Speciale/ Il PC entra nell'era del PCI Express

Il 2003 sarà l'anno del varo ufficiale di PCI Express, il bus di nuova generazione destinato a rivoluzionare il mondo dei PC, sia desktop che notebook. Entro l'anno sono attesi i primi prodotti. Ecco tutti i dettagli

San Jose (USA) – Fra le tecnologie finite sotto i riflettori dell’Intel Developer Forum (IDF) non poteva non esserci PCI Express , considerata la più importante evoluzione dell’architettura dei PC degli ultimi anni.

PCI Express, formalmente noto con il nome in codice di 3GIO (third generation Input/Output), rappresenta l’erede ufficiale di quel bus, il PCI (Peripheral Component Interconnect), che per oltre una decade è stata la tecnologia d’interconnessione standard dei PC. Lo sviluppo di entrambe le interfacce, inclusa l’evoluzione per server e workstation di PCI, PCI-X , è portato avanti dal PCI-SIG , un consorzio formato, oltre che da Intel, da colossi del calibro di Microsoft, HP, IBM, Dell e AMD.

Logo di PCI Express PCI Express è un’architettura d’interconnessione seriale point-to-point ad alta velocità, multifunzionale e scalabile fino a 10 Gigabit di velocità, destinata a unificare l’architettura di I/O per i PC desktop, i PC portatili, i server, le piattaforme di comunicazione, le workstation e i dispositivi embedded. Inoltre, consoliderà le diverse connessioni parallele di tipo simile (bus) disponibili nelle attuali piattaforme. Oltre ad offrire più banda passante e scalabilità, PCI Express permetterà di ridurre il formato di computer e componenti e porterà con sé funzionalità avanzate che prima d’ora venivano utilizzate solo sui server, quali QoS (quality of service), gestione dei consumi, hot-plug, trasferimenti asincroni, notifica e correzione degli errori.

Dopo la ratifica delle specifiche 1.0 , avvenuta lo scorso luglio, l’industria si sta preparando a rilasciare, per la seconda metà dell’anno, i primi prodotti basati sulla tecnologia PCI Express. All’IDF erano circa una quindicina i produttori che hanno mostrato alcuni prototipi di chip e di sistemi compatibili con il nuovo bus; la stessa Intel ha annunciato, per il 2004, la commercializzazione dei primi chipset – nome in codice Lindenhurst e Twin Castle – integranti il supporto all’interfaccia PCI Express. I due chipset accompagneranno l’arrivo sul mercato di Nocona e Potomac, due step evolutivi dei processori Xeon.

Durante il 2004 Intel ha poi pianificato il rilascio di tutta una nuova gamma di prodotti con il supporto a PCI Express, fra cui chipset per computer desktop e portatili, processori di rete, controller RAID basati sui chip XScale, adattatori e altri componenti Ethernet e Gigabit Ethernet, sistemi di archiviazione, schede madri, e un bridge per l’interconnessione di PCI Express con il cugino PCI-X.

“PCI Express – ha spiegato Intel – offrirà flessibilità, maggiore affidabilità e scalabilità. Nel futuro, sarà più facile personalizzare le impostazioni delle reti wireless dei PC portatili. I genitori saranno in grado di controllare l’accesso dei loro figli a determinati file utilizzando moduli PCI Express Plug and Play installabili secondo necessità. Con PCI Express sarà anche più facile eseguire l’upgrade dei sistemi dotati di più slot PCI Express, che supportano la sostituzione hot swap delle periferiche senza richiedere il reboot. Gli switch PCI Express potrebbero infine fornire ulteriori porte per aumentare la connettività di I/O all’interno di una docking station”.

Ecco gli altri progetti futuri inerenti PCI Express e i cambiamenti che il nuovo bus porterà nel mondo dei PC. Intel ha annunciato di avere in progetto l’apertura di un PCI Express Interoperability Lab e la pubblicazione sul Web del PCI Express Solutions Catalog: il primo dovrebbe aprire i battenti entro giugno ed offrire all’industria la possibilità di testare l’interoperabilità dei propri prodotti basati su PCI Express con i processori, i chip e le piattaforme di Intel; il secondo sarà invece un luogo d’incontro per tutti i vendor che vorranno promuovere i loro prodotti basati sulla nuova interfaccia di connessione.

Dal lato software, Intel garantisce che PCI Express sarà totalmente compatibile con gli attuali BIOS, sistemi operativi, applicazioni e driver, ma per il supporto delle caratteristiche più avanzate – come lo streaming video asincrono – sarà necessario utilizzare software ottimizzato. Secondo alcune fonti non ufficiali Microsoft dovrebbe introdurre il supporto a PCI Express a partire da Longhorn , il successore di Windows XP previsto per la fine del 2004.

L'architettura di un sistema PCI Express Come recitano le FAQ (in PDF) pubblicate presso il sito del PCI-SIG, “PCI Express può essere usato per sostituire le connessioni logiche esistenti, come PCI e AGP”. Questo significa, come confermano anche alcuni dei tecnici che hanno lavorato alla definizione delle prime specifiche del PCI Express, che insieme al PCI potrebbe presto andare in pensione anche la porta AGP (Accelerated Graphics Port) utilizzata, come noto, per la connessione della scheda grafica. PCI Express fornirà infatti una banda passante più che sufficiente per le schede grafiche di nuova generazione e in grado di supportare, in contemporanea, il flusso dati di tutte le periferiche di un PC e delle schede video di nuova generazione.

Ad esempio, l’ultima versione dell’AGP, la 8X, consente di trasferire i dati a circa 2 GB/secondo. In confronto, con le 16 “corsie di dati” fornite da PCI Express, ciascuna delle quali trasferisce i dati in seriale a 2,5 Gb/secondo, è possibile raggiungere velocità di 4 GB/s in entrambe le direzioni.

PCI Express rivoluzionerà anche il mondo dei notebook, dove le vecchie schede PCMCIA lasceranno il posto ad un nuovo tipo di espansioni, chiamate (con poca originalità) New Card, più piccole delle precedenti PC Card e in grado di fornire, grazie al supporto del nuovo bus, una velocità di trasferimento dati che può raggiungere i 2,5 Gb/s. Le prime specifiche dovrebbero essere completate durante il terzo trimestre dell’anno. Fra i vantaggi che il nuovo formato dovrebbe portare con sé vi è il minor consumo di energia, la minore occupazione di spazio, la maggiore velocità e il supporto ad una più vasta gamma di applicazioni per la comunicazione e l’archiviazione dei dati.

Il PCI-SIG sostiene che, almeno inizialmente, PCI Express e PCI-X convivranno sul mercato, questo anche grazie alla possibilità di far coesistere sulla stessa scheda madre slot basati su entrambe le interfacce. PCI-X, che a differenza di PCI Express è un bus parallelo, dunque non morirà, almeno non nell’immediato, ma “continuerà ad essere utilizzato – afferma il PCI-SIG – negli attuali e futuri prodotti in base a quanto deciso dai nostri membri e in accordo alle richieste del mercato”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    RAI:per 99 euro guardo MORANDI e BAUDO
    wow! Io pago il canone da poco, anzi lo devo ancora pagare !Ma proprio non mi rassegno! devo dargli 99 euro per cosa????? Secondo me chi non si ribella e' chi il canone non lo paga... in italia, so' che piu' della meta' delle famiglie non paga il canone.Io trovo sia piu' giusto che di stato ci sia una sola tv, che trasmetta esclusivamente cultura e informazione e non le trasmissioni di Baudo e Morandi. Trovo sia giusto la gente abbia il diritto anche di svagarsi con programmi come quelli della De Filippi, ma non con i soldi del Canone!E poi, scusate, ma Berlusconi non ha il canone eppure di schifezze televisive ne riesce a fare molte lo stesso e allora perche' non vendere due delle tre reti RAI ad un altro soggetto diverso da Berlusconi cosi' da avere anche piu' concorrenza?Io cittadino, italiano, voglio che da un mezzo di informazione pubblica, ci sia una informazione obbiettiva e non al soldo del politico, voglio piu' cultura e se non potete darmela, allora smettete di chiedere i soldi del canone! Se la cultura non fa audience CHISSENEFREGA!!! se non vi importa di quel che dico, smettetela di chiedermi i soldi del Canone!!!! io non sono un vostro utente!!! io mi vergogno di essere un abbonato FORZATO RAI di tutto uno schifo!Saluti. gianni
    • Anonimo scrive:
      Re: RAI:per 99 euro guardo MORANDI e BAU
      - Scritto da: Anonimo
      wow!
      Io pago il canone da poco, anzi lo devo
      ancora pagare !
      Ma proprio non mi rassegno! devo dargli 99
      euro per cosa????? Secondo me chi non si
      ribella e' chi il canone non lo paga... in
      italia, so' che piu' della meta' delle
      famiglie non paga il canone.
      Io trovo sia piu' giusto che di stato ci sia
      una sola tv, che trasmetta esclusivamente
      cultura e informazione e non le trasmissioni
      di Baudo e Morandi. Trovo sia giusto la
      gente abbia il diritto anche di svagarsi con
      programmi come quelli della De Filippi, ma
      non con i soldi del Canone!
      E poi, scusate, ma Berlusconi non ha il
      canone eppure di schifezze televisive ne
      riesce a fare molte lo stesso e allora
      perche' non vendere due delle tre reti RAI
      ad un altro soggetto diverso da Berlusconi
      cosi' da avere anche piu' concorrenza?
      Io cittadino, italiano, voglio che da un
      mezzo di informazione pubblica, ci sia una
      informazione obbiettiva e non al soldo del
      politico, voglio piu' cultura e se non
      potete darmela, allora smettete di chiedere
      i soldi del canone! Se la cultura non fa
      audience CHISSENEFREGA!!! se non vi importa
      di quel che dico, smettetela di chiedermi i
      soldi del Canone!!!! io non sono un vostro
      utente!!! io mi vergogno di essere un
      abbonato FORZATO RAI di tutto uno schifo!
      Saluti.
      gianniSono d'accordo su tutto quanto da te scritto.Solo un appunto: il canone RAI è diventato, con la legge Mammì del 1990, una "tassa sul televisiore" e quindi va pagato per il solo fatto di possedere un sintonizzatore di canali TV (anche se è una semplica scheda per PC).Semmai non si capisce proprio il motivo per il quale una tassa debba essere riscossa dalla RAI ed andare a finire direttamente nelle sue casse.Regola vorrebbe che lo Stato incassasse questo tributo come incassa esattamente tutte le altre imposte e che poi finanziasse eventualmente la RAI (non è detto che tale finanziamento debba essere per forza pari al canone, anzi se i bilanci fossero in attivo non occorrerebbe alcun finanziamento) esattamente come fa con tutte le altre aziende a partecipazione statale.Resta comunque il fatto che privatizzare due reti RAI *prima* di aver mandato Rete4 sul satellite sarebbe ancora più deleterio per la libertà di informazione rispetto alla situazione attuale.E "guarda caso" l'attuale governo ha rimandato ulteriormente di due anni tale obbligo sancito da ben due sentenze della Corte Costituzionale della meta degli anni '80 e che sono state sempre inapplicate da *tutti* i governi che si sono via via succeduti.
      • Anonimo scrive:
        Re: RAI:per 99 euro guardo MORANDI e BAU

        Solo un appunto: il canone RAI è diventato,
        con la legge Mammì del 1990, una "tassa sul
        televisiore" e quindi va pagato per il solo
        fatto di possedere un sintonizzatore di
        canali TVSì, è una legge fatta al tempo di Bettino Craxi, che assegnava le frequenze nazionali ai possessori del momento, e impediva a tutti gli altri di crearne di nuove (vedi caso Odeon tv) era pure vietato alle tv locali di riunirsi per trasmettere dirette tv e far cosi' cassa comune. In pratica, non solo si regolarizzava per legge la situazione di Silvio Berlusconi, ma lo si metteva in una condizione di oligopolio, insieme a Rai, tmc e videomusic.Ora capite perche' Berlusconi era tanto amico di Craxi?
        Semmai non si capisce proprio il motivo per
        il quale una tassa debba essere riscossa
        dalla RAI ed andare a finire direttamente
        nelle sue casse.Ma veniamo alla Rai... Paghiamo perchè possediamo il televisoreMa noi tutti la tassa l'abbiamo già pagata : quando si compra il televisore nel prezzo è compresa l'IVA. Dunque, abbiamo già datoLa RAI giustifica la tassa/canone con la necessità di fornire un sempre miglior Servizio PubblicoLa Rai mente sapendo di mentire : il Servizio Pubblico non esiste. Chi rema contro, chi è e vuole essere fuori dalla omologazione politica è censurato.Ed anche la qualità dei programmi non esiste e dunque non merita un solo centesimo delle nostre tasche. Non siamo un popolo di deficienti da imbonire con le lotterie miliardarie, quiz-show, squadre speciali , trasmissioni fotocopia Mediaset e ....tanta, tanta pubblicità che tanti tanti milioni di euro porta alle casse RAI.E' anticostituzionale che il cittadino paghi 2 volte lo stesso servizio : quello delle Dirette Parlamentari pagato con parte del Canone RAI e quello pagato, sempre con soldi pubblici, ai famelici Radicali che predicano il dio-liberismo ma razzolano dalle nostre terrene tasche.Se queste ragioni vi convincono fate la disdetta dell'abbonamento RAI e non pagate più l'odioso canone/tassa che, oltre il danno la beffa, aumenta anche quest'anno.C'e' una procedura molto semplice per disdire l'abbonamento Rai, il tutto con una lettera allo sportello Sat, e un vaglia di 5 euro in cui si chiede di far sugellare il proprio tv. Chiaramente l'incaricato Rai dovra' venire a casa nostra, a proprie spese, suonare il campanello e chiedere di sugellare il tv (mai successo!) noi qualora venisse.... avremo la possibilita' di aprire la porta (oppure no, se stiamo per uscire e abbiamo un impegno urgente l'incaricato deve ripassare).In italia, sono piu' di un milione gli abbonati che hanno rescisso il contratto.
        Regola vorrebbe che lo Stato incassasse
        questo tributo come incassa esattamente
        tutte le altre imposte e che poi finanziasse
        eventualmente la RAI (non è detto che tale
        finanziamento debba essere per forza pari al
        canone, anzi se i bilanci fossero in attivo
        non occorrerebbe alcun finanziamento)Ogni anno la rai percepisce dalle tasche dell'abbonato sfigato RAI 1.400 milioni di euro!! che assommati agli introiti pubblicitari, i quali secondo me non dovrebbero esistere, (altrimenti perche' dobbiamo mantenere la Rai con il canone???) fanno la bellezza di 2750 milioni di euro, l'equivalente di una manovrina finanziaria del bilancio dello stato, o dei soldi per costruire il ponte sullo stretto di Messina E' troooooppooooooo!!!! Ragazzi questi incassano una cifra astronomica per fare cosa??????????
        Resta comunque il fatto che privatizzare due
        reti RAI *prima* di aver mandato Rete4 sul
        satellite sarebbe ancora più deleterio per
        la libertà di informazione rispetto alla
        situazione attuale.
        E "guarda caso" l'attuale governo ha
        rimandato ulteriormente di due anni tale
        obbligo sancito da ben due sentenze della
        Corte Costituzionale della meta degli anni
        '80 e che sono state sempre inapplicate da
        *tutti* i governi che si sono via via
        succeduti.Rete4 non va' sul satellite perche' incassa ogni anno di trasmissione in chiaro ... 800 milioni di euro in pubblicita' e sponsorizzazioni, sul satellite le digitali tutte quante messe insieme non arrivano ai 200. Resta il fatto che seppure Rete4 fosse in chiaro, e la rai al momento venisse venduta ai privata, avremmo adesso e per i prossimi 3 anni e mezzo la seguente situazione:canale5 italia1 e rete4 di BerlusconiRai1 e Rai2 di un altro diversa aziendaRai3 pubblica (cioe' sempre sotto il controllo di Berlusconi)Adesso invece abbiamo:Rai1, Rai2 e Rai3, canale 5, italia 1 e rete 4 sotto il controllo di Berlusconi.Badate che stavolta il governo non cade! Berlusconi e compagnia bella non hanno la minima intenzione di farlo cadere. Quindi, salvo miracoli, per 3 , 4 anni le cose staranno cosi'...non e' una bella prospettiva.Io disobbedisco! per le istruzioni sul come non pagare il canone, le pubblico con il prossimo interventogianni
    • Anonimo scrive:
      Re: RAI:per 99 euro guardo MORANDI e BAU
      E allora quando la Rai era comunista?e' meglio adesso che c'e' Berlusconi, possiamo sentire qualche opinione piu' giusta.Il canone è giusto così possiamo vedere Quark e tutti i Tg. E poi ogni tanto noi Romani, possiamo andare ospiti alle trasmissioni che fanno, cosi' possiamo vedere anche il dietro le quinte della televisione.Se le tv fossero tutte a Milano, come le mediaset, come faremmo?Luigi
      • Anonimo scrive:
        Re: RAI:per 99 euro guardo MORANDI e BAU
        Bene, io che abito a Milano e in TV non me nefrega niente di andarci ti spedisco il mio cedolinoil prossimo anno, così me lo paghi tu.Cesare - Scritto da: Anonimo
        E allora quando la Rai era comunista?
        e' meglio adesso che c'e' Berlusconi,
        possiamo sentire qualche opinione piu'
        giusta.

        Il canone è giusto così possiamo vedere
        Quark e tutti i Tg.
        E poi ogni tanto noi Romani, possiamo andare
        ospiti alle trasmissioni che fanno, cosi'
        possiamo vedere anche il dietro le quinte
        della televisione.
        Se le tv fossero tutte a Milano, come le
        mediaset, come faremmo?

        Luigi
        • Anonimo scrive:
          Re: RAI:per 99 euro guardo MORANDI e BAU
          Andiamo, basta con tutte queste storie che non volete pagare il canone, proprio voi Milanesi.La Rai è una azienda nazionale seria, altro che stupidate di Telestreet. E' finita l'era di quel morto di Enzo Biagi e di quegli scemi dell'ottavo nano, è iniziata una nuova era di informazione e satira piu' seria. Eppoi come facevamo senza la rai nel dopoguerra? Sai quanti figli in più che sarebbero nati?Luigi
      • Anonimo scrive:
        Re: RAI:per 99 euro guardo MORANDI e BAU
        - Scritto da: AnonimoHo capito che il tuo messaggio è ironico, ma rispondo ad esso facendo finta che non lo sia :-)
        E allora quando la Rai era comunista?La RAI non è mai stata comunista, lo era RAI3 fino al 1990
        e' meglio adesso che c'e' Berlusconi,
        possiamo sentire qualche opinione piu'
        giusta.Giusta per te, ma non per tutti.E un servizio pubblico deve far ascoltare la voce di tutti.
        Il canone è giusto così possiamo vedere
        Quark e tutti i Tg. Il canone non è né giusto, né sbagliato, è una tassa sul possesso di un apparato ricevente di trasmissioni TV e come tale va pagata da chi lo possiede.
        E poi ogni tanto noi Romani, possiamo andare
        ospiti alle trasmissioni che fanno, cosi'
        possiamo vedere anche il dietro le quinte
        della televisione.
        Se le tv fossero tutte a Milano, come le
        mediaset, come faremmo?In effetti questo è un problema gravissimo, altro che il conflitto in Irak.
        • Anonimo scrive:
          Re: RAI:per 99 euro guardo MORANDI e BAU

          Il canone non è né giusto, né sbagliato, è
          una tassa sul possesso di un apparato
          ricevente di trasmissioni TV e come tale va
          pagata da chi lo possiede.Ragazzi! Non esistono tasse giuste o sbagliate, va bene, ma i nostri soldi, vanno spesi bene! Io credo sarebbe piu' opportuno fossero spesi per cose utili, non FUTILI, a quello ci pensiamo noi.Ti faccio un esempio: il bollo auto, tutti lo dobbiamo pagare per il semplice fatto di possedere l'automobile, ma nessuno sognerebbe mai di spendere quei soldi per mantenere gli autogrill che stanno sulle autostrade, semplicemente perche' sono un servizio pubblico per gli automobilisti.Ebbene, io vedo il quiz show, le trasmissioni di Morandi, di Baudo, e compagnia cantando, trasmissioni che sicuramente tutti possono vedere e magari alcuni anche trovare piacevoli, ma non per questo devono attingere dai fondi pubblici per essere mantenute. Perche'???? Eppure se giriamo canale, ne troviamo anche fatte di meglio, non ci mancano di certo trasmissioni di svago, e tra l'altro anche a costo zero per l'abbonato rai.Pertanto essendo io un cittadino italiano, con una coscienza, una testa per capire e prendere decisioni, ho il sacrosanto dovere di dire no.No all'abuso della destinazione di introiti derivanti dalle tasse alla RAI.No alla RAI di tutto uno schifo.No al canone sulla televisione che viene poi girato alla RAI di tutto uno schifo.Saluti.Gianni
          • Anonimo scrive:
            Re: RAI:per 99 euro guardo MORANDI e BAU
            - Scritto da: Anonimo

            Il canone non è né giusto, né sbagliato, è

            una tassa sul possesso di un apparato

            ricevente di trasmissioni TV e come tale va

            pagata da chi lo possiede.

            Ragazzi!*Putroppo* non sono più ragazzo :-)
            Non esistono tasse giuste o sbagliate, va
            bene, ma i nostri soldi, vanno spesi bene! Giusto.
            Io credo sarebbe piu' opportuno fossero
            spesi per cose utili, non FUTILI, a quello
            ci pensiamo noi.Giusto.
            Ti faccio un esempio: il bollo auto, tutti
            lo dobbiamo pagare per il semplice fatto di
            possedere l'automobile, ma nessuno
            sognerebbe mai di spendere quei soldi per
            mantenere gli autogrill che stanno sulle
            autostrade, semplicemente perche' sono un
            servizio pubblico per gli automobilisti.Ottimo esempio! :-)
            Ebbene, io vedo il quiz show, le
            trasmissioni di Morandi, di Baudo, e
            compagnia cantando, trasmissioni che
            sicuramente tutti possono vedere e magari
            alcuni anche trovare piacevoli, ma non per
            questo devono attingere dai fondi pubblici
            per essere mantenute. Perche'???? Eppure seDono d'accordissimo con te.
            giriamo canale, ne troviamo anche fatte di
            meglio, non ci mancano di certo trasmissioni
            di svago, e tra l'altro anche a costo zero
            per l'abbonato rai.Esatto.
            Pertanto essendo io un cittadino italiano,
            con una coscienza, una testa per capire e
            prendere decisioni, ho il sacrosanto dovere
            di dire no.Ci mancherebbe che ciò ti fosse impedito.
            No all'abuso della destinazione di introiti
            derivanti dalle tasse alla RAI.Se per "abuso" intendi i soldi spesi dallo stato per trasmissioni di puro svago, sono d'accordo con teMa il primo punto essenziale è ripensare e *ridefinire* il servizio pubblico TV.Per me per potersi definire tale dovrebbe essere formato da una sola rete con informazione continue sullo stile della CNN (o di RaiNews24), con dirette parlamentari e dei vai consigli di degli Enti Locali, con i "programmi dell'acesso" molto più estesi degli attuali 10 minuti quotidiani e con pochi altri progammi che possono configurarsi come "servizio pubblico" (tipo Mi Manda Rai Tre e vari programmi di approfondimento di diverse tematiche come Quark, RAI Educational ecc.).E sopratutto senza alcuna pubblcità.
            No alla RAI di tutto uno schifo.
            No al canone sulla televisione che viene poi
            girato alla RAI di tutto uno schifo.E questo infatti è il secondo punto essenziale.Un servizio pubblico configurato come descritto sopra sarebbe doveroso tenerlo in piedi ma in ogni caso la RAI non dovrebbe automaticamente ricevere tutti gli introiti derivanti dal canone.Dovrebbe essere lo Stato ad incassare questo tributo (esattamente come incassa *tutti* gli altri tributi statali) e poi sovvenzionare il servizio pubblico esattamente come sovvenziona tutti gli altri servizi pubblici.
          • Anonimo scrive:
            Re: RAI:per 99 euro guardo MORANDI e BAU

            Se per "abuso" intendi i soldi spesi dallo
            stato per trasmissioni di puro svago, sono
            d'accordo con te
            Ma il primo punto essenziale è ripensare e
            *ridefinire* il servizio pubblico TV.

            formato da una sola rete con
            informazione continue sullo stile della CNN...
            E sopratutto senza alcuna pubblcità.D'accordo! una sola rete e' piu' che sufficiente, questa proposta ho intenzione di passarla ai girotondini, sono sicuro che dopo la campagna contro Berlusconi e il suo potere televisivo, sarebbe una ottima battaglia da portare avanti e che Prodi probabilmente manderebbe in porto, una volta diventato presidente del consiglio.
            il secondo punto:
            la RAI non dovrebbe
            automaticamente ricevere tutti gli introiti
            derivanti dal canone.
            Dovrebbe essere lo Stato ad incassare questo
            tributo (esattamente come incassa *tutti*
            gli altri tributi statali) Purtroppo queste tue, sono parole, come le mie, ma di tanti bei propositi fatti sulla Rai, da vent'anni a questa parte... quanti sono stati attuati.Soprattutto per cambiare le cose, abbiamo bisogno di fatti.Un fatto, e' che sicuramente Rai1 e Rai2 possono essere vendute, come ? con un Referendum Abrogativo.Il quesito e' il seguente:Vuoi abrogare la norma che prevede la partecipazione del ministero del Tesoro, nelle Tv pubbliche?Ragazzi! e insisto su questo punto :) aiutatemi a togliermi questo pelo dallo stomaco, aderite alla proposta di referendum per la RAI.Una Rai migliore e' meglio di tre RAI di tutto uno schifo.SalutiGianni
  • Anonimo scrive:
    Una cosa utile...
    Sono di Bologna, e sul giornale locale ci fu un articolo su Orfeo tv: è una tv condominiale, Che non deve pagare NULLA alla SIAE (perchè non rientra tra le trasmissioni pubbliche, ma tra le visioni private). Con questo escamotage noleggiano una videocassetta e a un costo nullo (dividete il costo del noleggio per 20 inquilini del condominio...), e ogni sera si vedono un film che era nelle sale pochi mesi prima... Basta attaccare l'antenna al videoregistratore (esiste il modo).Solo questo è già un bel vantaggio.Poi tutto il resto... ottima idea a mio parere,al di là della politica
  • vb scrive:
    Serve solo per i media
    E' una cosa che puo' interessare solo ai giornalisti :-) Quello che loro vorrebbero fare con la TV lo fa gia' Internet meglio e a costo migliore. E' vero che esiste una percentuale di popolazione che Internet non sa nemmeno cosa sia, ma quella non e' comunque interessata ad alternative a Gerry Scotti, anche se televisive.
  • Anonimo scrive:
    Hanno rovinato tutto
    Quell'attacco agli USA fa schifo
    • Anonimo scrive:
      Re: Hanno rovinato tutto
      - Scritto da: Anonimo
      Quell'attacco agli USA fa schifoSe è per questo fanno schifo anche gli USA.
  • Anonimo scrive:
    E' solo politica......
    E' solo politica........... di un colore o dell'altro è sempre politica.Non frega nulla a nessuno del pluralismo e della verità dei fatti da riportare, è solo l'ultima baggianata di una certa sinistra che ancora non si rassegna. Lo stesso vale per qualsiasi altra forza politica, dx o sx che sia.Sempre più sterco in tv........
    • Anonimo scrive:
      Re: E' solo politica......
      - Scritto da: Anonimo
      è solo
      l'ultima baggianata di una certa sinistra
      che ancora non si rassegna.

      Lo stesso vale per qualsiasi altra forza
      politica, dx o sx che sia.Ma speriamo proprio di no!Spero non sia una trovata politica, anche perche` di politica, di destra, di sinistra, di sopra, di sotto, di nel mezzo, di un po' piu` in la`... quasi tutto il mondo dei non-politici si dovrebbe a questo punto essere rotto i cosidetti.A me l'iniziativa pare buona. Una buona idea, ecco.Poi per quel che riguarda le idee per le trasmissioni, uhm... in effetti qui mi viene un sospetto. Che e`? vogliono sfilare tutti a trasmettere le stesse cose prendendole da un "palinsesto comune"? no, no, tutti devono poter trasmettere quello che vogliono. Ecco, se funziona cosi`, allora e` una buona idea. Ma se c'e` dietro un'organizzazione centralizzata, allora non vedo proprio dove stia la differenza fra loro e la RAI, e/o mediaset eccetera...Senza voler offendere nessuno, sono meramente opinioni.(non si sa mai, a seconda di quello che dici su questo forum ti mangiano, ci son certi pignoloni che io, in fatto di presunzione, non valgo una cicca rispetto a loro... e anche la pignoleria puo` essere una forma di censura... ma insomma sto scadendo OT)
  • Anonimo scrive:
    Sono da ammirare
    A parte le idee politiche, queste persone sono da ammirare perche', nel loro piccolo, si ribellano all'informazione dominante. Hanno una coscienza attiva, come ce l'ha solo una stretta minoranza delle persone.E' questa la loro debolezza: pochi illuminati in un mondo di indifferenti non contano un cazzo. Ma se, non dico tutti, ma il 10% delle persone risvegliassero la loro coscienza la situazione potrebbe essere molto diversa.NB: per "coscienza" non intendo la coscienza morale, come il grillo parlante, ma il fatto di essere coscienti di quello che succede nel mondo, al di la delle apparenze fornite dal potere informativo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono da ammirare
      Ma sparati.Ci sono modi e modi di ribbelarsi.Ad esempio io spengo la tv. Se tutti spegnessero la tv credi che esisterebbe ancora? Credi che rimanderebbero in onda le stesse tramsmissioni di merda con maria de filippi&company?Ci sono modi e modi di ribbellarsi.
  • Anonimo scrive:
    Poteva essere...
    ....una iniziativa interessante ed indipendente, volta alla piena liberalizzazione dell' etere e dell' informazione, un passo avanti verso una futura (si spera) abolizione del canone, dei vincoli trasmissivi, di una generalizzata libertà di espressione a 360 gradi. Ma hanno dovuto metterci in mezzo come al solito la politica e le menate estremasinistroidi antiamericane (dimenticandosi un po' di altri paesi che con l' america hanno molto a spartire... anche se a prima vista non si direbbe). Peccato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Poteva essere...
      In questi casi c'e' sempre chi fa e chi critica.Tu da che parte stai?
      • Anonimo scrive:
        Re: Poteva essere...
        - Scritto da: Anonimo
        In questi casi c'e' sempre chi fa e chi
        critica.

        Tu da che parte stai?Dalla parte di chi FA ma NON SI FA strumentalizzare.Altrimenti è meglio non fare, se bisogna scacciare un tiranno per favorirne un altro (cfr. Mosca 1917)E tu da che parte stai ?Spero non da quella di chi piange sulla tomba di Joseph O'Dell e poi si dimentica che 15000 km piu' in la si giustizia con una pedata nella schiena ed un colpo di pistola alla testa anche per crimini informatici.
    • Anonimo scrive:
      Re: Poteva essere...
      - Scritto da: Anonimo
      ....una iniziativa interessante ed
      indipendente, volta alla piena
      liberalizzazione dell' etere e dell'
      informazione, un passo avanti verso una
      futura (si spera) abolizione del canone, dei
      vincoli trasmissivi, di una generalizzata
      libertà di espressione a 360 gradi. Ma hanno
      dovuto metterci in mezzo come al solito la
      politica la sinistra riuscirebbe a strumentalizzare anche un pino in alta montagna.. ricordo le grasse risate quando dopo il bellissimo corteo per la pace a cui hanno partecipato italiani di tutte le idee politiche (anche quelli che vedono la guerra necessaria come ultima risorsa), dopo i canti , le ballate, le lacrime, Rutelli se ne esce con la dichiarazione "questo corteo dimostra chiaramente come gli italiani qui riuniti siano contro questo governo" AAAARGHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHCmq depurata dalle idiote idee politiche di parte, mi pare un'ottima soluzione, inoltre non so fino a che punto un trasmettitore di questo tipo sia illegale uscendo con pochi milliwatt, credo esista un limite entro il quale sia consentito trasmettere in modo amatoriale, un po' come avviene per i trasmettitori fm.Lasciamo i "trasmettitori contro" alla solita sinistra estremista e teniamoci l'idea per andare "a favore" della circolazione pluralista delle idee.. che siano di sinistra o destra o centro o giacciano su un piano cartesiano
      • Anonimo scrive:
        Re: Poteva essere...

        inoltre
        non so fino a che punto un trasmettitore di
        questo tipo sia illegale uscendo con pochi
        milliwatt, credo esista un limite entro il
        quale sia consentito trasmettere in modo
        amatoriale, un po' come avviene per i
        trasmettitori fm.credi?? esistono delle leggi. e non lo credo soltanto, sono sicuro. Una di queste si chiama LEGGE 6 agosto 1990, n. 223.Art. 2 Comma 1La radiodiffusione di programmi radiofonici e televisivi è effettuata dalla società concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo. Può inoltre essere affidata mediante concessione, ai sensi della presente legge, ai soggetti di cui all'articolo 16, nonché mediante autorizzazione secondo le modalità di cui agli articoli 38 e seguenti della legge 14 aprile 1975, n. 103, e successive modificazioni. a 2 clic dalla pagina della notizia. basta leggere.
        • Anonimo scrive:
          Re: Poteva essere...
          - Scritto da: Anonimo
          credi?? esistono delle leggi
          Art. 2 Comma 1
          La radiodiffusione di programmi radiofonici
          e televisivi è effettuata dalla società
          concessionaria del servizio pubblico
          radiotelevisivo. Può inoltre essere affidata
          mediante concessione, ai sensi della
          presente legge, ai soggetti di cui
          all'articolo 16, nonché mediante
          autorizzazione secondo le modalità di cui
          agli articoli 38 e seguenti della legge 14
          aprile 1975, n. 103, e successive
          modificazioni. ottimo ma che succede se io non trasmetto un "programma radiofonico?", del resto esistono migliaia di trasmettitori FM a bassa potenza che si vendono ogni giorno e nessun giudice ha mai pensato di sequestrarli o dichiararli illegali da 20 anni a questa parte, quindi e' lecido chiedersi se queste leggi siano aggirabili in qualche modo o se magari ci sia un certo grado di tolleranza
      • Anonimo scrive:
        Re: Poteva essere...

        la sinistra riuscirebbe a strumentalizzare
        anche un pino in alta montagna.. ricordo le
        grasse risate quando dopo il bellissimo
        corteo per la pace a cui hanno partecipato
        italiani di tutte le idee politiche (anche
        quelli che vedono la guerra necessaria come
        ultima risorsa), dopo i canti , le ballate,
        le lacrime, Rutelli se ne esce con la
        dichiarazione "questo corteo dimostra
        chiaramente come gli italiani qui riuniti
        siano contro questo governo"
        AAAARGHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHbahse per sinistra intendi quel coso che e' rutelli allora sei proprio ridotto male, anzi a dire il vero ce ne sono parecchi ridotti male.questa e' la mia opinione, povera, stupida, da becero, da 'estremista' quanto vuoi ma e' la mia opinione e non puoi permetterti di dire che e' sbagliata, non ne hai la possibilita'. io penso con un cervello, tu pensi con un altro cervello, con buone probabilita' il tuo (non posso saperlo) in fondo esiste liberta' di espressione in italia..ops... questa me la potevo risparmiare, magari qualcuno raccontandola la trasforma in barzelletta :P'bona
    • Akiro scrive:
      Re: Poteva essere...
      allora la generale libertà di espressione vai a guardarla sulla Rai.bai
      • Anonimo scrive:
        Re: Poteva essere...
        - Scritto da: Akiro
        allora la generale libertà di espressione
        vai a guardarla sulla Rai.
        baiCerto, magari su RAI 3. Oppure sulla Rai di 3 anni fa.Ma ovviamente quando la TV la monopolizza Berslusconi e' conflitto d' Interesse, quando la monopolizza l' Ulivo e' una grande vittoria del pluralismo.
        • Anonimo scrive:
          Re: Poteva essere...
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: Akiro

          allora la generale libertà di espressione

          vai a guardarla sulla Rai.

          bai

          Certo, magari su RAI 3.
          Oppure sulla Rai di 3 anni fa.
          Ma ovviamente quando la TV la monopolizza
          Berslusconi e' conflitto d' Interesse,
          quando la monopolizza l' Ulivo e' una grande
          vittoria del pluralismo.L'ulivo (o qualunque altro soggetto) non possiede tre televisioni nazionali private, ti sfugge questo "particolare"?
          • Anonimo scrive:
            Re: Poteva essere...
            - Scritto da: Anonimo
            L'ulivo (o qualunque altro soggetto) non
            possiede tre televisioni nazionali private,
            ti sfugge questo "particolare"?ne sei davvero sicuro?dal 1950 al 1980 la televisione italiana era controllata da qualcuno, credo.non e' mai stato un problema per nessuno. La spartizione della riforma bernabei scandalizzo' un solo partito in italia (quelli che ora non sono in parlamento).non serve possedere per controllare, e non si controlla possedendociao!
          • Anonimo scrive:
            Re: Poteva essere...
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            L'ulivo (o qualunque altro soggetto) non

            possiede tre televisioni nazionali private,

            ti sfugge questo "particolare"?


            ne sei davvero sicuro?

            dal 1950 al 1980 la televisione italiana era
            controllata da qualcuno, credo.

            non e' mai stato un problema per nessuno.
            La spartizione della riforma bernabei
            scandalizzo' un solo partito in italia
            (quelli che ora non sono in parlamento).Fino al 1948 in Italia le donne non potevano votare.Questo ti basterebbe per giustificare la "giustezza" di un provvedimento che impedirebbe di nuovo alle donne di votare?Per fortuna le cose cambiano e le esigenze dei cittadini si fanno più "sofisticate".Se si sbagliava in passato questo non giustifica lo sbagliare anche oggi.Resta il fatto che la lotizzazione della RAI è stata fatta da *tutti* i governi che si sono via via avvicendati (è il metodo dello "spoil system" praticato in tutte le nazioni del mondo).La cosa diversa questa volta è che il capo del governo è anche proprietario delle tre più importanti TV nazionali private.E questa invece è un'anomanlia *solo* italiana.
            non serve possedere per controllare, e non
            si controlla possedendoBalle, in una qualunque Società di Capitale la proprietà elegge gli amministratori in quali nominano i direttori della gestione.Dai una lettura al codice civile se puoi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Poteva essere...

            Resta il fatto che la lotizzazione della RAI
            è stata fatta da *tutti* i governi che si
            sono via via avvicendati (è il metodo dello
            "spoil system" praticato in tutte le nazioni
            del mondo).
            La cosa diversa questa volta è che il capo
            del governo è anche proprietario delle tre
            più importanti TV nazionali private.
            E questa invece è un'anomanlia *solo*
            italiana.anomalia democratica, visto che Berlusconi e' stato eletto con la *stragrande* maggioranza dei voti e proprio per effetto della martellante demonizzazione televisiva della sinistra, chi non ricorda ne il "raggio rosso" di santoro (il minuscolo e' d'obbligo) le accuse di mafia, di stragismo, di terrorismo portate avanti per ore e ore con tanto di telefonate a un Berlusconi che si difendeva con: "no mi consenta, io non sono stragista". In qualunque altra Nazione al mondo nessuno avrebbe votato un magnate delle tv, in Italia lo si e' fatto solo perche' l'alternativa e' raccapricciante

            non serve possedere per controllare, e non

            si controlla possedendo

            Balle, in una qualunque Società di Capitale
            la proprietà elegge gli amministratori in
            quali nominano i direttori della gestione.e ancora questo non vuol dire che si controlli nulla, non mi pare che questa tv di stato sia di parte (tranne rai 3 che e' spudoratamente di sx) come lo era qualche anno fa, anche perche' se lo fosse (anche lontanamente) vedremmo i giornalisti incatenati e imbavagliati davanti a palazzo Chigi.Smettete di piangervi addosso, avete perso, cercate di risollevarvi proponendo idee alternative, come faceva la dx all'opposizione, fino ad ora la cosa piu' contreta e "seria" che si e' vista, e' stato il girotondo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Poteva essere...
            - Scritto da: Anonimo

            Resta il fatto che la lotizzazione della RAI

            è stata fatta da *tutti* i governi che si sono

            via via avvicendati (è il metodo dello "spoil

            system" praticato in tutte le nazioni del mondo).

            La cosa diversa questa volta è che il capo

            del governo è anche proprietario delle tre

            più importanti TV nazionali private.

            E questa invece è un'anomanlia *solo*

            italiana.

            anomalia democratica, visto che Berlusconi
            e' stato eletto con la *stragrande*
            maggioranza dei voti e proprio per effettoAnche Hitler (non sto paragoinando Hitler a Berlusconi sia chiaro, faccio un esempio estramo per far capire il concetto) era stato democraticamente eletto con la *stragrande* maggioranza dei voti.La "repubblica di Weimar" era configurata in modo tale da consentire l'ascesa al potere di totalitarismi di qualsiasi tipo, oggi per fortuna la Germania non ha più quel tipo di assetto costituzionale e istituzionale.In Italia invece è consentito ciò che non è consentito in NESSUN'altra parte del mondo, ossia:1) che un singolo soggetto sia proprietario di tre televisioni nazionali;2) che questo stesso soggetto venga eletto presidente del consiglio senza prima vendere tutti i beni di sua proprietà che potrebbero essere oggetto di conflitto di interessi.
            della martellante demonizzazione televisiva
            della sinistra, chi non ricorda ne il
            "raggio rosso" di santoro (il minuscolo e'
            d'obbligo) le accuse di mafia, di stragismo,
            di terrorismo portate avanti per ore e ore
            con tanto di telefonate a un Berlusconi che
            si difendeva con: "no mi consenta, io non
            sono stragista". Non sono accuse di Santoro (il fartto che non metti il suo nome in maiuscolo è indice di quanto rispetto tu abbia per le idee diverse dalle tue, io non scrivo "berlusconi" pur non amando affatto tale personaggio), sono capi di imputazione di più Procure della Repubblica italiane e anche di una spagnola (nel caso volessi l'elenco completo chiedimelo che lo invio in un prossimo messaggio).Processi che sono stati fortemente ostacolati con leggi ad hoc fatte dal governo Craxi degli anni '80 e dall'attuale governo che ha passato il primo anno e mezzo del suo mandato quasi esclusivamente a far leggi e leggine salva-Berlusconi e "compagni di merende" (mandato di cattura europeo che esclude i reati di corruzione, rogatorie rese quasi impossibili da effettuarsi, depenalizzazione del falso in bilancio, legge sul rientro dei capitali sporchi dall'estero, legge Cirami, condoni fiscali tombali, decreto salva-calcio e quello che impedisce di fatto di avere il rimborso dalle assicurazioni per il "cartello" dal loro creato e, prossimamente, vedrai, anche il ripristino dell'immunità parlamentare *totale*).
            In qualunque altra Nazione al mondo nessuno
            avrebbe votato un magnate delle tv, inNon è preciso, in qualunque altra nazione dell'occidente demoratico nessuno avrebbe POTUTO votare un magnate delle tv se quest'ultimo non si fosse prima "spogliato" di tutti i suoi beni in sospetto di conflitto di interessi (e sicuramente di tutte le sue TV a diffusione nazionale).
            Italia lo si e' fatto solo perche'
            l'alternativa e' raccapricciante Questo è un tuo giudizio.


            non serve possedere per controllare, e non


            si controlla possedendo



            Balle, in una qualunque Società di Capitale

            la proprietà elegge gli amministratori in

            quali nominano i direttori della gestione.

            e ancora questo non vuol dire che si
            controlli nulla, non mi pare che questa tv
            di stato sia di parte (tranne rai 3 che e'
            spudoratamente di sx) come lo era qualche
            anno fa, anche perche' se lo fosse (anche
            lontanamente) vedremmo i giornalisti
            incatenati e imbavagliati davanti a palazzo
            Chigi.Nel tuo messaggio precedente credevo parlassi delle reti Mediaset, chiedo scusa.Comunque, ripeto, il fatto che un nuovo governo lottizzi selvaggiamente tutti gli incarichi pubblici, e quindi anche quelli della televisione pubblica, succede in tutto il mondo e anche l'attuale governo l'ha fatto, quello che è inammissibile invece è avere un presidente del Consiglio che sia proprietario delle tre più imortanti televisioni nazionali private.Questo non sarebbe consentito in nessuna nazione al mondo che voglia considerarsi civile.Per quanto riguarda i giornalisti incatenati e imbavagliati davanti a palazzo Chigi non mi pare proprio che questo sia lo stile di protesta di un uomo pacato e saggio come Enzo Biagi :-)
            Smettete di piangervi addosso, avete perso,Piangervi? Avete? Avete chi?
            cercate di risollevarvi proponendo idee
            alternative, come faceva la dxQui la mia interpretazione dei fatti è un po' diversa dalla tua ma questo è fisiologico e giusto in una democrazia.
            all'opposizione, fino ad ora la cosa piu'
            contreta e "seria" che si e' vista, e' stato
            il girotondo.Che c'è di male a manifestare facendo dei girotondi piuttosto che ballare o fare comizi o quant'altro?Nella manifestazione di Roma indetta dal Polo qualche hanno fa tutti (compreso Fini, Berlusconi, Casini e Buttiglione sul palco!) saltellavano cantando il coro calcistico "Chi non salta, di sinistra è, è!".Non mi pare che in quella occasione qualcuno abbia mai (giustamente) criticato tale modo goliardico di manifestare.Buona domenica.Sigma
          • Anonimo scrive:
            Re: Poteva essere...

            Anche Hitler (non sto paragoinando Hitler a
            Berlusconi sia chiaro, faccio un esempio
            estramo per far capire il concetto) era
            stato democraticamente eletto con la
            *stragrande* maggioranza dei voti.Questo e' un falso, non e' proprio cosi'. Aveva la maggioranza relativa, non assoluta, ed e' stato nominato cancelliere sotto la pressione delle SANon che c'entri nulla con l'articolo ovvio
      • Anonimo scrive:
        Re: Poteva essere...
        - Scritto da: Akiro
        allora la generale libertà di espressione
        vai a guardarla sulla Rai.
        baiVai a fare i girotondi, di meglio non ti riesce.
      • Anonimo scrive:
        Re: Poteva essere...
        - Scritto da: Akiro
        allora la generale libertà di espressione
        vai a guardarla sulla Rai.
        bainon e' che se uno non e' antiamericano allora non gode di liberta' di espressione...
        • Anonimo scrive:
          Re: Poteva essere...
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Akiro

          allora la generale libertà di espressione

          vai a guardarla sulla Rai.

          bai

          non e' che se uno non e' antiamericano
          allora non gode di liberta' di
          espressione...No...gode di libertà di espressione chi è disposto a lottare per averla, sia esso di destra o di sinistra o di su o di giù.Loro hanno dimostrato di essere disposti a farlo (e di accettarne le conseguenze)!Se la vuoi anche tu, nessuno ti vieta di farti la tua "Vt Oefro" filoamericana o filoberlusconiana o filoulivista o girotondina o madamadorèina...Il loro (o il suo, o il nostro, o il vostro...) antiamericanismo fa parte proprio della libertà di espressione: loro sono liberi di esserlo (ma soprattutto di esprimerlo) e tu sei liberissimo di non esserlo (e soprattutto di esprimerlo con i mezzi che ritieni necessari, con delle pagine web, con una tv "di quartiere" o in un angolo del Parco Sempione)Saluti liberi ;)
    • Bigfoot scrive:
      Re: Poteva essere...
      - Scritto da: Anonimo
      ....una iniziativa interessante ed
      indipendente, volta alla piena
      liberalizzazione dell' etere e dell'
      informazione, un passo avanti verso una
      futura (si spera) abolizione del canone, dei
      vincoli trasmissivi, di una generalizzata
      libertà di espressione a 360 gradi. Ma hanno
      dovuto metterci in mezzo come al solito la
      politica e le menate estremasinistroidi
      antiamericane (dimenticandosi un po' di
      altri paesi che con l' america hanno molto a
      spartire... anche se a prima vista non si
      direbbe). Tipo l'Italia o la Gran Bretagna?
      Peccato.
      • Anonimo scrive:
        Re: Poteva essere...

        Ma
        hanno

        dovuto metterci in mezzo come al solito la

        politica e le menate estremasinistroidi

        antiamericane (dimenticandosi un po' di

        altri paesi che con l' america hanno
        molto a

        spartire... anche se a prima vista non si

        direbbe).

        Tipo l'Italia o la Gran Bretagna?Cito dalla notizia :"Nel manifesto di Telestreet anche una forte connotazione antiamericana. Gli USA vengono definiti un "impero" ipocrita e Bush un Caligola redivivo"Premesso che Bush e' la peggior disgrazia che sia capitata agli Stati Uniti ultimamente, visto che e' stata usata la parola impero potrei aggiungere :Tipo la Francia, la cui recente verve pacifista non dovrebbe far dimenticare il recente passato *imperialista* , la "Grandeur" francese nel corredo genetico e il nazionalismo sfrenatoTipo Israele che da vittima e' diventato carnefice ed occupa ancora oggi territori frutto di *conquiste* passate.O magari la Russia che cerca ancora di tenere insieme i pezzi del suo *impero* a suon di carriarmati, vedi Cecenia (oleodotti, oleodotti, oleodotti...) è cosi' tanto diversa dall' America ?O per esempio la Cina, che si e' *espansa* nel tibet da decine di anni senza che nessuno abbia detto nienteSenza dimenticare l' Iraq che per allargare il suo sbocco al mare ha fatto anni di guerra all' Iran e poi ha *invaso* il KuwaitO il Vietnam del Nord (che si e' *inglobato* il Vietnam del Sud non appena gli americani si sono ritirati) o la Corea del Nord che ci ha provato con quella del Sud.Dell' Africa poi non ne parliamo, li si scannano un giorno si e uno no, ma figuriamoci se i pacifisti possono perdere tempo a manifestare per la Namibia o il Burundi, non c'e' neppure un misero staterello occidentale coinvolto...
        • Bigfoot scrive:
          Re: Poteva essere...
          - Scritto da: Anonimo


          Ma

          hanno


          dovuto metterci in mezzo come al
          solito la


          politica e le menate estremasinistroidi


          antiamericane (dimenticandosi un po' di


          altri paesi che con l' america hanno

          molto a


          spartire... anche se a prima vista non
          si


          direbbe).



          Tipo l'Italia o la Gran Bretagna?

          Cito dalla notizia :

          "Nel manifesto di Telestreet anche una forte
          connotazione antiamericana. Gli USA vengono
          definiti un "impero" ipocrita e Bush un
          Caligola redivivo"

          Premesso che Bush e' la peggior disgrazia
          che sia capitata agli Stati Uniti
          ultimamente, visto che e' stata usata la
          parola impero potrei aggiungere :

          Tipo la Francia, la cui recente verve
          pacifista non dovrebbe far dimenticare il
          recente passato *imperialista* , la
          "Grandeur" francese nel corredo genetico e
          il nazionalismo sfrenato

          Tipo Israele che da vittima e' diventato
          carnefice ed occupa ancora oggi territori
          frutto di *conquiste* passate.

          O magari la Russia che cerca ancora di
          tenere insieme i pezzi del suo *impero* a
          suon di carriarmati, vedi Cecenia
          (oleodotti, oleodotti, oleodotti...) è cosi'
          tanto diversa dall' America ?

          O per esempio la Cina, che si e' *espansa*
          nel tibet da decine di anni senza che
          nessuno abbia detto niente

          Senza dimenticare l' Iraq che per allargare
          il suo sbocco al mare ha fatto anni di
          guerra all' Iran e poi ha *invaso* il Kuwait

          O il Vietnam del Nord (che si e' *inglobato*
          il Vietnam del Sud non appena gli americani
          si sono ritirati) o la Corea del Nord che ci
          ha provato con quella del Sud.

          Dell' Africa poi non ne parliamo, li si
          scannano un giorno si e uno no, ma
          figuriamoci se i pacifisti possono perdere
          tempo a manifestare per la Namibia o il
          Burundi, non c'e' neppure un misero
          staterello occidentale coinvolto...Bella lista, non c'è che dire. Solo un commento: si critica tanto gli USA perchè di fatto sono l'unica superpotenza mondiale degna di questo nome (l'Unione Europea ne ha tanta di strada da fare... E il Giappone ultimamente ha perso smalto) e pretende di imporre le sua "Pax Americana" agli altri. Che gli altri facciano guerre/guerriglie per i propri comodi è fuor di dubbio, e probabilmente se fossero nei panni degli USA farebbero altrettanto; fortunatamente la loro sfera d'influenza è ben minore. Ma ci sono associazioni che denunciano TUTTE le ingiustizie e le atrocità perpetrate nel mondo di cui sono a conoscenza, una per tutte Amnesty International.Ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: Poteva essere...

            Bella lista, non c'è che dire. Solo un
            commento: si critica tanto gli USA perchè di
            fatto sono l'unica superpotenza mondiale
            degna di questo nome (l'Unione Europea ne ha
            tanta di strada da fare... E il Giappone
            ultimamente ha perso smalto) e pretende di
            imporre le sua "Pax Americana" agli altri.
            Che gli altri facciano guerre/guerriglie per
            i propri comodi è fuor di dubbio, e
            probabilmente se fossero nei panni degli USA
            farebbero altrettanto; fortunatamente la
            loro sfera d'influenza è ben minore. Ma ci
            sono associazioni che denunciano TUTTE le
            ingiustizie e le atrocità perpetrate nel
            mondo di cui sono a conoscenza, una per
            tutte Amnesty International.Esatto. Ed i loro attivisti sono senza colore e sono davvero da ammirare, perche' vanno a fare le fiaccolate davanti ai penitenziari del Texas ma anche a rischiare le botte in Cina.Altro che certi sedicenti pacifisti ed anti-pena-di-morte a singhiozzo nostrani. Loro è meglio se restano a giocare con le microtelevisioni.
        • Anonimo scrive:
          Re: Poteva essere...

          Tipo la Francia, la cui recente verve
          pacifista non dovrebbe far dimenticare il
          recente passato *imperialista* , la
          "Grandeur" francese nel corredo genetico e
          il nazionalismo sfrenato
          per non parlare degli esperimenti atomici a Muroroa di pochi anni fa
          Senza dimenticare l' Iraq che per allargare
          il suo sbocco al mare ha fatto anni di
          guerra all' Iran e poi ha *invaso* il Kuwait
          insommal'iraq fece la guerra all'iran finanziato dall'occidente che voleva mettere un freno alla svolta integralista komeinistafra i finanziatori ovviamente c'erano anche gli USA
  • Anonimo scrive:
    Bah
    "Sabato 22 febbraio uscirà allo scoperto una flottiglia di telestreet. Da qualche mese in giro per l'Italia le telestreet si moltiplicano: gruppi di liberi cittadini che si dotano di una antenna e di un trasmettitore, e mandano immagini e parole nelle case del loro quartiere".Ma, se hanno qualcosa da dire, non facevano prima a organizzare una manifestazione o uno spettacolo teatrale? Devo dire che, così come è posta, questa telestreet mi pare abbastanza inutile... Chi dovrebbe farla? E, soprattutto, chi dovrebbe seguirla?
    • Anonimo scrive:
      Re: Bah
      - Scritto da: Anonimo
      "Sabato 22 febbraio uscirà allo scoperto una
      flottiglia di telestreet. Da qualche mese in
      giro per l'Italia le telestreet si
      moltiplicano: gruppi di liberi cittadini che
      si dotano di una antenna e di un
      trasmettitore, e mandano immagini e parole
      nelle case del loro quartiere".

      Ma, se hanno qualcosa da dire, non facevano
      prima a organizzare una manifestazione o uno
      spettacolo teatrale? Devo dire che, così
      come è posta, questa telestreet mi pare
      abbastanza inutile... Chi dovrebbe farla? E,
      soprattutto, chi dovrebbe seguirla?
      • Anonimo scrive:
        Re: Bah

        Ma, se hanno qualcosa da dire, non facevano
        prima a organizzare una manifestazione o
        uno spettacolo teatrale? Devo dire che, così
        come è posta, questa telestreet mi pare
        abbastanza inutile... Chi dovrebbe farla?
        E, soprattutto, chi dovrebbe seguirla?Non seguo a TV nazionale figuriamoci se perdo tempo con una squallida "TV di quartiere". Al peggio nn c'e' mai fine!
    • Anonimo scrive:
      Re: Bah
      ...ma soprattutto... dove cavolo si trovano?? devo girare in auto con una tv portatile scannando le frequenze sperando di trovare qualcosa?? immagino che non siano pubblicate le zone dove trasmettono... altrimenti è come darsi una zappa sui piedi dato che, come sembra, la cosa pare illegale...
      • Anonimo scrive:
        Re: Bah
        - Scritto da: Anonimo
        ...ma soprattutto... dove cavolo si
        trovano?? devo girare in auto con una tv
        portatile scannando le frequenze sperando di
        trovare qualcosa??
        immagino che non siano pubblicate le zone
        dove trasmettono... altrimenti è come darsima informarsi prima di parlare, invece di "immaginare..."?
        una zappa sui piedi dato che, come sembra,
        la cosa pare illegale...si, la cosa "pare" illegale, ma pare che chi è disposto a lottare per la libertà di espressione, sia anche disposto ad assumersene la responsabilità!http://www.telestreet.it/telestreet/televisioni.htmtrovi un elenco abbastanza completo e dettagliatoSaluti responsabili e dettagliati ;)
    • Bigfoot scrive:
      Re: Bah
      - Scritto da: Anonimo
      "Sabato 22 febbraio uscirà allo scoperto una
      flottiglia di telestreet. Da qualche mese in
      giro per l'Italia le telestreet si
      moltiplicano: gruppi di liberi cittadini che
      si dotano di una antenna e di un
      trasmettitore, e mandano immagini e parole
      nelle case del loro quartiere".

      Ma, se hanno qualcosa da dire, non facevano
      prima a organizzare una manifestazione o uno
      spettacolo teatrale? Devo dire che, così
      come è posta, questa telestreet mi pare
      abbastanza inutile... Chi dovrebbe farla? E,
      soprattutto, chi dovrebbe seguirla?Se fossi lì io li guarderei, se non altro per avere un punto di vista alternativo. Chi la fa, poco importa... Come recita un detto confuciano "Prima di staccarvi l'indice a morsi, guardate da che parte è puntato".
      • Anonimo scrive:
        Re: Bah
        LA telvisione già fa skifo così figuriamoci fatta in casa
        • Bigfoot scrive:
          Re: Bah
          - Scritto da: Anonimo
          LA telvisione già fa skifo così figuriamoci
          fatta in casaIl tuo commento è ambiguo: la tv fa schifo per contenuti o per altro? Chiunque potenzialmente è in grado di produrre buoni contenuti, magari potrai contestare la forma...
          • Anonimo scrive:
            Re: Bah
            - Scritto da: Bigfoot

            - Scritto da: Anonimo

            LA telvisione già fa skifo così
            figuriamoci

            fatta in casa

            Il tuo commento è ambiguo: la tv fa schifo
            per contenuti o per altro? Chiunque
            potenzialmente è in grado di produrre buoni
            contenuti, magari potrai contestare la
            forma...anche sulla forma ho dei dubbi, NoWarTV è stato (a mio modo di vedere) il più bell'esempio di forma TV mai eseguito in Italia, ed era fatto con pochi mezzi ma con tanta intelligenza.anche Telefabbrica a suo modo aveva ottimi contenuti, e una forma più che accettabile.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bah
      - Scritto da: Anonimo
      abbastanza inutile... Chi dovrebbe farla? E,chi ha voglia
      soprattutto, chi dovrebbe seguirla?chi ha voglianon e' cosi' difficilieIvan
Chiudi i commenti