Sony UMD non sfonda nell'home video

Il formato ideato da Sony per la propria console da taschino non sta incontrando i favori degli appassionati di cinema, apparentemente poco interessati ad acquistare film a prezzo pieno da vedere sul piccolo schermo della PSP
Il formato ideato da Sony per la propria console da taschino non sta incontrando i favori degli appassionati di cinema, apparentemente poco interessati ad acquistare film a prezzo pieno da vedere sul piccolo schermo della PSP


Roma – Sembra proprio che nel settore home video il formato ottico Universal Media Discs (UMD) della PlayStation Portable (PSP) sia destinato a fare la stessa fine di Betamax, altro celebre formato di Sony che nei primi anni ’80 uscì prematuramente dal mercato.

I dischetti della PSP, capaci di contenere fino a 1,8 GB di dati, sono stati progettati principalmente come media per la distribuzione dei giochi, ma possono contenere anche musica, video e altri contenuti digitali. Sony, in particolare, ha tentato di far leva sulla propria posizione di mercato per trasformare UMD in una sorta di rivale “portatile” del DVD-video, capace di contenere un film in alta risoluzione. Le ambizioni del colosso nipponico si stanno però scontrando con lo scarso interesse fin qui dimostrato dai consumatori verso gli UMD-video.

Le vendite di film in UMD sono così scarse che due fra i maggiori studios cinematografici d’oltre oceano, Universal Studios e Paramount Pictures, hanno già cessato la distribuzione dei propri film in questo formato. 20th Century Fox, Buena Vista e persino la stessa Sony hanno invece significativamente ridotto il numero di titoli disponibili su dischi UMD.

Dai rivenditori non sembrano arrivare segnali più ottimisti: Wal-Mart, la più grande catena di negozi statunitense, ha infatti eliminato buona parte dello spazio dedicato agli UMD-video e, secondo alcune fonti, si appresterebbe a cessarne del tutto le vendite.

Gli analisti affermano che lo scarso successo incontrato dai titoli in formato UMD è dovuto a due principali fattori: l’impossibilità di vedere i film su dispositivi differenti dalla PSP e il prezzo troppo elevato. In Italia è possibile acquistare UMD via Internet a prezzi compresi fra i 12 e 22 euro (a cui vanno aggiunte le spese di spedizione), ma nei negozi il costo può salire fino a 30 euro.

Ma Sony non sembra ancora disposta a rottamare UMD-video. Il colosso è infatti in trattative con le major di Hollywood per fare in modo che gli utenti della PSP possano guardare i film acquistati anche sul televisore di casa. Basterà questo contentino ai consumatori per risollevare le sorti della distribuzione video su formato UMD?

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

04 04 2006
Link copiato negli appunti