Stanca: siamo meglio dei francesi

Ma anche degli inglesi e dei tedeschi. Dal ministero all'Innovazione arrivano nuove classifiche che pongono l'Italia in testa: questa volta siamo quelli che vanno più spesso su siti della PA. E-gov avanti tutta


Roma – La nostra stressante burocrazia può essere alleggerita dall’opera di informazione svolta dai siti della pubblica amministrazione e gli italiani ormai l’hanno capito. Così si potrebbe riassumere l’urlo di vittoria lanciato ieri dal ministero all’Innovazione , secondo cui l’uso dei siti legati alle iniziative di e-government non ha paragoni in Europa.

Cedendo alla tentazione delle classifiche, il ministro Lucio Stanca parla proprio di hit parade nella quale il 53 per cento degli utenti internet italiani visita i siti della PA, contro il 52 per cento degli utenti britannici. Citando dati Nielsen//NetRatings in occasione della presentazione di Forum PA 2004 , Stanca ha spiegato che tra settembre e novembre 2003 sui siti della PA si sono recati 9 milioni di utenti, il 53 per cento del totale, appunto, contro il 40 per cento nello stesso periodo del 2002.

“E’ un dato – ha dichiarato Stanca – molto confortante” sottolineando che “questo andamento ci pone, in Europa, davanti al 52 per cento dei navigatori francesi, al 45 per cento di quelli inglesi ed al 35 per cento di quelli tedeschi”. Sintomo che i siti italiani sono più efficienti, fatti meglio o, comunque, capaci di offrire un appeal superiore sarebbero anche i dati secondo cui mediamente l’utente italiano tra settembre e novembre 2003 ha passato su quegli spazi web 42 minuti, contro i 34 dei francesi, i 30 degli inglesi e i 14 dei tedeschi.

Ma secondo Stanca a dare la direzione è anche il fatto che, suddividendo i siti visti dagli italiani in settori di interesse, quelli dell’e-government sono sesti in classifica . A vincere sono i motori di ricerca e i portali, con 16,3 milioni di utenti, seguono i servizi di TLC e internet con 14,2 milioni, a ruota i siti di intrattenimento e quelli dedicati all’informatica e all’elettronica di consumo, ciascuno con 12,3 milioni di utenti, subito prima di quelli di media e informazione che sono a quota 11 milioni. 9,1 milioni, come detto, sono gli utenti passati sui siti della PA nel periodo di riferimento.

E anche qui gli italiani sono più avanti secondo Stanca, perché in altri paesi i siti della PA sono frequentati molto di meno. In Francia sono al 12esimo posto tra le categorie dei siti più visti, al 13esimo nel Regno Unito e al 14esimo in Germania.

Ma la vera classifica sulla quale si dilunga l’ultima nota del Ministero è quella dei siti italiani della PA più visti dai cittadini. Si posiziona in testa il ministero dell’Economia con 1,3 milioni di visitatori seguito a ruota quello dell’Istruzione e dell’Università con 1,1 milioni. Molto seguiti sarebbero anche il ministero per le Attività produttive, il sito della Presidenza del Consiglio, i ministeri del Lavoro, della Difesa e della Salute.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ekleptical scrive:
    Approvo in toto!
    Mai capito per quale motivo ricercatori e ingegneri inventori non debbano godere in modo più che consono dei proventi delle loro invenzioni!Ok, l'azienda ci mette i suoi soldi, ma sono più intercambiabili i soldi o l'inventore? Non so voi, ma io propenderei per la uno!!! Quindi non si vede perchè a incassare di più sia l'azienda! Soprattutto nella sproporzione attuale, fra "premio" di qualche migliaia di euro e vagonate di milioni di introiti!Gli ingegneri e i ricercatori sono fessi boccaloni che si sono fatti fregare per fin troppo tempo!
    • MaurizioB scrive:
      Re: Approvo in toto!
      - Scritto da: Ekleptical
      Gli ingegneri e i ricercatori sono fessi
      boccaloni che si sono fatti fregare per fin
      troppo tempo!Complimenti per il tatto ed il rispetto per una categoria grazie alla quale ti puoi permettere la vita di cui godi in fondo anche tu... Se si siano fatti fregare puoi anche dire che sia un loro problema, ma da qui all'insulto ce ne passa...Saluti
      • Anonimo scrive:
        Re: Approvo in toto!
        - Scritto da: MaurizioB
        Complimenti per il tatto ed il rispetto per
        una categoria grazie alla quale ti puoi
        permettere la vita di cui godi in fondo
        anche tu... Se si siano fatti fregare puoi
        anche dire che sia un loro problema, ma da
        qui all'insulto ce ne passa...Certo che avete la coda di paglia.Ci mancava solo che tiravi fuori che l'esame di analisi che fate voi è il piu cazzuto di tutti.
        • Anonimo scrive:
          Re: Approvo in toto!

          Certo che avete la coda di paglia.
          Ci mancava solo che tiravi fuori che l'esame
          di analisi che fate voi è il piu
          cazzuto di tutti.Lascialo stare, sta ancora rosicando per l'accesso agli informatici nel suo albo.
          • MaurizioB scrive:
            Re: Approvo in toto!
            - Scritto da: Anonimo
            Lascialo stare, sta ancora rosicando per
            l'accesso agli informatici nel suo albo.Al di là del fatto che stavo parlando di categorie di persone a cui non appartengo ed a cui non m'interessa appartenere, mi pareva che fossero quasi più incazzati gli informatici degli ingegneri per essere inseriti in un albo che non spetta loro.Saluti
        • MaurizioB scrive:
          Re: Approvo in toto!
          - Scritto da: Anonimo
          Certo che avete la coda di paglia.
          Ci mancava solo che tiravi fuori che l'esame
          di analisi che fate voi è il piu
          cazzuto di tutti.Ho per caso scritto di far parte di questa categoria? Non mi sembra proprio. L'esame di analisi che facciamo noi è tutt'altra cosa riguardo ciò che hai supposto, dal momento che non sai nemmeno che iter scolastico io stia seguendo; di conseguenza se evitassimo di sparare sentenze alla cazzo giusto per poter aprir bocca, saremmo tutti più felici.Saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: Approvo in toto!
      Infatti qui all'Uni per lavorare con una grossa industria esterna ed avere due lire di finanziamento è prassi firmare la cessione totale di ogni scoperta o brevetto (riconoscono solo che l'hai inventato tu, loro si beccano tutto il resto) , sennò nisba... Infatti tra due anni ritorno all'estero, dove la situazione non sarà rosea, ma è meglio che qui.Marco
  • Anonimo scrive:
    E' GIUSTO
    E' giusto cosi',e bisognerebbe andare a guardar bene anche quali meriti abbia avuto lo staff nel fare la scoperta.Un'azienda non puo' tagliare fuori dal guadagno vero chi e' riuscito a portarglielo... e purtroppo e' un discorso molto comune di troppe corporate od impreditori.Molti spremono il piu' possibile i dipendenti considerandoli mattoncini facilmente sostituibili pagandoli il meno possibilee cercando di creare una sudditanza psicologica.Sono contento x Shuji e spero che i "benefit" arrivino anche, il giusto, al suo staff.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' GIUSTO
      - Scritto da: Anonimo
      E' giusto cosi',
      e bisognerebbe andare a guardar bene anche
      quali meriti abbia avuto lo staff nel fare
      la scoperta.
      Un'azienda non puo' tagliare fuori dal
      guadagno vero chi e' riuscito a
      portarglielo... e purtroppo e' un discorso
      molto comune di troppe corporate od
      impreditori.
      Molti spremono il piu' possibile i
      dipendenti considerandoli mattoncini
      facilmente sostituibili pagandoli il meno
      possibile
      e cercando di creare una sudditanza
      psicologica.Tipico del mondo imprenditoriale italiano dove tendono a pagare i tecnici bravi che fanno andare avanti l'azienda poco più quelli mediocri, a volte anche meno di operai in catena di montaggio (con tutto il rispetto per la categoria)Per forza c'è una fuga di cervelli verso l'estero (soprattutto USA): almeno se uno è capace guadagna decentemente e non fatica a tirare a fine mese come da noi

      Sono contento x Shuji e spero che i
      "benefit" arrivino anche, il giusto, al suo
      staff.Giusto
  • ereilavak scrive:
    beh se li meritava
    ;) ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: beh se li meritava
      bè d'altronde ha inventato nientemeno che IL LED! potevamo mica vivere senza eh! ma allora Edison, Marconi ecc quanto dovevano chiedere?????- Scritto da: ereilavak
      ;) ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: beh se li meritava

        bè d'altronde ha inventato nientemeno
        che IL LED!Non il LED, ma il LED BLU!Puntualizziamo...la differenza c'e!
        • Anonimo scrive:
          Re: beh se li meritava
          no noleggi bene la sua biografia, ha inventato tutti i led, blu rosso e bianco- Scritto da: Anonimo

          bè d'altronde ha inventato
          nientemeno

          che IL LED!

          Non il LED, ma il LED BLU!

          Puntualizziamo...la differenza c'e!
      • Ekleptical scrive:
        Re: beh se li meritava

        bè d'altronde ha inventato nientemeno
        che IL LED! potevamo mica vivere senza eh! Beh, insomma! Hai detto poco!!! Pensa a quanti ce ne sono in giro ovunque tu ti muova durante la giornata!
        ma allora Edison, Marconi ecc quanto
        dovevano chiedere?????Edison è storicamente uno degli inventori più avidi e accumulatori di denaro che siano mai esistiti!!!Sgraffignava soldi ovunque, anche fregando invenzioni altrui!Se c'era possibilità di ricavare denaro dalle rape, lui c'era!Era l'ultimo degli ultimi da citare in questo caso! :P
        • Anonimo scrive:
          Re: beh se li meritava

          Edison è storicamente uno degli
          inventori più avidi e accumulatori di
          denaro che siano mai esistiti!!!
          Sgraffignava soldi ovunque, anche fregando
          invenzioni altrui!
          Se c'era possibilità di ricavare
          denaro dalle rape, lui c'era!Confermo, era un vero delinquente, sotto certi aspetti. Anche un fautore della sedia elettrica, chissà perché...Marco
          • The FoX scrive:
            Re: beh se li meritava
            - Scritto da: Anonimo
            Confermo, era un vero delinquente, sotto
            certi aspetti. Anche un fautore della sedia
            elettrica, chissà perché...Xche' era un gran spreco di energia elettrica che le sue centrali producevano...
      • Anonimo scrive:
        Re: beh se li meritava
        - Scritto da: Anonimo
        bè d'altronde ha inventato nientemeno
        che IL LED! potevamo mica vivere senza eh!
        ma allora Edison, Marconi ecc quanto
        dovevano chiedere?????Marconi non meritava proprio niente ed Edison ha guadagnato molto piu' dell'equivalente di 150 milioni di euro.Tanto per dirne una senza led non avremmo il diodo laser e la trasmissione su fibra ottica e di conseguenza internet sarebbe di diversi ordini di grandezza piu' lenta.
        • MaurizioB scrive:
          Re: beh se li meritava
          - Scritto da: Anonimo
          Marconi non meritava proprio niente edPerché?Saluti
        • Anonimo scrive:
          Re: beh se li meritava
          - Scritto da: Anonimo

          Marconi non meritava proprio nienteEhm, vorrei ricordare ke senza Marconi (ke ha aperto la via) non avremmo avuto le trasmissioni via etere, la radio, la tele e, per finire, il Wi-Fi (solo x citare alcune "cosucce" nate dai suoi studi sul telegrafo senza fili)
        • Anonimo scrive:
          Re: beh se li meritava

          Marconi non meritava proprio niente spiegaci un pò questa
      • Anonimo scrive:
        Re: beh se li meritava
        - Scritto da: Anonimo
        bè d'altronde ha inventato nientemeno
        che IL LED! potevamo mica vivere senza eh! credo che tu non abbia ben presente cosa sia un led e quali siano i suoi campi di applicazione al momento. Non vederlo solo come la lucina della tv...
        • Anonimo scrive:
          Re: beh se li meritava
          per dirne una ora viene usato al posto delle lampade sugli stop delle auto, xè una matrice di led ha un tempo di accensione inferiore e fa guadagnare a chi ti segue diversi metri in frenata.
          • Anonimo scrive:
            Re: beh se li meritava
            Da qualche parte li usano come semafori: durano una vita e consumano una frazione rispetto alle lampadine!
          • Anonimo scrive:
            Re: beh se li meritava
            A dire il vero credo li usino perchè fa più figo,la differenza nel tempo di accensione non può certo essere così grande da fare guadagnare metri in frenata,al max2 o 3 cm...ciao,scsi3
    • Davz scrive:
      Re: beh se li meritava
      io sto trasmettendo una frase di felicitazioni in morse con la mia torcia a led nel buio di questa notte settembrina!
Chiudi i commenti