Spagna, le prime vittime del copyright

Circa 80 siti sono stati denunciati dai legittimi detentori dei diritti. I rispettivi operatori rischiano l'oscuramento dei domini se considerati colpevoli dalla commissione prevista dalla contestata legge Sinde
Circa 80 siti sono stati denunciati dai legittimi detentori dei diritti. I rispettivi operatori rischiano l'oscuramento dei domini se considerati colpevoli dalla commissione prevista dalla contestata legge Sinde

I numeri sono stati snocciolati in un articolo apparso sulla versione digitale del celebre quotidiano spagnolo El Mundo . Ad un mese esatto dalla sua definitiva adozione, la contestata Ley Sinde ha già identificato i primi responsabili della proliferazione selvaggia di materiale in violazione del diritto d’autore.

Sono circa 80 i siti web denunciati alla Comisión de Propiedad Intelectual – appunto l’organo designato dalla legge antipirateria per il rastrellamento delle segnalazioni da parte dei legittimi titolari dei diritti – per la distribuzione di link e contenuti illeciti.

In totale , la commissione iberica ha finora ricevuto 300 comunicazioni ufficiali sulla presenza online di contenuti pirata. A rischiare nello specifico sono 79 piattaforme votate alla condivisione illecita, indicate dai signori del diritto d’autore per il conseguente oscuramento dei rispettivi domini .

Stando alle tempistiche della Ley Sinde , i vertici della commissione si prenderanno un periodo variabile tra i 20 giorni e i 3 mesi per decidere sul da farsi . Nel caso, i gestori dei vari siti avranno 48 ore per rispondere delle violazioni. L’oscuramento dei domini durerebbe un anno.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

05 04 2012
Link copiato negli appunti