SpaceX manda in orbita Falcon 9

Il nuovo vettore privato decolla senza incertezze e consegna alla ISS provviste e materiale scientifico. Poi torna al suolo, senza incidenti

Roma – Elon Musk e il team di SpaceX portano a casa un altro incoraggiante risultato: il lanciatore Falcon 9 è riuscito ad atterrare con successo dopo aver rilasciato in orbita la capsula Dragon , progettata dalla stessa azienda, che conteneva rifornimenti e materiali scientifici per la Stazione Spaziale Internazionale.

Il lanciatore è partito dalla base di Cape Canaveral questo lunedì mentre in Italia era l’alba, rilasciando la capsula a circa due minuti dal decollo e passando subito dopo alle procedure per l’atterraggio. In tutto, la missione è durata otto minuti.


Nella capsula gli astronauti troveranno, oltre alle provviste, un International Docking Adapter che permetterà di agganciare automaticamente le prossime capsule di rifornimento, un sequenziatore di DNA e altro materiale per testare gli effetti della microgravità sull’uomo.


Per SpaceX questo è il quinto tentativo riuscito di atterraggio e il secondo su terra, a differenza degli altri tre atterrati nell’oceano con il supporto della base d’atterraggio mobile chiamata Of Course I Still Love You . Del Falcon 9, invece, questo è stato il secondo tentativo di lancio. Il primo , avvenuto nel 2015, ha visto il missile esplodere dopo qualche minuto dal decollo.

Nel bilancio finale, dunque, un altro fondamentale tassello per l’ambizioso piano di SpaceX di creare tecnologie atte a ridurre i costi d’accesso allo spazio e permettere, in futuro, la colonizzazione di Marte.

Pasquale De Rose

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti