Stallman, incontro a Milano

AssoEtica


Milano – Giovedì 24 febbraio a Milano Richard Stallman sarà tra i relatori di un incontro sull’etica d’impresa dal titolo L?etica del software libero: lo spirito di collaborazione volontaria come nuovo modello sociale? organizzato da AssoEtica .

“Stallman – si legge in una nota – sta all?origine di quella rivoluzione nella produzione del software conosciuta soprattutto attraverso il successo di Linux, il sistema operativo realizzato attraverso il lavoro collaborativo di innumerevoli programmatori sparsi per il mondo. La rivoluzione va quindi molto al di là del mondo informatico. Con il Free Software, Stallman propone anche una nuova etica del lavoro”.

L’incontro è grauito e aperto al pubblico. Si terrà alle 18,00 presso la Casa della Cultura (Via Borgogna 3 Milano). Informazioni e accrediti qui .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Sandro kensan scrive:
    Re: ascoltati gli operatori professional
    - Scritto da: Anonimo
    io simpatizzo molto per le organizzazioni
    escluse, ma mi pare chiaro che quella
    riunione serviva a definire indirizzi
    operativi ed economici.Indirizzi operativi ed economici.Mi viene in mente la famosa frase "non disturbate il manovratore" di andreottiana memoria.
    sono stati ascoltati coloro che producono
    profitto tramite internet.Anche i ladri producono profitto e pure molto. Personalmente non ascolterei i ladri su una legge che riguardi le misure di sicurezza nelle banche. Invece ascolterei chi porta i soldi nelle banche.Per quanto riguarda Internet ascolterei gli utenti e chi li rappresenta e non chi ha intenzione di estorcere loro denaro usando il nostro sistema economico come grimaldello.Per essere chiari è facile imporre l'ADSL a 30 euro se si usa il nostro sistema economico come paravento, è pure facile imporre gli sms a più di 10 centesimi l'uno se il paravento è "quelli che producono profitti".
    ascoltare altri tipi di associazioni sarebbe
    diventato solo, mi spiace, un siparietto
    politico predefinito. si sarebbero sentite
    cose già note, utopiche, che non
    mandano avanti niente.La disonestà manda avanti il mondo. Se non ci fossero i disonesti saremmo all'età della pietra...
  • Anonimo scrive:
    Sky ...
    che c'azzecca ?
  • Anonimo scrive:
    Re: Ho la nausea
    - Scritto da: Anonimo
    stanno stringendo sempre più il
    cerchioChe ci provino e' vero che ci riescano e' altra cosa :DNon mi pare che i risultati (l'unica cosa che conta davvero) gli diano ragione per adesso i veri trombati rimangono loro!Vogliono proseguire cosi' ?Vadano pure avanti.. si vede che gli piace! :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Ho la nausea
      questo è pericolosissimo!siamo in italia ricorda qui non c'è la polonia che si opponequi c'è un presidente che si fa una legge per tutelarsi da crimini commessi anni fa, e che ci riesce!qui siamo in un romanzo tra asimov e clancyqui la vita è un filmocchio a ridire quelle cose!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ho la nausea
        - Scritto da: Anonimo
        questo è pericolosissimo!

        siamo in italia ricorda qui non c'è
        la polonia che si oppone

        qui c'è un presidente che si fa una
        legge per tutelarsi da crimini commessi anni
        fa, e che ci riesce!

        qui siamo in un romanzo tra asimov e clancy

        qui la vita è un film

        occhio a ridire quelle cose!Siamo in italia ma l'italia fa parte dell'europa e del pianeta terra!Particolarmente se si parla della rete che non ha locazioni geografiche reali
  • marcocavicchioli scrive:
    e le università?
    chi si dovrebbe occupare dell'analisi dei fenomeni sociali e tecnologici che la società sviluppa al giorno d'oggi? associazioni di volontari? privati cittadini? industrie? NO, le università. sono le università a dover fare ricerca e sono quindi le uniche candidate a DOVERSI assumere il compito e l'impegno di tenere sotto controllo, di scansionare il mondo d'oggi, di analizzare ed elaborare scenari futuri in tutti i campi dell'evoluzione (tecnologica, in questo caso). se c'è qualcuno a cui dovrebbe spettare più di ogni altro il compito di conoscere per sapere "cos'è" Internet, come si evolve, come si usa, come viene usato, come si dovrebbe usare, come funziona, come funzionerà, quali problemi può dare e quali soluzioni si possono trovare questo è in primis il mondo accademico. e, di conseguenza, gli eventuali gruppi di studio universitari sono i principali candidati a sostenere un processo di analisi del fenomeno per trovare eventuale falle e/o patch. quanto di ciò è già realtà? quanto di ciò è noto ai politici che inzuppno la loro reputazione nel brodo di Internet rimanendone invischiati come nelle sabbie mobili? chi è che ci deve tirare fuori da questo vergognoso impasse? ancora un volta: le università (ammesso che possano e che vogliano farlo).
    • warrior666 scrive:
      Re: e le università?
      Ma quale empasse? Qui si vuole ottenere solo il controllo di uno strumento che al giorno d'oggi è in mano a tutti. Quindi i circoli accademici servono solo a trovare soluzioni tecniche per attuare un disegno, ma il disegno lo stabiliscono i poteri forti, e indovina qual'è il loro obbiettivo..Le leggi non sono il frutto di principi logici e positivi, ma delle pressioni delle varie lobby, quindi poi è normale trovarsi davanti a degli obrobri (per noi).
  • rscano scrive:
    Per correttezza verso chi legge
    Intanto grazie per averci citato :)Posto che non comprendo neppure io il motivo per cui non vi è stata data audizione, avevo comunque chiesto sia a NewGlobal.it che la FSF di fornire del materiale che - come IWA/HWG - avremmo presentato in audizione, citando che tale materiale era stato prodotto da realtà non convocate ma che, presentato da IWA/HWG, doveva in ogni caso rimanere allegato agli atti.Newglobal, tramite Ettore Panella, ha ringraziato dell'offerta segnalando che avrebbero inviato la versione 2.0 del loro studio direttamente alla commissione.Anche la FSF Europe, tramite Stefano Maffulli, ha ringraziato dell'offerta facendo presente che stavano decidendo il da farsi, valutando di inviare direttamente il contributo.Questo non per criticare o altro, ma per dire che la possibilità di presentare i documenti, senza oscurare il nome delle associazioni noi - visto che la Commissione non c'ha pensato - l'abbiam offerta. Se poi per questioni diverse non è stato possibile mettere in primo piano l'interesse degli utenti solo per problemi burocratici, non sta a me dirlo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Per correttezza verso chi legge

      Newglobal, tramite Ettore Panella, ha
      ringraziato dell'offerta segnalando che
      avrebbero inviato la versione 2.0 del loro
      studio direttamente alla commissione.E' stata una gentile offerta la vostra ma noi avevamo già inviato il link alla versione 1.0 del nostro documento all'atto della richiesta di audizione. In seguito, visto anche lo scambio di lettere http://www.newglobal.it/xoops2/html/modules/news/article.php?storyid=79con la commissione abbiamo ritenuto che non vi fosse desiderio di ascoltare la nostra voce e quindi abbiamo rispettato questa esigenza. Avremmo perso tempo in due, noi a parlare e loro ad ascoltare e quindi abbiamo ritenuto più utile per tutti usare il tempo in modo migliore.Ettore Panella
  • Anonimo scrive:
    Il problema ....
    è che politici ed esperti,legati ai carrozzoni della grana, ascoltano solo se stessi.Come possiamo fidarci di gente siffatta ?????
  • Anonimo scrive:
    Re: Popolo italiano...

    P.S.
    Tra l'altro chi scarica Britney, beh la
    galera no, ma due ceffoni magari si...Chi scarica britney è un fesso: così non fa altro che 'confermare' che VUOLE quel genere di musica anche a costo di finire in galera. E così i discografici, anziché "scaricare" britney sono incoraggiati a produrre m***a ancora più fetente e venderla a caro prezzo, per giunta tette solo in read only.
    • Anonimo scrive:
      Re: Popolo italiano...
      - Scritto da: Anonimo


      P.S.

      Tra l'altro chi scarica Britney, beh la

      galera no, ma due ceffoni magari si...

      Chi scarica britney è un fesso:
      così non fa altro che 'confermare'
      che VUOLE quel genere di musica anche a
      costo di finire in galera.
      E così i discografici, anziché
      "scaricare" britney sono incoraggiati a
      produrre m***a ancora più fetente e
      venderla a caro prezzo, per giunta tette
      solo in read only.Non ho capito se trattasi di lapsus froidiano o di un errore di stampa...certo è che le "tette read only" sono azzeccate con cotante elemento....:|:p:D:D:D:D:D
  • Anonimo scrive:
    GRRR
    GRRRRRRRRR!Istintivamente sapete qual'e' la prima cosa che ho pensato dopo aver appreso questa simpatica storiella? "Bene ora per sette giorni sabbatici scarico a m-a-n-e-t-t-a, regalo cd masterizzati a tutti gli amici, vado in ufficio e ungo con di un po' di virus l'amministrazione e provo a bucargli il sito al consiglio dei ministri!"...Poi mi fermo e rifletto: alla faccia... certo che questa gente e' davvero in grado di tirare fuori il meglio da ognuno di noi! E per fortuna che informaticamente sono solo un mediocre programmatore! Pensa te che cavolo mi sarei inventato di fare se fossi un geniaccio come qualche mio collega... o perke' no... magari un terrorista con pochi scrupoli!Insomma: sono veramente dei parac**i!Aveve!
  • LockOne scrive:
    Re: ascoltati gli operatori professionali
    - Scritto da: Anonimo
    sono stati ascoltati coloro che producono
    profitto tramite internet.mio caro, pure io produco profitto tramite internet: pago la mia adsl al lavoro, una a casa, e una flat gprs. e siccome tu hai appena postato qui, direi che pure tu fai lo stesso, giacche' paghi un isp. cosi' siamo in due. aggiungi qualche altro milione di connazionali, ed ecco un discreto numero di personcine che producono profitto tramite internet, ma che non interessano a lorsignori.
  • Anonimo scrive:
    voglio più articoli di questo signore
    questo signore scrive articoli importanti, seri, che vanno al punto e trattano seriamente argomenti da mettere a fuoco in questo mare di schifezza...vi prego, fatelo scrivere più spesso.in merito all'articolo, vorrei vedere queste parole trasformarsi in azione ... come dire "non ci avete sentito, allora non se ne fa niente, mica potete decidere solo voi" ... beh, come si fa a rendere vero tutto questo?perchè la PEC deve funzionare in quel modo? io cittadino sono d'accordo? no! e come ho influito? in nessun modo!e internet? io cosa ho deciso? niente! chi mi ha rappresentato? NESSUNO!!!!e la legge sull'editoria? chi ci ha ascoltato? nessuno!e la legge urbani? la volevamo così? no! chi ci ha rappresentato? intendo noi cittadini? nessuno!!!! come mai allora continuano a fare leggi che noi non vogliamo? non dovevano rappresentare noi?ecco, perchè io non scriva questo genere di banalità, vorrei che invece scrivesse articoli seri e ben scritti il signore di questo articolo... meglio lui che io!!! ^_____^
  • Anonimo scrive:
    chi ha "fatto" i provider?
    articolo un pò pretestuoso... da un lato xké le associazioni citate nell'articoolo non sono né produttrici né fornitrici di contenuti, dall'altro xké non è vero che mancava la "geekness" dalla commissione: molti di quelli che adesso hanno posizioni di responsabilità all'interno delle strutture dei provider sono quelli che erano "geek" fino alla fine degli anni '80... e soprattutto è anche nell'interesse di chi fornisce connettività evitare la criminalizzazione degli utenti p2p e di favorire l'abolizione (o quantomeno ridurre) delle strozzature alla libera comunicazione in rete...
  • Riot scrive:
    Re: ascoltati gli operatori professional

    sono stati ascoltati coloro che producono
    profitto tramite internet.

    ascoltare altri tipi di associazioni sarebbe
    diventato solo, mi spiace, un siparietto
    politico predefinito. si sarebbero sentite
    cose già note, utopiche, che non
    mandano avanti niente.Mi pare molto giusto.La prossima volta che facciamo una legge sulla mafia chiediamo consulenza ad un pool di padrini e capifamiglia, dopotutto sono loro gli esperti.
    • Anonimo scrive:
      Re: ascoltati gli operatori professional
      - Scritto da: Riot

      sono stati ascoltati coloro che
      producono

      profitto tramite internet.



      ascoltare altri tipi di associazioni
      sarebbe

      diventato solo, mi spiace, un siparietto

      politico predefinito. si sarebbero
      sentite

      cose già note, utopiche, che non

      mandano avanti niente.

      Mi pare molto giusto.
      La prossima volta che facciamo una legge
      sulla mafia chiediamo consulenza ad un pool
      di padrini e capifamiglia, dopotutto sono
      loro gli esperti.Ma perchè? Negli ultimi 40 anni non è stato così?Mi sono perso qualche cosa? Viviamo finalmente in una democrazia!!? :| :o:|PS: adesso salta fuori il solito microcefalo a darmi del qualunquista ...meno dieci, nove, otto, sette,sei ...
  • matcion scrive:
    Tutto quadra
    "Il suo scopo ufficiale è stato quello di interpretare l'impatto della rivoluzione digitale sulle proprietà intellettuali e sulle relative tecnologie di controllo."Se questo è l'obiettivo, chi altri dovevano chiamare?Evidentemente non era una "commissione per capire internet", sempre che capire internet, detta così, abbia un senso.
  • Anonimo scrive:
    Popolo italiano...
    ... mi raccomando alle prossime elezioni rivotateli, anche io come voi ho nostalgia del manganello, dell'olio di ricino, delle mazzate gratuite e della libertà negata. Tanto che vi frega se una zingara rapisce vostro figlio e poi la liberano, si può sempre mettere in galera un ragazzino di 15 anni perchè ha scaricato una mp3 di Britney Spears. P.S.Tra l'altro chi scarica Britney, beh la galera no, ma due ceffoni magari si...
  • Anonimo scrive:
    ascoltati gli operatori professionali
    io simpatizzo molto per le organizzazioni escluse, ma mi pare chiaro che quella riunione serviva a definire indirizzi operativi ed economici.sono stati ascoltati coloro che producono profitto tramite internet.ascoltare altri tipi di associazioni sarebbe diventato solo, mi spiace, un siparietto politico predefinito. si sarebbero sentite cose già note, utopiche, che non mandano avanti niente.
  • Anonimo scrive:
    rembemer passigli
    turatevi il naso mi raccomando, che ne avrete bisogno alle prossime .....
  • demon2k scrive:
    come al solito...
    ...l'attuale governo immagino abbia avuto modo di ascoltare i portavoce delle industrie del presidente :)
  • Anonimo scrive:
    Ho la nausea
    stanno stringendo sempre più il cerchio
Chiudi i commenti