Stanca vuole l'e-gov europeo

Annuncio


Roma – Il ministro italiano all’Innovazione Lucio Stanca ha avanzato al vertice de L’Aia voluto dalla presidenza olandese la proposta di una grande convenzione internazionale in seno alla UE per lo sviluppo dei servizi di governo elettronico.

Stanca, che ha parlato di “una Maastricht per l’e-government”, ha spiegato che “come era avvenuto per il patto di Stabilità europeo, così anche per i processi di ammodernamento tecnologico delle amministrazioni pubbliche di ogni Paese è necessario che vengano introdotti parametri omogenei tali da scongiurare che si realizzi una Europa a più velocità”.

Stanca ha anche affermato che “ogni Paese deve dichiarare non solo le risorse che intende stanziare per rendere più efficiente la propria macchina burocratica, ma anche stabilire gli obiettivi e i risultati da perseguire”. Stanca ha infine sottolineato che, “a livello europeo, si tratta di varare una strategia vincolante che imponga ad ogni Paese di mettere al centro della propria azione politica e strategica i cittadini e le imprese misurando i risultati degli interventi non tanto in termini quantitativi, ma soprattutto qualitativi, di valore sociale ed economico, per dare ad ogni Paese e, quindi, a tutta l’Europa uno standard omogeneo di efficienza delle pubbliche amministrazioni affinché assecondino lo sviluppo e non ne siano un freno”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: ...e i soldi a chi andranno????????
    ma te lo sai quanto costa affittare uno studio di registrazione per una settimana ? e quanto costa il lavoro di una decina fra musicisti e tecnici del suono altamente qualificati ?Quando venderanno solo CD con una voce e chitarra allora forse ti accorgerai della differenza.- Scritto da: Anonimo
    Andranno a pagare gli avvocati, ovviamente.
    Credi forse che un CD audio possa veramente
    costare 10 euro o più? Suvvia! Il
    supporto è quasi gratuito, il lavoro
    dell'artista viene fatto una volta... poi si
    tratta di semplici copie di copie.
    Se il CD costa 20 euro, l'autore prende (se
    gli va bene) 2 euro. Il resto viene mangiato
    da chi ha fatto poco o nulla per quel CD...
    probabilmente una grossa fetta di quel
    denaro va dritta nelle tasche di avvocati e
    nel finanziare nuove cause contro 13enni
    che, condividendo e scambiandosi MP3 non
    stanno AFFATTO facendo alcun male a nessuno.
    Nemmeno agli autori visto che con tutta
    probabilità tali canzoni non
    sarebbero mai state comprate comunque.

    La soluzione è in realtà tanto
    semplice quanto difficile da attuare. Il
    problema è far scomparire queste
    persone guidate dalla pura e semplice
    avarizia e da falsi principi morali che non
    gli appartengono dal mercato. E per fare
    questo basterebbe che TUTTI smettessero di
    comprare CD audio/cassette/dischi. Tempo un
    paio d'anni e questi signori tornerebbero a
    orecchie basse a chiedere perdono. Sono sul
    mercato e alle leggi del mercato, lo
    vogliano o meno, devono obbedire.
    Purtroppo la capacità organizzativa
    di noi italiani è pari solo a quella
    dei molluschi.

    C'è già la radio, le internet
    radio, i canali televisivi musicali. Certo,
    non puoi scegliere quale canzone ascoltare
    in un dato momento... ma preferite essere
    comandati a bacchetta da questi signori solo
    per poter ascoltare una canzonetta in rima
    da quattro soldi o vivere liberi?

    Chiunque compri un CD audio di questi tempi
    sta commettendo (involontariamente) un
    crimine contro tutti noi. Ci stanno vendendo
    alle multinazionali e ai loro sporchi
    affari.

    Bye,
       Luca

    P.S.: E un'altra cosa. C'è bisogno di
    COMPETIZIONE. è assurdo che SOLO la
    SIAE in Italia possa gestire il mercato
    musicale a proprio piacimento. Questo
    è un monopolio e i monopoli sono
    SEMPRE dannosi per i cittadini.
  • Anonimo scrive:
    aprite gli occhi
    il problema è un' altro....1. vogliono stare in regime di monopolio 2. perchè chiedono aiuti dallo stato allora ?3. non è giusto il punto 24. perchè un dvd costa 25 euro e io devo lavorare 3 ore per prendermene uno ?5. non è giusto il punto 4.6. non serve ad un tubo tassare i supporti vergini.7. l'iva e la tassa sui consumi è una emerita stronzata.7a. lo stato si è indebitato per tutte le caxxate che ha fatto fino ad oggi è per questo che esistono tasse di qui e tasse di la...ed aumenteranno sempre di + perchè in italia si fanno le cose con i piedi ...8. il nostro governo non fa nulla per fare girare l'economia anzi, aumentando di + i trasporti etc le cose aumentano ma noi che + o - prendiamo gli stessi stipendi di prima (quando c'era la lira) tendiamo a spendere meno .... cosa psicologica 9. vi ricordo che la siae è nata con il fascio e se vi informate meglio sui loro concetti di retribuzione sicuramente la schiferete come io la schifo tutta ora !10. vi ricordo che abbiamo uno stato spendaccione e che spende male i nostri soldi senza un minimo di controllo.
  • Anonimo scrive:
    Re: ...e i soldi a chi andranno????????
    Andranno a pagare gli avvocati, ovviamente.Credi forse che un CD audio possa veramente costare 10 euro o più? Suvvia! Il supporto è quasi gratuito, il lavoro dell'artista viene fatto una volta... poi si tratta di semplici copie di copie.Se il CD costa 20 euro, l'autore prende (se gli va bene) 2 euro. Il resto viene mangiato da chi ha fatto poco o nulla per quel CD... probabilmente una grossa fetta di quel denaro va dritta nelle tasche di avvocati e nel finanziare nuove cause contro 13enni che, condividendo e scambiandosi MP3 non stanno AFFATTO facendo alcun male a nessuno. Nemmeno agli autori visto che con tutta probabilità tali canzoni non sarebbero mai state comprate comunque.La soluzione è in realtà tanto semplice quanto difficile da attuare. Il problema è far scomparire queste persone guidate dalla pura e semplice avarizia e da falsi principi morali che non gli appartengono dal mercato. E per fare questo basterebbe che TUTTI smettessero di comprare CD audio/cassette/dischi. Tempo un paio d'anni e questi signori tornerebbero a orecchie basse a chiedere perdono. Sono sul mercato e alle leggi del mercato, lo vogliano o meno, devono obbedire.Purtroppo la capacità organizzativa di noi italiani è pari solo a quella dei molluschi.C'è già la radio, le internet radio, i canali televisivi musicali. Certo, non puoi scegliere quale canzone ascoltare in un dato momento... ma preferite essere comandati a bacchetta da questi signori solo per poter ascoltare una canzonetta in rima da quattro soldi o vivere liberi?Chiunque compri un CD audio di questi tempi sta commettendo (involontariamente) un crimine contro tutti noi. Ci stanno vendendo alle multinazionali e ai loro sporchi affari.Bye, LucaP.S.: E un'altra cosa. C'è bisogno di COMPETIZIONE. È assurdo che SOLO la SIAE in Italia possa gestire il mercato musicale a proprio piacimento. Questo è un monopolio e i monopoli sono SEMPRE dannosi per i cittadini.
  • Anonimo scrive:
    Tg3 Toscana
    Hanno parlato della chiusura di 2 server mp3, arresti per chi gestiva i server e multe per chi scaricava
  • Anonimo scrive:
    che dire?
    :|Certe cose lasciano allibiti!
  • Anonimo scrive:
    Re: Olanda paese libertino!!!
    hey amico:)Bruxelles è in Belgio :pBuona giornata a te:)
  • Anonimo scrive:
    Olanda paese libertino!!!
    Anche in Olanda, dove la "libertà" regna sovrana matrimoni tra omosessuali legalizzati, prostituzione libera, droghe libere...però...il condividere file mp3 è qualcosa che non si può tollerare!! Cacchio la morale è una sola!Ed è quella che porta soldi solo ed esclusivamente il denaro!
  • Anonimo scrive:
    ingenuo e imprudente
    Se avesse tenuto i file in una partizione criptata, a quest'ora sarebbe a ridersela con gli amici e il sito ftp sarebbe nuovamente on-line.
  • Anonimo scrive:
    Pena di morte
    Seguiamo l'esempio USA!
  • Anonimo scrive:
    ...e i soldi a chi andranno????????
    Ci crediamo tutti che i soldi andranno davvero agli artisti e non alle case discografiche???....Mario-Finchè si potrà abbandonare un cd su una panchina in mezzo ad un parco o finchè le gambe consentiranno di incontrare un amico a cui dare un CD il P2P sopravviverà!!-
Chiudi i commenti