SSD next-gen, dentro saranno wireless

Un gruppo di ricercatori giapponese ha sviluppato un prototipo di disco a stato solido formato da memorie capaci di comunicare tra loro in modo wireless, sfruttando l'induzione elettromagnetica. Risultato: meno consumi e maggiore densità

Roma – Ci sono molti modi per rendere i dischi a stato solido del futuro sempre più densi e sempre più parsimoniosi di energia. Tra i più promettenti sembra esserci la tecnologia messa a punto dall’ università giapponese di Keio , che sfrutta il fenomeno dell’ induzione elettromagnetica per far comunicare tra loro i chip di memoria non volatile.

Grazie a questa tecnica, sviluppata in collaborazione con l’ Università di Tokyo , i ricercatori giapponesi sono riusciti a costruire un SSD contenente 64 chip di memoria NAND flash collegati tra loro da appena 200 interconnessioni elettriche, contro le 1500 che sarebbero occorse normalmente. Come conseguenza, rispetto ad un SSD tradizionale l’area riservata ai circuiti di comunicazione si è ridotta di 40 volte, mentre i consumi energetici si sono dimezzati.

La tecnica utilizzata dagli scienziati giapponesi sostituisce la maggior parte delle interconnessioni fisiche con un sistema di comunicazione basato sull’ accoppiamento induttivo , che di fatto crea una sorta di canale dati wireless tra i chip di memoria. Questa stessa tecnologia può essere utilizzata anche per far comunicare le memorie flash con i rispettivi controller. “Le interconnessioni elettriche vengono usate esclusivamente per l’alimentazione, la massa e il controllo”, ha spiegato Tadahiro Kuroda, professore dell’università di Keio.

La comunicazione via accoppiamento induttivo non è certo una novità. Il vero passo avanti compiuto dai ricercatori giapponesi è stato quello di rendere tale mezzo di comunicazione immune alle interferenze, e dunque affidabile. Un traguardo raggiunto utilizzando speciali schermi e ripetitori di segnale.

L’attuale prototipo è stato costruito utilizzando una tecnologia di processo a 180 nanometri, contro i 60-40 nm utilizzati per la produzione degli odierni chip flash. Ora la sfida, per gli scienziati, sarà quella di riuscire ad applicare la propria tecnica anche a processi produttivi più spinti, così da renderla adatta per il mercato.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nibiru scrive:
    Bisogna standardizzare tutto
    Non solo caricabatterie, ma tutto, anche cavi usb...Macchina fotografica, telefonino, videocamera...ognuno adotta il suo...chiamasi speculazione, basta! :@
  • Gvxp scrive:
    Forse ci sono arrivati
    http://tech.yahoo.com/news/afp/20090217/tc_afp/spaintelecomequiptechnologychargerconsumer
  • MeX scrive:
    prima di questo...
    sarebbe giá un bel passo uniformare le prese di corrente!Tra UK-EIRE/TEDESCA/EUROPEA non si capisce na mazza!
    • Stemby scrive:
      Re: prima di questo...
      - Scritto da: MeX
      sarebbe giá un bel passo uniformare le prese di
      corrente!
      Tra UK-EIRE/TEDESCA/EUROPEA non si capisce na
      mazza!Quoto! Io propongo come spina la CEE 7/7http://it.wikipedia.org/wiki/Spina_elettrica#Tipo_ibrido_F_.2B_Evisto che di fatto è già uno standard (tutti gli apparecchi potenti o medio-potenti vengono venduti con quella già da anni) e di conseguenza come presa una Shuko, magari con i tre buchi all'italiana in mezzo, nelle due diverse dimensioni, per mantenere la retrocompatibilità con tutti i nostri vecchi apparecchi.Standardizziamo!!!!E gli inglesi che si adattino, altrimenti non si capisce che cosa stiano dentro a fare, nella UE.
      • Proposta scrive:
        Re: prima di questo...
        Presente[img]http://i33.tinypic.com/zvsqrk.jpg[/img][IMG]http://i38.tinypic.com/24ctdz4.jpg[/IMG][IMG]http://i34.tinypic.com/15p6d5y.jpg[/IMG][IMG]http://i35.tinypic.com/fnsiza.jpg[/IMG][IMG]http://i37.tinypic.com/nl4f13.jpg[/IMG][IMG]http://i36.tinypic.com/242h253.jpg[/IMG][IMG]http://i34.tinypic.com/2cptag7.jpg[/IMG]Futuro[IMG]http://i36.tinypic.com/14wg2n6.jpg[/IMG][IMG]http://i35.tinypic.com/34h9cg8.jpg[/IMG][IMG]http://i37.tinypic.com/23hq9z9.jpg[/IMG][IMG]http://i36.tinypic.com/2962pe1.jpg[/IMG][IMG]http://i38.tinypic.com/2m4ytmd.jpg[/IMG]
    • ullala scrive:
      Re: prima di questo...
      - Scritto da: MeX
      sarebbe giá un bel passo uniformare le prese di
      corrente!
      Tra UK-EIRE/TEDESCA/EUROPEA non si capisce na
      mazza!Anche le chiavi le viti e i bulloni (metrici e non) ...E allora?È Un buon motivo per non standardizzare?O casomai è vero esattamente il contrario?
    • pippo75 scrive:
      Re: prima di questo...
      - Scritto da: MeX
      sarebbe giá un bel passo uniformare le prese di
      corrente!
      Tra UK-EIRE/TEDESCA/EUROPEA non si capisce na
      mazza!la presa magic ( forse biticino ) che doveva essere il meglio, è sparita?
      • MeX scrive:
        Re: prima di questo...
        il punto è avere le prese uguali ovunque... un adattore non risolve il problema, se non per UN apparecchio alla volta... a meno che non viaggi con una ciabatta :)
        • ugo scrive:
          Re: prima di questo...
          - Scritto da: MeX
          il punto è avere le prese uguali ovunque... un
          adattore non risolve il problema, se non per UN
          apparecchio alla volta... a meno che non viaggi
          con una ciabattaDa anni mi sono dovuto fare la scorta degli adattatori per le varie prese.Invece di aumentare la sicurezza, si arriva per assurdo a rendere tutto estremamente pericoloso, usando riduttori su riduttori.Una notte ho dovuto fare una impalcatura di 3 adattatori (non avevo quello giusto ed era notte) per far funzionare un termoforo a mia madre che non stava bene, mentre mi trovavo all'estero...
      • ugo scrive:
        Re: prima di questo...

        - Scritto da: MeX
        la presa magic ( forse biticino ) che doveva
        essere il meglio, è
        sparita?Direi di si. Ho avuto occasione di vedrela parecchi anni fa, in un albergo, non ricordo dove, e mi e' sembrata molto pericolosa. Uno scasso rettangolare con 2 contatti su un lato e la terra al centro dall'altro lato. Scasso grande che ci si entra col mignolo tranquillamente.E bestemmie perche' incompatibile con tutti i riduttori che avevo.Sono dovuto andare alla reption dell'albergo che mi hanno prestato il riduttore apposito.
  • andy61 scrive:
    ... e le prese ...?
    ci saranno anche le prese multistandard, ma provate a fare mente locale su quanti adattatori ci sono in giro?tenendo conto che ogni adattatore è un rischio (senza contare che è anche un costo ed un oggetto che prima o poi dovrà essere smaltito), ci troveremo comunque ad avere alimentatori diversi, non tanto per il connettore verso il dispositivo, quanto per quello che deve inserirsi nella presa di corrente.Il discorso degli standard è vecchio ... e come dico sempre, gli standard sono belli, perché ce ne sono tanti, e tutti diversi!
    • gohan scrive:
      Re: ... e le prese ...?
      ma in questo caso non si sta parlando delle prese a muro, ma solo quelle lato cellulare: un passo alla volta. ;)
      • andy61 scrive:
        Re: ... e le prese ...?
        se non risolvo il problema delle prese, avranno sempre una scusa per fare un modello per ogni mercato.ed a noi toccherà comperare gli adattatori tutte le volte che andremo all'estero, o peggio, che a casa nostra compreremo materiale proveniente da canali paralleli, con spine differenti.
        • Uby scrive:
          Re: ... e le prese ...?
          - Scritto da: andy61
          se non risolvo il problema delle prese, avranno
          sempre una scusa per fare un modello per ogni
          mercato.

          ed a noi toccherà comperare gli adattatori tutte
          le volte che andremo all'estero, o peggio, che a
          casa nostra compreremo materiale proveniente da
          canali paralleli, con spine
          differenti.Si, ma ti rendi conto del vantaggio che avremmo con un connettore/trasformatore unico per ogni paese?Adesso hai N connettori/trasformatori per M prese differenti, così avresti 1 connettore per M prese. Il guadagno è comunque enorme, anche senza una presa unica europea.(Spero di aver capito bene l'articolo, eventualmente correggetemi :P)
    • Fulmy(nato) scrive:
      Re: ... e le prese ...?
      - Scritto da: andy61
      ...ci
      troveremo comunque ad avere alimentatori diversi,
      non tanto per il connettore verso il dispositivo,
      quanto per quello che deve inserirsi nella presa
      di corrente.ne basta una sola, e neppure va inventata perché già esiste:http://it.wikipedia.org/wiki/Spina_elettrica#Tipo_C_.28Europea_2_poli.29"Conosciuta anche come eurospina, è largamente usata in tutti i paesi d'Europa tranne il Regno Unito, l'Irlanda ed ex colonie come Malta. È anche diffusa in diversi paesi emergenti."Anche qui in Germania, dove le prese a muro sono solo Schuko, gli apparecchi a bassa potenza e tutti i vari alimentatori e caricabatterie, hanno quel tipo di spina.Fanno eccezione solo gli alimentatori dei portatili, ma quelli hanno quasi sempre il cavo sostituibile.Gli adattatori che si trovano in giro hanno di solito due femmine euro e con un paio di quelli per casa si coprono praticamente tutte le esigenze.Ovviamente si distingue al solito il Regno Unito ;)
      • andy61 scrive:
        Re: ... e le prese ...?
        quella che indichi non ha la terra, e quindi credo che sia per definizione fuori norma, almeno sul nostro territorio.A parer mio, le prese dovrebbero differenziarsi solamente in relazione a due parametri: tensione e corrente.e forse neanche per la tensione, in quanto ormai la stragrande maggioranza di apparati è in grado di funzionare con tensioni diverse.Sulla corrente invece non ci piove: per gli apparati che consumano di più, occorrono prese e cablaggi adeguatamente dimensionati.
        • Fulmy(nato) scrive:
          Re: ... e le prese ...?
          - Scritto da: andy61
          quella che indichi non ha la terra, e quindi
          credo che sia per definizione fuori norma, almeno
          sul nostro territorio.non so te, ma io di cellulari che abbiano un caricabatteria con la spina che abbia il contatto di terra non ne ho mai visti.Né ho mai sentito da nessuna parte che le spine senza la terra siano fuori norma. Lo sono, purché l'apparecchio abbia il doppio isolamento (indicato col simbolo del doppio quadrato).Diversamente sarebbero fuorilegge, oltre a tutti i cellulari, anche la maggior parte degli apparecchi domestici, come VCR, decoder, DVD, TV, Hi-Fi...
  • Europeo Italiano scrive:
    Fortuna che esiste la UE
    Certo, ha i suoi difetti, ma è l'unico organismo Politico che ogni tanto mi fa ancora dire: questa è una cosa giusta, ben fatto.
  • ottomano scrive:
    In Corea è già così!
    Sono stato in Corea quest'estate e ho notato che è già così.Tutti i cellulari hanno lo stesso connettore di ricaricascambio dati.Quelli che hanno un connettore differente sono provvisti di un piccolo adattatore (grande quanto un tappo di bottiglia) che consente la ricarica utilizzando l'attacco "universale".Addirittura in metropolitana ci sono dei caricabatterie a gettoni. Inserisci i soldi, connetti il cellulare all'attacco universale e attendi alcuni minuti per la ricarica.Questo significa 2 cose:1-E' possibile utilizzare un solo caricabatterie per tutto.2-Esistono batterie che si ricaricano in pochi minuti, sono già in commercio, ma da noi nemmeno l'ombra.Nicola
  • HotEngine scrive:
    USB? Qualcuno ci ha già pensato...
    Brevettandolo...http://www.patentstorm.us/patents/6184652/description.html
    • gohan scrive:
      Re: USB? Qualcuno ci ha già pensato...
      ma lì non si descrive un adattatore/convertitore USB -
      caricabatteria?L'idea della UE è di alimentare i cellulari direttamente tramite una porta universale, senza tanti adattatori.
  • Brando scrive:
    Non ci sono limiti tecnici
    Il connettore lato apparecchiatura può essere un mini usb o anche un connettore nuovo standardizzato per tutti i produttori.La presa di corrente (la spina, per intenderci) può essere l'eurospina, che è adatta a quasi tutti i paesi europei (restano fuori solo Gran Bretagna e Irlanda).Per il voltaggio, gli alimentatori moderni si autoregolano da soli.Quindi non vi sono motivi tecnici nel mezzo, solo la volontà di non fare delle case produttrici.Ah, dal punto di vista legale, se l'UE legifera i produttori si adeguano alla legge, quindi non ci sono nemmeno impedimenti di questo tipo.Magari ai produttori conviene accordarsi prima che una legge dell'europarlamento li obblighi a farlo.
    • Stemby scrive:
      Re: Non ci sono limiti tecnici
      Non è il parlamento europeo a "legiferare": il parlamento europeo è un'inutilità pari alle provincie in Italia, se non esistessero non ce ne accorgeremmo e risparmieremmo un po' di grana.È il consiglio europeo a firmare direttive e regolamenti, costituito dai ministri dell'UE del settore (in questo caso immagino i ministri dell'industria).
      • GIgoachef scrive:
        Re: Non ci sono limiti tecnici
        Facciamo chiarezza.E' vero. Il parlamento europeo non ha l'iniziativa legislativa, che spetta alla commissione, ma legifera eccome approvando le deliberazioni e le proposte della commissione e del consiglio dei ministri. Il parlamento inoltre ha potere di proporre alla commissione iniziative legislative che poi la commissione può decidere di far sue.I poteri del parlamento europeo sono sulla carta inferiori a quelli di cui godono i parlamenti dei singoli stati nazionali, ma è un vitale elemento di democrazia in una struttura che altrimenti sarebbe solo ed esclusivamente tecnocratica. Capisco che ormai in Italia facciamo fatica a ricordare il significato della parola democrazia, però ora non esageriamo.Sulle province invece hai ragione, sono enti inutili le cui funzioni potrebbero essere tranquillamente svolte da altri corpi (comuni e regioni) senza rischi per la democraticità del proXXXXX legislativo.
  • Ledz scrive:
    Re: La soluzione esiste USB!
    - Scritto da: Enjoy with Us
    Ed è già adottata da alcuni produttori tipo
    Sagem, questa è vera ecologia altro che le
    XXXXXXXXX con pannelli solari dell'altro
    giorno!Ecco perche' due anni fa mi sono preso un Sagem.Lento, con ricezione mediocre, ma almeno con mini-USB
    • Faustino scrive:
      Re: La soluzione esiste USB!
      HTC Touch HD, connettore usb.
      • gohan scrive:
        Re: La soluzione esiste USB!
        ma mica tutti possiamo prendere uno smartphone windows mobile per avere il caricabatterie miniUSB... Cmq anche motorola mi pare abbia il caricabatterie miniUSB, oltre ovviamente ai blackberry
    • Enjoy with Us scrive:
      Re: La soluzione esiste USB!
      - Scritto da: Ledz
      - Scritto da: Enjoy with Us

      Ed è già adottata da alcuni produttori tipo

      Sagem, questa è vera ecologia altro che le

      XXXXXXXXX con pannelli solari dell'altro

      giorno!


      Ecco perche' due anni fa mi sono preso un Sagem.

      Lento, con ricezione mediocre, ma almeno con
      mini-USBStrano il mio un Sagem my 212x mi è costato pochissimo 30 euro comprensivi di 5 di traffico telefonico, riceve benissimo e con un banale cavo miniUSB posso aggiornare i contatti con il PC!
      • Claudio scrive:
        Re: La soluzione esiste USB!
        Palmari e cellulari ASUS con mini USB... Utilissimo perchè ho riciclato il caricabatterie del vecchio motorola v3x...
  • ugo scrive:
    un piccolo particolare...
    Il fatto delle tensioni diverse nei vari paesi, e' una "XXXXXXXta" e basta.Come gia' scritto da altri, esistono da anni alimentatori multitensione, sia originali che "cinesi" che non hanno bisogno di alcun commutatore, ma fanno da soli.Per il connettore, invece un distinguo lo farei.Io da circa una decina di anni,uso il viva-voce in auto. Una scelta obbligata, in quanto a volte ricevo o debbo fare chiamate. Una questione di sicurezza per avere le mani sempre libere.Negli anni ho gia' cambiato 5 telefoni, ed ho comprato a mia volta 5 viva-voce diversi e 5 auricolari diversi...Estendiamo la standarderizzazione del connettore di alimentazione anche a quello dei servizi!Fcciamo un connettore unico per tutto.
    • Fulmy(nato) scrive:
      Re: un piccolo particolare...
      - Scritto da: ugo
      Il fatto delle tensioni diverse nei vari paesi,
      e' una "XXXXXXXta" e basta.
      leggo su un alimentatore Nokia INPUT: AC 100-240V/50-60Hz /65mAmagari sono dei geni quelli della Nokia?alimentatore HPWIDE RANGE INPUTINPUT/ENTRADA:100-240V~1.5A(1.5A) 50-60HzE probabilmente se andassi a ravanare sotto le scrivanie dei colleghi, alla ricerca di alimentatori di cellulari e laptop, troverei scritte le stesse cose.Quindi è meglio se il signor Graziano ne tira fuori un'altra di scusa, perché dal lato "input" gli alimentatori buona parte sono già universali da tempo.
      • Comune Mortale scrive:
        Re: un piccolo particolare...
        Secondo me lui si riferiva all'output, è ovvio che i caricabatteria in input debbano ricevere tensioni tra 110 e 220v ma in output ogni batteria ha bisogno di tensioni diverse, quindi se passa questa proposta i caricabatteria devono avere un regolatore della tensione di output per adattarsi alle varie batterie.
        • Fulmy(nato) scrive:
          Re: un piccolo particolare...
          - Scritto da: Comune Mortale
          Secondo me lui si riferiva all'output, è ovvio
          che i caricabatteria in input debbano ricevere
          tensioni tra 110 e 220v ma in output ogni
          batteria ha bisogno di tensioni diverse, no, lui citava proprio le diverse tensioni di rete elettrica tra i vari paesi: "una cosa legalmente e tecnicamente impossibile viste le differenze di voltaggio esistenti tra i diversi standard adottati dai paesi dell'Unione"
          ...quindi
          se passa questa proposta i caricabatteria devono
          avere un regolatore della tensione di output per
          adattarsi alle varie
          batterie.Che gli apparecchi possano avere differenti tensioni e differenti batterie è vero, ma infatti è proprio questo che si vuole chiedere ai produttori: di uniformare i loro apparecchi.
        • gohan scrive:
          Re: un piccolo particolare...
          e fare i nuovi telefoni che funzionino tutti a 5v? non sarebbe più facile? Tra l'altro vedo che ultimamente un sacco di telefoni funzionano a 5v e io carico il mio nokia con un cavetto usb con in fondo il micro jack tipico nokia
          • ugo scrive:
            Re: un piccolo particolare...
            - Scritto da: gohan
            e fare i nuovi telefoni che funzionino tutti a
            5v? non sarebbe più facile?Ci vuole poco.Ci vuole un niente per dotare i dispositivi di un regolatore interno per adattarsi alla tensione unica di ingresso.Aspe' guardo il mio cell. (fuori produzione dalla fine 2007).Batteria 3,6 volt - alimentatore 4,9 volt.C'e' gia'!!
          • Patrocloooo scrive:
            Re: un piccolo particolare...
            I regolatori di tensione li avevano già alcune macchine fotografiche reflex degli anni '70. Io nella mia ci metto pile da 1,5 Volt e viene aggiustata automaticamente a 1,35.Che nel 2009 abbiano problemi a metterli su cellulari che fanno pure i video mi sembra davvero ridicolo.Questo tizio col cognome italiano ma chi vuol XXXXXXX?
      • GIgoachef scrive:
        Re: un piccolo particolare...
        Ma ragazzi sveglia!Il signor Graziano è il presidente della European Information & Communications Technology Industry Association (EICTA), cioè un lobbista - anzi un capo lobbista - che rappresenta a Bruxelles gli interessi di uno specifico settore industriale, che ovviamente ha tutto da guadagnare a mantenere la situazione illustrata da ugo.Cioè, ogni volta che cambi cellulare sei costretto a cambiare alimentatore (che ovviamente paghi anche se è "incluso" nella confezione), vivavoce, e quant'altro.Ora, secondo voi, un lobbista che rappresenta la grande industria è sempre obiettivo in quello che dice?
  • vac scrive:
    Anche l'auricolare... Grazie!
    Come da oggetto.(W la convergenza)
  • lucky141 scrive:
    "Piccoli ciaffi cazzuti"
    Douglas Adams (famoso per la Guida Galattica per Autostoppisti) ha scritto uno splendido articolo sugli alimentatori che chiamava "piccoli ciaffi cazzuti" (in inglese "little dongly things, ma la traduzione italiana è geniale)."Ho stanze piene di piccoli ciaffi cazzuti e non ne desidero altri . Metà dei piccoli ciaffi cazzuti che ho non so nemmeno a che ordigno appartengano... ".
    • Argonauta scrive:
      Re: "Piccoli ciaffi cazzuti"
      Per la traduzione geniale dobbiamo ringraziare Laura Serra, che è MOLTO più di una traduttrice! ;)
  • ciampix scrive:
    Legalmente e tecnicamente possibile
    Come qualcuno ha già fatto notare, problemi tecnici non esistono e io lo posso confermare dato che sono un Perito Elettronico che ha lavorato più di 10 anni nel campo. Quanto alle difficoltà legali, qualcun altro ha già risposto che se il problema è mettersi d'accordo sul connettore, basta adottare un connettore mini-usb che per definizione è libero da royalties ed il gioco è fatto (ma ci sono altri connettori "liberi" vedi Nokia...). Il vero problema è la volontà politica di far valere il bene comune di fronte allo sfruttamento di pochi. E qui evito ogni commento...
    • gohan scrive:
      Re: Legalmente e tecnicamente possibile
      il bello è che proprio nokia che adesso monta le prese miniusb nei telefoni, ancora pretende di caricarli solamente tramite la solita presa
  • eh... scrive:
    USB!!
    Tanto la maggior parte dei telefoni gia la hanno!
    • fsn scrive:
      Re: USB!!
      si, e la metà pur avendolo (esempio a caso, nokia n95 ma ce ne sono sicurametne altri) NON si ricaricano tramite USBappena la mia donna ha comprato l'N95 le faccio, con occhio furbo: dammi, dammi qua! che te lo metto io in carica via USB, così se sei in giro con il portatile non serve nemmeno che ti porti il caricabatterie!tralasciamo la figura da idiota quando ho connesso il miniUSB e, in qualsiasi modalità io mettessi la connessione, non ricaricava un beneamato XXXXX.
      • gohan scrive:
        Re: USB!!
        io ho comprato lo swisscharger universale e carico il nokia da USB... solo che l'usb del pc/portatile non riesce a fornire sufficiente corrente per caricare velocemente il telefono e non riesce mai a finire la carica anche se lo lasci 10 ore (se noti di solito gli alimentatori a 220v hanno in uscita 7-800 mA mentre l'usb ne da al max 500)
  • IoMe scrive:
    Caro Sig. Graziano

    una cosa legalmente e tecnicamente impossibile viste le
    differenze di voltaggio esistenti tra i diversi standard
    adottati dai paesi dell'Unione.Tecnicamente:Facciamoli tutti uguali anche se diversi da paese a paese.:-)Legalmente:Caro signor Graziano, le leggi si cambiano. :-)E' OPPORTUNO RICORDARE A QUESTO SIGNORE CHE LE LEGGI NON LE FANNO SOLO LE TELCO O LE MULTINAZIONALI... Ogni tanto le fanno anche i parlamenti.
    L'industria, dice poi Graziano, ben difficilmente si metterà d'accordo su un singolo trasformatore Se è costretta, si mette d'accordo non si preoccupi signor Graziano, non tema! Se c'è la legge, c'è l'accordo.
  • Luke scrive:
    Mini USB
    Credevo stesse già accadendo... Tutti gli smartphone ora hanno la porta mini USB, usandola anche per ricaricare la batteria interna si elimina una porta e si crea uno standard de facto.Non so poi se vari dispositivi richiedono alimentatori USB diversi, in teoria anche per l'alimentazione questa porta ha un suo standard quindi non dovrebbe essere necessario un alimentatore specifico. Non ho fatto più esperimenti di tanto per non rischiare di bruciare qualcosa, ma, per esempio, con l'alimentatore miniUSB HTC ho ricaricato anche il modulo GPS tascabile, il pad della PS3 etc.
    • caiodark scrive:
      Re: Mini USB
      Alcuni cellulari hanno la porta usb ma hanno l'alimentazione scollegata.Su questo ci sarebbe un po' da lavorare.
    • Il Lordo scrive:
      Re: Mini USB
      ho dei Motorola, ho provato a caricarli con una mini usb usando un pc ma non funziona, altri lettori MP3 necessitano del suo alimentatore, si tratta comunque di trovare uno standard, non mi sembra un problema irrisolvibile, se hanno trovato lo standard del CD e del DVD. Per la presa di corrente invece sarebbe bene che qualcuno dicesse all'inghilterra di adattarsi, la loro presa è semplicemente ridicola, sia come aspetto che come dimensioni.Il Lordo
      • Mauro scrive:
        Re: Mini USB
        Ma infatti, la storia della "miniusb" motorola è un mistero della fede, un normale cavetto di adattamento usb-miniusb non lo carica, stessa cosa per il caricatore miniusb dell'mp3 creative, si carica solo col suo traformatore. Però il suo trasformatore va bene per caricare il motorola, l'mp3 creative, e anche il mio ipaq, quindi non capisco proprio...
        • HotEngine scrive:
          Re: Mini USB
          http://pinouts.ru/CellularPhones-A-N/razrv3_charger_pinout.shtml
        • MAGA 73 scrive:
          Re: Mini USB
          - Scritto da: Mauro
          Ma infatti, la storia della "miniusb" motorola è
          un mistero della fede, un normale cavetto di
          adattamento usb-miniusb non lo carica, stessa
          cosa per il caricatore miniusb dell'mp3 creative,
          si carica solo col suo traformatore. Però il suo
          trasformatore va bene per caricare il motorola,
          l'mp3 creative, e anche il mio ipaq, quindi non
          capisco
          proprio...L'uscita usb del pc è 5v quella del trasformatore dovrebbe essere 3,6v. Fortun che è disattivata altrimenti...
  • guerrierodipace scrive:
    usb
    i nuovi nokia cominciano ad avere la miniusb,idem gli htc
    • powerfull scrive:
      Re: usb
      L'HTC è da un bel po che utilizza la mini usb, nokia lo sta facendo ora. Se vogliono tutti i produttori possono farlo se lo volessero, senza attaccarsi alle solite s....z.te come l'amperaggio.
    • harvey scrive:
      Re: usb
      InfattiOramai l'USB e' uno standard per caricare i dispositivi, basterebbe renderlo obbligatorio.Almeno spariranno quei cavolo di cavi per connettersi al pc da decine di euro (prezzo assurdo)Ps: io ho un HTC e mi trovo benissimo a poterlo caricare ovunque ho un pc
  • Normazione scrive:
    Norme ISO
    Non vedo tutta questa "impossibilità".Esistono norme ISO su i più svariati campi e quindi possono farne una anche per i caricabatterie!Immaginate che pasticcio avere viti con profilo diverso da Paese a Paese? Ormai (tranne per il gas) si usano praticamente sempre le viti a profilo metrico e tutto è più semplice.E così via per tutti gli altri campi dell'ingegneria.Secondo me la cosa è fattibilissima e molto utile per il consumatore. Pochi sono i casi in cui questo approccio sarebbe veramente impraticabile.Nokia ha usato un caricabatterie unico per quasi 10 anni (valido in quasi tutto il mondo). Ci vuole poco se si vuole."Mi si è scaricato il cellulare, me lo fai caricare?"Scenario 1:"Certo, attaccati pure!"Scenario 2:"Scusa, ma abbiamo un connettore diverso :-("Qual è il migliore?
  • Sale&Pepe scrive:
    La presa accendisigari
    La presa accendisigari dell'auto, uno standard perfetto da decine d'anni, diffuso dal deserto del Gobi alla Patagonia, inventato da un meccanico annoiato in una domenica pomeriggio. Qualcuno ancora pensa che siano delle ragioni tecniche a rallentare la normativa per un caricabatterie unico europeo?
    • marco scrive:
      Re: La presa accendisigari
      - Scritto da: Sale&Pepe
      La presa accendisigari dell'auto, uno standard
      perfetto da decine d'anni, diffuso dal deserto
      del Gobi alla Patagonia, inventato da un
      meccanico annoiato in una domenica pomeriggio.
      Qualcuno ancora pensa che siano delle ragioni
      tecniche a rallentare la normativa per un
      caricabatterie unico
      europeo?STRAQUOTO
    • MeX scrive:
      Re: La presa accendisigari
      e chi non ha la macchina?
      • ullala scrive:
        Re: La presa accendisigari
        - Scritto da: MeX
        e chi non ha la macchina?Era solo un esempio ...In ogni caso la risposta è ovvia... chi non ha la macchina va a piedi o con un altro mezzo nella sua disponibilitàIl caricabatteria e la macchina sono cose diverse!Idem dicasi per la presa dell'accendino (non è la macchina) e neppure serve la macchina per avere una presa uguale...E comunque era solo un esempio!
  • anonimo scrive:
    usb?
    Basta iniziare a fare i nuovi cellulari tutti con attacco mini usb, ricaricabili con uno stupidissimo alimetatore da 5v e 500mA.
  • Nokia the best scrive:
    Magari facessero tutti come NOKIA
    Forse e' l'unico produttore che per anni lascia invariata la presa di alimentazione, e sorpresa delle sorprese...... quando la cambia rilascia il mini adattatore (dal vecchio grande al nuovo piccolo) risultato: puoi tranquillamente usare tutto il vecchio che avevi.UN GRANDE.
    • Larry scrive:
      Re: Magari facessero tutti come NOKIA
      - Scritto da: Nokia the best
      Forse e' l'unico produttore che per anni lascia
      invariata la presa di alimentazione, e sorpresa
      delle
      sorprese...

      ... quando la cambia rilascia il mini adattatore
      (dal vecchio grande al nuovo piccolo) risultato:
      puoi tranquillamente usare tutto il vecchio che
      avevi.


      UN GRANDE.non mi risulta che i Nokia serie N abbiano lo stesso spinotto coassiale di collegamento dei modelli economici, era a questo che ti riferivi?
      • giyf scrive:
        Re: Magari facessero tutti come NOKIA
        - Scritto da: Larry
        non mi risulta che i Nokia serie N abbiano lo
        stesso spinotto coassiale di collegamento dei
        modelli economici, era a questo che ti
        riferivi?a me si!Ho un nokia N95 8gbho un nokia 1200 (pagato nuovo 20 euro)stesso caricabatterie.
        • caiodark scrive:
          Re: Magari facessero tutti come NOKIA
          Va benissimo.A me basterebbe che il telefono si possa caricare anche via USB, la vedo come la soluzione più economica e realizzabile che non imporre il trasformatore uguale per tutti.E poi quanti paesi sono compatibili a livello di linea elettrica?
          • Arrapaho scrive:
            Re: Magari facessero tutti come NOKIA
            Non esiste nessuna difficoltà a produrre un alimentatore che accetti tutte le tensioni di rete elettrica in uso in Europa e anche nel mondo. I cinesi ad esempio li producono già da tempo per i cellulari e da ancora più tempo ci sono ad esempio alimentatori per PC e portatili che funzionano senza nessuna regolazione manuale da 90 V a 240 V di rete. Non ci costruiscono più da una vita gli alimentatori con il "trasformatore", ormai hanno quasi tutti dei regolatori elettronici switching. Li riconosci a peso, a parità di dimensioni e potenza fornita quelli elettronici pesano molto meno!
    • harvey scrive:
      Re: Magari facessero tutti come NOKIA
      Alla faccia del grande :DI grandi sono quelli che se ne fregano di guadagnare sui caricabatterie e cavetti vari, e usano uno standard vero. L'USB
      • blaz bqu scrive:
        Re: Magari facessero tutti come NOKIA
        - Scritto da: harvey
        I grandi sono quelli che se ne fregano di
        guadagnare sui caricabatterie e cavetti vari, e
        usano uno standard vero.
        L'USBMa cosa c'entra?L'USB serve per lo scambio dati, mica per caricare.È un più, non il suo compito principale.Non facciamo un miscuglio schifoso!Uno standard sì, ma fatto bene e non coi piedi!
        • harvey scrive:
          Re: Magari facessero tutti come NOKIA
          - Scritto da: blaz bqu
          Ma cosa c'entra?
          L'USB serve per lo scambio dati, mica per
          caricare.
          È un più, non il suo compito principale.
          Non facciamo un miscuglio schifoso!
          Uno standard sì, ma fatto bene e non coi piedi!Certo, infatti i caricabatterie con uscita USB sono solo una truffa per i beoti :DContinua a comprare standard dei produttori, che sono fatti apposta per caricare la batteria :P
    • Foy scrive:
      Re: Magari facessero tutti come NOKIA
      - Scritto da: Nokia the best
      Forse e' l'unico produttore che per anni lascia
      invariata la presa di alimentazione, e sorpresa
      delle
      sorprese...

      ... quando la cambia rilascia il mini adattatore
      (dal vecchio grande al nuovo piccolo) risultato:
      puoi tranquillamente usare tutto il vecchio che
      avevi.


      UN GRANDE.Nokia tenderà alla standardizzazione interna, ma esclude in qualsiasi modo la compatibilità con altri componenti. Un esempio su tutti è l'auricolare. Il cellulare riconosce se è Nokia o no, e se non lo è non te lo fa usare. Questo è ostruzionismo bello e buono, oltre al fatto che il suo standard non è destinato a imporsi, in quanto è lo standard MiniUSB che si sta imponendo dato che molto più versatile. In casa ho un Motorola Razr, un lettore Mp3 e un palmare che usano tale attacco, quindi è una realtà fondata.
    • gohan scrive:
      Re: Magari facessero tutti come NOKIA
      il problema è che nei nuovi telefoni non dovrebbero venderti anche un nuovo alimentatore perchè dovresti essere in grado di riusare il vecchio.
    • MeX scrive:
      Re: Magari facessero tutti come NOKIA
      vero in parte su alcuni modelli l'amperaggio é diverso.Risultato: battarie carica al 100% che in realtá non lo é e si scarica molto in fretta...
  • Dti Revenge scrive:
    possibile che
    Un caricabatterie fashion e tutto colorato di bianco costi il triplo della concorrenza? Ma i filamenti sono di rame o di oro? Io non riesco a capire...
    • rockroll scrive:
      Re: possibile che
      - Scritto da: Dti Revenge
      Un caricabatterie fashion e tutto colorato di
      bianco costi il triplo della concorrenza? Ma i
      filamenti sono di rame o di oro?

      Io non riesco a capire...Nel mercato rionale sotto casa mia sono reperibili, presso bancarelle non ufficiali gestite per lo più da extracomunitari (africani più che cinesi), alimentatori per praticamente TUTTI i tipi di cellulari, tra l'altro a voltaggio di rete UNIVERSALE, per 5 (cinque) euro . Alcuni di questi hanno uscite multiple su più connettori per i più comuni tipi di cellulari... Intorno ai 4 euro costano gli alimentatori da presa accendisigari dell'auto, ovvero 5 euro se ad uscite multiple, come anche 5 euro costa l'adattatore da rete a voltaggio universale a presa accendisigari da 12 volts. Per inciso, le batterie per cellulari, e si trovano assolutamente di tutti i modelli, costano da 7 a 10 euro max, e sono perfette (esperienza mia e dei vicini) a differenza di quelle originali che spesso e volentieri vengono cambiate in garanzia perchè dopo breve tempo inefficienti! C'è bisogno di dire altro a carico degli imbrogli cui ci sottopone chi il cartello commerciale di chi brama i nostri soldi?
      • battagliacom scrive:
        Re: possibile che
        trattando un po per i caricatori da auto puoi arrivare anche a 3 euro (2,50 se il marocchino è d'accordo)
  • TheB scrive:
    Legalmente impossibile?
    Tecnicamente e' possibile, visto che ci son n alimentatori "multi uso" con voltaggi differenziabili via deviatore.E analogamente dovrebbe essere possibile anche regolare la potenza.Legalmente? Gia'... Probabilmente ci sono i diritti di sfruttamento del connettore proprietario: il "paralizzante motivo legale"... o sbaglio?
    • rockroll scrive:
      Re: Legalmente impossibile?
      Tecnicamente e' possibile, visto che ci son n alimentatori "multi uso" con voltaggi differenziabili via deviatore. Certo, ma c'è di più: un semplicissimo circuito permette di rendere automatico l'adattamento al voltaggio di rete elettrica: molti alimentatori da 4 soldi, compresi quelli NON ORIGINALI di molti cellulari, già lo sono! Guarda caso le cose più efficienti le trovi nel mercato alternativo ...
    • Enjoy with Us scrive:
      Re: Legalmente impossibile?
      - Scritto da: TheB
      Tecnicamente e' possibile, visto che ci son n
      alimentatori "multi uso" con voltaggi
      differenziabili via
      deviatore.

      E analogamente dovrebbe essere possibile anche
      regolare la
      potenza.

      Legalmente? Gia'... Probabilmente ci sono i
      diritti di sfruttamento del connettore
      proprietario: il "paralizzante motivo legale"...
      o
      sbaglio?Nessun problema obblighi i produttori a produrre i loro nuovi prodotti con un'interfaccia standard.... MiniUSB?Lo hanno fatto per il sintonizzatore televisivo non possono farlo per i cellulari?
      • bLax scrive:
        Re: Legalmente impossibile?


        Nessun problema obblighi i produttori a produrre
        i loro nuovi prodotti con un'interfaccia
        standard....
        MiniUSB?
        Lo hanno fatto per il sintonizzatore televisivo
        non possono farlo per i
        cellulari?quoto in pieno....quando mi capitò di avere per le mani il Razr V3x con mini-USB per TUTTO (dati, caricabatterie, auricolari ecc ecc)pensai subito: GENIALE, speriamo rappresenti una svolta...ebbene, non solo sono ancora qui ad attendere, ma dovendo ora cambiare cellulare, ho notato pure che non esistono molti dispositivi con mini usb standard(ma proprietari GRRRRRR vorrei sapere per quali esigenze molti sono passati ad un formato "micro-USB" quando i cellulari piu sottili sono ancora il doppio di una porta mini-USB standard!!!!), se ne sono provvisti, si usa solamente per cavo dati....insomma sono andati ben lontani dalla standardizzazione....nokia, dall'alto dell suo 50% di marketshare,adiritura si inventa perfino cavetti usb non sandard con il controller integreto nel cavetto, risutato: vendono stupidi(perche servono dei driver per UN CAVO!!) cavi usb proprietari (prezzo di produzione+trasporto si e no 1) a 50!!!sono tutti dei ladri in questo argomento, speriamo che l'UE metta nel sederino a tutti un obbligo di standard unico, e spero che scelgano la mini USB: comoda, pratica e gia de facto uno standard riconosciuto....
    • harvey scrive:
      Re: Legalmente impossibile?
      - Scritto da: TheB
      Legalmente? Gia'... Probabilmente ci sono i
      diritti di sfruttamento del connettore
      proprietario: il "paralizzante motivo legale"...
      o
      sbaglio?Le leggi si cambiano, e se sei L'UE te ne freghi delle VECCHIE questioni legali
  • marco scrive:
    si faccia la direttiva
    basta negoziazione con i big dell'industria, con le multinazionali, si faccia la norma e basta
    • ufo1 scrive:
      Re: si faccia la direttiva
      Totalmente d'accordo!I mercanti di questo stampo, derivano da quai avventurieri che giravano il mondo per piazzare le loro mercanzie. Non esitavano ad uccidere per aumentare il prorpio capitale.Pare non abbiano cambiato in nulla
Chiudi i commenti