Stanca rilancia: convenzione UE sull'ICT

parla di Maastricht


Roma – Il ministro all’Innovazione Lucio Stanca ribadirà al Consiglio dei ministri UE la necessità di quella che ha definito “una Maastricht della tecnologia dell’informazione”, una posizione su cui da più di un mese cerca consensi in Europa.

L’idea del ministro italiano è quella di confrontarsi sull’utilizzo delle nuove tecnologie nei settori strategici della pubblica amministrazione, della scuola e delle piccole e medie imprese. Attorno ad un tavolo i rappresentanti europei dovrebbero portare obiettivi e progetti per “migliorare l’efficacia dell’applicazione di e-Europe”.

“La mia idea – ha dichiarato – su come definire questo progetto europeo è che non ha senso avere lo stesso obbiettivo per tutti”. “Ogni paese – ha sottolineato – dovrebbe farsi avanti con il proprio obbiettivo e con le connesse risorse finanziarie”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: cosa vale il potere li? niente!
    Cheeee ?
  • Anonimo scrive:
    Il momento di credere nella Cina
    E' un idea accettata per vera dalla gente, che la Cina ora rappresenta un concorrente agguerrito, ma non ha alcun fondamento scientifico. C'è uno stacco tra ciò che la gente accetta come verità, e ciò che è vero realmente, quante false credenze si sono diffuse e sono ancora accettate per verità.Il fatto è che si diffondono delle idee che paiono plausibili e quindi vengono accettate per vere dalla maggior parte delle persone, quando l'opionione pubblica accetta per vero una menzogna o una mezza verità (altrettanto se non più pericolosa) allora non riesci più a far cambiare idea alla gente anche se viene dimostrato scientificamente l'infondatezza di quelle idee. Un esempio famosissimo è quello di Galileo Galilei. Sappiamo tutti come è stato trattato per avere affermato che non era la Terra a girare attorno al Sole ma il contrario. E si che anche a me ogni tanto pare che sia il sole a girare attorno alla Terra, se stacco la spina di quello che mi è stato insegnato, la Chiesa stessa era convinta di avere letto questa "verità" nella bibbia, eppure era una menzogna.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il momento di credere nella Cina
      - Scritto da: Anonimo
      E' un idea accettata per vera dalla gente,
      che la Cina ora rappresenta un concorrente
      agguerrito, ma non ha alcun fondamento
      scientifico. Prova a prendere qualsiasi prodotto tecnologico consumer, giralo e leggi cosa trovi scritto... Beh, dirai che è fatto su progetto occidentale o giapponese... Verissimo. Ora però immagina che la Cina si senta di aver imparato e voglia iniziare a far da sola... Beh, è proprio quello che inizia a succedere. Oggi non ci si accorge quasi della cosa, e per qualche anno cambierà ben poco. Ma poi ? Bisogna essere previdenti o seguire la politica dello struzzo ? Mi ricordi quello che stava cadendo dalla cima di un grattacielo ed al terzo piano da terra ha pensato "fin qui tutto bene"...
      • Anonimo scrive:
        Re: Il momento di credere nella Cin
        - Scritto da: Anonimo
        Mi ricordi quello che stava
        cadendo dalla cima di un grattacielo ed al
        terzo piano da terra ha pensato "fin qui
        tutto bene"...I Magnifici Sette!grande film :D(apple)
  • Anonimo scrive:
    Re: mica scema IBM
    - Scritto da: Anonimo
    Hai, ragione, sembra di essere ai giardini
    pubblici coi vecchietti che urlano "governo
    ladro" ....

    Nessuno che con un lampo di intuito pensi
    che come al solito ibm fallisce sul prodotto
    o sulle strategie a breve (vedi os2, dos) ma
    vede bene sul lungo termine ?
    Forse che intravedano la fine del tunnel del
    "PC ad ogni costo" per tornare ad una sana
    visione professionale dell'informatica? 1,5
    miliardi di dollari sono meno dell 1% solo
    del capitale immobiliare dell'ibm, esclusi
    brevetti, azioni etc, etc, cosa vuoi che
    gliene freghi ?Appunto, IBM come azienda IT è fallita ALMENO 3 volte.negli ultimi 15 anni. Si salva perchè in realtà è una potenza nei settori NON IT (immobiliare, mobiliare, finanziario, creditizio).Senza dimenticare che per artifizi contabili riesce a duplicare il suo fatturato autofatturandosi nella sostanza i servizi.
  • Anonimo scrive:
    Re: mica scema IBM
    Hai, ragione, sembra di essere ai giardini pubblici coi vecchietti che urlano "governo ladro" ....Nessuno che con un lampo di intuito pensi che come al solito ibm fallisce sul prodotto o sulle strategie a breve (vedi os2, dos) ma vede bene sul lungo termine ?Forse che intravedano la fine del tunnel del "PC ad ogni costo" per tornare ad una sana visione professionale dell'informatica? 1,5 miliardi di dollari sono meno dell 1% solo del capitale immobiliare dell'ibm, esclusi brevetti, azioni etc, etc, cosa vuoi che gliene freghi ?
  • Archi scrive:
    Nulla di nuovo
    E' da anni che i PC IBM (compresi i server...) risultano "made in China"... in realtà la Lenovo produce già la quasi totalità dei PC IBM.Solo l'imbecille acquirente occidentale continuava ad illudersi di aver comprato qualcosa prodotto negli USA...
  • Anonimo scrive:
    cosa vale il potere li? niente!
    si ma in cina mica valgono queste cosedomani possono diregrazie tante. ciao.e ibm resta con niente.
  • Anonimo scrive:
    Re: scissione e concentrazione
    - Scritto da: Anonimo
    ciò che fa paura è la macchina
    cinese.Ciò che fa paura è dover pagare interessi alle banche per il privilegio di usare la moneta.
  • Anonimo scrive:
    Re: mica scema IBM
    - Scritto da: Anonimo

    Infatti, fallimento dopo aver
    scopiazzato il

    gratuito Linux non sapendo più
    che

    pesci pigliare.
    (troll)che tristezza..ma che bischerata e' quella che l'ibm fallisce?????sveglia!!
  • Anonimo scrive:
    Re: scissione e concentrazione
    - Scritto da: Anonimo
    mah, sti cinesi.
    prima o poi si romperanno le palle e
    smetteranno pure loro di lavorare.
    il problema è che comprano tutto il
    debito pubblico usa
    così quando decideranno di non
    comprarlo + gli usa rodono.Il 10% dei depositi bancari americani sono già adesso in mano all'Arabia Saudita.
  • Anonimo scrive:
    scissione e concentrazione
    mah, sti cinesi.prima o poi si romperanno le palle e smetteranno pure loro di lavorare.il problema è che comprano tutto il debito pubblico usacosì quando decideranno di non comprarlo + gli usa rodono.e poi.. indirettamente possiedono mezza america. [o erro?]fatto stà che si sbattono il triplo e noi e chiedono un terzo rispetto a noi.il ristorante cinese sotto casa mia è sempre pieno.ciò che fa paura è la macchina cinese.ma staremo a vedere come andrà.
  • Anonimo scrive:
    Re: mica scema IBM
    quindi in realtà ibm ha comprato lenovo :)
    • Anonimo scrive:
      Re: mica scema IBM
      - Scritto da: Anonimo
      quindi in realtà ibm ha comprato
      lenovo :)100-18=82l'82% rimane in saccoccia al Governo Cinese. Siccome che chi ha il 50,1% comanda il governo cinese in realtà si è preso GRATIS un pezzo di IBM. Ed IBM l'ha preso in saccoccia pur di nascondere il suo imminente fallimento.
      • Anonimo scrive:
        Re: mica scema IBM
        - Scritto da: Anonimo
        pur di nascondere il suo
        imminente fallimento.hai notizie che noi non abbiamo ?oppure spari a caso?
      • Anonimo scrive:
        Re: mica scema IBM
        - Scritto da: Anonimo
        preso GRATIS un pezzo di IBM. Ed IBM l'ha
        preso in saccoccia pur di nascondere il suo
        imminente fallimento.Infatti, fallimento dopo aver scopiazzato il gratuito Linux non sapendo più che pesci pigliare.
        • Anonimo scrive:
          Re: mica scema IBM

          Infatti, fallimento dopo aver scopiazzato il
          gratuito Linux non sapendo più che
          pesci pigliare.(troll)
  • Anonimo scrive:
    mica scema IBM
    La somma è stata pagata per poco meno di metà non in contanti ma in azioni Lenovo: IBM da qui in poi possiederà il 18,5 per cento della società cinese.come da oggetto
Chiudi i commenti