uno stormo di piccioni con una fava. Strategicamente gli va riconosciuto questo merito. Ma non diciamo che sono i buoni samaritani, perchè non è vero.
      • rumenta scrive:
        Re: A quando il grande salto?
        - Scritto da:
        Siete proprio dei cogli*ni. Non sapete, ne capite
        un c@zzo delle nazioni
        anglosassoni.
        Se capireste qualcosa in materia, sapreste anche
        perchè è impossibile che in una delle nazioni
        anglosassoni vi sia una
        dittatura.beh, sì, in effetti l'abolizione dell'habeas corpus non è un inizio di dittatura....come non lo è nemmeno il fatto che, se sei sospettato di terrorismo, possono tenerti in galera a tempo indeterminato senza processo...come non lo è nemmeno l'intercettazione sistematica delle comunicazioni interne senza alcuna base giuridica.....
        Infatti le dittature storicamente dei paesi
        occidentali e sviluppati, non si sono create in
        quelle "barbare" (per voi) nazioni anglosassoni;
        ma nelle "civilissime" (per voi) nazioni di
        Italia, Spagna, Germania, Russia (& Co. dopo la
        2° guerra). Solo per rimanere al
        '900.
        Anzi .... sono state le nazioni anglosassoni a
        farsi carico dei disastri delle "civilissime"
        nazioni che avevano le "civilissime" dittature e
        a venirle anche a
        liberare.liberare??hemmm.... ti consiglio una rilettura critica dei libri di storia.....
        E pure oggi devono farsi carico di salvare il
        cul* alle "civilissime" nazioni, di cui sopra,
        dal terrorismo religioso
        fanatico.se ti riferisci agli attentati di madrid e londra non è il caso di guardare troppo lontano....
        Se tornassero gli antenati latini (Romani) di
        quei "civilissimi" popoli .... come
        piangerebbero: Roma per eliminare il problema dei
        Parti che facevano saccheggi, scorribande e
        violenze nel lato mediorientale dell'impero, ha
        invaso la Partia e crocifisso i pirati
        saccheggiatori che vi risiedevano. Ma .... è
        un'altra storia .... quegli antenati (romani)
        avevano le p@lle .... i discendenti attuali il
        pallone (e i relativi
        calciatori).
    • Anonimo scrive:
      Re: A quando il grande salto?
      E' gia' da un pezzo che all'arrivo negli USA devi lasciare le impronte digitali e all'uscita lo stesso.Loro dicono che lo fanno per tua comidita'. Cosi' al posto di dover passare dall'immigrazione all'usicta basta che li notifichi della tua uscita mettendo la tua impronta nell'apposito scanner ...se ti diemtnichi di farlo, .. per te sono guai ... risulta che sei stato dentro gli USA piu' del tempo consentito e saranno per te pasticci entrare una volta successiva (a meno che chiedi una rettifica entro un certo tempo limite, ma sta a te dimostre che sei uscito)
  • Anonimo scrive:
    Che scandalo!
    Ci sono alcuni posti dove le donne in visita in quello stato si devono coprire da capo a piede, altri dove qualche turista per droga è stato giustiziato e altri ancora più belli dove non puoi entrare se hai un timbro di Israele sul passaporto...e si fa tutto sto rumore per gli USA? bhè basta non andarci dai vostri nemici americani!
    • Anonimo scrive:
      Re: Che scandalo!
      - Scritto da:
      Ci sono alcuni posti dove le donne in visita in
      quello stato si devono coprire da capo a piede,
      altri dove qualche turista per droga è stato
      giustiziato e altri ancora più belli dove non
      puoi entrare se hai un timbro di Israele sul
      passaporto...e si fa tutto sto rumore per gli
      USA? bhè basta non andarci dai vostri nemici
      americani!mah... c'è gente che magari ci deve andare pure per lavoro in tutti i posti barbari che hai elencato (USA inclusi)
    • Anonimo scrive:
      Re: Che scandalo!
      - Scritto da:
      Ci sono alcuni posti dove le donne in visita in
      quello stato si devono coprire da capo a piede,
      altri dove qualche turista per droga è stato
      giustiziato e altri ancora più belli dove non
      puoi entrare se hai un timbro di Israele sul
      passaporto...e si fa tutto sto rumore per gli
      USA? bhè basta non andarci dai vostri nemici
      americani!Mandami tua sorella che gli prendo l' impronta della bernarda.
    • Anonimo scrive:
      Piccolo particolare...
      Quelli che hai citato tu sono gli stati dove ogni giorno sentiamo essere calpestati i diritti umani nel mondo.L'USA, invece, è stata eletto paladino della democrazia - non si capisce bene da chi, non è possibile menarla ancora oggi con la seconda guerra mondiale, e cmq Bush NON e' certo Roosevelt - e quindi non ci fa una bella figura a trattare tutti i visitatori come potenziali terroristi.Le email me le puoi controllare dopo che hai qualche prova o almeno sospetto che sia un terrorista, non perchè ti gira - chi mi assicura che i dati siano raccolti solo a quello scopo? Anche di Echelon si diceva così, poi sono saltate fuori mazzette da parte delle corporazioni statunitensi per avere la meglio su quelle europee...Nel paese paladino della democrazia si presume ci sia un grande rispetto della libertà, invece sta diventando uno stato di polizia.Questo almeno lo ammetterai
      • belze scrive:
        Re: Piccolo particolare...
        roosvelt (nobel per la pace...(ghost)) diceva che per avere successo nella vita bisogna andare in giro con un GROSSO BASTONE perchè solo così sarai rispettato...teoria del big stick si chiama...nobel per la pace...concordo sul discorso del paladino della democrazia.
    • Anonimo scrive:
      Re: Che scandalo!
      Solo per tua informazione, anche se hai un timbro cubano non puoi entrare negli USA
    • Anonimo scrive:
      Re: Che scandalo!
      - Scritto da:
      Ci sono alcuni posti dove le donne in visita in
      quello stato si devono coprire da capo a piede,
      altri dove qualche turista per droga è stato
      giustiziato e altri ancora più belli dove non
      puoi entrare se hai un timbro di Israele sul
      passaporto...e si fa tutto sto rumore per gli
      USA? bhè basta non andarci dai vostri nemici
      americani!Gli americani non sono miei nemici, anzi via web sono in ottimi rapporti con alcuni di loro. Tra l'altro gli "americani" non sono neppure un blocco unico dal pensiero omogeneizzato (visto che pure tra di loro molti discutono e contestano queste scelte della loro amministrazione).E' solo l'attuale modello di controllo totale, che rimuove diritti civili che altri americani si sono guadagnati con secoli di sudore e sangue, il modello che io contesto.Questi modelli hanno dimostrato nel tempo e nel mondo troppi difetti e pericoli a fronte di risibili effetti nel combattere la minaccia della delinquenza e del terrorismo. Il fatto che esistano diritti internazionali serve a convincere le nazioni a operare tra loro nel rispetto comune di leggi e norme condivise, non nell'imporsi gli uni agli altri in virtù del concetto di stato "sovrano" o di maggior potenza militare. Che esistano dittature non esime le democrazie dal tenere comportamenti non dittatoriali, come il fatto che esistano stupratori non autorizza me a stuprare la prima ragazza attraente che passa per strada. Il diritto all'autodifesa non può calpestare indiscriminatamente gli altri diritti, soprattutto a fronte di minacce tutte da dimostrare.Perché nei più civili sistemi legali occorre l'avvallo di una figura terza (giudice) che autorizzi preventivamente e su base di ragionevoli sospetti ogni intercettazione, indagine e schedatura da parte delle forze di polizia? Per ridurre il rischio di abusi e storture! Ma avete letto il caso delle intercettazioni illegali svolte dagli addetti Telecom & C.? Va sempre tutto bene?Dove bisogna "toccarvi" per farvi reagire?
Chiudi i commenti