Spazio, accordo europeo sull'Ariane next-gen

I governi del Vecchio Continente danno via libera al finanziamento del nuovo progetto di razzo vettore per le missioni spaziali, un progetto che prova a combinare risparmio economico e ambizione. Anche Marte è più vicino
I governi del Vecchio Continente danno via libera al finanziamento del nuovo progetto di razzo vettore per le missioni spaziali, un progetto che prova a combinare risparmio economico e ambizione. Anche Marte è più vicino

L’Europa avrà il suo razzo vettore di nuova generazione, un obiettivo raggiunto grazie all’accordo tra i governi del continente e, soprattutto, in seguito all’intesa tra Francia e Germania, le due principali nazioni coinvolte nel progetto.

Si tratta, in sostanza, di modernizzare ulteriormente la “vecchia” tecnologia di Ariane 5 , già più volte aggiornata , per restare al passo coi tempi e le esigenze delle missioni spaziali di ESA (European Space Agency): il nuovo vettore che si chiamerà Ariane 6 .

Si tratterà di un progetto “low-cost” rispetto alla generazione precedente, pari a un finanziamento totale di 8 miliardi di euro, budget con durata decennale che si concluderà con il primo lancio di un razzo Ariane 6 nel 2020. Oltre alla produzione del nuovo vettore, i 20 ministri della scienza che hanno partecipato al meeting hanno approvato il supporto continuato delle attività a bordo della ISS (800 milioni di euro) e il lancio della missione ExoMars nel 2018.

I nuovi finanziamenti sono primariamente il frutto di un compromesso tra Francia e Germania, con la prima interessata a mantenere buona parte della sua (costosa) industria spaziale e a sviluppare un razzo vettore tutto nuovo, e la seconda a favore di un aggiornamento della tecnologia del precedente. In funzione di questo compromesso, Ariane 6 includerà elementi sia del progetto originale per il nuovo vettore sia elementi dell’upgrade voluto dalla Germania. I posti di lavoro dell’industria spaziale europea dovrebbero quindi essere (più o meno) salvi, e le attività di ESA procedere senza intoppi per almeno un altro lustro. O addirittura un decennio: la Conferenza dei ministri degli Stati membri dell’Agenzia spaziale europea ha dato il via libera anche all’aggiornamento del vettore Vega , Vega C. “Entrambi i lanciatori avranno un unico motore, di produzione italiana – ha spiegato il ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca Stefania Giannini – questo porterà all’industria del nostro Paese oltre dieci anni di attività produttiva di alta tecnologia”.

La scelta di sviluppare un razzo low-cost deriva poi dalla necessità di fronteggiare la concorrenza internazionale, sempre più focalizzata sul risparmio dei costi, negli USA e non solo. Le ambizioni sono sempre le stesse, e il Giappone prova ancora una volta a sondare la superficie di un meteorite con la sonda Hayabusa 2 , mentre gli States sono attivamente impegnati nel mettere alla prova la capsula Orion, con l’obiettivo di portare il primo uomo su Marte.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

03 12 2014
Link copiato negli appunti