Sony richiama le TV infiammabili

L'azienda giapponese avvia un programma di richiamo per alcuni modelli di TV a schermo piatto. In Giappone riportati 11 casi di principio di incendio dovuto al surriscaldamento

Roma – Per il momento il programma di richiamo è stato ufficializzato solo in Giappone, ma molto presto potrebbe riguardare anche Europa e Nordamerica: Sony ha annunciato che una serie di televisori LCD, venduti dal 2007 in avanti in quasi tutti i mercati in cui siano presenti i suoi prodotti, è soggetta al surriscaldamento di un componente elettrico facente parte del sistema di retroilluminazion . Surriscaldamento che può condurre a ogni tipo di conseguenze dai piccoli danni estetici (plastiche sciolte) fino al principio di incendio.

I modelli interessati dal richiamo sono i seguenti: KDL-40D3400, KDL-40D3500, KDL-40D3550, KDL-40D3660, KDL-40V3000, KDL-40W3000, KDL-40X3000 e KDL-40X3500 . Fino a oggi, riferisce Sony, “non sono noti casi nei quali siano stati riportati danni a cose o persone”: tuttavia “la questione è stata portata alla nostra attenzione da una serie di rendiconti in Giappone, dove un limitato numero di prodotti potrebbe contenere un componente affetto da un difetto, che in rari casi potrebbe surriscaldarsi e prendere fuoco all’interno del televisore, causando eventuale fusione del coperchio superiore dell’apparecchio”. In totale, il problema sarebbe stato riscontrato in non più di 11 casi fino a questo punto, e mai al di fuori del Giappone .

Il numero di apparecchi che potrebbero rientrare nel programma di richiamo ammonta a circa 1,6 milioni di esemplari . I consumatori interessati possono rivolgersi all’assistenza Sony, che ispezionerà l’apparecchio ed eventualmente provvederà alla sostituzione dei componenti difettosi.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • lolla scrive:
    lolla
    Ma ragazzi se non sapete come funzionano i siti non parlate, Booking.com permette di capire chi ha lasciato il commento, nel BackOffice di booking puoi vedere i voti e blabla e puoi vedere anche il dettaglio della prenotazione, così da sapere cosa veramente sucXXXXX. Gli albergatori si lamentano perché la posizione che un albergo ha su i siti oltre che dal prezzo da quanto si dipende anche dalle valutazioni che esso ha.... se un pazzo gli da un 2 è mooooolto difficile da recuperare anche se è uno solo.Quoto dal sito Booking.comhttp://www.booking.com/general.it.html8. Ranking e Giudizi degli ospiti"[...]Il Ranking di Default viene creato tramite un sistema di ranking automatico (ALGORITMO) E SI BASA SU CRITERI MULTIPLI[...]"http://www.blastness.com/ranking-recensioni-booking-com/
  • Roberto Tassinari scrive:
    Davvero , vogliono togliere l'anonimato
    Già , e chi fa i commenti la scia sempre nome e cognome , se uno si collegasse con TOR , per esempio, come fanno a rintracciarlo?Cimano tutte le volte la polizia postale per vedere di trovare l'indirizzo IP reale?Oppure possono lasciare commenti solo chi ha acquistato dal sito la camera?
    • krane scrive:
      Re: Davvero , vogliono togliere l'anonimato
      - Scritto da: Roberto Tassinari
      Già , e chi fa i commenti la scia sempre nome e
      cognome , se uno si collegasse con TOR , per
      esempio, come fanno a rintracciarlo?
      Cimano tutte le volte la polizia postale per
      vedere di trovare l'indirizzo IP reale?No, devono chiamano direttamente ruppolo, la polizia postale non ce la fa.
  • dont feed the troll/dovella scrive:
    Ogni scusa è buona
    Per impedire che le informazioni circolino liberamente.Mo pure gli albergatori, dopo i cantantucoli sedicenti rocker.
  • Wizandchip scrive:
    problema ridicolo = falso problema
    Quello lamentato dall'associazione degli albergatori italiani è un problema ridicolo e falso.Io uso spesso Trip Advisor e mi sono sempre trovato bene. Le recensioni flame ci saranno sempre ma, come in un forum, queste sono facilmente riconoscibili.Basta a chiunque fare una ricerca in Trip Advisor e leggere le recensioni per rendersi conto che il sistema funziona eccome.Scommetto che questo problema è sollevato da quegli alberghi, scarsi e magari costosi, che si sentono danneggiati dalle recensioni..Io ho trovato anche molti albergatori che rispondevano ai commenti. E si, perché su TripAdvisor gli albergatori hanno diritto di replica.Cosa faranno poi? Si scaglieranno contro Google Maps perché ci mostra che l'hotel a due passi da mare si trova in realtà a due kilometri di distanza?
    • enriker scrive:
      Re: problema ridicolo = falso problema
      quoto, in più dico che internet spaventa solo i commercianti disonesti che prima potevano fare quello che volevano ma ora la gente con questo strumento può informarsi e informare gli altri o vedere con facilità nel caso degli alberghi il luogo...Sui qualsiasi sito si possono distinguere i commenti falsi per esempio qui su punto informatico non è difficile distinguire i commenti dei "troll".. :)
  • eleirbag scrive:
    Falso problema
    Per tutelare il più possibile tutti,e ricordo che la parte debole che,almeno in teoria, dovrebbe essere tutelataè il cliente; basta associare un commentoa riferimenti univoci derivanti dalsoggiorno speso in una determinata struttura.ID = diritto di voto = massima tutela per tutti.Ovvero basta che a ogni prenotazionevenga associato un ID univoco che ilcliente, se vorrà, potra utilizzare peresprimere un giudizio positivo o negativo- anche pensante - su una determinatastruttura. Così si rimane anonimi,evitando possibili ritorsioni da partedelle strutture sulla carta di creditodel cliente o altro, e sopratutto si evitanofalse recensioni positive da parte dellastruttura ricettiva, come è avvenuto piùe più volte anche in un recente caso.Sinceramente penso che il problema siacreato ad arte per tentare di evaderesopratutto quest'ultima parte.Poi bisognerebbe trattare anche il discorsodello stritolamente degli alberghi, soprat-tutto di quelli più piccoli o che non sonoassociati a nessuna catena o gruppo, da partedi queste organizzazioni.Ma questo è tutt'altro problema.
    • Kamui scrive:
      Re: Falso problema
      - Scritto da: eleirbag
      Per tutelare il più possibile tutti,
      e ricordo che la parte debole che,
      almeno in teoria, dovrebbe essere tutelata
      è il cliente; basta associare un commento
      a riferimenti univoci derivanti dal
      soggiorno speso in una determinata struttura.
      ID = diritto di voto = massima tutela per tutti.

      Ovvero basta che a ogni prenotazione
      venga associato un ID univoco che il
      cliente, se vorrà, potra utilizzare per
      esprimere un giudizio positivo o negativo
      - anche pensante - su una determinata
      struttura. Così si rimane anonimi,
      evitando possibili ritorsioni da parte
      delle strutture sulla carta di credito
      del cliente o altro, e sopratutto si evitano
      false recensioni positive da parte della
      struttura ricettiva, come è avvenuto più
      e più volte anche in un recente caso.

      Sinceramente penso che il problema sia
      creato ad arte per tentare di evadere
      sopratutto quest'ultima parte.

      Poi bisognerebbe trattare anche il discorso
      dello stritolamente degli alberghi, soprat-
      tutto di quelli più piccoli o che non sono
      associati a nessuna catena o gruppo, da parte
      di queste organizzazioni.
      Ma questo è tutt'altro problema.E secondo te non riuscirebbero poi a riassociare l'ID col nome reale, se volessero ?
      • eleirbag scrive:
        Re: Falso problema
        I vari bookingcom logicamente si.Le strutture ricettive no. A meno chequest'ultimi non paghino gli impiegati dei primiper farsi rivelare identità scomode.Il discorso è che bisogna sempre attuare unacontrapposizione di interessi, in qualsiasi campo,è l'unico modo per avere una briciola di realtàoggettiva.
        • enriker scrive:
          Re: Falso problema
          per comprare qualcosa di importante mi leggo le recensioni i commenti online e non è importante che ci sia l'dentità della persona perchè se 100 utenti mettono in evidenza un certo difetto di certo non possono essere tutti commenti falsi nello stesso modo...queste associazioni di categoria voglio solo avere la possibilità di far cancellare i commenti scomodi (anche se veri)..si fanno recensioni e si scrivono commenti anche su forum, blog, social network..ecc. (mica tutti mettono i dati personali sui vari servizi), sono proposte fatte da gente che non capisce niente di internet...
          • eleirbag scrive:
            Re: Falso problema
            Forse di Internet non ne capiranno moltovero, ma di politica sicuramente si.Difatti tirano l'acqua al propio mulinofacendo si che vengano fatti gli interessidel 1% a discapito di quello del 99%.Insomma nulla di nuovo sotto il sole!
  • Antonio Delollis scrive:
    Ed ora anche i trovaprezzi & co.
    Qualcosa di simile con i siti trovaprezzi dove ci sono sempre gli stessi negozi con i quali confrontare i prezzi. Cercavo un'Experia Arc e l'ho trovato in un negozio al di fuori del circuito Trovaprezzi ed ovviamente l'ho pagato molto meno.
    • topo gigio scrive:
      Re: Ed ora anche i trovaprezzi & co.
      - Scritto da: Antonio Delollis
      Qualcosa di simile con i siti trovaprezzi dove ci
      sono sempre gli stessi negozi con i quali
      confrontare i prezzi. Cercavo un'Experia Arc e
      l'ho trovato in un negozio al di fuori del
      circuito Trovaprezzi ed ovviamente l'ho pagato
      molto
      meno.Quotone stessa cosa pure a me
    • Tenerone scrive:
      Re: Ed ora anche i trovaprezzi & co.
      Con una semplice ricerca in Google ?Dacci qualche indicazione, grazie !
  • Funz scrive:
    Abolire l'anonimato
    Per un problemino ridicolo quale le recensioni fasulle, vorrebbero levare una libertà fondamentale di ciascuno, cioé esprimersi liberamente in Rete senza paura di ritorsioni. Poi chi è che scrive recensioni negative? Clienti insoddisfatti? Concorrenti? E chi è che scrive recensioni positive? Clienti soddisfatti? Dipendenti?E chi scrive firmandosi, usa il suo vero nome?Non si sa, quindi ognuno può capire quanto valga qualsiasi recensione da tre righe online: NIENTEUnica deroga a questa regola: se c'è un benchmark ripetibile (e smentibile), non certo in ambito alberghiero...
    • Pinco Pallino scrive:
      Re: Abolire l'anonimato
      E' ovvio che questa uscita degli albergatori e' una tavanata galattica.Ma a mio parere non e' altrettanto ovvio che l'anonimato in rete sia un bene.Anzitutto perche' vero anonimato non e': chi e' abbastanza "forte" ha i mezzi per risalire alla persona, a meno di soluzioni che riguardano un "anonimo" su un milione che usa cose come TOR.Allora l'anonimato e' tale per alcuni che vogliono trovarti e non per altri.Chi ci dice che quelli che possono identificarti siano mediamente "nel giusto" e quelli che non ne hanno la possibilita' no ?Di fatto se tu mi insulti e mi sputtani su un forum io i mezzi per trovarti di solito non li ho, se pero' sei un dissidente di un paese governato da una dittatura ... di solito le autorita' quei messi li hanno.La mia sensazione e' che questo "anonimato" sia semplicemente assenza di qualsiasi regola, e in assenza di regole non c'e' liberta': c'e' la legge della giungla. Tutto bene, finche' sei il leone.A.
  • Uomo della strada scrive:
    Recensioni negative
    Le recensioni negative in questo settore, come in tanti altri, dovrebbero servire a chi le riceve come stimolo per migliorare i propri servizi.Certo, qualche recensione potrebbe anche essere falsa o non verificabile ma probabilmente chi si mette a scrivere una recensione falsa lo fa solo per screditare un proprio concorrente diretto.Personalmente trovo utile leggere le recensioni per farmi un opinione su un prodotto o un servizio, basta solo avere un pò di senso critico.
    • Pinco Pallino scrive:
      Re: Recensioni negative
      Il modello di valutazione di TripAdvisor e' intrinsecamente sano se si sa leggerlo.Per sapere la verita' su un ristorabte/albergo ignorare le recensioni fatte da chi ... ha fatto solo una recensione o ha fatto la recensione quando era iscrittoda meno di un anno; gia' cosi' hai eliminato le autorecensioni, i dispetti alla concorrenza e gli atti di impulso.Insomma: prima chiediti chi ha scritto quel parere, poi lo leggi.
      • Frigghenaue i scrive:
        Re: Recensioni negative
        Io invece trovo che i giudizi su TripAdvisor sopravvalutino un po' la realtà delle cose. Molti hotel con posizioni 1-5 mi hanno deluso.Fido Nichenco, camera 43 vista mare hotel Merendero via Scarrafone 3.
        • Yuinan scrive:
          Re: Recensioni negative
          - Scritto da: Frigghenaue i
          Io invece trovo che i giudizi su TripAdvisor
          sopravvalutino un po' la realtà delle cose. Molti
          hotel con posizioni 1-5 mi hanno
          deluso.

          Fido Nichenco, camera 43 vista mare hotel
          Merendero via Scarrafone
          3.Il problema è anche chi frequenta l'hotel e le aspettative che ha.Ecco perché è molto facile trovare hotel tre stelle più in alto dihotel 5 stelle. Semplicemente il cliente che frequenta un hotel 3 stelle è abituato a standard inferiori e se trova un hotel cn un uno standard qualitativo discreto e un buon rapporto qualità prezzo gli darà 5/5.Ad un hotel di lusso invece non si perdona la benché minima mancanza.Detto questo quando tripadvisor ha fondati sospetti che le recensioni non provengano da clienti ma abbiano finalità palesemente pubblicitarie lo segnala.Date un'occhiata agli hotel di Hanoi e ve ne renderete conto. Lì non pochi albergatori scrivono recensioni positive sul loro hotel e negative sugli altri. E gli hotel locali sono molto più in alto dei Sofitel, Intercontinental, Hilton.
      • Franky scrive:
        Re: Recensioni negative
        - Scritto da: Pinco Pallino
        Il modello di valutazione di TripAdvisor e'
        intrinsecamente sano se si sa
        leggerlo.

        Per sapere la verita' su un ristorabte/albergo
        ignorare le recensioni fatte da chi ... ha fatto
        solo una recensione o ha fatto la recensione
        quando era iscrittoda meno di un anno; gia' cosi'
        hai eliminato le autorecensioni, i dispetti alla
        concorrenza e gli atti di
        impulso.

        Insomma: prima chiediti chi ha scritto quel
        parere, poi lo
        leggi.Ecco perfetto...io non l'ho scritto sopra...ma prendo esattamente alcuni di questi accorgimenti piu' tanti altri...come quello di vedere i commenti positivi e negativi su piu' di un sito... e di avere piu' fonti a disposizione...uno che pianifica una vacanza...non credo che abbia cosi' tanta fretta da non poter dedicare un pomeriggio a vedere quello che esiste...poi piu' che dire questo e' buono questo non lo e'...bisognerebbe piu' che altro vedere quali servizi offrono i vari albergatori e metterli a confronto...Una soluzione potrebbe essere far scrivere una recensione anche agli albergatori...per fargli dire le cose che offre la propria struttura...cosi' forse non sentirebbero l'esigenza di registrarsi per screditare la concorrenza o far finta di essere un utente-cliente dell'albergo...
  • Expedia scrive:
    Expedia mai più
    Ho utilizzato Expedia per una vacanza sulla neve vicino Cortina, l'albergo prenotato e pagato era chiuso! Quelli di Expedia c'hanno messo oltre 8 ore per dirmi che non riuscivano a trovare soluzioni alternative a parità di classe prescelta e hanno chiuso la cosa con il riborso di quanto prelevato in anticipo (due mesi) dalla carta di credito, senza neppure dare gli interessi!Nessun rimborso per la giornata rovinata, ho dovuto ripiegare su un altro albergo assai più costoso, per me possono chiudere!
    • Frigghenaue i scrive:
      Re: Expedia mai più
      Nome, cognome, tessera sanitaria, abbonamento RAI e numero di camera.
      • Albert Alzaimer scrive:
        Re: Expedia mai più
        Manca anche la copia in PDF dell'ultimo censimento consegnato, lo stato di famiglia, 4 marche da bollo da 4,20 euro, un certificato di sana e robusta costituzione, e le ultime 3 buste paga, e la situazione contabile alla data del 31 dicembre scorso.Questo è il minimo indispensabile per poter lasciare un qualsiasi commento su un qualsiasi albergo.
        • cianoz scrive:
          Re: Expedia mai più
          - Scritto da: Albert Alzaimer
          Manca anche la copia in PDF dell'ultimo
          censimento consegnato, lo stato di famiglia, 4
          marche da bollo da 4,20 euro, un certificato di
          sana e robusta costituzione, e le ultime 3 buste
          paga, e la situazione contabile alla data del 31
          dicembre scorso. Questo è il minimo
          indispensabile per poter lasciare un qualsiasi
          commento su un qualsiasi albergo.LOL!
        • Franky scrive:
          Re: Expedia mai più
          - Scritto da: Albert Alzaimer
          Manca anche la copia in PDF dell'ultimo
          censimento consegnato, lo stato di famiglia, 4
          marche da bollo da 4,20 euro, un certificato di
          sana e robusta costituzione, e le ultime 3 buste
          paga, e la situazione contabile alla data del 31
          dicembre
          scorso.
          Questo è il minimo indispensabile per poter
          lasciare un qualsiasi commento su un qualsiasi
          albergo.Ed il passaporto no? Vi siete dimenticati il passaporto...almeno 3 documenti bisogna presentare prima di poter scrivere un commento!!!Documento di identita', patente,passaporto... e naturalmente una indicazione chiara qualora siete fuori dalla localita' di residenza di dove vi troviate al momento...poi potete lasciare il commento...cosi' se a qualcuno non piace il vostro commento sa dove potervi rintracciare per acchiapparvi!!! A che punto siamo arrivati!!!Ora pure l'albergatore si mette a dettare legge su come organizzare un sito e su cosa gli utenti possono scrivere o meno...E' vero che qualche recensione negativa sul sito la scrivono gli albergatori rivali...e qualcuna positiva la scrivono persone vicine all'albergatore... ma cosa c'entra? La gente e' idiota e non sa distinguere una recensione fasulla da una veritiera? E dai che si capisce!!! Uno dice tutto stupendo nessun disservizio...l'altro descrive l'inferno dantesco....si capisce che per quanto un albergo a due stelle sia buono non puo'essere perfetto e si capisce che per quanto possa essere messo male non puo' essere un inferno dantesco!!!
Chiudi i commenti