Speciale/ Internet dentro e fuori le elezioni

Un'indagine sulla capacità dei partiti e dei movimenti di rispondere sui problemi della Rete. Internet entra ed esce dalla politica italiana e la mobilitazione online può aiutare il cambiamento. Uno sguardo alla situazione


Roma – “Nella seconda metà del Giurassico si evolvono diversi sauri a cranio corto e a cranio grosso e lungo: sono i Plesiosauri. La disponibilità di cibo vegetale era notevole e queste forme, erbivore, ne approfittarono.
I vegetali, spesso coriacei, richiedevano un lungo processo di digestione, in gran parte affidato alla fermentazione. I sauropodi erano forse soltanto enormi sistemi di trasporto per un enorme sistema digestivo, stomaci immensi corredati di quattro zampe.”

I candidati alle imminenti elezioni politiche sono uomini dell’era digitale o sono invece più simili ai Plesiosauri scorazzanti per le savane del giurassico?

Un candidato che come Rutelli dichiara che metterà una webcam nel suo studio di Palazzo Chigi sembrerebbe in effetti un uomo dei nostri tempi. E moderno come lui sembrerebbe anche Silvio Berlusconi che solca le trasmissioni televisive annunciando programmi futuri di sviluppo dell’Italia basati sulle 3I (Internet, Impresa, Inglese).

La campagna elettorale cui abbiamo assistito è stata la prima che l’Italia ricordi in cui la tecnologia è diventata oggetto di progettualità politica. Non c’è manifesto elettorale che non contempli una sezione dedicata alla new economy, a Internet, alla informatizzazione della pubblica amministrazione. Ogni movimento ha il suo bel sito web: perfino i programmi elettorali, le 125 pagine di quello di Rutelli e i cinque punti per cambiare l’Italia della Casa delle libertà sono consultabili solo online, quasi che l’accesso a Internet sia diventato oggi una discriminante sociale.

La rivoluzione digitale, così come accade in tutto il mondo, è ormai talmente pervasiva da aver convinto i nostri politici a trasformare se stessi? Siamo di fronte a un cambiamento generazionale vero e proprio dove la consapevolezza del nuovo tecnologico cambia anche il modo di fare politica?

Purtroppo non sembra essere così.

Per sintetizzare in due parole diremo che oggi “adottare le tecnologie” come strumento di cambiamento della società è un’arte che si esercita in due direzioni differenti. Da una parte è necessario garantire il diritto all’accesso : ciò richiede di ragionare in termini strutturali. E ‘ di questa “innovazione degli strumenti” che sono pieni i programmi elettorali della Casa delle Libertà e dell’Ulivo quando alludono a scuole collegate in rete, larga banda per tutti, pubblica amministrazione online. Ma gli strumenti, benchè se ne parli tanto, non sono tutto.

L’altro aspetto importante ma purtroppo interamente sottaciuto nei propositi di tutti i partiti per la nuova legislatura è quello della libertà di accesso . Si tratta di materia totalmente diversa. Attiene alla necessità di garantire insieme agli strumenti anche alcune garanzie indispensabili per i cittadini.

Di queste garanzie nessuno vuol sentir parlare. Così tre settimane fa Punto Informatico ha inviato a tutti i partiti una mail con cinque semplici domande su come intenderanno affrontare, una volta superato il traguardo elettorale, il problema della libertà di accesso . Ci interessava capire, visto che che tutti indistintamente vogliono la popolazione italiana presto collegata alla rete (per di più ad alta velocità) anche “a che condizioni” ciò potrà accadere.

Abbiamo spedito settanta messaggi di posta elettronica in tutto, quasi uno spamming, nei quali chiedevamo a Rutelli, a Berlusconi e a tutti gli altri (senza dimenticare nessuno) se l’anonimato online dovesse essere considerato un valore o un limite, se certe recenti leggi come quelle sul copyright e sull’editoria non fossero limitative della libertà digitale dei cittadini e altre cose simili.

Settanta email spedite in quella grotta del giurassico dove politici di ogni orientamento discutono oggi disinvoltamente di larga banda e alfabetizzazione informatica, di digital divide e computer da schierare negli asili.

A tutt’oggi il numero di risposte ricevute in redazione può essere agevolmente riassunto. Esse ammontano a zero.

Massimo Mantellini


Ecco le domande che il quotidiano ha inviato nelle scorse settimane alle sedi e alle redazioni dei partiti e ai candidati alle elezioni politiche di domenica.

Domanda n.1
– L’Italia è in fondo alle classifiche europee nel rapporto numero di PC/numero di studenti (circa 1 PC ogni 25 alunni e di questi solo il 70% collegati alla rete). Qual è la vostra posizione nei confronti del problema dell’alfabetizzazione telematica nelle scuole?

Domanda n.2
– Qual è la posizione del vostro movimento nei confronti dell’accesso universale a Internet? Si tratta di un diritto del cittadino del quale ci si deve fare carico o l’accesso e il suo relativo costo devono essere regolati solo dalle dinamiche del mercato delle telecomunicazioni? Quale ruolo deve avere lo Stato secondo voi nell’incentivare l’utilizzo della rete Internet?

Domanda n.3
– Lo Stato deve incentivare le imprese che investono su Internet? E se sì, con quali strumenti?

Domanda n.4
– Avrà certamente sentito parlare di Napster e del sempre piu pressante problema della proprietà intellettuale su Internet. Quale tipo di regolamentazione da parte dei governi nazionali e secondo voi necessaria per la rete? Come tutelare la privacy dei suoi utilizzatori e nel contempo garantire sicurezza e liceità dei contenuti digitali?

Domanda n.5
– La nuova legge sull’editoria (62/2001) è accusata di rappresentare una forma di censura ai danni della libera informazione su Internet. Cosa pensa del testo della legge e della sua formulazione che fa chiaro riferimento alla legge sulla stampa, una normativa del 1948, cercandone una applicazione per Internet? E ‘ al corrente che una petizione online contro la legge sull’editoria ha gia raccolto quasi 40mila firme e il sostegno di circa 3mila siti Internet italiani?


Roma – Non sappiamo chi vincerà alle prossime elezioni politiche, quale schieramento vedrà premiati i propri sforzi né quali partiti riusciranno a superare lo sbarramento del quattro per cento per portare in Parlamento drappelli di deputati e senatori.

Ma, al Parlamento che uscirà dalle elezioni, i siti e le persone che hanno aderito alla petizione contro la legge sull’editoria consegneranno un plico che non contiene solo una richiesta ma anche un avvertimento.

Sì, perché la mobilitazione che si è avuta in Rete in queste settimane, che ha dovuto superare il fuoco di fila di coloro che minimizzano la portata della legge solo per essere sconfessati da illustri giuristi, non ha precedenti in questo paese. Non c’è solo la contestazione per una legge fatta male, tanto male da diventare censoria, c’è anche la contestazione del metodo con cui questa legge è arrivata ad essere “efficace”.

Per la prima volta e nel modo più esteso fino a questo momento, decine di migliaia di utenti Internet italiani di tutti i “colori” e di tutti gli “schieramenti” hanno voluto lanciare un messaggio, l’avvertimento che in futuro leggi che vogliano adattare alla Rete vecchie logiche e meccanismi di mercato superate potranno essere respinte al mittente.

Questa petizione e soprattutto il dibattito che ha suscitato consentono a coloro che tengono ad Internet di sapere che non si è soli, che si è in tanti e che in tanti molto si può fare.

E ai candidati che dalle urne dopo il 13 maggio usciranno come parlamentari della Repubblica, questa mobilitazione può offrire un’occasione importante per avvicinarsi alla Rete, al di là degli slogan politici, rispettandone l’unicità e l’afflato libertario. Un’occasione per lasciarsi alle spalle la volgare trasposizione di odiose e superate logiche del vecchio mondo su un nuovo mezzo la cui verginità dev’essere protetta. Perché aggredirla non può che rappresentare un’insopportabile scandalo.

Paolo De Andreis

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    mi conviene farlo??
    Ho seri dubbi sui vantaggi relativi all'installazione della linea ISDN, sapreste darmi qualche dritta ?1° nel sito "telecomitalia.it" c'è scritto che l'abbonamento "mensile" ISDN comprensivo di IVA è 38.400, cioè 76.800 al bimestre (per semplicità fornisco ancora riferimenti in lire); gli operatori 187 (Laura, Giuseppe etc.) mi hanno assicurato che costa 63.000 al bimestre IVA compresa; a chi devo credere?2° ci sono effettivi vantaggi nella navigazione in Internet oppure è una boiata?3° il mio caso riguarda una trasformazione da linea tradizionale a superlinea ISDN, oltre all'abbonamento e al costo di installazione (100.000 + IVA) ci sono altri costi che mi troverò in bolletta e che sbadatamente hanno dimenticato di comunicarmi ?Ci tengo a precisare che ho già avuto esperienze negative con la Telecom e che il tono sommesso della presente è solo dovuto al fatto che ancora non avviato il terribile ingranaggio 187+contratti+servizi+tariffe = tempo perso x incazzature x soldi buttati al vento
    • Anonimo scrive:
      Re: mi conviene farlo??
      - Scritto da: Stefano
      Ho seri dubbi sui vantaggi relativi
      all'installazione della linea ISDN, sapreste
      darmi qualche dritta ?Ci proverò
      1° nel sito "telecomitalia.it" c'è scritto
      che l'abbonamento "mensile" ISDN comprensivo
      di IVA è 38.400, cioè 76.800 al bimestre
      (per semplicità fornisco ancora riferimenti
      in lire); gli operatori 187 (Laura, Giuseppe
      etc.) mi hanno assicurato che costa 63.000
      al bimestre IVA compresa; a chi devo
      credere?Ho quì la bolletta sotto gli occhi il canone bimestrale è di £.76800 (?.39.66)
      2° ci sono effettivi vantaggi nella
      navigazione in Internet oppure è una boiata?Il collegamento avviene in circa 2 secondi, la navigazione è un pò più veloce ma dipende anche dai siti, lo scaricamento di file avviene a circa 8 kb al secondo.
      3° il mio caso riguarda una trasformazione
      da linea tradizionale a superlinea ISDN,
      oltre all'abbonamento e al costo di
      installazione (100.000 + IVA) ci sono altri
      costi che mi troverò in bolletta e che
      sbadatamente hanno dimenticato di
      comunicarmi ?Io l'ho installata circa un anno fa, quando l'installazione era gratuita, non ci sono altri costi, a meno che tu non richieda altri servizi.
      Ci tengo a precisare che ho già avuto
      esperienze negative con la Telecom e che il
      tono sommesso della presente è solo dovuto
      al fatto che ancora non avviato il terribile
      ingranaggio 187+contratti+servizi+tariffe =
      tempo perso x incazzature x soldi buttati al
      ventoObiettivamente io non ho avuto problemi, anche se con Telecom non si sa mai. Se vuoi farti una Flat, sottoscrivendo un contratto base con un'altra compagnia telefonica, ricorda che attualmente non accettano linee ISDN.Un Saluto da Duc
  • Anonimo scrive:
    BOICOTTAGGIO TELECOM ?Non mi allaciano la ISDN !
    Sono un normale utente che ha chiesto il 12.05.01 alla Telecom la TRASFORMAZIONE della normale linea telefonica in linea ISDN. Sono anche utente Wind con la preselezione. Ora la Telecom mi dice che "per installarle la Isdn lei deve DISDETTARE il contratto con Wind".Giustificazione: "tale situazione prova problemi tecnici alla nostra centrale".Qualcuno sa il valore tecnico di queste scuse?Cosa fare oltre alla Racc.AR di reclamo-chiarimento alla sede provinciale Telecom?Purtroppo non ho nulla di scritto perchè la richiesta l'ho fatta in un negozio Punto 187 e ,nonostante la mia richiesta, non mi diedero nulla di scritto dicendo "tanto le richieste si fanno e sono valide anche quelle telefoniche al 187!" mille grazie
    • Anonimo scrive:
      Re: BOICOTTAGGIO TELECOM ?Non mi allaciano la ISDN !
      Ho avuto un'esperienza simile alla tua.Mi sono rivolto ad un negozio 187 e, da bravo pollastro, mi sono lasciato sfuggire che ho anche l'abbonamento a wind.Risultato: dopo due mesi di rinvii, problemi, inca@@ato come un caimano abbruzzese mi sono recato presso il centro Telecom a me più vicino e l'impiegato mi spiega che della mia richiesta non ne ha alcuna copia (è chiaro, l'ho io nelle mie mani il porcello del negozio non aveva faxato un CA@@O!!!).Presento l'incartamento e dopo 24 ore (OMMMIODDIO) si presenta un sarkiapone della Telecom con borkia e fili per l'installazione.Dammi retta le cose fattele da solo ...Ciao.PS. l'unica cosa strana è che una volta al mese resto senza telefono con la borkia isolata boh !!
  • Anonimo scrive:
    Telecom inqualificabile
    Il 7 giugno ho inviato una racc. rr. a telecom per avere ripristinata la linea analogica perchè stanco di pagare l'isdn. Non avendo ricevuto riscontro, ho inviato, nel tempo, due fax. Ma sino ad oggi, 17 luglio i porci non si sono degnati di riscontrare ne raccomandata ne fax!E' allarmante che l'autorità preposta lasci fare tutto ciò che vuole a telecom...
  • Anonimo scrive:
    tariffle flat isdn??? zero
    viva l'umbunging pero' per isdn non esiste una flat...decente. Per ora navigo INWIND (pero' non ne sono soddisfatto) a 64k ,ma a 128K non ho trovato una flat di mio gradimento anzi vorrei sapere visto che ho installato da 6 mesi la isdn (linea nuova)come si fa' a modificarlo in analogico visto che per contratto devo tenerla per un anno?? Si puo senza segarsi da solo le gambe???Oppure e' possibile passare all'ASDL??? Rispondetemi grazie
  • Anonimo scrive:
    ..azz! Hanno fregato pur'ammè
    ...porca miseria! come prevedevo, leggendo le altre mail, mi hanno fregato.dopo avermi assicurato che nulla era dovuto per i primi 6 mesi, ecco la bolletta: ci sono le 64mila di canone e per di più ci sono anche 30mila per giugno\luglio (boh!)certo che so' proprio dei ladri fottuti! tra l'altro, non sono sicuro che le tabulazioni che mi mandano siano proprio corrette! Secondo me, ci marciano pure lì...
    • Anonimo scrive:
      Sono un ex dipendente telecom nonche' un installat
      Da informazioni certe la linea isdn se non ti trovi in un perimetro di 1km dalla centrale telefonica vicina la linea isdn perde di velocita' quindi consiglio vivamente a tutti di non consentire alla telecom di rubarvi soldi di una velocita' che non potra' mai garantirvi, inoltre assicuratevi tramite raccomandata di tutto quello che indirizzate a telecom(l'associazione consumatori di Roma pernde in considerazione con i loro Legali gratuitamente le proposte contro le societa' telefoniche solo in questo modo).Consiglio quindi di navigare e scambiare dati ancora in flat analogico magari wind o infostrada ma lasciate stare telecom (vi parla un ex dipendente telecom) la velocita' sara' al disotto dei 64kbit ma non vi dissanguate di spese che difficilmente ve le scrollate di dosso.Per quanto riguarda la Xdsl pare che il protocollo Ip di riconoscimento dati e' utilizzato solo dalla dsl quindi la 256kbit ed oltre per il momento e' solo un sogno, in altre parole i dati di pacchetto richiesti partono con un indirizzo IP che e ' riconosciuto solo dalla isdn quindi se ce' perdita di dati in Isdn vengono ricomposti e reinviati mentre per la xdsl ogni perdita di dati non utilizzando l'indirizzo Ip si perde tutto il pacchetto di informazioni. MEDITATE GENTE MEDITATE, QUESTE COSE LE COMPAGNIE TELEFONICHE NON LO DICONO. CORDIALI SALUTI MIMMO
      • Anonimo scrive:
        Re: Sono un ex dipendente telecom nonche' un installat
        Ho letto il msg e devo dire che dopo aver fatto installare la linea isdn, (mi sono sposato da poco e il telefono non c'era a casa quindi la linea è nata da subito come isdn), la velocità non è come mi aspettavo anzi a volte mi sembra più lenta dell'analogica che avevo a casa dei miei genitori. Chi è del mestiere sa che la velocità della linea diminuisce all'aumentare della distanza con la centrale ma come si fa a sapere quanto si è distanti dal punto critico?Telecom non è mai stata molto chiara con le sue bollette tanto è vero che l'ultimo fregatura l'ho presa anche io con l'offerta della isdn. CHE OFFERTA ............grazie
  • Anonimo scrive:
    Qualcuno sa dirmi a che diavolo serve...
    Qualcuno sa dirmi a che diavolo serve il collegamento tra la borchia ISDN e la rete elettrica di casa?Ho verificato che il collegamento funziona normalmente anche quando la presa di corrente non è attaccata. Ma allora che senso ha?
    • Anonimo scrive:
      Re: Qualcuno sa dirmi a che diavolo serve...
      Minchia!!! Lo vorrei sapere anch'io!- Scritto da: Keros
      Qualcuno sa dirmi a che diavolo serve il
      collegamento tra la borchia ISDN e la rete
      elettrica di casa?
      Ho verificato che il collegamento funziona
      normalmente anche quando la presa di
      corrente non è attaccata. Ma allora che
      senso ha?
      • Anonimo scrive:
        Re: Qualcuno sa dirmi a che diavolo serve...
        Serve per alimentare i telefoni digitali sul BUS "S" che richiedono una quantità di corrente che la centrale non può fornire e per poter utilizzare entrambe le linee analogiche contemporaneamente.Senza corrente funziona alternativamente 1 sola linea analogica OPPURE 1 solo telefono sul bus "S"Ciao ciao
  • Anonimo scrive:
    La fregatura per i nuovi abbonati?
    La mia domanda è questa: ma se invece di una modifica della linea chiedo l'attivazione di una nuova linea ISDN, la fregatura ci sarà lo stesso?Seconda cosa: al 187 non sono stati in grado di spiegarmi qual è la differenza tra l'opzione numero singolo e multinumero, ma la seconda comporta costi aggiuntivi...è davvero conveniente avere due numeri?
  • Anonimo scrive:
    Ah Ah Sono solo dei porci ----------
    Cari miei è tutto così... ci vogliono le denunce!!!!! Dobbiamo affidarci a delle associazioni specializzate che tutelino i nostri interessi e se non ci sono bisogna farle!! Da soli non possiamo sconfiggere il colosso Telecom, ma insieme possiamo mandare in galera questi maledettissimi porci. Auguriamo loro di morire soffrendo nel peggiore dei modi per adesso. Bye
  • Anonimo scrive:
    E' successo anche a me !
    Stessa sporca procedura !Quei ladroni della telecom l'hanno fatta cosi' anche a me: 2 mesi fa ho attivato la SuperTruffa ISDN e mi hanno fatto gli stessi addebiti.Nonostante io abbia chiesto ad almeno 3 operatori diversi tutti i dettagli del contratto, NESSUNO mi ha detto che c'era questa sporca gabola.In cambio sul sito web telecom non c'e' scritto niente neanche li'.Di notte sogno il giorno in cui l'unbounding arrivera' a casa mia
  • Anonimo scrive:
    Io stop isdn... troppo caro
    Io stò aspettando da 45 giorni che la Signora Telecom venga a togliermi la linea ISDN. Ragazzi ma siamo matti? a fronte di 15.000 Lire di traffico telefoni mi ritrovo una bolletta ogni due mesi di 120.000 Lire!!!!!Basta adesso. In più per colpa dell'Isdn mi hanno cacciato dalla flat wind poi mi hanno rifiutato alla flat infostrada tempozero. Con un'altra flat che mi interessa chiedono + soldi per l'Isdn.Basta adesso.La telecom è ingorda da fare schifo.Altro che 64.000 Lire ogni due mesi per l'isdn....alla fine ti ritrovi a pagare 100.000 lire nette a bimestre per avere il privilegio dell'Isdn.Telecom ingorda.
  • Anonimo scrive:
    telecom F*U*C*K*
    telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K* telecom F*U*C*K*
  • Anonimo scrive:
    possibile che i consumatori siano sempre fregati!
    nessuno tutela i consumatori da queste continue vessazioni da parte di Telecom?
  • Anonimo scrive:
    possibile che i consumatori siano sempre fregati!
    nessuno tutela i conumatori da queste continue vessazioni da parte di Telecom?
  • Anonimo scrive:
    e non avete ancora chiesto di toglierla !
    Ragazzi, provate a chiedere di togliere la linea ISDN e rimettervi la linea analogica !Io e' da 3 MESI leggasi TRE MESI che aspetto il tecnico il quale (sentendo il 187) deve chiamarmiper accordarsi , e' dal 2 febbraio che lo aspetto, intanto pago 116000+iva a bimestre per una linea che NON volgio, viva telecom(mediante):-(PS: senza contare che in una bolletta , se non me ne accorgevo, mi avevano addebitato 126.000 lire in piu' qualche mese fa!!!
    • Anonimo scrive:
      SCANDALOSOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
      - Scritto da: Nemo
      Ragazzi, provate a chiedere di togliere la
      linea ISDN e rimettervi la linea analogica !
      Io e' da 3 MESI leggasi TRE MESI che aspetto
      il tecnico il quale (sentendo il 187) deve
      chiamarmi
      per accordarsi , e' dal 2 febbraio che lo
      aspetto, intanto pago 116000+iva a bimestre
      per una linea che NON volgio, viva
      telecom(mediante)
      :-(

      PS: senza contare che in una bolletta , se
      non me ne accorgevo, mi avevano addebitato
      126.000 lire in piu' qualche mese fa!!!
      idem!! Ho passato queste disaventure pochi mesi fa. Poco dopo lo scadere dei 3 mesi allora mi dicono di chiamare il numero per i "reclami" che purtroppo ora non ricordo, chiamo e dico che avrei posto la questione ad un legale in quanto inconcepibile!!! Ebbene, il giorno dopo telefonata dal tecnico Telcom che in quel periodo era "molto indaffarato"..." Buongiorno, chiamo per fissare un appuntamento per il ripristino da ISDN a RTG (analogico)...blah blah blah...100.000 +iva ...blah blah blah....arrivederci!" poi vabbè...prima di poter conludere il contratto ADSL con un altro gestore sono dovuto passare per 3 K.O. da parte di Telecom cause: 1) Impossibile causa trasferimento linea da ISDN a RTG, 15 gg dopo 2) idem come 1) , altri 15 gg dopo 3) LINEA NON PRESENTE NEI NOSTRI ARCHIVI!!! ...beh per le prime due "motivazioni" ...187 : " Sa...è una operazione lunga blah blah blah" , per quanto riguarda la terza...187 : " Mmm è vero! è stato un nostro errore, perchè vede...quando c'è un ripristino ISDN-
      RTG è come se le rifacessimo un nuova linea analogica sullo stesso numero a costo zero, solo che non era stata fatta l'intestazione della nuova linea al suo nome e al suo numero...meno male che ci ha avvertito in tempo, altrimenti il suo numero avrebbe potuto essere assegnato ad un nuovo abbonato!!!!!" . Le conclusioni le lascio a Voi.
  • Anonimo scrive:
    Anche a me mi hanno ciulato 156.000 mila + iva!!!
    Sono proprio dei miserabili malfattori ingiusti e deplorevoli!!! Telecom italia prima o poi viene il tuo giorno del giudizio e sarai spazzata via!!! Maledetti
  • Anonimo scrive:
    Confermo
    E' successo anche a me
  • Anonimo scrive:
    STRANO
    Solo una considerazione: lo sapete che per legge i contratti verbali sono facilmente annullabili???Io mi sono chiesto come mai telecom italia sia l'unica azienda che permette di fare qualunque tipo di attivazione o maggiorazione di contratto senza far firmare nulla ( o far firmare a posteriori).... e' incredibile.Quando ho installato la linea, prima mi sono venuti ad installare ed attivare tutto, poi dopo un paio di mesi mi e' arrivato il contratto da firmare e rispedire.....e' assurdo!!!!Pero' se voglio disdire devo mandare una raccomanda con ricevuta di ritorno in anticipo di diversi mesi......che strano!!!
  • Anonimo scrive:
    sbaglio telecom?
    Salve a tutti.Ho fatto anche io il passaggio all'isdn con il canone gratuito per i primi 6 mesi e mi capita di leggere questo articolo proprio mentre sono in linea con il 187 per avere notizie sull'adsl in prova per 2 mesi con telecom (domanda fatta più di 1 mese fa e silenzio assoluto come risposta). Ne approfitto per chiedere notizie in merito all'operatore e, addirittura, gli leggo tutta la pagina e gli do l'URL: cade dalle nuvole e mi dice che per lui non hanno ben applicato un codice alla bolletta telefonica in questione. Mi conferma che nulla è dovuto in più per i 6 mesi famosi, a parte ovviamente il doppio costo telefonico di un collegamento a 128k. Boh! Spero di non avere le stesse sorprese...
  • Anonimo scrive:
    L'offerta scade il 13/5 non più il 31/7 !?!?
    Quando 3gg fa mi sono deciso ad approfittare della "superofferta" senza aspettare il mese di luglio, così come avevo inizialmente deciso, in prima battuta il commesso del punto 187 mi ha detto che la stessa era stata appena revocata!!Ad un successivo controllo ha appurato che il termine era il 13 maggio.Perché sbandierano il lungo e largo certe offerte , ma non si premurano di fornire pari informazione in caso di modifiche (peggiorative) delle stesse? Mi sembra scorretto!
  • Anonimo scrive:
    Calcoli e considerazioni...
    Salve a tutti..Più o meno è successa la stessa cosa a me.. Il rateo di interessi comprende i mesi di cui l'utente usufruisce di ISDN SENZA la riduzione della promozione, riduzione che ( almeno nel mio caso ) c'è stata nelle bollette successive e per 4 mesi EFFETTIVI ( mi sono abbonato quando c'era la promozione di soli 4 mesi a canone normale )..Mettendo mani alla bolletta del signor Gaetano Santoro, è in evidenza come gli venga addebitato il canone di ISDN per i mesi di Marzo ed Aprile ( sarebbero 19800 al mese ( canone per linea analogica pagato nei mesi precedenti ) + 12200 ) che per 2 mesi fanno 64000 lire appunto.. Niente di male se nelle bollette seccessive tutto venga regolato, come è successo nel mio caso. Il vero errore se mi permettete è stato fatto nel calcolo delle 12200 lire, calcolo errato perchè riferito ad un solo mese, mentre ( come nel mio caso ) anche nella prima bolletta l'importo della radizione era il doppio, che nel caso del signor Santoro sono 24400 lire.. Ecco io telefonerei al 187 spiegando tutto ciò e quindi chiedendo che nella prossima bolletta vengano accreditate ( oltre alle 24'400 riferite al secondo bimestre di riduzione ) le 12200 lire relative al mancato accredito nella prima bolletta o in alternativa riduzione per ancora 5 mesi utili..
    • Anonimo scrive:
      allora si bucano...
      io chiesi di toglierla la linea ISDN, per mettere adsl..mi chiama a casa un'impiegata che mi dice se voglio la "superlinea ISDN" e io gli dico "veramente io la sto per togliere, sa.. mettero' adsl"da quel giorno in bolletta mi sono spariti gli addebiti del canone isdn e pago una linea sola..ma ho ISDN, come e piu' di prima, tanto piu' che ADSL la posso attivare ugualmente...che gli serva qualcuno che li aiuti a smistare le pratiche vere dalle cause legali?- Scritto da: Antonio Ruggiero
      Salve a tutti..
      Più o meno è successa la stessa cosa a me..
      Il rateo di interessi comprende i mesi di
      cui l'utente usufruisce di ISDN SENZA la
      riduzione della promozione, riduzione che (
      almeno nel mio caso ) c'è stata nelle
      bollette successive e per 4 mesi EFFETTIVI (
      mi sono abbonato quando c'era la promozione
      di soli 4 mesi a canone normale )..
      Mettendo mani alla bolletta del signor
      Gaetano Santoro, è in evidenza come gli
      venga addebitato il canone di ISDN per i
      mesi di Marzo ed Aprile ( sarebbero 19800 al
      mese ( canone per linea analogica pagato nei
      mesi precedenti ) + 12200 ) che per 2 mesi
      fanno 64000 lire appunto.. Niente di male se
      nelle bollette seccessive tutto venga
      regolato, come è successo nel mio caso. Il
      vero errore se mi permettete è stato fatto
      nel calcolo delle 12200 lire, calcolo errato
      perchè riferito ad un solo mese, mentre (
      come nel mio caso ) anche nella prima
      bolletta l'importo della radizione era il
      doppio, che nel caso del signor Santoro sono
      24400 lire.. Ecco io telefonerei al 187
      spiegando tutto ciò e quindi chiedendo che
      nella prossima bolletta vengano accreditate
      ( oltre alle 24'400 riferite al secondo
      bimestre di riduzione ) le 12200 lire
      relative al mancato accredito nella prima
      bolletta o in alternativa riduzione per
      ancora 5 mesi utili..
      • Anonimo scrive:
        Re: allora si bucano...
        - Scritto da: anonimo per ovvie ragioni ;)
        io chiesi di toglierla la linea ISDN, per
        mettere adsl..
        mi chiama a casa un'impiegata che mi dice se
        voglio la "superlinea ISDN" e io gli dico
        "veramente io la sto per togliere, sa..
        mettero' adsl"
        da quel giorno in bolletta mi sono spariti
        gli addebiti del canone isdn e pago una
        linea sola..
        ma ho ISDN, come e piu' di prima, tanto piu'
        che ADSL la posso attivare ugualmente...

        che gli serva qualcuno che li aiuti a
        smistare le pratiche vere dalle cause
        legali?

        Come....come....come????? Per chiarirsi te hai adesso linea ISDN e connessione ADSL quindi hai 2 canali telefonici e l'ADSL e paghi il canone dell'analogico per l'ISDN? Ho capito bene? E L'ADSL di chi è sempre della telecom o concorrenza?Ti faccio queste domande perchè anche io volevo passare a ADSL con ISDN e 187 mi dice che il canone ADSL và a sommarsi a quello ISDN e allora dove trovo la convenienza?
        • Anonimo scrive:
          Re: allora si bucano...
          la linea ISDN viene tolta, cioè non è necessaria in quanto ti porteranno direttamente un'altra linea in casa che utilizzerai esclusivamente per la connessione ad internetl'unico problema è che quando sottoscrivi una linea ISDN te la devi tenere per almeno un annoper quanto riguarda ADSL se fai il teleconomy tieni presente che se affitti il modem te lo devi tenere per almeno 3 anni(e loro non te lo diranno)quindi aquistalo se puoi- Scritto da: nat


          - Scritto da: anonimo per ovvie ragioni ;)

          io chiesi di toglierla la linea ISDN, per

          mettere adsl..

          mi chiama a casa un'impiegata che mi dice
          se

          voglio la "superlinea ISDN" e io gli dico

          "veramente io la sto per togliere, sa..

          mettero' adsl"

          da quel giorno in bolletta mi sono spariti

          gli addebiti del canone isdn e pago una

          linea sola..

          ma ho ISDN, come e piu' di prima, tanto
          piu'

          che ADSL la posso attivare ugualmente...



          che gli serva qualcuno che li aiuti a

          smistare le pratiche vere dalle cause

          legali?



          Come....come....come????? Per chiarirsi
          te hai adesso linea ISDN e connessione ADSL
          quindi hai 2 canali telefonici e l'ADSL e
          paghi il canone dell'analogico per l'ISDN?
          Ho capito bene? E L'ADSL di chi è sempre
          della telecom o concorrenza?
          Ti faccio queste domande perchè anche io
          volevo passare a ADSL con ISDN e 187 mi dice
          che il canone ADSL và a sommarsi a quello
          ISDN e allora dove trovo la convenienza?
Chiudi i commenti