Stanca: sull'innovazione successo per lo scorso governo

Dichiarazione

Roma – Il senatore Lucio Stanca (Forza Italia) esprime piena soddisfazione per il via libera della Commissione Europea al Fondo per lo sviluppo delle imprese innovative del Sud che aveva ideato e costituito nel 2005 come Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie.

“È un altro successo della politica per l’innovazione tecnologica del Governo Berlusconi ? ha sottolineato Stanca ? che si è oggi meritata l’apprezzamento del Commissario europeo alla concorrenza, Neelie Kroes, per i suoi obiettivi e contenuti. Il Fondo si rivolge alle imprese high-tech del Sud e, attraverso una compartecipazione dello Stato all’impegno degli investitori istituzionali, intende sviluppare nel nostro Paese una finanza innovativa per la creazione e lo sviluppo di piccole e medie imprese ad alta tecnologia, troppo spesso condannate a non esprimere il loro potenziale per la mancanza di iniziative di un mercato più efficace di venture capital”.

“Mi attendo dal Governo Prodi – ha continuato il senatore – una immediata attivazione del Fondo High-Tech ora che la Commissione Europea ha dato la sua approvazione, e che ne possa trarre ispirazione per una politica di sostegno a Bruxelles di un nuovo modello di sviluppo per il nostro Mezzogiorno, basato sull’innovazione tecnologica e sul grande patrimonio di risorse umane qualificate che il Sud esprime. Purtroppo, occorre vigilare affinché il nuovo Governo non disperda il patrimonio realizzato nel corso della precedente legislatura e che operi nella continuità di quanto realizzato”.

“Il successo dell’apprezzamento europeo al Fondo High-Tech – ha concluso Stanca – si inquadra nella complessiva valutazione della politica avviata dal Governo Berlusconi per l’innovazione tecnologica nelle imprese e che, per la prima volta, ha visto l’avvio di iniziative e provvedimenti, che sono già operativi, a sostegno delle aziende sul fronte della formazione, dell’accesso al credito mediante il fondo di garanzia, degli incentivi all’innovazione a favore sia dei distretti e filiere digitali che della creazione di 36 poli tecnologici, sino allo sviluppo di 11 territori regionali ad alto potenziale tecnologico”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti