SpaceX, lancio e atterraggio col botto

La astro-azienda di Elon Musk perde un nuovo razzo vettore Falcon nel tentativo di riportarlo al suolo per il suo riutilizzo. Il lancio dei rifornimenti per la ISS è andato in ogni caso a buon fine
La astro-azienda di Elon Musk perde un nuovo razzo vettore Falcon nel tentativo di riportarlo al suolo per il suo riutilizzo. Il lancio dei rifornimenti per la ISS è andato in ogni caso a buon fine

SpaceX comunica di aver eseguito con successo il lancio della missione CRS-6, nuovo cargo di rifornimenti, strumentazioni scientifiche e macchinette per il caffè espresso in volo verso la Stazione Spaziale Internazionale. La capsula Dragon è in viaggio nell’atmosfera, mentre il razzo vettore non si trova esattamente nel punto in cui sarebbe dovuto essere.

Per la seconda volta dopo la missione CRS-5 di gennaio , infatti, SpaceX ha provato a realizzare un ritorno controllato del razzo Falcon 9 che ha messo in orbita la capsula Dragon: le cose sono andate un po’ meglio rispetto a gennaio, quando il tentativo di atterraggio era terminato con un gran botto, ma l’obiettivo finale non è stato ancora raggiunto.

Le stime ufficiali parlavano questa volta di un 50 per cento di possibilità per l’atterraggio morbido del razzo Falcon 9 sulla chiatta galleggiante di SpaceX, e a quanto sostiene Elon Musk il rientro del vettore è avvenuto secondo le attese. La velocità era però troppo alta, e quindi il razzo non è sopravvissuto per poter essere riutilizzato nel prossimo lancio.

In attesa del prossimo tentativo, la compagnia spaziale di Musk può consolarsi sapendo che il vascello Dragon è perfettamente in linea con il piano di volo che prevede l’arrivo sulla Stazione Spaziale Internazionale il prossimo venerdì. A quel punto toccherà all’astronauta ESA Samantha Cristoforetti afferrare il vascello con il braccio robotico della stazione per procedere all’aggancio.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

15 04 2015
Link copiato negli appunti