Sony pirata per un giorno?

C'è chi se lo chiede dopoché la polizia postale ha aperto un'inchiesta sulla disponibilità su un sito Sony del pezzo che Paola e Chiara portano a Sanremo


Imperia – Difficile capire ancora come stiano davvero le cose e chi abbia la responsabilità di quanto accaduto perché da Sony per il momento non arriva alcun commento e la polizia postale sta ancora compiendo tutti gli accertamenti del caso. Ma è certo curioso il polverone che è stato sollevato da un sito di Sony.

Sullo spazio web Sonymusiceurope.com era fino a qualche ora fa disponibile tra i molti link anche il collegamento ad uno spezzone di circa 30 secondi del brano “A modo mio” che “Paola e Chiara” presenteranno al Festival di Sanremo nei prossimi giorni. Una situazione sulla quale come accennato sta indagando la polpost di Imperia.

La notizia della presenza in rete di un singolo tanto singolare l’ha data SanremoNews.it , sito di informazione della provincia di Imperia, che ha scritto come ci si sia resi conto della situazione quando un utente ha inviato il link all’ezine.

Come molti sanno prima del Festival nessun brano tra quelli che concorrono dovrebbe essere reso pubblico ed è accaduto in passato che siano stati squalificati dei concorrenti a causa di un brano “scappato” al loro controllo o di una voluta violazione di questa regola. Sebbene non sia chiaro come mai quel pezzo fosse disponibile sul sito Sony, nel corso della giornata di ieri dopo la diffusione della notizia l’unico link che portava a contenuti italiani è stato sospeso, segno probabile che Sony si sia attivata per impedire ulteriori accessi a quel brano.

Quanto accaduto non ha precedenti. Ben diverso, infatti, quanto nel 2002 accadde alla RIAA, l’associazione dei discografici americani, il cui sito per un giorno fu trasformato da un abile cracker in un server di file mp3 che chiunque poteva scaricare liberamente…

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    15.000 euro???
    Ma che bello....dunque vediamo, uno vende software masterizzato...guadagna 6,5 milioni di euro, gli fanno una bella multa da 15.000 euro...si fa 3 (se va male)... che con arresti domiciliari, sconti di pena e buona condotta se va male si fa 6 mesi....E dopo tutto cio' si ritrova con 6,35 milioni di euro....ci sto facendo un pensierino...
  • uibbs2 scrive:
    underlicensing e software GNU
    Che succede se vengono da me in azienda, a fare una verifica, e sui tutti i client presenti è installato solo Linux? Mi cercano comunque le licenze di zio Billy?Io è dal 2000 che uso solo Linux... altro che getthefacts: mi hanno chiesto per una migrazione a 2003 Server+Licenze TermServ qualcosa come 12mila euro! Ma se n'annassero...
    • vale56 scrive:
      Re: underlicensing e software GNU
      Non sai che i signori del BSA non sanno distinguere tra Microsoft Office e Open Office?Ti chiederanno di pagare le licenze per MS Office anche su linuxFonti: http://www.linuxfrench.net/article.php3?id_article=1182,http://abcdelasecurite.free.fr/html/modules.php?name=News&file=article&sid=198, http://punto-informatico.it/p.asp?i=43290, http://www.apogeonline.com/webzine/2003/06/11/01/200306110101
      • Anonimo scrive:
        Re: underlicensing e software GNU
        - Scritto da: vale56
        Non sai che i signori del BSA non sanno
        distinguere tra Microsoft Office e Open Office?
        Ti chiederanno di pagare le licenze per MS Office
        anche su linuxVero. Sono venuti pure da noi e quello che doveva essere il capobanda ha pronunciato la seguente frase che ancora teniamo stampata e appesa al muro:"Per poter leggere un file.doc di word bisogna avere la licenza!"Naturalmente qui da noi c'e' solo linux e i files.doc che arrivano per mail, vengono aperti con OpenOffice e immediatamente risalvati in rtf per l'archiviazione interna.
  • Anonimo scrive:
    magari se........
    non mi sento di criticare quelle piccole aziende che a fronte di margini di guadagno sempre piu ridotti si trovano di fronte a dei prezzi allucinanti per quanto riguarda i software originali.Magari se questo avesse dei prezzi piu accessibili tutti comprerebbero originale garantito.
    • Anonimo scrive:
      Re: magari se........
      ...ma magari se oltre all'UNDERLICESING ci fosse anche un minimo di sconto nel MULTILICENSING!!!L'autodesk, ad esempio, è disgustosa perchè comprare una licenza o comprarne 5 ti fa sempre 5000 ? l'una! Ma vi pare? Ci credo che poi le piccole imprese e gli studi professionali ne comprano una sola di licenza!Addirittura il rivenditore Autodesk m ha detto che non fanno offerte multilicenza perchè normalmente non se ne acquistano più di una....costano troppo!!!!E ALLORAAAA!!!!!!! E poi ti vengono in ufficio e ti denunciano per underlicensing...E comunque, inmerito alla notrizia, la multa non verrà mai calcolata al doppio del valore di mercato dei software ma solo a 150 ? a supporto e, punto secondo, la multa può arrivare al massimo a 250.000?! Quindi, se i tizi hanno fatto i soldi, pagheranno e tanti saluti...sempre per la serie meglio fare le cose in grande o grandissima!
      • johndoe scrive:
        Re: magari se........

        E comunque, inmerito alla notrizia, la multa non
        verrà mai calcolata al doppio del valore di
        mercato dei software ma solo a 150 ? a supporto
        e, punto secondo, la multa può arrivare al
        massimo a 250.000?! Quindi, se i tizi hanno fatto
        i soldi, pagheranno e tanti saluti...sempre per
        la serie meglio fare le cose in grande o
        grandissima!Mi pare che la multa non estingua gli altri obblighi, per cui ai tizi tocca poi di pagare *anche* le licenze...
        • Anonimo scrive:
          Re: magari se........

          Mi pare che la multa non estingua gli altri
          obblighi, per cui ai tizi tocca poi di pagare
          *anche* le licenze...eheheh ma mica li usano i programmi, che licenze dovrebbero pagare????? (ghost)
  • Anonimo scrive:
    nel campo della piccola e media impresa
    'il fenomeno e' radicato e cio e' preoccupante'praticamente *tutte * le imprese medio piccole evadono buona parte delle tasse e poi ci si scandalizza di fronte all' underlicnsing ...manca la cosidetta 'culutra della legalita' in italia ...d'altronde con un presidente del consiglio assolto per proscrizione e' difficile che detta cultura attecchisca .
    • Anonimo scrive:
      Re: nel campo della piccola e media imp
      Magari fosse "proscritto", Berlusconi... purtroppo è prescritto ;)P.S. No, non sono il Precisetti
    • johndoe scrive:
      Re: nel campo della piccola e media impresa

      praticamente *tutte * le imprese medio piccole
      evadono buona parte delle tasse (...)Questa è una leggenda metropolitana. Possono "evadere" le imprese che sono in grado di fare del "nero", ovvero vendere a chi non ha interesse a documentare la transazione, chi produce come terzista per grossi gruppi industriali (e sono la maggioranza delle PMI) non ne ha la possibilità.Vorrei ricordare che la "finanza creativa" è stata sviluppata nei grossi gruppi multinazionali.
Chiudi i commenti