Sony lancia un masterizzatore da 4.000$

Si tratta della prima unità sviluppata dal colosso giapponese capace di registrare i nuovi DVD da 23 GB in formato Blu-ray. Sony spera di aprire una nuova era nella registrazione di video e programmi TV ad alta definizione


Tokyo (Giappone) – Svelato per la prima volta lo scorso settembre, Sony è pronta a lanciare sul mercato quello che definisce il primo masterizzatore al mondo di dischi in formato Blue-ray, il noto standard DVD di nuova generazione di cui proprio poche settimane fa sono state rilasciate le prime licenze commerciali.

L’unità di Sony, chiamata BDZS77, arriverà sul mercato giapponese a partire dal prossimo mese e costerà la bellezza di 450.000 yen, quasi 4.000 dollari. Per questo prezzo il BDZS77 offre ai suoi possessori la possibilità di registrare fino a 23 GB di dati su di un disco Blu-ray riscrivibile a singolo layer. In più, il drive è in grado di riprodurre CD-R/RW e DVD-R/RW, registrare in tempo reale fino a 12 ore di video usando la compressione MPEG-2, registrare programmi HDTV e audio AAC 5.1, correggere, bilanciare e ridurre il rumore dai video registrati su dischi Blu-ray, supportare la protezione dalla copia.

Il target del BDZS77 non sono tanto le aziende, verso cui Sony proporrà più avanti prodotti più specifici, quanto semmai il mercato consumer, lo stesso dove in Giappone e USA sta cominciando a diffondersi la TV ad alta definizione.

Il masterizzatore di Sony, che include un decoder satellitare, sarà in grado di registrare su di un singolo disco Blu-ray fino a 2 ore di video nella massima qualità (24 mbps), la stessa utilizzata dai programmi TV satellitari ad alta definizione.

Come noto, per leggere e scrivere i nuovi dischi in formato Blu-ray è necessario un laser blu-violetto: questo ha una frequenza più elevata di quello rosso utilizzato dagli odierni lettori e masterizzatori di DVD, una caratteristica che gli permette di leggere e scrivere fino a 27 GB di dati (il massimo teorico permesso attualmente dalla tecnologia Blu-ray) su di un solo lato di un disco ottico da 12 cm.

Quello dei videoregistratori digitali e dei decoder per la TV ad alta definizione sembra uno dei mercati più promettenti per la nuova generazione di DVD riscrivibili, un mercato dove Sony, Philips e gli altri promotori di questo standard dovranno però fare i conti con i formati alternativi, come quello in via di approvazione presso il DVD Forum.

Verso la fine dello scorso anno anche Intersil annunciò un masterizzatore a laser blu in grado di scrivere dischi Blu-ray.

Di recente è apparso su Punto Informatico un approfondimento riguardante lo standard Blu-ray e la guerra di successione al formato DVD.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    In effetti potrebbe funzionare
    a pelle direi che il gsp e' il piu' grosso problema per linux e soci oggi
  • Anonimo scrive:
    tutto bello..
    ..ma ai cinesi e' concesso ricompilarsi windows dai sorgenti ed usare i binari ottenuti da tale ricompilazione? altrimenti ha ben poco senso fargli vedere i sorci se poi non possono avere la certezza che i binari che andranno ad usare son ottenuti da quei sorgenti senza alcuna alterazione.
  • Anonimo scrive:
    codice steganografico
    I cinesi forse non sanno che esiste la steganografia e che quindi il codice maligno puo' esistere lo stesso. Poi si sono legati le mani da soli perche' adesso dovranno pagare le licenze, che e' quello che interessa bill gates.
  • BSD_like scrive:
    Togliamo a win* la possibilità
    di usare tecnologie *BSD.Cioè è un'idea che mi viene in mente da tempo, modificare la lic. BSD per farne un derivato: "BSDfU".BSD for UNIX.L'idea è di restringere la possibilità di utilizzare il codice, gli algoritmi e le tecnologie nate in ambito BSD solo ai sistemi UNIX.Allo scopo ci si può pervenire in 2 modi:1) [semplice] si crea un'associazione open che rilascia di volta in volta la lista dei sistemi operativi che rispondono ai requisiti di o.s. UNIX.2) [complesso] Si fà un decalogo a cui deve corrispondere un'o.s. per essere giudicato *UNIX, e come tale licenziato ad utilizzare tecnologia e codice "BSDfU"L'idea di base è quella di mantenere inalterata le prerogative della lic. BSD, solo di non consentire più agli o.s. non-UNIX (in primis win*) di utilizzare dette tecnologie.Il punto 1) è il più semplice, ma lascia ad un'associazione il compito (il chè genera qualche perplessità); ha il vantaggio di reggere legalmente in modo abbastanza semplice (visto che M$ o altri potrebbero insorgere in tribunale contro questa lic.).Il punto 2) è più complesso, ma non legato a nessun arbitro; però ha lo svantaggio che una simil lic. deve essere ben studiata, pena quella di vederla decaduta in tribunale nel caso che M$ & C. ce la trascinino (probabile).Se oggi togliete a win* le tecnologie ed il codice *BSD dove sarebbe win*? Cioè dove sarebbe senza: telnet, ftp, raid, TCP/IP, .... (e tutto il resto che implementa male)?Sarebbe peggio di win*3.x.E non servirebbe visionare il codice.La stragrande maggioranza degli sviluppatori BSD sviluppa pensando al mondo UNIX e non a quello win*; una simil licenza verrebbe incontro ai desideri di queste persone che l'ultima cosa che vogliono è che il loro lavoro aiuti win*.È un'idea che già ho cominciato a proporre all'univ., se prende piede sarebbe epica; sicuramente non tutta la tecnologia BSD migrerebbe a questa nuova lic., ma una parte consistente (e ritengo la maggior parte) si. Di fatto si taglierebbe l'erba sotto i piedi di Redmond, che nel giro di 4-5 anni avrebbe un o.s. surclassato non più utilizzabile.
    • Warp9 scrive:
      Re: Togliamo a win* la possibilità
      Ma sei veramente cosi ingenuo? O devo semplicemente sorridere per la battuta?Il fatto che ad oggi, Windows utilizzi parti di BSD, non significa che non sarebbe stata in grado di realizzare tali parti, e in ogni caso, adesso non ci potresti fare molto, se non rendi tale divieto retroattivo, ed in quel caso, pensi che saresti molto diverso da chi stai criticando?Ne ho sentite molte ultimamente, compresa quella di far modificare la licenza GPL, per impedire che Linux venga utilizzato in ambito militare.La sensazione che ho io, e' che nei prossimi anni vedremo delle grosse rivoluzioni in questo campo, e in nessuna delle direzioni a cui oggi pensiamo, sia questa Open o Closed.- Scritto da: BSD_like
      di usare tecnologie *BSD.
      Cioè è un'idea che mi viene in mente da
      tempo, modificare la lic. BSD per farne un
      derivato: "BSDfU".
      BSD for UNIX.
      L'idea è di restringere la possibilità di
      utilizzare il codice, gli algoritmi e le
      tecnologie nate in ambito BSD solo ai
      sistemi UNIX.
      Allo scopo ci si può pervenire in 2 modi:
      1) [semplice] si crea un'associazione open
      che rilascia di volta in volta la lista dei
      sistemi operativi che rispondono ai
      requisiti di o.s. UNIX.
      2) [complesso] Si fà un decalogo a cui deve
      corrispondere un'o.s. per essere giudicato
      *UNIX, e come tale licenziato ad utilizzare
      tecnologia e codice "BSDfU"
      L'idea di base è quella di mantenere
      inalterata le prerogative della lic. BSD,
      solo di non consentire più agli o.s.
      non-UNIX (in primis win*) di utilizzare
      dette tecnologie.
      Il punto 1) è il più semplice, ma lascia ad
      un'associazione il compito (il chè genera
      qualche perplessità); ha il vantaggio di
      reggere legalmente in modo abbastanza
      semplice (visto che M$ o altri potrebbero
      insorgere in tribunale contro questa lic.).
      Il punto 2) è più complesso, ma non legato a
      nessun arbitro; però ha lo svantaggio che
      una simil lic. deve essere ben studiata,
      pena quella di vederla decaduta in tribunale
      nel caso che M$ & C. ce la trascinino
      (probabile).
      Se oggi togliete a win* le tecnologie ed il
      codice *BSD dove sarebbe win*? Cioè dove
      sarebbe senza: telnet, ftp, raid, TCP/IP,
      .... (e tutto il resto che implementa male)?
      Sarebbe peggio di win*3.x.
      E non servirebbe visionare il codice.
      La stragrande maggioranza degli sviluppatori
      BSD sviluppa pensando al mondo UNIX e non a
      quello win*; una simil licenza verrebbe
      incontro ai desideri di queste persone che
      l'ultima cosa che vogliono è che il loro
      lavoro aiuti win*.
      È un'idea che già ho cominciato a proporre
      all'univ., se prende piede sarebbe epica;
      sicuramente non tutta la tecnologia BSD
      migrerebbe a questa nuova lic., ma una parte
      consistente (e ritengo la maggior parte) si.
      Di fatto si taglierebbe l'erba sotto i piedi
      di Redmond, che nel giro di 4-5 anni avrebbe
      un o.s. surclassato non più utilizzabile.
      • BSD_like scrive:
        Re: Togliamo a win* la possibilità
        Non ci sarebbe riuscita, semplicemente perchè ne IBM, ne Sun, ne .... ci sono riusciti (e IBM è 10 volte M$; non solo ha lab. di informatica, fisica e biotecnologia; non solo lab. di informatica per codice sw come M$).Ed è normale, perchè nessuna sw house può fare a meno della ricerca di base anche in ambito sw per l'appunto.Quando Sun creò l'NFS alle cui base vi sono le RPC, diede lo studio e l'approfondimento delle RPC a Berkeley (le RPC come Sun l'aveva introdotte erano poca cosa); quando IBM introdusse il Disk Logical Volume Manager (LVM per Linux, DiskLabel per *BSD, etc.) fece lo sviluppo congiunto con Berkeley.Potrei continuare.Il raid è nato da una tesi di un accademico di ing. inform. di Berkeley su *BSD (te lo immaggini oggi un'o.s. senza raid?)Potrei continuare con il MIT: il server grafico è nato al MIT su lic. BSD (fù la Xerox ad implementarlo cosi come lo conosciamo oggi, quello del MIT era "semplicemente" una console grafica che velocizzava i comandi da passare al sistema. Xerox ne tirò fuori la concezione moderna); se si fosse chiusa ai soli UNIX lo sfruttamento in toto di questa tecnologia, Apple avrebbe dovuto fare un'o.s. completamente UNIX (o simil) per sfruttarne la tecnologia nella sua GUI grafica, idem per M$ e win* oggi non esisterebbe.Di esempi ce ne sono a bizzeffe.È chiaro che indietro il tempo non può tornare; ed è altrettanto chiaro che una lic. "BSDfU" non potrebbe essere usata dalle ist. pubbliche che nei loro progetti possono utilizzare o lic. BSD o lic. GNU (a pena di collaborazioni particolari con un'azienda). Però ist. pubbliche-private (a partec. privata) e privati, nonchè associazioni open possono utilizzarla.Ed allora se ieri non si aveva fatto una cosa del genere non è una ragione valida per non farla oggi.Altro esempio, attuale: sul N° ultimo di "Linux & C." trovate una copia dei primi 2 CD di FreeBSD vers. 5.0 (la prima vers. della serie 5.x). Se sfogliate e leggete l'interno, vengono spiegate alcune (le più importanti) innovazioni della 5.x (fà piacere vedere come FreeBSD nel suo progetto BSD general pourpouse, abbia attinto in alcune parti anche dai suoi fratelli NetBSD e OpenBSD - fra l'altro NetBSD è il BSD utilizzato alla NASA; insieme a Linux-). Leggette con attenzione le innovazioni nello stack TCP/IP e sul IPv6. Come si sà, non a caso, win* implementa lo stack TCP/IP di FreeBSD (è il caso più famoso, telnet e gli altri non sono da meno, sono solo implementati meglio da prima), ma lo stack in questione è quella della serie stable, la 4.x. Ora prima o poi (probabile) M$ metterà le sue adunche mani anche sullo stack TCP/IP della serie. 5.x notevolmente migliore. Se il nuovo progetto FreeBSD dalla vers. 5.x fosse sotto lic. "BSDfU" ciò non sarebbe possibile, lo sarebbe ad esempio per il MacOS X.Ciò a conferma che anche se il "vecchio" è ormai licenziato come BSD e M$ ha potuto e può implementarselo, non è che il "nuovo" non sia tecnologicamente all'avanguardia, anzi lo è, e si potrebbe appunto impedire che le nuove tecnologie BSD possano essere sfruttate da sistemi non-UNIX.In quanto al fatto di comportarmi/si come M$, non lo vedo: la lic. proposta sasrebbe cmq una lic. BSD nell'ambito dei sistemi UNIX, mica sarebeb una lic. M$ win* valida solo per i sistemi win* (a scelta, poi, della sola M$).
  • Anonimo scrive:
    Balle!!
    Tutte parole buttate al vento!!!Pur sostenendo + che moralmente Linux ritengo, per esperienza personale, che 99% dei "clienti" che acquistano un SW, non se ne facciano nulla del codice sorgente.Mi e' capitato spesso di dover intervenire su codice scritto da altri, e quasi nella totalità dei casi il tutto si è risolto facendo il SW daccapo. Certo i SW fatti ad hoc di cui parlo nn sono elefantiaci come come un SO, ma così è stato...Eppoi nelle milionate di linee di codice ( spero che molte siano linee di commento!!) di Windows, oltre al core di task Manager e Windows Manager, immagino siano compresi i sorgenti di Notepad, Paint, Explorer, che notoriamente, sono essenziali in un SO, come ha stabilito qualche tribunale americano ( ad eccezione del caso Stacker...).Mi vedo già uno stuolo di cinesi chini sul loro PC taroccato cinese, intenti a copiare il caccoso Windows, facendone una versione semifunzionante, che magari supporta solamente la lingua cinese. Magari scrivono un explorer che impedirà ai cinesi di visitare siti aldilà del confine di stato...Tutta fantasia.Linux è vincente perchè costerà sempre meno di Windows a parità di funzioni.Amen.Ciao a tutti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Balle!!
      - Scritto da: Anonimo
      Linux è vincente perchè costerà sempre meno
      di Windows a parità di funzioni.conseguenza, questa, della libertà e disponibilità del codice
  • Anonimo scrive:
    c'è gente che non vuole capire...
    Secondo me qui c'è gente che non vuole capire...Il fatto di avere il codice di un programma disponibile non vuol dire assolutamente che chiunque ne viene in possesso se lo spulcia riga per riga anzi sono ben pochi a farlo...Sfido una qualsiasi società( o consulente) a dimostrarmi che ha spulciato riga per riga il codice del kernel di Linux(naturalmente escluse università dove viene spulciato a scopo didattico)Il solo fatto di avere il sorgente mi spinge a credere che il codice sia più sicuro....MS sfrutta questa situazione rilasciando il sorgente che mai nessuno controllerà....Per quanto riguarda eventuali backdoor siete troppo intelligenti per capire che basta un semplice firewall e un monitoraggio del traffico di rete per scoprirlo....Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: c'è gente che non vuole capire...
      - Scritto da: Anonimo
      Per quanto riguarda eventuali backdoor siete
      troppo intelligenti per capire che basta un
      semplice firewall e un monitoraggio del
      traffico di rete per scoprirlo....fino a quando windows non sara' installato anche sul 99% dei server e l'unico firewall utilizzabile sara' proprio quello integrato nel sistema operativo e grazie a palladium non potrai installare nessuno sniffer non microsoft... ecc...Ti sfido poi a trovarla la backdoor
      • Anonimo scrive:
        Re: c'è gente che non vuole capire...

        fino a quando windows non sara' installato
        anche sul 99% dei server e l'unico firewall
        utilizzabile sara' proprio quello integrato
        nel sistema operativo e grazie a palladium
        non potrai installare nessuno sniffer non
        microsoft... ecc...non parlare di una ipotetica situazione futura ... parla di oggi...
    • Anonimo scrive:
      Re: c'è gente che non vuole capire...
      - Scritto da: Anonimo......
      Il solo fatto di avere il sorgente mi spinge
      a credere che il codice sia più sicuro....MS
      sfrutta questa situazione rilasciando il
      sorgente che mai nessuno controllerà....Ah... beh....
      Per quanto riguarda eventuali backdoor siete
      troppo intelligenti per capire che basta un
      semplice firewall e un monitoraggio del
      traffico di rete per scoprirlo....Un firewall ti permette di scoprire che mentre ti colleghi con il servizio X al server Tizio, magari il servizio Y si collega al server Caio. Con uno sniffer riesci pure a vedere che dati vengono scambiati, però solo se non sono criptati....Però, se ad esempio, quando ti colleghi con IExplorer a Windows Update, IExplorer stesso provvede a mandare al server di Windows Update dei tuoi dati, un firewall non evidenzierà nulla di strano. Se poi i dati sono trasmessi in forma criptata, neppure con uno sniffer ti potrai accorgere di nulla.Ovviamente ogni riferimento a fatti realmente accaduti è puramente casuale.....
      • Anonimo scrive:
        Re: c'è gente che non vuole capire...


        Il solo fatto di avere il sorgente mi
        spinge

        a credere che il codice sia più
        sicuro....MS

        sfrutta questa situazione rilasciando il

        sorgente che mai nessuno controllerà....

        Ah... beh....
        Sicuramente usi Linux .... quante volte hai controllato il sorgente riga per riga?Però visto che qualcuno lo può fare tu automaticamente ti senti più sicuro...E MS sfrutta questa usanza....
        Però, se ad esempio, quando ti colleghi con
        IExplorer a Windows Update, IExplorer stesso
        provvede a mandare al server di Windows
        Update dei tuoi dati, un firewall non
        evidenzierà nulla di strano. Se poi i dati
        sono trasmessi in forma criptata, neppure
        con uno sniffer ti potrai accorgere di
        nulla.
        Per utente desktop:se gli indica che ho installato anche Office o Photoshop non è un problema se gli invia un mio documento, un dump di SQL Server, delle mie e-mail è una cosa grave ma non mi risulta che windows update faccia questo...Per utente aziendalemi auguro tu non faccia il deploy delle patch ai client tramite Windows Update....Ciao...
        • Anonimo scrive:
          Re: c'è gente che non vuole capire...
          - Scritto da: Anonimo


          Il solo fatto di avere il sorgente mi

          spinge


          a credere che il codice sia più

          sicuro....MS


          sfrutta questa situazione rilasciando
          il


          sorgente che mai nessuno
          controllerà....



          Ah... beh....



          Sicuramente usi Linux .... quante volte hai
          controllato il sorgente riga per riga?
          Però visto che qualcuno lo può fare tu
          automaticamente ti senti più sicuro...
          E MS sfrutta questa usanza....Appunto quello che intendevo.....sentirsi più sicuri != essere al sicuro ....
    • Anonimo scrive:
      Re: c'è gente che non vuole capire...
      - Scritto da: Anonimo
      Il fatto di avere il codice di un programma
      disponibile non vuol dire assolutamente che
      chiunque ne viene in possesso se lo spulcia
      riga per riga anzi sono ben pochi a farlo...non è necessario spulciare TUTTO il codice.Per trovare falle in un programma, ad esempio, basta fare una semplice ricerca (quella che con Mozilla-Netscape-Explorer si fa con CTRL-F) di funzioni "a rischio" di sfruttabilità da parte di un eventuale aggressore.
      Sfido una qualsiasi società( o consulente) a
      dimostrarmi che ha spulciato riga per riga
      il codice del kernel di Linux(naturalmente
      escluse università dove viene spulciato a
      scopo didattico)e questa sfida che cosa dovrebbe dimostrare? che la leggibilità del codice non permette di rivelare problemi nello stesso ?Come dicevo sopra, non serve spulciare RIGA x RIGA
      Il solo fatto di avere il sorgente mi spinge
      a credere che il codice sia più sicuro....MS
      sfrutta questa situazione rilasciando il
      sorgente che mai nessuno controllerà....MS non "rilascia" proprio niente. Al massimo ne permette la consultazione con il canocchiale :-)
      • nop scrive:
        Re: c'è gente che non vuole capire...

        (quella che con Mozilla-Netscape-Explorer si
        fa con CTRL-F) di funzioni "a rischio" di
        sfruttabilità da parte di un eventuale
        aggressore.Solo per curiosità cosa cechi la parola BUG?Senza sapere cosa fa una porzione di codice puoi determinare se sia pericoloso oppure no?Secondo me la fai troppo facile...

        Sfido una qualsiasi società( o
        consulente) a

        dimostrarmi che ha spulciato riga per riga

        il codice del kernel di Linux(naturalmente

        escluse università dove viene spulciato a

        scopo didattico)

        e questa sfida che cosa dovrebbe dimostrare?
        che la leggibilità del codice non permette
        di rivelare problemi nello stesso ?No, che in pochi hanno una struttura capace(e con il tempo) di leggere centinaia di migliaia di righe di codice per dire se il codice non ha nessuna criticità....
        Come dicevo sopra, non serve spulciare RIGA
        x RIGAE' vero basta fare cat sorgente | grep -i BUG :-))

        Il solo fatto di avere il sorgente mi
        spinge

        a credere che il codice sia più
        sicuro....MS

        sfrutta questa situazione rilasciando il

        sorgente che mai nessuno controllerà....

        MS non "rilascia" proprio niente. Al massimo
        ne permette la consultazione con il
        canocchiale :-)
        Resta il fatto che con questa mossa che, in realtà lascia tutto come prima hanno fatto un gran balzo in avanti come immagine......
        • Anonimo scrive:
          Re: c'è gente che non vuole capire...
          - Scritto da: nop


          (quella che con Mozilla-Netscape-Explorer
          si

          fa con CTRL-F) di funzioni "a rischio" di

          sfruttabilità da parte di un eventuale

          aggressore.

          Solo per curiosità cosa cechi la parola BUG?no, come ho detto (non leggi?) ci sono funzioni a rischio e arcinote agli sviluppatori.
          Senza sapere cosa fa una porzione di codice
          puoi determinare se sia pericoloso oppure
          no?ripeto: certe funzioni/librerie/oggetti sono noti per avere una pericolosità intrinseca
          Secondo me la fai troppo facile...o forse sei tu che non sapresti da che parte cominciare


          Sfido una qualsiasi società( o

          consulente) a


          dimostrarmi che ha spulciato riga per
          riga


          il codice del kernel di
          Linux(naturalmente


          escluse università dove viene
          spulciato a


          scopo didattico)



          e questa sfida che cosa dovrebbe
          dimostrare?

          che la leggibilità del codice non permette

          di rivelare problemi nello stesso ?

          No, che in pochi hanno una struttura
          capace(e con il tempo) di leggere
          centinaia di migliaia di righe di codice per
          dire se il codice non ha nessuna
          criticità....non è necessario dover leggere TUTTo per sapere se esiste una CERTA falla, come dicevo sopra.Che poi tu non sei in grado di saperlo fare è un altro paio di manicheMa che la tuqa limitazione debba ricadere su tutti è contestabile


          Come dicevo sopra, non serve spulciare
          RIGA

          x RIGA

          E' vero basta fare
          cat sorgente | grep -i BUG :-))no, ad esempio bastacat sorgente | grep 'funzione_a_rischio.lst'E questo è solo un esempio.


          Il solo fatto di avere il sorgente mi

          spinge


          a credere che il codice sia più

          sicuro....MS


          sfrutta questa situazione rilasciando
          il


          sorgente che mai nessuno
          controllerà....



          MS non "rilascia" proprio niente. Al
          massimo

          ne permette la consultazione con il

          canocchiale :-)



          Resta il fatto che con questa mossa che, in
          realtà lascia tutto come prima hanno fatto
          un gran balzo in avanti come immagine......Errore: hanno dichiarato per anni che la maggior loro sicurezza consisteva nella segretezza e chiusura ermetica del codice. Ma i governi non ci hanno creduto. questa è una RITIRATA: "la madre di tutte le ritirate", direbbe un noto dittatore
      • cico scrive:
        Re: c'è gente che non vuole capire...

        non è necessario spulciare TUTTO il codice.
        Per trovare falle in un programma, ad
        esempio, basta fare una semplice ricerca
        (quella che con Mozilla-Netscape-Explorer si
        fa con CTRL-F) di funzioni "a rischio" di
        sfruttabilità da parte di un eventuale
        aggressore.ehm... e cosa credi che in MS siano cosi'stupidi da non avere delle procedureautomatizzate per fare questo tipo dipruning ?Pensi veramente che siano l'ultimasoftware house del pianeta ?va la va...
        • Anonimo scrive:
          Re: c'è gente che non vuole capire...
          - Scritto da: cico

          non è necessario spulciare TUTTO il
          codice.

          Per trovare falle in un programma, ad

          esempio, basta fare una semplice ricerca

          (quella che con Mozilla-Netscape-Explorer
          si

          fa con CTRL-F) di funzioni "a rischio" di

          sfruttabilità da parte di un eventuale

          aggressore.

          ehm... e cosa credi che in MS siano cosi'
          stupidi da non avere delle procedure
          automatizzate per fare questo tipo di
          pruning ?No, ma penso che diano priorità ad ALTRI interventi sul loro software.Tutta la storia di microsoft come fornitore di software lo attesta, così come lo attesta il loro recente mea-culpa con annesso varo della politica di "trustWorty computing".alla ms non sono stupidi, sono detentori di un monopolio: così come la telecom Italia (ex-Sip) è stata sempre in grado di fornire servizi migliori (ma non l'hanno fatto), anche il monoplio microsoft è scarso attenzione all'utenza.
          Pensi veramente che siano l'ultima
          software house del pianeta ?no, al contrario: penso che sia l'unico monopolio del software su questo pianeta e che proprio in base a questo loro status se ne freghino altamente della qualità del prodotto che forniscono
          • cico scrive:
            Re: c'è gente che non vuole capire...


            ehm... e cosa credi che in MS siano cosi'

            stupidi da non avere delle procedure

            automatizzate per fare questo tipo di

            pruning ?

            No, ma penso che diano priorità ad ALTRI
            interventi sul loro software.Ecco appunto: pensi, perche' conosci benpoco di come funziona MS.
            Tutta la storia di microsoft come fornitore
            di software lo attesta, così come lo attesta
            il loro recente mea-culpa con annesso varo
            della politica di "trustWorty computing".Proprio a fronte di questa iniziativa tutti i teamdi sviluppo hanno fatto l'anno scorso settimanedi training sulla security e su come prevenirneeventuali problemi, la fase successiva e' stataquella sviluppare una serie di procedure interneper un controllo ancora piu' rigido del codiceprodotto ed infine e' stato fatto un code reviewmassivo dei sorgenti di quasi tutti i prodotti.Tutto questo e' durato una decina di mesi conconseguente ritardo del time-to-market di moltissimiprodotti.Alla faccia delle altre priorita'.
            alla ms non sono stupidi, sono detentori di
            un monopolio: così come la telecom Italia
            (ex-Sip) è stata sempre in grado di fornire
            servizi migliori (ma non l'hanno fatto),
            anche il monoplio microsoft è scarso
            attenzione all'utenza.
            ...
            no, al contrario: penso che sia l'unico
            monopolio del software su questo pianeta e
            che proprio in base a questo loro status se
            ne freghino altamente della qualità del
            prodotto che fornisconoAncora una volta: questo e' quello che pensi tu.Ma se non ho capito male tu sei quello cheripete ottusamente la parola "monopolio" inogni contesto quindi io penso che sia inutilediscutere con te.
          • Anonimo scrive:
            Re: c'è gente che non vuole capire...
            - Scritto da: cico


            ehm... e cosa credi che in MS siano
            cosi'


            stupidi da non avere delle procedure


            automatizzate per fare questo tipo di


            pruning ?



            No, ma penso che diano priorità ad ALTRI

            interventi sul loro software.

            Ecco appunto: pensi, perche' conosci ben
            poco di come funziona MS.quanto basta, grazie


            Tutta la storia di microsoft come
            fornitore

            di software lo attesta, così come lo
            attesta

            il loro recente mea-culpa con annesso varo

            della politica di "trustWorty computing".

            Proprio a fronte di questa iniziativa un po' tardiva, non credi ?
            tutti
            i team
            di sviluppo hanno fatto l'anno scorso
            settimane
            di training sulla security le piattaforme microsoft sono presenti sul web da un decennio e i team di sviluppo sono stati edotti alle tematiche dela sicurezza solo L'ANNO SCORSO ?
            Tutto questo e' durato una decina di mesi con
            conseguente ritardo del time-to-market di
            moltissimi
            prodotti.

            Alla faccia delle altre priorita'.:-DDDDDDDDDDDDDDDalla FACCIA !Mi hai fatto un gran ridere, grazie


            alla ms non sono stupidi, sono detentori
            di

            un monopolio: così come la telecom Italia

            (ex-Sip) è stata sempre in grado di
            fornire

            servizi migliori (ma non l'hanno fatto),

            anche il monoplio microsoft è scarso

            attenzione all'utenza.

            ...

            no, al contrario: penso che sia l'unico

            monopolio del software su questo pianeta
            e

            che proprio in base a questo loro status
            se

            ne freghino altamente della qualità del

            prodotto che forniscono

            Ancora una volta: questo e' quello che pensi
            tu.il monopoio microsoft è stato condannato per abuso, non è quello che penso io.Che poi i monopoio non sentano il fiato sul collo della concorrenza è un dato di fattoSi pensi alla telecom Italia, monopolio storico tuttora imperante in Italia
  • Anonimo scrive:
    nEsima domanda
    Io, presidente della repubblica delle banane decido di aderire al gsp. A questo punto devo trovare programmatori che facciano lo sporco lavoro di spulciare milioni di righe di codice. Certamente creo posti di lavoro, ma tutto questo ha un costo e non molto basso.Quindi mi chiedo: quando trovero' un bug (e sono sicuro che succedera' prima o poi) cosa ci guadagnero' in tutto questo?a) saro' soddisfatto di me stesso perche' avro' contribuito a creare un mondo piu' sicuro;b) una calorosa stretta di mano di Bill Gates che mi dira'
    ;c) la mia PA godra' per tutta la durata della legislatura (fortunatamente per Microsoft non sono un dittatore) di sconti tipo hard discount su tutti i prodotti MS.Ritenendo le prime due ipotesi poco vantaggiose per me, spero nella terza, pur avendo la consapevolezza che non saro' l'unico stato ad aderire a questa iniziativa. Infatti non credo che Microsoft possa permettersi di fare sconti e marchette a cani e porci.A questo punto il rapporto costi/guadagni non dovrebbe spostarmi sull'open source?Ciao.P.S. Questa domanda me la sono posta partendo dalla convinzione che nel codice di Redmond non ci sia alcunche' di pericoloso o nocivo per i miei interessi. E se anche ci dovesse essere nessuno sarebbe cosi' imbecille da farmelo vedere.
  • Anonimo scrive:
    attacco ?
    "Microsoft dopo tante indecisioni è passata all'attacco"..calandosi le braghe ad ogni richiesta dei clienti ?questa è proprio una ritirata, invece.Ecco un articolo in cui si dimostra che sono certi clienti di microsoft ad aver visto giusto:http://zdnet.com.com/2100-1104-990741.html"Expert: Use Open source to cut MS prices"microsoft sta calando le braghe dopo un decennio di dominio monopolistico (condotto anche illecitamente).L'open source è proprio l'avversario che mancava al monopolio. Ora non ha più scuse (e non le avrà più), e dovrà calare i suoi prezzi.E ricordatevi che l'open Source c'è, c'era e ci sarà (sempre di più).(zap)
  • CoreDump scrive:
    Mi domando....
    Mi domando la effettiva utilità di questa cosa, vogliodire ora senza sembrare ostile nei confronti di microsoft( per la cronaca uso si linux che windows e non mi creoproblemi nel farlo ), ma il fatto di poter visionare milionidi righe di codice ( suppongo molto complesse e fatte da altri ), di non avere la garanziache il codice visionato si quello che poi verra usato nei rilascidi windows data l'impossibilità di ricompilare e provarlo dipersona, che il codice visionabile non è il 100% di quellodisponibile, tutto questo mi sembra più una mossacommerciale fatta appositamente per seguire la correntedel momento del software libero ( dove oltretutto la GSP nonci azzecca niente ), e penetrare maggiormente nelle PA digoverni/paesi che hanno ancora qualche dubbio nell'affidarsia microsoft per il software.Saluti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi domando....

      data l'impossibilità di
      ricompilare e provarlo di
      persona, falso
      che il codice visionabile non è il
      100% di quello
      disponibile, ri-falso
      • CoreDump scrive:
        Re: Mi domando....
        - Scritto da: Anonimo

        data l'impossibilità di

        ricompilare e provarlo di

        persona,
        falso

        che il codice visionabile non è il

        100% di quello

        disponibile,
        ri-falsoCioè, il codice e completamente a disposizione e hola possibilità di compilarlo e provarlo??Oppure il "ri-falso" e riferito solo alla percentuale di codicea disposizione??Saluti.
        • Anonimo scrive:
          Re: Mi domando....

          Cioè, il codice e completamente a
          disposizione e ho
          la possibilità di compilarlo e provarlo??
          esatto
          Oppure il "ri-falso" e riferito solo alla
          percentuale di codice
          a disposizione??
          esatto anche questo: il 97% del codice è consultabile nelle sussidiarie MS, il rimanente 3% lo devi andare a consultare a Redmond. Tutto qui...
          Saluti.ricambiati
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi domando....
            - Scritto da: Anonimo

            Cioè, il codice e completamente a

            disposizione e ho

            la possibilità di compilarlo e provarlo??


            esattofalso.puoi guardarlo, punto.Tit.
          • CoreDump scrive:
            Re: Mi domando....

            falso.
            puoi guardarlo, punto.

            Tit.Infatti mi chiedevo, ma mettiamo che "osservando" codicevenga trovato un "bug" o comunque una vulnerabilità, a questopunto rimane solo che comunicarlo a microsoft e incrociarele dita aspettando ( quanto ?? ) che venga rilasciata una patch??Ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi domando....



            Cioè, il codice e completamente a


            disposizione e ho


            la possibilità di compilarlo e
            provarlo??




            esatto

            falso.
            puoi guardarlo, punto.fossi in te mi documenterei _seriamente_ prima di parlare a vanvera...
          • CoreDump scrive:
            Re: Mi domando....


            fossi in te mi documenterei _seriamente_
            prima di parlare a vanvera...Io mi sono un po' documentato e ho trovato questo...http://www.microsoft.com/licensing/sharedsource/government.aspdove nelle restrizione della licenza d'uso c'e scritto....Use and Restrictions:Licensees may read and reference Windows source code but may not modify it. Ora io e l'inglese siamo due cose distanti, ma mi pare di capire che comunque non puoi modificare il codice o no??ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi domando....

            Use and Restrictions:
            Licensees may read and reference Windows
            source code but may not modify it.
            dice che non puoi modificarlo, non che non puoi compilarlo. E' differente. E, tutto sommato, anche corretto: tu puoi vedere il sorgente, compilarlo ed assicurarti che la versione che stai testando sia proprio quella che deriva dal sorgente che hai visto. Quello che non puoi fare è "crearti" la "tua" versione di Windows, il che è normale se pensi che alla fine stai parlando di un prodotto.
          • CoreDump scrive:
            Re: Mi domando....

            quello che non puoi fare è "crearti"
            la "tua" versione di Windows, il che è
            normale se pensi che alla fine stai parlando
            di un prodotto.Innanzitutto grazie per le risposte e per la pazienza, maho ancora un dubbio, ok io ho il codice lo guardo diciamowin2k ( oddio ci vorra un po :) ), lo compilo lo provo, ora non vorrei passare per paranoico ma il software cheinstallerò sulle macchine ( win2k ) chi mi garantisce cheè esattamente quello che ho compilato e provato??Non credo che microsoft lasci installare sui propri sistemiil software in formato sorgenti ( sempre win2k ) compilatoda me??ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi domando....
            - Scritto da: CoreDump
            ora non vorrei passare per paranoico ma il
            software che
            installerò sulle macchine ( win2k ) chi mi
            garantisce che
            è esattamente quello che ho compilato e
            provato??nessuno: ti devi fidare. Questo e' valido in generale per ogni "pezzo" di software, ma in particolare per quei programmi che hanno una licenza che vincola la distribuzione binaria. Per assurdo io potrei compilare "a mano" una versione di XYZ per essere sicuro che il binario corrisponda al sorgente, ma se poi di XYZ sono costretto ad installare la versione binaria fornita dal produttore, la mia fatica e' stata vana. Ovvio che nel mondo reale e' estremamente difficile che uno si metta a compilare "a mano" un sistema operativo, sia pure open... pero' cross-compilare win usando gcc potrebbe essere una ipotesi da non scartare, soprattutto per un generico Stato che puo' permettersi di affrontare i costi di hacking del gcc (o chi per esso) per fargli digerire i sorgenti di win.

            Non credo che microsoft lasci installare sui
            propri sistemi
            il software in formato sorgenti ( sempre
            win2k ) compilato
            da me??tu dici? strano! :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi domando....
            - Scritto da: Anonimo
            nessuno: ti devi fidare.Ok, ma allora non è la stessa garanzia che danno i sistemi operativi open no ?
            snip

            Ovvio che nel mondo reale e' estremamente
            difficile che uno si metta a compilare "a
            mano" un sistema operativo, sia pure open...*BSD ? :)Io lo faccio ad esempio (se ne vale la pena ovviamene, non sempre), non per ragioni di sicurezza, ma di prestazioni: dato che con il sistema dei Ports (e mi dicono Gentoo Linux, che però non ho mai provato...) è possibile e anzi nemmeno troppo complesso perchè non farlo ?
            pero' cross-compilare win usando gcc
            potrebbe essere una ipotesi da non scartare,
            soprattutto per un generico Stato che puo'
            permettersi di affrontare i costi di hacking
            del gcc (o chi per esso) per fargli digerire
            i sorgenti di win.Si, magari a gnu.org o a Cygnus (Red Hat).Sarebbe da smazzarsi dalle risate :DTi saluto gsam
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi domando....
            - Scritto da: Anonimo
            Ok, ma allora non è la stessa garanzia che
            danno i sistemi operativi open no ?A me si'. Ma io non sono uno Stato e non ho le risorse per controllare, verificare, "taroccare" compilatori, ecc.
  • Anonimo scrive:
    Molto bene!
    Tempo pochi mesi, forse un anno, e di linzozz e opensozz vario non si sentira' piu' parlare. Parola di ZioBill.ZioBill***no linux and no open source software were used to write this post***
    • Anonimo scrive:
      Re: Molto bene!
      - Scritto da: Anonimo
      Tempo pochi mesi, forse un anno, e di
      linzozz e opensozz vario non si sentira'
      piu' parlare. Parola di ZioBill.

      ZioBill
      ***no linux and no open source software were
      used to write this post***Ma ti pagano abbastanza per leccare così bene quel c*** merd**** americ*** gocciolante di mer**?
      • Anonimo scrive:
        Re: Molto bene!
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        Tempo pochi mesi, forse un anno, e di

        linzozz e opensozz vario non si sentira'

        piu' parlare. Parola di ZioBill.



        ZioBill

        ***no linux and no open source software
        were

        used to write this post***

        Ma ti pagano abbastanza per leccare così
        bene quel c*** merd**** americ***
        gocciolante di mer**?Se fare quello che dici tu servisse ad eliminare fisicamente tutta la gente come te affitterei anche delle altre lingue...NO OPEN SOURCENO COMMUNISM
        • Anonimo scrive:
          Re: Molto bene!
          Nel cervell* hai così poco spazio che OPEN SOURCE e COMINISM sono la stessa cosa. Quelli come te dovrebbero sganciar** su Bagd** a cavalcioni delle vostre adorate bom**.6 uno dei tanti ****** che fanno andare questa baracca peggio di come potrebbe andare.Smettila ignor****
    • Anonimo scrive:
      Re: Molto bene!
      io sono un utente linux ma non odio né gates né la microsoft ma il fatto che tentino di chiudere gli standard e di negare le libertà fondamentali. L'unica cosa che chiedo é che quelli come te mi (ci) lascino in pace. Hai forse paura che linux distrugga windows e di essere costretto a reimparare l'informatica? Se si non sei un vero professionista. Né Windows né Linux sono eterni, lo sappiamo tutti e due.Mi attendo una risposta, per favore.PS:notare che non ho scritto micro$oft winzoww ecc, farlo é da stupidi.Paolo
      • Anonimo scrive:
        Re: Molto bene!
        - Scritto da: Anonimo
        io sono un utente linux ma non odio né gates
        né la microsoft ma il fatto che tentino di
        chiudere gli standard e di negare le libertà
        fondamentali. L'unica cosa che chiedo é che
        quelli come te mi (ci) lascino in pace. Hai
        forse paura che linux distrugga windows e di
        essere costretto a reimparare l'informatica?Proprio per niente. L'unica cosa di cui ho 'paura' e' che lo stato dell'arte dell'informatica torni agli anni '70, ai sistemi unix, all'interfaccia a carattere, a...Per non parlare della sciagurata GPL e della logica di sfruttamento legalizzato del lavoro dei programmatori che le major stanno facendo, protette da tale orribile licenza.Per questo combatto linzozz e la filosofia che si porta dietro...
        Né Windows né Linux sono eterni, lo sappiamo
        tutti e due.Per linzozz e' ovvio, per Windows, beh, parliamone ;-)
        PS:notare che non ho scritto micro$oft
        winzoww ecc, farlo é da stupidi.
        Ne sei proprio cosi' sicuro?? Lo sai che Linus Torvalds, proprietario del marchio "linu*", prende un sacco di soldi (beh, indirettamente, ovviamente...) ogni volta che si nomina, anche invano, tale nome??ZioBill
        • Anonimo scrive:
          Re: Molto bene!
          - Scritto da: Anonimo
          ......
          Proprio per niente. L'unica cosa di cui ho
          'paura' e' che lo stato dell'arte
          dell'informatica torni agli anni '70, ai
          sistemi unix, all'interfaccia a carattere,
          a...
          Per non parlare della sciagurata GPL e della
          logica di sfruttamento legalizzato del
          lavoro dei programmatori che le major stanno
          facendo, protette da tale orribile licenza.Passavo per caso ed ho letto il post.....Mi è venuto da pensare che conosco solo una persona così arrogante, incompetente, boriosa e disinformata.........

          ZioBillEcco, appunto....
        • Anonimo scrive:
          Re: Molto bene!

          Proprio per niente. L'unica cosa di cui ho
          'paura' e' che lo stato dell'arte
          dell'informatica torni agli anni '70, ai
          sistemi unix, all'interfaccia a carattere,
          a...l'interfaccia a carattere vivrà ancora per molti anni.non tutto si può fare con le finestranon per questo hanno creato kde e gnome.non sono certo windows ma non sono così male
          Per non parlare della sciagurata GPL e della
          logica di sfruttamento legalizzato del
          lavoro dei programmatori che le major stanno
          facendo, protette da tale orribile licenza.se uno programma viene pagato, a meno che non sia volontario, e può fare quello che gli pare
          Per questo combatto linzozz e la filosofia
          che si porta dietro...io non ho scritto winzzoz, mentre tu hai scritto lizzozchi éil più tollerante tra noi due?

          Né Windows né Linux sono eterni, lo
          sappiamo

          tutti e due.
          Per linzozz e' ovvio, per Windows, beh,
          parliamone ;-)non resisterà certo all'ecatombe nucleare che incombe :-(
          Ne sei proprio cosi' sicuro?? Lo sai che
          Linus Torvalds, proprietario del marchio
          "linu*", prende un sacco di soldi (beh,
          indirettamente, ovviamente...) ogni volta
          che si nomina, anche invano, tale nome??scusa, ma questo che c'entra? io stavo parlando del rispetto reciproco. e poi é andata così:linus non aveva registrato il marchio, poi un tipo di boston,senza alcun meritolo registra. inizia una causa, e il marchio viene poi registrato a linus (si era pensato di registrarlo a linux international)non sopporto poi, come é scritto in un altro post, che open source sia associato al comunismo.mi dispiace dirlo, ma i no-g &co lo stanno strumentalzzando.poi cosa preferisci, linux o la pirateria? se palladium si afferma credi davvero che la gente comprerà office? userà wordpad, o carta e penna
        • Giambo scrive:
          Re: Molto bene!
          - Scritto da: Anonimo
          Proprio per niente. L'unica cosa di cui ho
          'paura' e' che lo stato dell'arte
          dell'informatica torni agli anni '70, ai
          sistemi unix, all'interfaccia a carattere,
          a...Guarda un po', quel che sta' facendo la Microsoft (File di configurazione ASCII, shell "potenziata", ...)."Chi non conosce UNIX e' condannato a reinventarlo ogni volta."
          Per non parlare della sciagurata GPL e della
          logica di sfruttamento legalizzato del
          lavoro dei programmatori che le major stanno
          facendo, protette da tale orribile licenza.Programmatori incatenati alle scrivanie e frustati a sangue se non producono piu' di 100 linee di codice all'ora ? Le tue fantasie sono pericolose, hai avuto un0infanzia difficile ?
          Per questo combatto linzozz e la filosofia
          che si porta dietro...Oddio, c'e' di peggio, per esempio ho sentito di quel tale che credeva di essere una carota ...
          Ne sei proprio cosi' sicuro?? Lo sai che
          Linus Torvalds, proprietario del marchio
          "linu*", prende un sacco di soldi (beh,
          indirettamente, ovviamente...) ogni volta
          che si nomina, anche invano, tale nome??E questa dove l'hai letta, sul Corriere dei Piccoli ?Vogliamo parlare di un tale che vuole processari tutti quelli che pronunciano una parola anche solo simile a "finestre" ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Molto bene!
            - Scritto da: Giambo
            "Chi non conosce UNIX e' condannato a
            reinventarlo ogni volta."Bellissima! Di chi è?
          • Anonimo scrive:
            Re: Molto bene!
            tanto rumore per nulla! Linux è Open Source da decenni, tutti possono vedere, toccare e modificare il codice.peggio per M$: non appena si toccano con mano i 1000 e 1 bug di windows SP1-2-3-4....
          • Giambo scrive:
            Re: Molto bene!
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Giambo

            "Chi non conosce UNIX e' condannato a

            reinventarlo ogni volta."

            Bellissima! Di chi è?Se non mi sbaglio, di Marco d'Itri. O, almeno, l'ho letta la prima volta da lui, diversi anni fa', su it.comp.os.dibattiti. Se non sbaglio intera era:"Chi non conosce UNIX e' condannato a reinventarlo ogni volta. Peggio":-)
        • Anonimo scrive:
          Re: Molto bene!

          Proprio per niente. L'unica cosa di cui ho
          'paura' e' che lo stato dell'arte
          dell'informatica torni agli anni '70, ai
          sistemi unix, all'interfaccia a carattere,??? io voglio "scegliere" di poter fare qualcosagraficamente o carattere con linux posso....
          a...
          Per non parlare della sciagurata GPL e della
          logica di sfruttamento legalizzato del
          lavoro dei programmatori che le major stanno
          facendo, protette da tale orribile licenza.
          e quello di M$ nei confronti dei programmatori che rilasciano in BSD? ne abbiam gia parlato ziobille' vero che il grosso del mondo linux e' all'interno della logica neoliberista ma e' anche l'unico modello che puo uscirnementre il modello M$ rimane incatenato al neoliberismo(ps(ot)stallmann supporta il Presidente Chavez e il Movimento contro la guerra)OpenCurcio***Contro la Guerra e il Neoliberismo***
          • Anonimo scrive:
            Re: Molto bene!
            - dimenticavo di firmarmi OpenCurcio
          • Anonimo scrive:
            Il Tarlo (ovvero liberismo e monopoli)
            Autore: F. Amodei Anno 1962 In una vecchia casa piena di cianfrusaglie, di storici cimeli, pezzi autentici ed anticaglie. c?era una volta un tarlo di discendenza nobile che cominciò a mangiare un vecchio mobile. Avanzare con i denti per avere da mangiare e mangiare a due palmenti per avanzare; il proverbio che il lavoro ti nobilita nel farlo non riguarda solo l?uomo, ma pure il tarlo. Il tarlo in breve tempo, grazie alla sua ambizione riuscì ad accelerare il proprio ritmo di produzione; andando sempre avanti senza voltarsi indietro riuscì così a avanzar di qualche metro. Farsi strada con i denti per mangiare, mal che vada, e mangiare a due palmenti per farsi strada. Quel che resta dietro a noi non importa che si perda ci si accorge, prima o poi, che è solo merda. Per legge di mercato assunse poi per via un certo personale con contratto di mezzadria; di quel ch?era scavato grazie al lavoro altrui una metà se la mangiava lui. Lavorare per mangiare qualche piccolo boccone che dia forza di scavare per il padrone; l?altra parte del raccolto, ch?è mangiata dal signore, prende il nome di maltolto o plusvalore. Poi, col passar degli anni, venne la concorrenza da parte d?altri tarli con la stessa intraprendenza; il tana proprietario ristrutturò i salari e organizzò dei turni straordinari. Lavorare a perdifiato, accorciare ancora i tempi perché aumenti il fatturato c i dividendi. Ci si accorse poi ch?è bene, anziché restare soli, far d?accordo tutti insieme dei monopoli. Si sa com?è la vita: ormai giunto al traguardo, per i trascorsi affanni il nostro tarlo crepò d?infarto. Sulla sua tomba è scritto: PER L?IDEALE NOBILE DI DIVORARSI TUTTO QUANTO UN MOBILE, CHIARO MONITO PER I POSTERI, QUESTO TARLO VISSE E. .MORI?.
          • Anonimo scrive:
            Re: Molto bene!
            - Scritto da: Anonimo

            Proprio per niente. L'unica cosa di cui ho

            'paura' e' che lo stato dell'arte

            dell'informatica torni agli anni '70, ai

            sistemi unix, all'interfaccia a carattere,
            ??? io voglio "scegliere" di poter fare
            qualcosa
            graficamente o carattere con linux posso....

            a...

            Per non parlare della sciagurata GPL e
            della

            logica di sfruttamento legalizzato del

            lavoro dei programmatori che le major
            stanno

            facendo, protette da tale orribile
            licenza.


            e quello di M$ nei confronti dei
            programmatori che rilasciano in BSD? ne
            abbiam gia parlato ziobill
            e' vero che il grosso del mondo linux e'
            all'interno della logica neoliberista ma e'
            anche l'unico modello che puo uscirne
            mentre il modello M$ rimane incatenato al
            neoliberismo(wow, è il primo messaggio in assoluto di OpenCurcio che non contiene almeno una volta la parola "borghese" :-))E che cosa ci sarebbe di male nel liberismo?Magari ci fosse un neo-liberismo (che non ha NULLA a che vedere con il governo del nano pluripregiudicato che fa solo i suoi interessi personali fregandose altamente dei principi liberali se questi contrastano con i suoi loschi affari) anche in Italia, avremmo una vera ripresa dell'economia.
            (ps(ot)stallmann supporta il Presidente
            Chavez e il Movimento contro la guerra)Non sono Stallmann ma nel mio piccolo appoggio tutti i movimenti che sono contrari a questa guerra illegittima.
            OpenCurcio
            ***Contro la Guerra e il Neoliberismo***Rollio***Contro la Guerra e a favore del Neoliberismo***
          • Anonimo scrive:
            Re: Molto bene!

            (wow, è il primo messaggio in assoluto di
            OpenCurcio che non contiene almeno una volta
            la parola "borghese" :-))semplice perche in questo messaggio critico un sistema economico e non direttamente le strutture di potere che si e' dato ovvero le democrazie "borghesi" con le infrasrutture di potere e repressive :)) (ho inserito la parolina che ti mancava tanto)

            E che cosa ci sarebbe di male nel liberismo?inanzitutto lo sfruttamento insito nel capitalismo e la guerra funzionale a mantenere in piedi il nuovo ordine del capitale mondiale
            Magari ci fosse un neo-liberismo (che non ha
            NULLA a che vedere con il governo del nano
            pluripregiudicato che fa solo i suoi
            interessi personali fregandose altamente dei
            principi liberali se questi contrastano con
            i suoi loschi affari) anche in Italia,
            avremmo una vera ripresa dell'economia.
            si che a che vedere, vedi gli affari personali del presidente sono poca cosa rispetto agli interessi da lui rappresentati con la ocmplicita di parte dei DS e della margheritala mercificazione dell'acqua e della salute sono aspetti del neolibersmo mondiale

            (ps(ot)stallmann supporta il Presidente

            Chavez e il Movimento contro la guerra)

            Non sono Stallmann ma nel mio piccolo
            appoggio tutti i movimenti che sono contrari
            a questa guerra illegittima.fai bene


            OpenCurcio

            ***Contro la Guerra e il Neoliberismo***

            Rollio
            ***Contro la Guerra e a favore del
            Neoliberismo***il neoliberismo si basa sulla guerra "globale e permanente"anche se attualmente alcune forze INTERNE al capitale si oppongono a questa guerra facendo venire i mal di pancia al buon Antonio Negri con le tue teorie sull' "impero"OpenCurcioPS normalmente non parlo col linguaggio da 3 internazionale...ma e' divertente vedere le reazioniquando leggono il linguaggio da veterocomunista (stupisco persino me stesso) :))***No alla guerra e al neoliberismo, si ad un'alternativa di massa e di classe ***
          • Anonimo scrive:
            Re: Molto bene!

            il potere economico (il Capitalismo) puo
            usare il mercato ai propri fini non puo
            usare il Superamento dell'economia di
            mercato
            vedi nessuno dice che la creativita verrebbe
            meno... va "solo" creata una nuova coscienza
            e nuovi stimoli (l'uomo nuovo)Permettimi di dissentire amichevolmente. Quello che tu prospetti e' un atto di fede. Non fraintendermi, non voglio dire che le tue sono utopie. Intendo proprio un atto di fede. La fede purtroppo puo' essere pericolosa. Dovunque si sia cercato di superare il mercato e creare l'uomo nuovo, chi è stato zitto ha finito con il morire di fame, e chi ha protestato se gli e' andata bene e' finito in manicomio (curato per forza con gli psicofarmaci). Non sto dicendo che tu sottoscriveresti cio', bada bene. Gia' il fatto che sei disposto ad esprimerti apertamente è indice di indipendenza ed autonomia: tu saresti tra le vittime. Il problema e' che secondo te
            lo Stato e' la collettivita organizzata (il popolo).Se scriviamo Stato con la S maiuscola, e ci riferiamo al popolo come unita' di misura, l'individo finisce con il diventare una rotellina rimpiazzabile. No, no, e poi no. Non sono d'accordo :-)
            ovvero l'approccio socialdemocratico e
            riformista che risulta fallimentare nel
            governare la globalizzazione, mentre era
            efficace nell'era degli stati nazioneA me la globalizzazione sta bene (internet ne è sua espressione). Cio' che conta IMHO e' che si possa mantenere e potenziare lo spettro dei diritti umani inerenti a tutti gli individui. E qui il gioco si fa duro: salvare la commissione ONU sui diritti umani dalla presidenza libica, quella sul disarmo dalla presidenza irakena, far capire a Cina, USA, Iran... che la pena di morte e' un'oscenita' ecc. ecc. Torno sempre li': limitare il potere del potente, che crede di poterci piegare. Si chiami Comitato Centrale, Bill, Gian Paolo :-) Osama, Adolfo o Augusto (Pinochet, che e' riuscito a scapparsene via).Grazie per l'interessante scambio. Ciao***God Bless the GPL Licence***
          • Anonimo scrive:
            Re: Molto bene!
            - Scritto da: Anonimo(wow, il secondo messaggio di OpenCurcio senza la parola "boghese, inizio seriamente a preoccuparmi, tutto bene?)
            - Scritto da: Anonimo


            ovvero l'approccio socialdemocratico e


            riformista che risulta fallimentare nel


            governare la globalizzazione, mentre era


            efficace nell'era degli stati nazione



            A me la globalizzazione sta bene (internet

            ne è sua espressione). Cio' che conta IMHO

            e' che si possa mantenere e potenziare lo

            spettro dei diritti umani inerenti a tutti

            gli individui.
            nessuno dice di non volere
            la"globalizzazione" ma di organizzarsi
            globalmente come ha fatto il capitale (loro
            marx l'han letto e san fare la lotta di
            classe)per resistere e passare all'offensivaBeh, mi tranquillizzo, almeno questa volta hai usato un termine tanto stantio quanto consueto tormentone dei tuoi messaggi (almeno pari a "borghese") e cioé "lotta di classe".
          • Anonimo scrive:
            Re: Molto bene!
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            (wow, il secondo messaggio di OpenCurcio
            senza la parola "boghese, inizio seriamente
            a preoccuparmi, tutto bene?)


            - Scritto da: Anonimo



            ovvero l'approccio
            socialdemocratico e



            riformista che risulta fallimentare
            nel



            governare la globalizzazione,
            mentre era



            efficace nell'era degli stati
            nazione





            A me la globalizzazione sta bene
            (internet


            ne è sua espressione). Cio' che conta
            IMHO


            e' che si possa mantenere e potenziare
            lo


            spettro dei diritti umani inerenti a
            tutti


            gli individui.

            nessuno dice di non volere

            la"globalizzazione" ma di organizzarsi

            globalmente come ha fatto il capitale
            (loro

            marx l'han letto e san fare la lotta di

            classe)per resistere e passare
            all'offensiva

            Beh, mi tranquillizzo, almeno questa volta
            hai usato un termine tanto stantio quanto
            consueto tormentone dei tuoi messaggi
            (almeno pari a "borghese") e cioé "lotta di
            classe".dai almeno non era un invito alla lotta di classe ma una constatazione dell'atteggiamento padronale:)))cmq tra i termini che uso (per dare un po l'aspetto di un comunicato come gia detto in 1 altro mex (di solito non parlo cosi)) vi sono anche :"capitale""neoliberismo"(e derivati es globalizzazione neoliberista)in senso quasi spregiativo "socialdemocratico" e "riformista"PS per vostra fortuna non sono un seguace di Antonio Negrialtrimenti vi avrei tormentato con "impero""esodo""diserzione""disobbedienza""biopolitica"(qualunque cosa voglia dire)
        • Anonimo scrive:
          Re: Molto bene!

          Proprio per niente. L'unica cosa di cui ho
          'paura' e' che lo stato dell'arte
          dell'informatica torni agli anni '70, ai
          sistemi unix, all'interfaccia a carattere,
          a...Anni 90 per la precisione.
          Per non parlare della sciagurata GPL e della
          logica di sfruttamento legalizzato del
          lavoro dei programmatori che le major stanno
          facendo, protette da tale orribile licenza.Come dice Linus, ci sono licenze brutte e licenze molto brutte, quelle sul copiright sono molto brutte, la filosofia spiegata da Torvalds (per niente schierato tra l'altro) è che un programmatore scrive codice per divertimento, passione, non lo fa perchè viene sfruttato, usa il suo talento per divertirsi.Non c'è ricerca del denaro, fondamentalmente è questa la ragioen della forza dell'opensource
          Per questo combatto linzozz e la filosofia
          che si porta dietro...Ma perchè combattere?
          Per linzozz e' ovvio, per Windows, beh,
          parliamone ;-)Nulla è eterno nemmeno tu (e io ovviamente)
          Ne sei proprio cosi' sicuro?? Lo sai che
          Linus Torvalds, proprietario del marchio
          "linu*", prende un sacco di soldi (beh,
          indirettamente, ovviamente...) ogni volta
          che si nomina, anche invano, tale nome??Qualcuno ha offerto a zio Linus 10 Miliardi di dollari chiedendogli di far comparire il suo nome nel cda della sua azienda, Linus ha rifiutato perchè non lo trovava interessante, non è un sant'uomo, anzi lui si definisce uno str***, ma il suo carattere è decisamente diverso dalla maggior parte delle persone: non gli interessano i soldi, lui vuole solo divertirsi, come fanno la maggior parte degli sviluppatori opensource. Incredibile vero?Un consiglio leggiti "Rivoluzionario per caso" di Linus Torvalds, scorre da solo è simpatico e non pretende nulla, potresti scoprire un mondo che forse non conosci, chiaramente è solo un consiglio non voglio evangelizzare nessuno.Keper
        • Anonimo scrive:
          Re: Molto bene!
          - Scritto da: Anonimo
          Proprio per niente. L'unica cosa di cui ho
          'paura' e' che lo stato dell'arte
          dell'informatica torni agli anni '70, ai
          sistemi unix, all'interfaccia a carattere,
          a...scusa... ma hai mai provato linux o stai parlando per sentito dire???se non hai voglia di usare la shell non la usi punto e basta.Kde Gnome e gli altri serviranno a qualcosa (e per di piu' se ti faccio vedere il mio desktop il tuo povero XP impallidirebbe!)
          Per non parlare della sciagurata GPL e della
          logica di sfruttamento legalizzato del
          lavoro dei programmatori che le major stanno
          facendo, protette da tale orribile licenza.
          se uno non vuole usare questa licenza basta che non la usi...se invece vuoi rubare codice altrui (perche' non hai voglia di riscrivere tutto da zero) e farlo passare per tuo, questo e' un altro discorso
          Per questo combatto linzozz e la filosofia
          che si porta dietro...
          scusami... ma se vuoi combattere linux perche' non ti usi il tuo XP e ti fai gli affari tuoi? vedrai che nessuno viene a romperti! (ma hai proprio tutto originale a casa tua o combatti linux solo perche' hai tutto gratis lo stesso???)

          Né Windows né Linux sono eterni, lo
          sappiamo

          tutti e due.
          Per linzozz e' ovvio, per Windows, beh,
          parliamone ;-)
          Questa frase l'ho sentita dire all'inizio dell'anno scorso anche da un rappresentante microsoft!!!!! Del resto visto che non c'e' un unica "azienda" dietro a linux come puoi farlo scomparire?????


          ZioBill
          Ciao!HexDEF6
    • Giambo scrive:
      Re: Molto bene!
      - Scritto da: Anonimo
      Tempo pochi mesi, forse un anno, e di
      linzozz e opensozz vario non si sentira'
      piu' parlare. Parola di ZioBill.Ah-ah-ah ! Vuoi scommettere ? Posso salvare questa tua effermazione tirarla fuori fra 2 mesi, fra 6 mesi, fra un anno, fra due anni, fra 5 anni, fra ...Non che la "Parola di ZioBill" valga molto piu' della "Parola di Francesco Amadori", ma dovresti imparare a non fare previsioni cosi' affrettate, sopratutto se conosci poco il campo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Molto bene!
        - Scritto da: Giambo
        Ah-ah-ah ! Vuoi scommettere ? Posso salvare
        questa tua effermazione tirarla fuori fra 2
        mesi, fra 6 mesi, fra un anno, fra due anni,
        fra 5 anni, fra ...Ciao Giambo... sono Zanac (come te frequentavo icol.* :))Per la cronaca io una cosa simile l'ho fatta: un mio carissimo amico (veneto come me... e questo lo capirai dal "cut & paste che seguirà), ad ogni versione di windows mi dice sempre "ma questa funziona! Era quella precedente che crashava!".Ora che mi dice "ma windows XP funziona... ti do ragione che Windows ME faceva schifo...).Al che io gli ho copiato questo da una sua email ricevuta tempo fa:vadra, Windows 98 crashava anca a mi, ma Windows ME xe' tta nalrta roba! Lo usi da un mese e non go mai avdo un crash cge sia uno. Tegno verto el PC par ore e oer e va tutto a meraviglia!Ciao Ciao!
    • Anonimo scrive:
      Re: Molto bene!
      - Scritto da: Anonimo
      Tempo pochi mesi, forse un anno, e di
      linzozz e opensozz vario non si sentira'
      piu' parlare. Parola di ZioBill.Lo diceva anche Gates nel '76 su usenet.Voi si che avete naso.
    • Anonimo scrive:
      Re: Molto bene!
      - Scritto da: Anonimo
      Tempo pochi mesi, forse un anno, e di
      linzozz e opensozz vario non si sentira'
      piu' parlare. Parola di ZioBill.
      Finche' ci sarai tu a scrivere questi post idioti se ne continuera' a parlare in eterno.
    • Anonimo scrive:
      Re: Molto bene!
      Molto prima terminerà win*.
  • Anonimo scrive:
    Immangino...
    ...che ovviamente il governo cinese potrai poi compilare dai sorgenti la propria versione di Windows così da essere sicuro di eseguire quella e non un'altra.
    • Anonimo scrive:
      Re: Immangino...

      ...che ovviamente il governo cinese potrai
      poi compilare dai sorgenti la propria
      versione di Windows così da essere sicuro di
      eseguire quella e non un'altra.infatti, la possibilità di compilare il codice e testare il compilato è una delle possibilità offerte dal programma GSP...
      • Anonimo scrive:
        Re: Immangino...
        - Scritto da: Anonimo

        eseguire quella e non un'altra.
        infatti, la possibilità di compilare il
        codice e testare il compilato è una delle
        possibilità offerte dal programma GSP...Possibilita' peraltro inutile visto che e' dimostrato che e' possibile taroccare un compilatore in modo che il codice generato non corrisponda al sorgente...
        • Anonimo scrive:
          Re: Immangino...
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          eseguire quella e non un'altra.

          infatti, la possibilità di compilare il

          codice e testare il compilato è una delle

          possibilità offerte dal programma GSP...

          Possibilita' peraltro inutile visto che e'
          dimostrato che e' possibile taroccare un
          compilatore in modo che il codice generato
          non corrisponda al sorgente...
          Ti stavo aspettando... :-) mi stavo chiedendo quando qualcuno avrebbe avanzato anche questa ipotesi....Ma per favore... questa e' "paranoia"...
          • Anonimo scrive:
            Re: Immangino...
            - Scritto da: Anonimo


            Ti stavo aspettando... :-) mi stavo
            chiedendo quando qualcuno avrebbe avanzato
            anche questa ipotesi....
            Ma per favore... questa e' "paranoia"...http://www.acm.org/classics/sep95/
          • Anonimo scrive:
            Re: Immangino...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo





            Ti stavo aspettando... :-) mi stavo

            chiedendo quando qualcuno avrebbe avanzato

            anche questa ipotesi....

            Ma per favore... questa e' "paranoia"...

            http://www.acm.org/classics/sep95/
            Fermo, forse mi sono spiegato male. So' perfettamente che tecnicamente e' possibile, si puo' fare anche molto di piu', come ad esempio realizzare codice che sfrutta la cache del processore per impedirne il debugging, e fare in modo che il codice eseguito non sia quello visionabile, ma resta comunque paranoico pensare sempre al peggio.
          • Anonimo scrive:
            Re: Immangino...

            resta comunque paranoico pensare sempre al
            peggio.Chiunque si occupi di sicurezza deve essere un po' paranoico. Qui non stiamo parlando di un firmware per un frullabanane, siamo parlando di un software che gestisce dati di uno Stato. Che si tratti di win, unix, mac, os400 o altro lo Stato ha il dovere di esaminare bit per bit il codice e deve fornire ai propri cittadini tutte le garanzie e tutele del caso.
          • Anonimo scrive:
            Re: Immangino...
            - Scritto da: Anonimo

            resta comunque paranoico pensare sempre al

            peggio.

            Chiunque si occupi di sicurezza deve essere
            un po' paranoico.

            Qui non stiamo parlando di un firmware per
            un frullabanane, siamo parlando di un
            software che gestisce dati di uno Stato.

            Che si tratti di win, unix, mac, os400 o
            altro lo Stato ha il dovere di esaminare bit
            per bit il codice e deve fornire ai propri
            cittadini tutte le garanzie e tutele del
            caso.
            Sono pienamente d'accordo con te; cio' che mi dispiace, e' solo che spesso si assiste piu' ad una guerra di religione, piuttosto che a delle sane discussioni.
          • Anonimo scrive:
            Re: Immangino...
            - Scritto da: Anonimo
            Sono pienamente d'accordo con te; cio' che
            mi dispiace, e' solo che spesso si assiste
            piu' ad una guerra di religione, piuttosto
            che a delle sane discussioni.Fama di lor il mondo esser non lassa; misericordia e giustizia li sdegna non ti curar di lor, ma guarda e passa
          • cico scrive:
            Re: Immangino...

            Che si tratti di win, unix, mac, os400 o
            altro lo Stato ha il dovere di esaminare bitahahaha al massimo deve avere il diritto, perquanto riguarda il dovere di esaminare bitper bit mi sembra poco praticabile.
      • Anonimo scrive:
        Re: Immangino...
        - Scritto da: Anonimo
        infatti, la possibilità di compilare il
        codice e testare il compilato è una delle
        possibilità offerte dal programma GSP...dove trovo questa notizia? non riesco a trovare informazioni riguardo la compilabilità del codice e l'utilizzabilità dei binari risultanti.A.C.
  • Anonimo scrive:
    Vergogna
    L'avete davfero scritto voi??? No, io penso che ve lo abbiano dettata direttamente dall'ufficio stampa Microsoft questa pubblicità travestita da articolo. Ma fatemi il piacere.
  • Anonimo scrive:
    CIA, KGB e C.
    Non è forse che Microsoft con questa mossa vuol svelare alle autorità competenti dei vari governi quelli che sono i suoi tool per lo spyware ?
    • Anonimo scrive:
      Re: CIA, KGB e C.
      probabilmente è proprio questo. Stanno dando il supporto per l'introduzione di backdoor nazionalizzate ai vari governi. E non c'è proprio neinte da ridere.
    • Anonimo scrive:
      Re: CIA, KGB e C.
      shhhhh !Non dire niente!"loro" ci guardano!ROFTL!!0zz0
      • Anonimo scrive:
        Re: CIA, KGB e C.
        - Scritto da: Anonimo
        shhhhh !
        Non dire niente!
        "loro" ci guardano!

        ROFTL!!anche quando si inizio a parlare di echelon ridevano tutti .... hanno smesso.
  • Anonimo scrive:
    I vostri soliti post inutili
    ServicePack vari...Microsoft Office (vabbé solo per i desktop)...Servizi BackOffice vari...Server Proxy, Exchange, Mail server, estensioni FrontPage... Aggiornamenti vari....MS ha (teoricamente, of course) 1000 MODI per sostituire il codice sorgente appena visionato da un governo.Ora, a parte i servers (quando si parla di sicurezza nazionale [server o desktop] l'attenzione è comunque alta) avete provato a installare MS Office XP su Windows NON XP ?Io l'ho fatto e quel giorno forse ero ubriaco (è probabile) eppure mi sembra di aver visto un messaggio di avvertimento che mi informava che "Questo prodotto sostiuitrà porzioni del codice operativo, volete continuare ?"Vabbé, posso capire che nel S.O. Windows Kernel/GDI/ecc. sono integrate, ma la cosa mi puzza comunque...Ma COSA realmente mostra Microsoft dei propri prodotti ? Solo il Sistema Operativo ? E quale Service Pack di esso ?
  • Anonimo scrive:
    Bellissimo!!!!
    Non so se avete notato, ma il link della frase "è considerato in forte ascesa" porta ad una pagina in cui si spiega che in Cina "sarebbe in fase avanzata di realizzazione una sorta di Windows, non prodotto da Microsoft ma da una ampia schiera di sviluppatori locali."Certo che sono entusiasti, possono copiare il codice direttamente da chi lo ha fatto! Vediamo se lì la BSA gli va a dire qualcosa.Tit.
  • BSD_like scrive:
    Sulla pubblicità B. gates ha visto
    giusto.Il codice puoi vederlo, ma non toccarlo, e sopratutto non puoi avere la sicurezza che sarà (quella parte) il codice visto quello che utilizzeranno per compilare win*.E l'assicurazione la darebbe la M$ che (secondo il sig. L. Assenti - si deduce dall'entusiasmo-) sarebbe garanzia di rispetto della parola e di nessun tentativo d'inserimento di backdoors e altro, vista la storia candidissima della M$ culminata con un processo che la riconosciuta colpevole d'abuso di monopolio, con le sue continue pratiche di chiusura del mercato (vedi HTML non standard, formati doc cambiati in continuazione).L'assicurazione la darebbero anche gli USA, che come ogni gov. (non solo loro) possono se lo ritengono necessario alla sicurezza nazionale e alla difesa degli interessi nazionali, inserire backdoors e altro, non solo in win*, e il tutto è garantito dalle leggi dei paesi occidentali (quella USA è sola più permissiva, anche se le ist. sono più soggette a controllo).
  • hoff scrive:
    domanda a punto informatico
    E' da qualche tempo che mi chiedo: quanto ha pagato Microsoft? Voglio dire, spero che non vi siate svenduti per poco...Ma a parte gli scherzi, nell'articolo si dimentica un piccolo particolare. L'open source ha sempre snobbato AL PARI DEI SOFTWARE PROPRIETARI quei prodotti che ti dicono: "puoi guardarmi, ma non puoi toccarmi". E' quello che fa Microsoft, e con un'aggravante: Windows non sarà affatto liberamente studiabile!! Gli interessati potranno visionare il codice solo nelle sedi Microsoft (con tutti gli ostacoli del caso... chi ha orecchie per intendere in tenda, gli altri in camper...) e per di più da contratto viene tenuta nascosta una porzione di codice più che sufficiente per nuocere al cliente in qualsiasi modo (si tratta infatti del 3% di milioni di righe di codice).Per questo fonti autorevolissime hanno minimizzato questi timidi tentativi di Microsoft. Capisco che il giornalista non sia d'accordo con loro, ma non è un buon motivo per tenerlo nascosto... :)
    • Anonimo scrive:
      Re: domanda a punto informatico
      intanto: ..sei talmente schierato che potevi risparmiarci il tuo post...cmq M$ come sempre ha trovato il modo di guadagnarci, questa volta tirando fuori ..diciamolo, nel modo giusto, parti di codice.Modo giusto perche' in questo modo puo' continuare a GUADAGNARE sul proprio OS... linux ed il mondo open source in genere si e' sviluppato x passione di miglialia di persone e quindi e' giusto che sia visibile e studiabile... ma windows e' un prodotto, che col 2000/XP ha raggiunto anche buoni livelli, e non mi sembra il caso di dare addosso a M$ perche' ci vuole guadagnare sopra..
      • Anonimo scrive:
        Re: domanda a punto informatico
        Non lo so se voi o il giornalista in questione ci ha fatto caso (credo di si..) ma da molti anni a questa parte ad ogni visita di Bill Gates in qualche paese del mondo segue una dichiarazione di qualche pezzo forte di quel paese con toni entusiastici verso la M$ e i suoi prodotti.. Neanche a tornare troppo indietro nel passato prendiamo l'India! quest'ultima aveva espresso dei dubbi e Bill ha pensato di andare a far visita ai malati di quel paese..!! Anche il nostro di paese aveva cominciato a discutere sull'adozione del software libero nella pubblica amministrazione e così è capitato per caso un dibattito sulla globalizzazione al senato..!! non solo ma le poste italiane si sono affrettate a rinnovare il contratto con M$. Anche la cina aveva dei dubbi ed ora magicamente ("Magic Bill") sono scomparsi!! molto probabilmente rinnoveranno il loro contratto.. mi chiedo: quanto PAGA Bill Gates per far cambiare idea a questi politici illuminati intenti solo a far il bene del paese? ma soprattutto le dichiarazioni antecedenti alla visita di Magic di questi politici riflettono una loro reale intenzione e convinzione o in realtà sono solo un modo per innalzare il prezzo della loro rinnovata redenzione?Concludo dicendo solo che questa è solo un'altra prova che gli uomini sono sempre uomini e che il passato non ha mai insegnato niente.. :-( Ciao
        • Zeross scrive:
          Re: domanda a punto informatico
          - Scritto da: Anonimo
          paese..!! Anche il nostro di paese aveva
          cominciato a discutere sull'adozione del
          software libero nella pubblica
          amministrazione e così è capitato per caso
          un dibattito sulla globalizzazione al
          senato..!! non solo ma le poste italiane si
          sono affrettate a rinnovare il contratto con
          M$.Bill Gates era venuto in Italia anche esattamente 2 anni prima (31 Gennaio 2001 - Roma) e, mi pare, 4 anni prima (non ricordo la data, cmq nel 1999, ma so che era a Milano).Mi sembra dunque che le tue siano solo illazioni.Zeross
    • Zeross scrive:
      Re: domanda a punto informatico
      - Scritto da: hoff
      liberamente studiabile!! Gli interessati
      potranno visionare il codice solo nelle sedi
      Microsoft (con tutti gli ostacoli del
      caso... chi ha orecchie per intendere in
      tenda, gli altri in camper...) e per di più
      da contratto viene tenuta nascosta una
      porzione di codice più che sufficiente per
      nuocere al cliente in qualsiasi modo (si
      tratta infatti del 3% di milioni di righe di
      codice).Dunque... è il 97% a "casa" e il restante 3% in sede Microsoft... e a casa mia 97+3 fa ancora 100...Tu a quanto ti sei venduto invece?Zeross
      • Anonimo scrive:
        Re: domanda a punto informatico

        Tu a quanto ti sei venduto invece?Occhio ai ritorni di fiamma :-) Perche' invece non vi ponete alcune domandine, che io ritengo serie:1. quanto tempo serve a visionare ed analizzare tutto quel codice, ed eventualmente trovarne difetti o vulnerabilita'?2. una volta scoperta una vulnerabilita', con che tempi e metodi viene affrontata e risolta, vista la presenza di un non-disclosure agreement piuttosto aggressivo?
        • Sarge scrive:
          Re: domanda a punto informatico
          - Scritto da: Anonimo

          Tu a quanto ti sei venduto invece?
          Occhio ai ritorni di fiamma :-)

          Perche' invece non vi ponete alcune
          domandine, che io ritengo serie:
          1. quanto tempo serve a visionare ed
          analizzare tutto quel codice, ed
          eventualmente trovarne difetti o
          vulnerabilita'?
          2. una volta scoperta una vulnerabilita',
          con che tempi e metodi viene affrontata e
          risolta, vista la presenza di un
          non-disclosure agreement piuttosto
          aggressivo?3. Perche' la gente si arrampica sugli specchi sempre e comunque?Ovvio che windows e' complesso, fosse semplice da analizzare sarebbe anche semplice da ricostruire da zero.Saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: domanda a punto informatico
            ma infatti è semplice ricostrirlo da zero... ma visto che ci sono alternative migliori perchè farlo?
          • Anonimo scrive:
            Re: domanda a punto informatico
            - Scritto da: Anonimo
            ma infatti è semplice ricostrirlo da zero...
            ma visto che ci sono alternative migliori
            perchè farlo?GRANDE !EH EH EH EH EH
        • Anonimo scrive:
          Re: domanda a punto informatico

          Perche' invece non vi ponete alcune
          domandine, che io ritengo serie:
          1. quanto tempo serve a visionare ed
          analizzare tutto quel codice, ed
          eventualmente trovarne difetti o
          vulnerabilita'?aggiungo:mi spiegate com'è possibile studiare un codice di milioni di righe "spezzato" in 2 tronconi? (97%+3%)fatemi capire, il programmatore stà a "casa", visiona il codice e nota la chiamata ad una funzione, oggetto, classe o quello che volete che si trova in quel 3%, cosa fa? prende l'aereo e và a Redmond a visionare il codice? e poi, torna a casa e continua così? e chi mi assicura che il codice visionato è quello di windows (visto che non è possibile compilarlo).... e ancora, risulta molto molto difficile studiare un programma se non è possibile usare un buon debugger (a causa di quel 3%), se poi quel 3% è codice contiene classi o funzioni usatissime nel restante 93%, la cosa si complica ulteriormente.....ma questo forum è un covo di geni della programmazione (visto le passate risposte a queste domande) e a loro basta un' occhiata al codice (anche per un solo giorno) per capire come funziona windows e soprattutto se il codice contiene bug o cose ancor più peggiori.
          • Anonimo scrive:
            Re: domanda a punto informatico


            Perche' invece non vi ponete alcune

            domandine, che io ritengo serie:

            1. quanto tempo serve a visionare ed

            analizzare tutto quel codice, ed

            eventualmente trovarne difetti o

            vulnerabilita'?Più o meno sono 30 milioni di righe di codice.Poniamo che uno riesca a controllarne per benino 3.000 al giorno (=50 pagine stampate) fanno 10.000 giorni. Cioè più o meno 30 anni, lavorando anche sabato e domenica.Quindi bisognerebbe "suddividere" il lavoro tra un centinaio di persone, che se ne intendano, per rimanere dentro un periodo decente inferiore all'anno. (Metto le virgolette perchè immagino che tutto sia tremendamente aggrovigliato).Alla fine ovviamente pretenderei la ricompilata e il confronto dei binari su un computerone non MS. Se non mi danno questa possibilità, scusate, ma come faccio a crederci?
          • LockOne scrive:
            Re: Eh?
            - Scritto da: Anonimo


            Perche' invece non vi ponete alcune


            domandine, che io ritengo serie:


            1. quanto tempo serve a visionare ed


            analizzare tutto quel codice,
            Più o meno sono 30 milioni di righe di
            codice.
            Poniamo che uno riesca a controllarne per
            benino 3.000 al giorno (=50 pagine stampate)
            fanno 10.000 giorni. Cioè più o meno 30
            anni, lavorando anche sabato e domenica.chiedo scusa in anticipo, non ci capisco un piffero di 'sta roba e sto facendo una domanda scema. ma se servono trent'anni a fare questo controllo, quanto ci hanno impiegato a mettere insieme il sistema operativo quelli di MS? quarant'anni?
          • Anonimo scrive:
            Re: Eh?
            - Scritto da: LockOne

            - Scritto da: Anonimo



            Perche' invece non vi ponete alcune



            domandine, che io ritengo serie:



            1. quanto tempo serve a visionare ed



            analizzare tutto quel codice,

            Più o meno sono 30 milioni di righe di

            codice.

            Poniamo che uno riesca a controllarne per

            benino 3.000 al giorno (=50 pagine
            stampate)

            fanno 10.000 giorni. Cioè più o meno 30

            anni, lavorando anche sabato e domenica.

            chiedo scusa in anticipo, non ci capisco un
            piffero di 'sta roba e sto facendo una
            domanda scema. ma se servono trent'anni a
            fare questo controllo, quanto ci hanno
            impiegato a mettere insieme il sistema
            operativo quelli di MS? quarant'anni?
            Windows 2000 lo anno completamente riscritto in 4 anni, con un Team di 1500 persone.
          • Anonimo scrive:
            Re: Eh?
            - Scritto da: Anonimo
            Windows 2000 lo anno completamente riscritto
            in 4 anni, con un Team di 1500 persone.Scrivere codice e' piu' facile che capire codice.
          • Warp9 scrive:
            Re: Eh?
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Windows 2000 lo anno completamente
            riscritto

            in 4 anni, con un Team di 1500 persone.

            Scrivere codice e' piu' facile che capire
            codice.
            Sei sicuro?Ti garantisco che se chi deve capirlo, e' sufficentemente bravo, nell'arco di una settimana e' perfettamente in grado anche di "prevedere", come certe cose sono state realizzate, perche' sara' entrato nella mentalita' del/dei programmatori, e ammesso che sappia far bene il suo lavoro, sara' anche in grado di determinare, in base alla conoscenza acquisita, dove potrebbero nascondersi eventuali errori e/o trucchi.In un certo senso potrebbe anche essere avvantaggiato, dato che non ha il compito di creare, ma solo di verificare, il che comporta il dover seguire una logica preesistente, e non doversene creare una.Premetto che non parlo a sproposito, mi sono personalmente trovato a doverlo fare ( non con il codice di Windows, chiaramente... :-) )...
          • Anonimo scrive:
            Re: domanda a punto informatico
            - Scritto da: Anonimo
            fatemi capire, il programmatore stà a
            "casa", visiona il codice e nota la chiamata"sta" SI SCRIVE SENZA ACCENTO... IMPARA L'ITALIANO!!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: domanda a punto informatico
            - Scritto da: Anonimo

            Perche' invece non vi ponete alcune

            domandine, che io ritengo serie:

            1. quanto tempo serve a visionare ed

            analizzare tutto quel codice, ed

            eventualmente trovarne difetti o

            vulnerabilita'?

            aggiungo:
            mi spiegate com'è possibile studiare un
            codice di milioni di righe "spezzato" in 2
            tronconi? (97%+3%)
            fatemi capire, il programmatore stà a
            "casa", visiona il codice e nota la chiamata
            ad una funzione, oggetto, classe o quello
            che volete che si trova in quel 3%, cosa fa?
            prende l'aereo e và a Redmond a visionare il
            codice? e poi, torna a casa e continua così?
            e chi mi assicura che il codice visionato è
            quello di windows (visto che non è possibile
            compilarlo).... e ancora, risulta molto
            molto difficile studiare un programma se non
            è possibile usare un buon debugger (a causa
            di quel 3%), se poi quel 3% è codice
            contiene classi o funzioni usatissime nel
            restante 93%, la cosa si complica
            ulteriormente.
            ....ma questo forum è un covo di geni della
            programmazione (visto le passate risposte a
            queste domande) e a loro basta un' occhiata
            al codice (anche per un solo giorno) per
            capire come funziona windows e soprattutto
            se il codice contiene bug o cose ancor più
            peggiori.Mi hai anticipato :-)Stavo per scrivere parola per parola quello che hai scritto tu :-)
          • Anonimo scrive:
            Re: domanda a punto informatico
            - Scritto da: Anonimo

            (cut)

            se il codice contiene bug o cose ancor più

            peggiori.

            Mi hai anticipato :-)
            Stavo per scrivere parola per parola quello
            che hai scritto tu :-)Tutto? Anche "più peggiori"??
        • Anonimo scrive:
          Re: domanda a punto informatico

          1. quanto tempo serve a visionare ed
          analizzare tutto quel codice, ed
          eventualmente trovarne difetti o
          vulnerabilita'?E quando parliamo di Linuz o boiate simili questo ovviamente non lo si considera, giusto?!
          2. una volta scoperta una vulnerabilita',
          con che tempi e metodi viene affrontata e
          risolta, vista la presenza di un
          non-disclosure agreement piuttosto
          aggressivo?Tu non ti preoccupare che loro per vendere lavorano anche 36 ore al giorno..........................!!
          • Anonimo scrive:
            Re: domanda a punto informatico
            - Scritto da: Anonimo

            1. quanto tempo serve a visionare ed

            analizzare tutto quel codice, ed

            eventualmente trovarne difetti o

            vulnerabilita'?

            E quando parliamo di Linuz o boiate simili
            questo ovviamente non lo si considera,
            giusto?!
            ??????I sorgenti li hanno in visione piu' o meno qualche MILIONE di persone che se ne intendono... e tu puoi ricompilartelo e usare proprio quello che hai ricompilato.www.kernel.orgVai e scaricati il sorgente del kernel!Ciao!HexDEF6
        • Anonimo scrive:
          Re: domanda a punto informatico

          Perche' invece non vi ponete alcune
          domandine, che io ritengo serie:
          1. quanto tempo serve a visionare ed
          analizzare tutto quel codice, ed
          eventualmente trovarne difetti o
          vulnerabilita'?
          2. una volta scoperta una vulnerabilita',
          con che tempi e metodi viene affrontata e
          risolta, vista la presenza di un
          non-disclosure agreement piuttosto
          aggressivo?eheheheheh, questa situazione mi procaccia un divertimento senza fine, e più che altro dimostra l'abilità (incontestabile) dell'ufficio marketing di Microsoft.Al di la del tempo (che dipende anche da quante persone studiano il codice, quindi variabile...) chi mi garantisce esattamente che poi il binario corrisponda a quei sorgenti ? Nessuno.Io ho i sorgenti dei miei *BSD e io compilo il sistema operativo per metterlo in produzione, ho la certezza che a quei sorgenti corrispondono gli eseguibili: con la trovata Microsoft questo non accade, quindi in realtà più che una garanzia è... aria fritta :)Il lato positivo è che comunque più occhi guardano i sorgenti più è facile trovare eventuali bachi, e questo è un bene: certo per iniziare a masticare 30 milioni di linee di codice servono mesi e strumenti adatti (documentazione, specifiche, grafici), e non credo che in questo lasso di tempo qualche non-MS sia riuscito a capirli.La garanzia dell'OS è l'utilizzo dei sorgenti, non la visione.my 0,2 gsam
Chiudi i commenti