Spy cam nelle auto in affitto

Si stanno ormai affermando in tutti gli Stati Uniti, sono occhi del grande fratello puntati dentro e fuori dall'abitacolo. Per capire come si guida, registrare gli incidenti e spingere ad una maggiore attenzione

Roma – Non manca molto al loro arrivo anche in Europa. Sono le spy cam da automobile, piccoli oggettini che costano relativamente poco e che consentono alle aziende che affittano veicoli di tenere letteralmente d’occhio i propri clienti.

Le telecamere di società come la DriveCam Video Systems sono installate al costo di non più di mille dollari sulle automobili e le limousine in affitto ma anche su veicoli commerciali come furgoni e pick-up.

Il loro funzionamento si deve a sensori di movimento che si attivano quando l’automobile compie brusche frenate o spostamenti, quando il volante viene girato in velocità o in altre occasioni tipiche di un possibile incidente stradale. A quel punto per pochi secondi il sistema di bordo registra quanto avviene dentro e fuori dal veicolo.

La cam viene infatti piazzata all’altezza dello specchietto retrovisore ed è dotata di due “occhi”, uno che guarda quello che il guidatore vede, davanti al veicolo, e un altro puntato all’interno, ad osservare chi guida. Alcuni esempi del suo funzionamento sono disponibili sul sito della Drivecam da cui sono tratti i due screenshot presentati qui sotto. La cam in azione
La cam in azione
Secondo le società produttrici montare queste telecamere, cosa che avviene ormai già da diversi mesi in numerose compagnie specializzate, spinge chi affitta l’automobile a guidare meglio . Cosa forse ancora più rilevante per le imprese che le adottano è invece il ruolo che assumono sempre più spesso questi sistemi nel chiarire le dinamiche di un incidente e, dunque, la corretta attribuzione delle responsabilità di chi ne è coinvolto.

Non solo. Chi guida può in qualsiasi momento attivare la cam se intende registrare, per esempio, le immagini di un incidente che non lo riguardano, oppure un caso di guida pericolosa che gli si presenti sulla strada o, ancora, la targa di qualcuno che scappa dopo aver investito un pedone. Tutte funzionalità destinate a piacere anche alle autorità di pubblica sicurezza che, dunque, contribuiranno a diffondere questo particolarissimo genere di spycam.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Peccato.........................
    :-)
  • Anonimo scrive:
    Ebusiness facile
    Al di la' dell'idea di Jennycam, che essendo la prima del genere e' in fondo una ideona, tutto questo e' relativo ad un modo "facile" di vedere l'ebusiness, come se la comunicazione in Internet consentisse di "vendersi" facilmente senza "abusare di se'" e fare cosi' soldi "facili". E' vero che se un business del genere chiude e' perche' i tempi cambiano e certi pruriti si soddisfano evidentemente in altro modo. Ma e' anche vero che il fatto che chiuda non puo' che far contenti chi non crede ai soldi facili ma crede di piu' all'impegno personale costante.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ebusiness facile
      Si ma guarda attualmente quanti servizi analoghi ci sono ancora attivi...su punto informatico avete tutti un certo pregio o difetto comune....non sta a me giudicare e generalizzare, sta di fatto che se un milione di persone fanno ancora una cosa ma chi l'ha iniziata e la rapprensenta smette,fallisce o decide di smettere....allora tutti qui sostengono che falliranno tutti e che sia ora di andare a lavorare....Ma per chi lo fa sara' solo un gioco dai.....questa qui è una studentessa aveva bisogno di soldi....finita la tesi incomincia a lavorare no!?;)- Scritto da: Anonimo
      Al di la' dell'idea di Jennycam, che essendo
      la prima del genere e' in fondo una ideona,
      tutto questo e' relativo ad un modo "facile"
      di vedere l'ebusiness, come se la
      comunicazione in Internet consentisse di
      "vendersi" facilmente senza "abusare di se'"
      e fare cosi' soldi "facili". E' vero che se
      un business del genere chiude e' perche' i
      tempi cambiano e certi pruriti si soddisfano
      evidentemente in altro modo. Ma e' anche
      vero che il fatto che chiuda non puo' che
      far contenti chi non crede ai soldi facili
      ma crede di piu' all'impegno personale
      costante.
  • Anonimo scrive:
    E un bel chissenefrega?
    'nuff said.
  • Anonimo scrive:
    buona nanna jenni
    ora dovrai lavorare :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: buona nanna jenni
      Avete sempre questi commentini di risposta quando trovate qualche notizia su qualcuno che guadagna senza spaccarsi la schiena con qualche business sulla rete....Alla fine non tutti fanno i muratori per guadagnarsi la pagnotta;)- Scritto da: Anonimo
      ora dovrai lavorare :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: buona nanna jenni
      - Scritto da: Anonimo
      ora dovrai lavorare :-)Jenny lavora da sempre: fa il web designer.Non credo che i soldi che ha preso per farsi vederein casa sua le abbiano cambiato la vita; per lo meno,quando ha cominciato a farsi pagare i guadagnicoprivano a malapena le spese della linea e delserver ...
  • Anonimo scrive:
    Camarades...
    CHi si ricorda di JenniCAM certo si ricordera' anche di Camarades.... Credo che siano piu' di 100000 quelli che si mostrano su Internet :p
  • Anonimo scrive:
    e adesso?
    .come passero' le mie giornate? oh jenny, jenny, ma perche' mai e' successo cio'?Dio ma quanti segaioli ci sono in giro? ma che ca**o di notizie da' PI??
Chiudi i commenti