Stanca: denunciate gli illeciti online

Si potrà fare attraverso un numero telefonico dedicato, coordinato dalle autorità di polizia e da due dicasteri. Ma si parla anche di filtraggio e provider


Roma – Hot-line telefoniche per segnalare gli illeciti in cui ci si è imbattuti in rete. Questa una delle novità di cui il ministro all’Innovazione Lucio Stanca ha parlato nel corso della sua audizione alla Commissione infanzia, riferendo in particolare sulla lotta alla pedopornografia online.

Nella relazione , Stanca ha parlato di “istituzione a livello nazionale delle cosiddette hot-line, una rete di appositi centri che consentono all’utente di segnalare contenuti illeciti o dannosi riscontrati durante la navigazione in internet”.

Questi numeri di segnalazione dovrebbero essere gestiti 24 ore su 24 da un coordinamento tra le forze di polizia, il ministero dell’Interno e quello delle Comunicazioni. Sulla questione Stanca ha annunciato che verrà aperto un forum sul sito del ministero .

Nella relazione, Stanca ha affrontato anche la delicata questione della responsabilità dei provider relativamente ai contenuti che si trovano in rete, spiegando le difficoltà di pervenire a soluzioni regolamentari nazionali e auspicando intese internazionali. Ma ha anche messo l’accento sulla necessità di un’attività di promozione di forme di autoregolamentazione tanto da parte dei fornitori di servizi internet che dei gestori dei siti. E ha parlato di “siti di qualità” come di quei siti che “rispettino certe regole e diano tutela a chi ci entra come per la privacy e l’informazione illecita e dannosa”.

Proprio per “proteggere e tutelare”, Stanca ha parlato di “studio, produzione e diffusione di sistemi di selezione dei contenuti in internet attraverso programmi di classificazione e filtraggio, che siano compatibili ed interoperabili a livello internazionale, efficaci e rispondenti alle diverse esigenze e ai diversi contesti culturali e linguistici”. Il Ministro ha anche messo in guardia sul fatto che l’uso distorto di questi strumenti può avere un effetto boomerang con “l’instaurazione di inaccettabili forme di censura, blocco anche dei contenuti di qualità, omogeneizzazione dei contenuti e compromissione delle differenze culturali”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    260 Milioni di Euro a Micro$oft.
    Beh... il titolo è provocatorio lo ammetto.Ma immaginate, a chi andrà una buona fetta del finanziamento?:(
    • Anonimo scrive:
      Re: 260 Milioni di Euro a Micro$oft.
      e dove si può sapere dove vanno i soldi? dove sta la trasparenza? dova sta la democrazia?
      • Anonimo scrive:
        Re: 260 Milioni di Euro a Micro$oft.
        - Scritto da: beeez
        e dove si può sapere dove vanno i soldi?
        dove sta la trasparenza? dova sta la
        democrazia? Non capisco perche' invece di leggere l'articolo, e cercare di capire il significato di questa legge, sparate a zero sempre su M$ perche' sinonimo di software. Avete sbagliato profondamente .. perche' questi soldini a M$ non andranno in quanto se li pappano enti che riusciranno a realizzare servizi per i cittadini .. quindi siti, reti civiche ecc. Di sicuro andranno a grossi progetti (se pensate che solo il sito della rai e' costato 150 milioni di euro) e non penso che vedremo mai qualche risultato nei nostri piccoli comuni ..Saluti, Pasquale
        • Anonimo scrive:
          Re: 260 Milioni di Euro a Micro$oft.

          Avete sbagliato profondamente .. perche'
          questi soldini a M$ non andranno in quanto
          se li pappano enti che riusciranno a
          realizzare servizi per i cittadini .. quindi
          siti, reti civiche ecc. Esatto....
          Di sicuro andranno a
          grossi progetti (se pensate che solo il sito
          della rai e' costato 150 milioni di euro)Esatto....
          non penso che vedremo mai qualche risultato
          nei nostri piccoli comuni ..Hai mai visto grandi progetti di stato che girano su *nix?Sempre tanto .ASP poco .PHPPiù che leggere gli articoli bisognerebbe conoscere la PA per dare giudizi....a pensar male non si va in paradiso ma...
          • Anonimo scrive:
            Re: 260 Milioni di Euro a Micro$oft.

            Perche' il governo (*tutti* i governi, a
            prescindere dal colore) si limita a pagare
            qualsiasi cosa, il dirigente diligente si
            limita a spendere i soldi strapagando il
            _Panerai_ di turno.Hai ragione in pieno. Sottoscrivo con il sangue
          • Anonimo scrive:
            cosa dovrebbe un e-government ?
            Anch'io sono d'accordo con quanto dicono 'tristemente_famoso' e 'Dixie' e rinnovo questa domanda:Dove si può sapere con massima trasparenza, coerenza, veridicità e precisione dove vanno a finire i finanziamenti pubblici, cioè in quali progetti e quali sono i risultati di tali progetti?Questa informazione è quello che dovrebbe offrire un qualsiasi e-government.
          • Anonimo scrive:
            Re: cosa dovrebbe un e-government ?
            ..non mi sembra che i soldi siano stati ancora regalati a nessuno. Le Regioni e gli enti dovranno nei prossimi mesi, proporre progetti per servizi ai cittadini utili ed innovativi, solo poi, ai migliori progetti, verranno erogati i fondi.
Chiudi i commenti