Springsteen non avrà il suo dominio

Lo decide il WIPO che consente ad un gruppo di fan del musicista di mantenere quel dominio. Una decisione controcorrente dovuta all'assenza di cybersquatting. Era andata meglio a Madonna
Lo decide il WIPO che consente ad un gruppo di fan del musicista di mantenere quel dominio. Una decisione controcorrente dovuta all'assenza di cybersquatting. Era andata meglio a Madonna

Ginevra – Era già accaduto a Sting di doversi rassegnare e di non poter rivendicare come “proprio” il dominio sting.com. Ed è accaduto di nuovo, questa volta al celebre musicista americano Bruce Springsteen.

A decidere che il dominio brucespringsteen.com sarebbe dovuto rimanere nelle mani di un gruppo di fan del rocker sono stati gli arbitri del collegio ad hoc del WIPO, l’Organizzazione mondiale per la proprietà intellettuale. Arbitri che da tempo si occupano dei casi di cybersquatting e che hanno determinato importanti decisioni per molti vip, tra cui Madonna (che oggi controlla madonna.com) e Julia Roberts.

A Bruce Springsteen è andata male, come accadde a Sting, per due ragioni. La prima è l’impossibilità da parte della popstar di dimostrare che il proprio nome è anche un trademark registrato. Il secondo è per l’assenza di cybersquatting: Jeff Burger, che ha registrato il dominio, e il suo gruppo di fan, infatti, non hanno mai tentato di vendere a Springsteen il dominio.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

08 02 2001
Link copiato negli appunti