Speciale/ Dal Wap ai cellulari wappanti

Cos'è il Wap? Quali sono le differenze tra i modelli in commercio? I vantaggi, i problemi, le caratteristiche di una tecnologia sempre più diffusa. Con sette telefonini wappanti da vagliare

Roma – Il mercato trabocca di cellulari Wap: ogni società attira a sé gli acquirenti con offerte sempre nuove. Eppure i dubbi restano: perché scegliere un prodotto invece che un altro? Peggio ancora: è davvero utile il Wap? Alcuni esperti sostengono, con decisione, di no: una tecnologia totalmente superflua, a loro dire. Ma le vendite di Wap s’impennano, con disappunto degli stessi esperti. E ‘ solo una moda ingiustificata? Questo speciale affronterà tali domande; saranno anche analizzati sette modelli di cellulari Wap, tra i più recenti.

Prima di chiederci a che serve il Wap, dovremo spiegarne il significato: è la sigla di Wireless Application Protocol, che nasce da un accordo, nel 1997, tra Nokia , Motorola , Ericsson e Phone.com . I suoi obiettivi? Creare un modello di telefonia mobile che permetta l’accesso ad internet e, in generale, la comunicazione tra telefono e computer.

Ecco la definizione ufficiale di Wap, tratto da Wapforum : “è un formato aperto, globale, che fornisce strumenti wireless agli utenti di cellulari, per accedere facilmente alla rete e interagire con informazioni e servizi istantaneamente”. Facilmente. Istantaneamente. Questi sono gli ideali: sono stati rispettati?

I problemi del Wap non sono da sottovalutare. Gli esperti del Nielsen Norman Group, come riportato da Punto Informatico, non hanno risparmiato le critiche a questa nuova tecnologia. La pubblicità ha esagerato i vantaggi del Wap, sostiene il Nielsen Norman Group: la connessione a internet tramite cellulare è un esperienza molto diversa rispetto a quanto promesso. Nulla a che vedere con la navigazione tramite computer.

Per questi esperti, il dispay è troppo piccolo, l’interfaccia scomoda e poco “user friendly”; ma il problema principale è un altro: la lentezza. “Quando si deve attendere così tanto per avere dei dati di risposta a propri input, quando questi dati arrivano uno nemmeno si ricorda perché gli aveva chiesti”, sostiene il Nielsen Norman Group. E in Italia, a detta di molti, le tariffe sono ancora troppo alte: circa 200 lire per ogni minuto sul web. Tra le offerte dei vari fornitori di servizi, spicca quella di Active Network , che propone una tariffazione flat: con 588.000 lire all’anno, iva inclusa, si può navigare sia con il modem sia con il proprio cellulare Wap. Alternative? Molti utenti Wap hanno salutato con gioia l’offerta di scrokko.com . Anche se il nome può spaventare qualcuno, questo portale permette di navigare 15 minuti al giorno, gratis. In cambio, si riceveranno sul display alcuni spot pubblicitari.

Uno dei problemi centrali del Wap, a detta di molti, è il fatto che non esiste ancora una compatibilità completa tra i siti e la tecnologia Wap. Le pagine web sono programmate essenzialmente in html e java, linguaggi compatibili con Internet Explorer e Netscape, ma non con il mini-browser del Wap. Il protocollo wireless ha bisogno di un linguaggio a parte, il WML (Wireless Markup Language); è quindi necessario, perché un sito sia visualizzabile su cellulare, che sia programmato sia in html sia in WML. Ma il risultato è, per alcuni esperti, comunque deprecabile: il sito sul cellulare si riduce ad una pagina di testo, senza fascino.

La grafica sul Wap è ancora troppo spartana; i pionieri del Web, hanno un triste Deja Vu, nell’usare il Wap: sembra internet dei primordi, prima del suo boom commerciale, lenta ed essenziale nella grafica. Forse, in questo caso, la pubblicità è stata fuorviante: è ancora lontano il momento in cui la navigazione con il cellulare sarà all’altezza di quella con il Pc.

Ad ogni modo, per chi vuole sperimentare il Wap o utilizzare i molti servizi messi a disposizione da diversi operatori, abbiamo selezionato sette modelli di cellulari “wap-compatibili”. Alcatel – One Touch 701
Il modello Alcatel si distingue per l’aspetto sobrio, disponibile in tre colori diversi. Il display è a 8 linee, con grafica animata nei menu. Il peso è di 88 grammi. Il servizio Wab usufruisce di 32 Mb di Ram. Il produttore garantisce più di 7 ore di conversazione con una carica della batteria. Prezzo: 650.000 lire (Iva esclusa).

Ericsson – R 380 world
Questo modello Ericsson si presenta in modo piuttosto compatto, dalle forme squadrate. Il display è a contatto, con i classici strumenti della “tecnologia” PDA, come il calendario e il notepad. Sono assenti, invece, i giochi. Sono garantite quattro ore di conversazione per ogni ricarica. Il modello pesa 163 grammi e costa 1.500.000 lire (Iva esclusa).

Motorola – V.60c
Questo Motorola della serie V., ha dimensioni particolarmente ridotte, che lo rendono piuttosto “piatto” ed essenziale. Il peso è di 103 grammi. Il display grafico non stona nel generale look metallico del prodotto. Tra i molti servizi disponibili, questo modello ha l’identificativo chiamante sull’esterno: per coloro che vogliono sapere da chi arriva la telefonata. Costa 1.300.000 lire (Iva esclusa).

Nokia – 7110
Per Nokia abbiamo scelto un modello classico e già piuttosto noto, dal prezzo ridotto, 499.000 lire (Iva esclusa). Il design è gradevole e fantasioso, dai colori verdi accesi; il peso è di fascia medio-alta: 163 grammi. I modelli Nokia puntano molto sui giochi inclusi, su cui si dilunga molto anche la pubblicità, nel sito ufficiale. Per questo prodotto è previsto anche un Ping Pong stilizzato…

Philips – Az@lis 238
Il cellulare Blu oceano, come dice il sito ufficiale di Philips . Si contraddistingue per il prezzo contenuto, 250.000 lire Iva esclusa, e per la lunga durata della batteria: fino a 6 ore di conversazione e 3 settimane in stand by. Il software T9 permette di aggiungere “simpatiche icone” agli SMS. Sono assenti caratteristiche più avanzate, come le memorie interne e il sistema di riconoscimento vocale.

Samsung – SGH N100 TGV
Samsung presenta un modello disponibile in ben sei colori diversi. L’azienda sostiene che si tratta del cellulare più piccolo al mondo: 105x42x17.5 mm di grandezza per solo 83g di peso. E ‘ possibile gestire i Menu con la voce: basta dire “Wap” e si aprirà il collegamento in rete. Samsung offre anche una grande varietà di giochi: ben 11. Il prezzo è di fascia media: 579.000 lire (Iva esclusa).

Siemens – SL45
Siemens dedica un sito particolarmente curato a questo modello, caratterizzato da un look metallico iper-tecnologico. Lo spessore è ridottissimo: solo 17 mm! Il display è ampio e comodo (a 7 linee), vanto di molti cellulari Siemens. Questo prodotto si distingue soprattutto per la presenza di un lettore Mp3 all’interno, con una memoria fino a 128 mega. Il prezzo è di 1.200.000 lire.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    E te credo...
    ...che verrà utilizzato in JAP: qui da non siamo ancora fermi a quell'inutilità di WAPBleha
  • Anonimo scrive:
    Naturalmente scherzavo...
    Ho riletto il messaggio postato e mi sono reso conto che forse non si capisce che era inteso in senso divertito... insomma, se mai c'era bisogno di dirlo) era solo una battuta un po' folle, ovviamente! :-)Direi anzi che l'idea e' piuttosto simpatica... proprio quello che ci vuole per stimolare la fantasia della gente, troppo spesso sacrificata dal "tecnicismo" eccessivo di certe tecnologie "d'avanguardia".
  • Anonimo scrive:
    E i diritti d'autore?
    Lo si potrebbe pero' anche definire un sistema inventato di sana pianta per sfruttare l'inconsapevole creativita' degli utenti che utilizzerebbero il sistema, che in questo modo realizzano dei personaggi, delle situazioni, degli accorgimenti di animazione grafica totalmente aggratis (anzi, addirittura pagando loro il traffico telefonico) che chiunque (probabilmente la stessa FunMail) potra' utilizzare per usi futuri, e sui quali nessuno potra' accampare diritti, proprio perche' non esiste la possibilita' di risalire agli autori.Il paese dei balocchi in versione GSM.HIHAAA! HIHAAAAA!
Chiudi i commenti