SOPA, discografici contro Google e Wikipedia

Attacco frontale ai giganti del web. Secondo il CEO di RIAA Cary Sherman avrebbero manipolato l'opinione online con informazioni fuorvianti sulle misure antipirateria. Ignorando completamente l'altro piatto della bilancia
Attacco frontale ai giganti del web. Secondo il CEO di RIAA Cary Sherman avrebbero manipolato l'opinione online con informazioni fuorvianti sulle misure antipirateria. Ignorando completamente l'altro piatto della bilancia

Si intitola Quello che non vi dirà Wikipedia ed è un durissimo attacco firmato Cary Sherman, attuale CEO della Recording Industry Association of America (RIAA). Un lungo editoriale apparso tra le pagine del New York Times , per attaccare senza mezzi termini i grandi protagonisti del web impegnati nella battaglia contro il famigerato disegno di legge Stop Online Piracy Act (SOPA) .

Colossi della rete come Google e Wikipedia avrebbero cioè deciso volontariamente di abbandonare la propria neutralità per esercitare un vero e proprio abuso di potere . Avendo convinto più di 7 milioni di utenti a firmare la petizione contro le misure anti-pirateria annunciate dal senatore repubblicano Lamar Smith. In particolare BigG avrebbe addirittura confuso i suoi utenti con l’oscuramento del logo alla metà dello scorso gennaio.

I giganti dell’IT avrebbero dunque presentato “informazioni false e fuorvianti”, spiegando ai netizen soltanto “una parte della problematica”. Tacendo completamente l’altra versione della storia, ovvero quella sbandierata dall’industria del disco nella lotta ad un fenomeno che distruggerebbe l’economia e l’occupazione. Secondo Sherman, la battaglia contro SOPA sarebbe stata manipolata ad hoc dalle varie piattaforme su Internet .

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

09 02 2012
Link copiato negli appunti